La NASpI sostituirà l’ASpI dal 2015. Come cambierà la disoccupazione

La NASpI sostituirà l’ASpI dal 2015. Come cambierà la disoccupazione

Si chiamerà NASpI il nuovo sussidio di disoccupazione che partirà la 1° Maggio 2015. Con il Jobs Act (articolo 1 comma 2 legge 183/2014 )riusciremo forse a vedere un’indennità di disoccupazione più duratura,  che interesserà non solo i lavoratori dipendenti, ma anche co.co.co. e co.co.pro. senza partita iva e iscritti alla gestione separata (Dis-coll 2015).

Si prevede inoltre un’ulteriore indennità per quei disoccupati che, al termine del sussidio, non abbiano ancora trovato un posto di lavoro, che abbiano figli minorenni a carico e siano prossimi alla pensione (ASdI). Resteranno esclusi i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato.

In sostanza verranno abolite le indennità di ASpI e Mini-ASpI, e saranno completamente sostituite dalla NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego). Ma vediamo nello specifico quali sono le novità sostanziali.

 

Requisiti per l’accesso all’indennità NASpI

Potranno accedere al sussidio NASpI tutte le persone che abbiamo perso involontariamente il posto di lavoro, o che siano stati licenziati per giusta causa, e che possano far valere i seguenti requisiti:

Siano stati licenziati dopo il 1° maggio 2015
Abbiano dato la disponibilità al lavoro al centro per l’impiego e che risultino effettivamente disoccupati
Possano far valere almeno 13 settimane lavorative nei 4 anni precedenti la data di inoltro della domanda
Possano far valere 30 giornate di lavoro effettive nei 12 mesi precedenti la data di inoltro della domanda

 

Calcolo e durata

La NASpI è rapportata all’importo della media lorda mensile degli ultimi quattro anni utili, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il coefficiente fisso di 4,33.

Nei casi in cui la retribuzione mensile sia pari o inferiore nel 2015 all’importo di 1195 euro mensili, l’indennità mensile è pari al 75% della retribuzione. Nei casi in cui la retribuzione mensile sia superiore a 1195 euro mensili l’indennità è pari al 75% del predetto importo a cui si aggiunge un ulteriore importo pari al 25% della differenza tra la retribuzione mensile e 1195. L’indennità mensile non può in ogni caso superare nel 2015 l’importo massimo mensile di euro 1300, rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente.

Sembra un po’ complicato, ma allora, come calcolare esattamente l’importo spettante di indennità NASpI? Di seguito ho cercato di semplificare un po’ il concetto, con delle operazioni semplici divise in due esempi.

Esempi di calcolo

Esempio 1

mesi 24 (104 settimane) a 1100 lordi
mesi 3 (12 settimane) a 700 euro lordi
116 settimane di contribuzione totali

1100×24=26400 euro
700×3= 2100 euro
26400+2100= 28500 euro
28500/116= 245,69
245,69+4,33=1063
(1063/100)x75=797,87

 

Esempio 2

mesi 24 (104 settimane) a 1800 lordi
mesi 3 (12 settimane) a 700 euro lordi
116 settimane di contribuzione totali

1800×24=43200 euro
700×3= 2100 euro
43200+2100= 45300 euro
45300/116= 390,51
390,51+4,33=1690,93
(1195/100)x75=896,25
1690,93-1195=495,93
(495,93/100)=123,98
896,25+123,98=1020,23

NB: L’importo risultante è sempre inteso al lordo delle trattenute irpef.

 

L’indennità è ridotta progressivamente nella misura del 3% al mese dal primo giorno del quinto mese di fruizione. Per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1 gennaio 2016 tale riduzione verrà applicata dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

La durata del sussidio è stabilita per un periodo pari alla metà delle settimane contributive (quindi effettivamente lavorate) degli ultimi 4 anni. Dunque se avete lavorato, come da esempio, 116 settimane l’indennità verrà corrisposta per 58 settimane. In queste settimane non saranno però computate quelle che hanno già dato luogo, in passato, al diritto per la stessa prestazione. A partire dal 2017 il periodo massimo stabilito per l’erogazione della prestazione è pari 78 settimane.

 

Presentazione della domanda e decorrenza

Come per l’ASpI, la domanda di NASpI potrà essere effettuata direttamente all’INPS in modalità telematica facendo l’accesso al sito con codice fiscale e PIN dispositivo (come richiedere il pin dispositivo?clicca qui), oppure presso gli enti Patronati/CAF entro e non oltre 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro.

La decorrenza partirà dal giorno successivo alla data di presentazione della domanda, e comunque non prima dell’ottavo giorno successivo al termine del rapporto di lavoro.

 

Leggi anche il nostro articolo più aggiornato, scopri come calcolare esattamente la tua indennità di Naspi
NASPI: TUTTO SU REQUISITI, DURATA E CALCOLO FACILE

 

Prima di prendere decisioni importanti a seguito della lettura di questo articolo, per la vostra sicurezza, vi consiglio di chiedere conferma delle informazioni al numero verde Contact Center INPS  803 164 in quanto lenormative potrebbero essere soggette a cambiamenti

Previdenza Facile

Il nostro staff si cimenta nella semplificazione delle informazioni legate alla materia previdenziale, ed è a disposizione di tutti i lettori per un aiuto nella comprensione della sua legislatura, spesso riportata dalle istituzioni con passaggi astrusi o difficilmente comprensibili.

278 Comments on “La NASpI sostituirà l’ASpI dal 2015. Come cambierà la disoccupazione”

  1. marco dolce ha detto:

    Salve… Sono stato assunto il 14/04/2015 mi è stato già comunicato che a Gennaio 2017 per mancanza di lavoro sarò licenziato…posso usufruire della Naspli e per quanto tempo? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Marco, sicuramente potrà richiedere la NASPI ma per la durata non possiamo aiutarla in quanto non possiamo vedere la vostre posizioni contributive. In alternativa può dare un’occhiata al nostro approfondimento sulla NASPI per calcolare da sé la durata. A presto!

  2. Riccardo Ardito ha detto:

    Buonasera.
    Quest’anno ho lavorato dal 15/02 al 28/02 in un’azienda e dal 02/03 al 15/12 in un’altra azienda.
    Informandomi ho constatato che posso richiedere la Naspi.
    La mia domanda è:
    Visto che per poter fare richiesta per la Naspi è necessario presentare il certificato di disoccupazione del Centro dell’Impiego, c’è una soglia di giorni entro il quale presentarsi al Centro dell’impiego per ottenere tale certificato?
    Leggendo su internet ho visto che l’unico obbligo di tempo che viene evidenziato è quello dei 68 giorni per la presentazione della Naspi, mi chiedevo se c’era qualche limite anche per la certificazione…da qualche parte avevo letto di 15 giorni.
    Considerato che il mio rapporto di lavoro si è interrotto il 15/12 e il centro dell impiego della mia città è rimasto chiuso fino ad oggi (stamattina mi sono recato e sono stato rimandato a casa causa troppa gente presente) volevo sapere se mi tocca fare delle file interminabili nei prossimi giorni o non ho un’urgenza così ristretta di tempo…vi ringrazio in anticipo.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Riccardo, non perda altro tempo e faccia prima di tutto la domanda di NASPI (online con PIN DISPOSITIVO o tramite patronato), poi entro 15 giorni dalla domanda deve presentarsi al Centro per l’Impiego per sottoscrivere il Patto di Servizio. A presto!

      1. Riccardo Ardito ha detto:

        La ringrazio, ieri mattina finalmente sono riuscito ad ottenere il certificato dal centro dell’impiego.
        Ieri pomeriggio fortunatamente però mi hanno richiamato dal lavoro quindi al momento non procederò con la richiesta di Naspi.

  3. Giuseppe Curci ha detto:

    Salve,volevo sapere quanti mesi mi aspettano di Naspi visto che sul sito dell’inps non mi dice quanto mi dura …
    Mi è arrivata la lettera che mi dice che è stata accolta e potrà essere corrisposta a 53 giorni.
    Ho lavorato dal 18/04/2016 al 29/07/2016
    E volevo sapere se dopo la Naspi ho diritto all’ Asdi
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giuseppe, la sua disoccupazione dura esattamente 53 giorni quindi un mese e 23 giorni. Dal nome è difficile capire se lei avrà diritto all’ASDI o meno. Ha letto i requisiti per l’ASDI? C’è qualcosa che non le è chiaro?

  4. Valentina Bertaina ha detto:

    Salve,
    Ho lavorato per 3 anni dal 2012 al 2015, dopodiché ho avuto due maternità (da maggio 2015 a dicembre 2016). In questo caso ho diritto alla disoccupazione? Il requisito dei 30 giorni effettivi posso andarlo a coprire facendo le ferie che ho accumulato negli anni di lavoro prestato?
    La ringrazio

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Valentina, i giorni effettivi non possono essere ferie poiché per lavoro effettivo si intende stare effettivamente sul luogo di lavoro. Comunque anche se non ce li ha negli ultimi 12 mesi, considerato che questi sono stati mesi di maternità, vale la regola dell’ampliamento quindi se fa la domanda a dicembre o a gennaio comunque può utilizzare come giorni effettivi quelli lavorati nel 2015.

  5. jeja canal ha detto:

    Buona sera. Io vorrei una informazione. Visto che il psp è obbligatorio per la naspi. Io ho fatto domanda di naspi il 2 di novembre. E il colloquio per il patto di servizio personalizzato mi è stato dato a gennaio dal centro per l’impiego. La mia domanda è. Questo mese io riceverei la prima mensilità di naspi o non mi arriva fin che io non abbia fatto il colloquio per il patto personalizzato?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, non saprei dirle, a prescindere dal psp l’INPS sta impiegando un paio di mesi circa per lavorare le domande di naspi quindi quello che le consiglio in primis è contattare il numero verde per verificare lo stato della sua domanda. A presto!

  6. ross ross ha detto:

    Buongiorno,
    avrei una domanda: a settembre l’azienda per cui lavoravo ha chiuso i battenti, sono quindi stato licenziato per giusta causa ed ho avuto accesso alla naspi.
    Dopo un mese ho trovato lavoro con un contratto a tempo determinato di sei mesi, allo scadere del contratto, se mi venisse proposto un rinnovo (sia determinato che indeterminato) ed io non accettassi, perderei il diritto alla naspi ?
    saluti e grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, certamente potrebbe non accettare la proroga e riprendere la NASPI da dove è stata sospesa. A presto!

    2. Valentina Bertaina ha detto:

      Grazie molte per la risposta. Quindi se facessi ancora di i 30giorni di ferie che ho a disposizione, andando a dimettermi a fine febbraio, non sarei più nei requisiti x richiedere la disoccupazione? Grazie molte

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Lei può anche fare i 30 giorni di ferie, ma oltre quelli devono esserci anche 30 giorni di presenza effettiva sul lavoro.

  7. sara magnifico ha detto:

    Buongiorno , dopo l’ultimo lavoro per dimissioni , sono stata assunta a tempo determinato dall8/11/2016 al 7/12/2016 ,rientro nelle tempestiche minime per la quale è possibile richiedere, a scadenza di quest’ultimo , la naspi? Grazie per la disponibilità

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sara, non è tanto importante la durata dell’ultimo rapporto di lavoro, ma piuttosto della somma di tutti i lavori precedenti. Deve semplicemente verificare se ha lavorato almeno 30 giornate effettive negli ultimi 12 mesi e se ha lavorato per almeno 13 settimane negli ultimi 4 anni. Se sì, le spetterà la NASPI

  8. Infelice . ha detto:

    Buongiorno. Ho saputo che da quest’anno, per fare domanda Naspi, è obbligatorio rivolgersi a un patronato da cui fare la domanda, e successivamente andare al centro per l’impiego a confermarla. Così mi hanno detto l’ultima volta. Risulta anche a voi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la domanda si può fare anche ONLINE con il PIN, così come indicato in questo nostro articolo. Dopo aver presentato la domanda è obbligatorio recarsi al CPI.

      1. Infelice . ha detto:

        Purtroppo da quest’anno è diventato obbligatorio fare la domanda tramite patronato, altrimenti non l’accettano.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, questa informazione non è del tutto corretta. Infatti la domanda può essere inoltrata in autonomia attraverso il sito dell’INPS con il proprio PIN dispositivo, oppure tramite il numero verde 803164 sempre con PIN dispositivo.

      2. FEDERICA BEDOSTI ha detto:

        Buongiorno,
        Sono stata assunta come apprendista l’8 marzo 2013 e ho presentato le dimissioni entro il primo anno do vita del mio bambino ( 14 novembre 2016). Mi conferma che anche chi ha un contratto di apprendistato può richiedere la naspi?
        Lo chiedo perché mi ero consultata con un consulente del lavoro che aveva verificato che avevo le 13 settimane di lavoro prima della disoccupazione, e i contributi versati e che sarebbero spettati 23 mesi di disoccupazione. Ma all’inps non risultano i contributi util alla disoccupazione e la mia domanda di disoccupazione é stata respinga. Io non riesco a capire..può aiutarmi a comprendere la mia situazione? La ringrazio

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Federica, certamente le confermo che la NASPI spetta anche a chi ha il contratto da apprendista solo per i contributi versati dopo il 1 gennaio 2013, ed è questo il caso. mi sembra strano che la sua domanda sia stata respinta. Qual è la motivazione della reiezione? Nel suo estratto contributivo non sono presenti contributi? Ha verificato con il datore di lavoro che siano stati correttamente versati?

          1. FEDERICA BEDOSTI ha detto:

            La sua risposta positiva mi rincuora, non mi rincuora il fatto che nel mio estratto contributivo non risultino i contributi utili alla disoccupazione. La domanda é stata respinta senza motivazione. Domani infatti andrò all’inps sperando che mi diano delle risposte concrete. Nel mio cassetto previdenziale, risulta che da contratto avrei la copertura assicurativa per ivs e ds ma non risultano i contributi. Se l’azienda non me li ha versati non potrò quindi avere ciò che mi spetta? Considerando i tempi burocratici, e la minima possibilità che l’azienda ottemperi al suo dovere,forse non riuscirò a rifare la domanda entro i 68 giorni dalla dimissione.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            la sua domanda è già stata presentata quindi non ci sono più scadenza da rispettare, a parte quelle per la richiesta di riesame, o ricorso, che consiglio comunque di fare al più presto. In caso di mancato versamento contributivo da parte dell’azienda comunque l’INPS provvede al pagamento della disoccupazione per rivalersi poi sul datore di lavoro che ha l’obbligo di versamento. Rimaniamo in attesa di riscontro qualora voglia farci sapere l’esito della pratica. A presto!

  9. Roxy Rox ha detto:

    Buongiorno,
    Ho iniziato a lavorare da ottobre 2009 fino a maggio 2014(mi sono licenziata).
    Ad settembre sono stata assunta a tempo determinato e mi hanno già anticipato che a dicembre verrò licenziata.
    Ho letto che avrei diritto alla disoccupazione per la metà dei mesi versati negli ultimi 4 anni(quindi 10 mesi) ma altrove ho letto che la disoccupazione a seguito di un tempo determinato è di soli 6 mesi.Potere chiarirmi a quanti mesi avrò diritto?
    Inoltre sono solo socia al 2% di una srls, questa condizione inficia sul diritto di percepire una eventuale disoccupazione?
    Grazie
    Saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, se negli ultimi 4 anni ha lavorato 20 mesi la NASPI le spetterà per 10 mesi, ammesso che le abbia avuto sempre rapporti di lavoro a full time. In caso di part-time la durata subisce delle variazioni. Può indicarci in quali passaggi è presente questa informazione dei 6 mesi di durata per i CTD? Non ci risulta questa regola…

  10. Sabrina Palermo ha detto:

    Buonasera…
    ho un dubbio, mio marito ha lavorato per 4 anni per un’azienda metalmeccanica (2 anni a determinato e 2 indeterminato ),
    Al 31/08/2016 si è licenziato.
    Dal 1/9/2016 lavora presso un’altra azienda con contratto determinato di 3 mesi (con agenzia del lavoro).alla scadenza se non firma un’eventuale proroga, perde il diritto alla disoccupazione?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Ma no, ci mancherebbe. Non perde nulla, al contrario qualora non dovesse accettare la proroga potrà richiedere la naspi che verrà corrisposta per circa 2 anni. A presto!

  11. Martina Giudici ha detto:

    Buonasera, ho un contratto di apprendistato di 3 anni la cui scadenza è prevista a breve. Gia da maggio ho avvisato i miei titolari di non voler proseguire con questo lavoro in quanto ci troviamo in disaccordo su molti aspetti, tant è che hanno gia assunto un altra ragazza al mio posto. Qualche giorno fa i commercialisti dei titolari mi hanno chiesto di presentare le mie dimissioni. Io non penso sia giusto in quanto vorrei semplicemente recedere dal contratto alla scadenza, anche perché con le dimissioni non mi spetterebbe la disoccupazione giusto? Come posso tutelarmi? Grazie anticipatamente
    Saluti
    Martina

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Martina, non dia le dimissioni altrimenti non le spetterà la disoccupazione. L’unico modo è attendere la scadenza naturale del contratto. A presto!

  12. Valeria Volo ha detto:

    Buongiorno a tutti

    io sto percependo la disoccupazione, il mese di settembre mi è stata proposta una vacanza studio di qualche settimana con lavoro part time in Germania. Alla fine della vacanza studio rientrerei in italia.

    In questo caso come mi devo comportare con la Naspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve valeria, sicuramente dovrà comunicare il rapporto di lavoro con il modello NASpI-com, ma non è chiaro se al termine del rapporto di lavoro o al rientro la prestazione venga riattivata o se si debba fare una nuova domanda. Considerato che non è specificato io credo che si riattiva qualora non dovesse superare i 6 mesi di contratto, come se lavorasse in Italia. Ma al momento è solo una supposizione.

  13. Buongiorno,
    da circa un anno e mezzo ho un contratto di apprendistato come impiegata amministrativa sesto livello ccnl commercio. Attualmente vorrei rassegnare le dimissione perchè mi è stata fatta un’altra proposta lavorativa (contratto a tempo indeterminato con iniziale periodo di prova). Avrei bisogno di sapere due cose:
    – se non dovessi superare il periodo di prova, avrei diritto ad un’indennità di disoccupazione?
    – con quanti giorni di preavviso devo comunicare le dimissioni dato il mio livello e inquadramento?
    Grazie per il vostro aiuto e il vostro tempo.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Elisa, la risposta alla prima domanda è sì:) Per quanto riguarda il preavviso, questa informazione dovrebbe essere presente nel contratto inizialmente stipulato con l’azienda. A presto!

  14. ELEONORA CITTADINI ha detto:

    Buon pomeriggio, vorrei dei chiarimenti sulla Naspi. Ho due rapporti di lavoro part time, uno lavoro in ditta e l’altro sono segnata come lavorante a domicilio: quest’ultimo guadagno in base al lavoro che faccio (da premettere che comunque lavoro tutti i mesi dell’anno) , l’anno scorso ho preso più di 8000 euro, ma quest’anno non so se ne guadagnerò di più o di meno. Visto che per la Naspi ho tempo 67/68 giorni per richiederla, se dovessi perdere il primo lavoro mi spetta comunque, in forma ridotta dal momento che non posso prevedere quanto guadagnerò con il secondo lavoro? Con la nuova legge posso o non posso fare domanda ben oltre i due mesi se sono sotto gli 8000 euro l’anno con la seconda occupazione.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Eleonora, una previsione deve farla, è scontato che può anche non essere corretta. Qualora dovesse superare poi gli 8000 euro dovrà farne comunicazione all’INPS che provvederà a bloccare la disoccupazione.

  15. lidia zhao ha detto:

    boungiorno, ho un contratto da apprendistato per 3 anni, mi scaderà l’anno prossimo, ho sentito che l’azienda al termine del contratto ha l’obbligo di assumermi a tempo indeterminato, non so come funziona esattamente, devo firmare un nuovo contratto o sono assunta a tempo indeterminato automaticamente? però non sono sicura di rimanere in questa azienda, se non firmo il nuovo contratto avrò ancora il diritto per la disoccupazione?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, teoricamente dovrebbero assumerla e le farebbero comunque firmare un nuovo contratto. Qualora dovesse rifiutarlo avrà comunque dirItto alla disoccupazione NASPI.

  16. Roberta Guidi ha detto:

    Salve,
    Sono stata assunta il 01/06/2016 con contratto di apprendistato durata 36 mesi. Nel punto vendita non tira buon vento e si parla già di chiusura a fine anno. Il calcolo per la disoccupazione è lo stesso del dipendente a tempo determinato o indeterminato? Lavorando per 7 mesi, ovvero 28 settimane, avrei diritto alla disoccupazione per 14 settimane? Prendendo circa 800 € netti, dovrei avere circa 650€, al mese o totali ?
    Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Roberta, se questo è il suo primo rapporto di lavoro, e se non ha quindi altri versamenti contributivi negli ultimi 4 anni la durata sarà più o meno quella. Per quanto riguarda l’importo le dico che viene calcolato sul lordo della sua busta paga, quindi l’importo di partenza sarà un po’ più alto.

      1. Salvatore Cipolla ha detto:

        Buonasera,sono una docente precaria.Ho lavorato da gennaio a giugno fruendo rispettivamente,nell’arco di questi sei mesi,di maternità e congedo parentale. Posso richiedere la naspi,pur non avendo svolto alcun giorno di effettiva presenza?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, quindi negli ultimi 12 mesi non ci sono le 30 giornate lavorative richieste? a QUANDO RISALGONO GLI ULTIMI 30 GIORNI DI LAVOORO?

  17. alessandra bruno ha detto:

    salve,il 4/3/2016 mi sono dimessa dal mio posto di lavoro perchè il titolare mi aveva garantito la riassunzione nella nuova società ( quella in cui lavoravo stava per chiudere). A tutt’oggi sono ancora senza lavoro perchè la nuova società non è partita,ho perso anche il diritto a chiedere la naspi,visto che sono passati più di 68 giorni dalla fine del mio rapporto di lavoro?Grazie per la risposta.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Alessandra, sicuramente non avrebbe comunque potuto accedere alla NASPI in quanto si è dimessa e non è stata licenziata. Le consiglierei di provare a farsi assumere, con un contratto a tempo determinato anche di un giorno o una settimana, al termine del quale potrà presentare domanda di NASPI. A presto!

  18. mattia olivieri ha detto:

    Buongiorno,
    Io ho un contratto a tempo determinato iniziato Maggio 2015 che si concluderá a Settembre 2016.La mia domanda è,ho diritto al sussidio di disoccupazione anche se il mio è un contratto a tempo determinato?

      1. mattia olivieri ha detto:

        Grazie mille,
        Non ho bisogno della lettera di licenziamento vero?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          No, ovviamente, si tratta di un contratto a termine quindi proprio il contratto con la data di scadenza sostituisce la lettera di licenziamento in questo caso:)

          1. mattiaolivieri ha detto:

            buongiorno,
            io trovai lavoro mentre ero in quarta liceo,adesso che il mio contratto finirá a Settembre per me è possibile chiedere il sussidio di disoccupazione (ho lavorato 17 mesi) anche se voglio continuare gli studi?

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Salve, credo proprio di sì. Non mi pare ci siano impedimenti. le consiglio comunque di chiedere conferma al numero verde INPS. A presto!

  19. ErMazza . ha detto:

    salve,
    ho letto sul sito dell’inps che per richiedere questo tipo di disoccupazione necessitano almeno 12 settimane contributive.
    Si parla però poi dei 30 giorni effettivi di lavoro effettuati.
    Non riesco allora a capire (propongo il mio caso così da chiarire con più facilità il mio dubbio), io che lavorerò da fine giugno a inizio settembre, saranno 11 settimane e dunque 66 giorni di lavoro effettivi all’incirca, mi spetterà o meno questa disoccupazione?
    Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve marco, allora le settimane contributive (negli ultimi 4 anni) mi risultano essere 13 (anche se hanno già dato diritto a precedenti disoccupazioni), le 30 giornate di lavoro effettivo devono essere presenti negli ultimi 12 mesi. Se lei prima di questo contratto non ha mai lavorato probabilmente non ha diritto alla NASPI. In caso contrario sussiste il diritto e potrà quindi presentare la domanda al termine del rapporto di lavoro. A presto!

      1. ErMazza . ha detto:

        ho lavorato ma aimè i miei 3 anni da militare (vfp1) non mi risultano contributi versati.
        sono stato congedato a settembre del 2015 e purtroppo sono stato senza lavoro fino a poco fa che ho cominciato a fare il bagnino.
        però ancora non riesco a capire, io farò 66 giornate di lavoro effettive (più o meno) con contributi e tutto relativo dunque all’anno 2016, si il limite minimo è 30 giorni negli ultimi 12 mesi, dovrei rientrarci alla grande, perchè no?
        scusate ma non riesco a capire bene, grazie mille

        1. ErMazza . ha detto:

          cioè io sto valutando SE quando terminerò il mio lavoro attuale (settembre più o meno), dopo aver maturato 66 giornate di lavoro effettivo, posso richiedere la disoccupazione.
          se sono 13 settimane negli ultimi 4 anni, ok non rientro.
          ma se sono 30 giorni negli ultimi 12 mesi (e quindi nell’ultimo anno), io a settembre avrò maturato 66 giorni di lavoro e penso che possa richiedere questa disoccupazione, o che altro mi manca?
          scusate non sto facendo il presuntuoso, ma davvero non riesco a capire questa situazione strana tra i 30 giorni e le 13 settimane. scusate ancora e grazie mille

        2. Previdenza Facile ha detto:

          Se ha lavorato in precedenza le spetta la NASpI, ma il fatto che lei ha invece lavorato è un’informazione che non ci ha fornito nel commento precedente quindi se non avesse lavorato non le sarebbe spettata la disoccupazione in quanto non era coperto il requisito delle 13 settimane. Sull’estratto conto contributivo INPS non trova i contributi INPDAP (cioè da dipendente pubblico), per quello deve fare l’accesso ai servizi ex INPDAP oppure contattare il numero verde 803164. Il fatto che al momento non risultano contributi non significa che non siano stati versati, e comunque rimane il diritto, anche in caso di inadempienza da parte del datore di lavoro, che in questo caso è lo Stato…
          Forse quello che le sfugge è che per avere diritto alla NASPI deve avere:
          SIA 13 SETTIMANE DI LAVORO NEGLI ULTIMI 4 ANNI
          SIA 30 GIORNATE DI LAVORO EFFETTIVO NELL’ULTIMO ANNO
          Spero di esser stata più chiara:) A presto!

  20. Luciana Villella ha detto:

    Salve,
    vorrei un paio di chiarimenti.
    1) E’ possibile recarsi all’estero in un paese extraeuropeo per turismo senza perdere l’indennità?
    Occorre comunicare la partenza? Non mi è ancora chiaro.
    2) La Naspi può essere richiesta entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto?
    Grazie
    Saluti
    Luciana

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luciana, il diritto alla naspi viene mantenuto se il disoccupato si reca all’estero (senza lavorare all’estero ovviamente) per massimo 3 mesi. Non va comunicata la partenza. La domanda di naspi va fatta entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.

  21. Tina Fabozzi ha detto:

    Salve, avrei bisogno di un chiarimento in merito alla Naspi. Sono stata assunta ad aprile 2015 e licenziata a febbraio di quest’anno. Ho fatto domanda per la Naspi. Dopo un mese ho ricevuto una supplenza a tempo determinato fino al 15 maggio. Alla scadenza del contratto il patronato presso cui avevvo fatto domanda per la Naspi mi ha detto che avrei dovuto solo fare la reiscrizione al al centro per l’impiego ma non un’ulteriore domanda Naspi. Mi chiedo, è davvero così?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Sì Tina, in realtà va compilato anche il modello NASPI-com dichiarando inizio e fine del rapporto di lavoro intercorso durante il periodo coperto da naspi (anche se questa non è ancora stata accolta).

  22. Federica Fabbro ha detto:

    Buongiorno sono Federica, vorrei proporvi 2 quesiti. Purtroppo a breve mi scadrà il contratto a tempo determinato con la mia azienda, primo vorrei sapere per quanti mesi avrei diritto alla NASPI e nel caso rimanessi incinta prossimamente se avrò diritto alla maternità obbligatoria. Vi faccio un riepilogo della mia situazione lavorativa e contributiva dal 2010
    08/11/2010 31/12/2010 Lavoro dipendente sett. 8
    01/01/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2012 31/10/2012 Lavoro dipendente sett. 44
    08/11/2012 31/12/2012 disoccupazione ordinaria sett 8
    01/01/2013 01/05/2013 discoccupazione oridnari sett18
    02/05/2013 02/10/2013 materntia obblicatoria giorni 154
    03/10/2013 09/12/2013 disoccupazione ordinaria sett 10
    03/03/2014 14/011/2014 contratto a progetto circa 30 sett
    17/11/2014 12/12/2014 lavoro dipendente sett 4
    10/12/2015 31/07/2015 lavoro dipendente sett 30
    08/08/2015 31/08/2015 naspi 4 sett
    01/09/2015 18/12/2015 lavoro dipendente sett 16
    19/12/2015 10/01/2016 naspi 4
    11/01/2016 13/05/2016 lavoro dipendente sett 19
    vi ringrazio anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve federica, purtroppo non siamo abilitati a fare i calcoli per la durata della vostra disoccupazione. Di norma le spetta la rimanenza della NASPI non interamente percepita + la metà delle settimane lavorate con l’ultimo contratto di lavoro. Se entrerà in obbligatoria durante la disoccupazione le spetta la maternità all’80% (quella delle lavoratrici dipendenti per intenderci) altrimenti la maternità dei comuni. A presto!

  23. FRANCESCO SCARDINO ha detto:

    Gentilissimi

    Ho una perplessità circa la Naspi riguardo al conteggio “almeno 30gg lavorrativi negli iultimi 12 mesi”, fermo restando almeno 13 settimane negli ultimi quattro anni di retribuzione.

    Mi hanno assunto per quattro settimane (in busta paga sono 21gg) a Dicembre 2015 l’azienda X e adesso l’azienda Y mi farà un contratto di 15 gg lavorativi quindi tre settimane. alla fine di quest’ultimo vale il calcolo cumulativo?

    Vale a dire, Dicembre 21gg (azienda X) + 15gg (azienda Y) = 36 gg negli ultimi 12 mesi, posso chiedere la Naspi?

    Grazie mille anticipatamente

    FS

  24. Nikilos ha detto:

    Salve,sono.stata licenziata a febbraio 2016. Mi hanno accorsato naspi per 762 giorni.. ora mi stanno proponendo di entrare come socio lavoratore presso una cooperativa con contratto indeterminato. So che posso fare richiesta di avere la naspi in un’unica soluzione.. ma il totale viene a me o deve essere versato. Completamente nella cooperativa?! Grazie per la vostra futura risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, le faccio il copia/incolla della circolare naspi:
      “Con riferimento alla sottoscrizione di quote di capitale di una cooperativa, l’incentivo della liquidazione anticipata del trattamento residuo di NASpI è destinato in via diretta al lavoratore e non alla cooperativa. Il lavoratore che ha chiesto l’anticipazione è tenuto ad utilizzare l’incentivo per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale della cooperativa – nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività lavorativa da parte del socio – instaurando con la medesima un rapporto di lavoro in forma subordinata o autonoma o di collaborazione coordinata non occasionale ai sensi dell’art.1 della L.142 del 2001. Nel caso in cui il lavoratore instauri con la cooperativa un rapporto di lavoro in forma subordinata, il beneficio dell’incentivo all’autoimprenditorialità è alternativo a quello previsto dall’art. 2, comma 10 bis della legge 92/2012, introdotto dall’art.7 comma 5 lett.b) del decreto legge 28 giugno 2013, n.76, convertito, con modificazioni, in legge 9 agosto 2013, n. 99.”

      1. Nikilos ha detto:

        Quindi se divento socio lavoratore versando una quota capitale posso farne richiesta.. per socio.lavoratore intendo che mi faranno regolare assunzione

  25. luca g ha detto:

    Salve,

    Sono stato assunto con un contratto apprendistato di 24 mesi nel luglio 2014, a breve quindi finirà il mio periodo di “formazione” e automaticamente dovrei passare ad indeterminato.
    Volevo gentilmente chiedere, nel caso non fosse mia intenzione continuare questo rapporto lavorativo (causa discordanze con il datore di lavoro, i nostri rapporti sono comunque buoni e amichevoli, vorrei quindi evitare di licenziarmi per giusta causa finendo quindi davanti a organi come per es. DTL), la vigente norma mi da possibilità di recedere liberamente al termine dei 24 mesi di formazione, senza l’obbligo di giustificare tale scelta.
    In questo caso, essendo quindi un recesso senza obbligo di giustificazione a termine formazione di apprendistato, avrei comunque diritto a percepire un’indennizzo di disoccupazione?

    Vi ringrazio anticipatamente, Cordiali Saluti

    Luca

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luca, certamente. Lei non è obbligato a firmare un nuovo contratto, quindi qualora dovesse optare per la NASPI potrà presentare domanda al termine del suo contratto di apprendistato. A presto!

  26. Robi Siboni ha detto:

    Buongiorno Previdenza Facile,

    ho inoltrato la richiesta di disoccupazione Naspi in data 13/01/2016, è stata accolta per il seguente numero dei giorni 20.
    Nel mese di gennaio e febbraio ho ricevuto due bonifici, chiaramente riferiti ai giorni corrispondenti 10+10.
    La mia domanda è: devo inoltrare nuovamente la richiesta di indennità Naspi quando riuscirò ad ottenere 30 giorni di contributi oppure una volta raggiunti me li conteggeranno e automaticamente emetteranno il bonifico.

    Ringrazio anticipatamente e rimango in attesa di una cortese risposta,
    R

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la sua NASpI è terminata di conseguenza, qualora dovesse ricominciare a lavorare, al termine del rapporto di lavoro dovrà presentare una nuova domanda.

    2. Gloria Lo Conte ha detto:

      Buongiorno, inizio a lavorare come apprendista generica dal 2 maggio al 30 settembre con possibilità di proroga del contratto a seconda del lavoro. Volevo sapere se anche gli apprendisti hanno diritto alla Naspi?

  27. Valeria Heidi Wiki ha detto:

    Buonasera,
    avrei bisogno di delucidazioni in merito alla NASPI.
    Sono assunta come apprendista impiegata amministrativa a tempo pieno dal 15/09/2014.
    Dal 21/07/2015 fino al 9/11/2015 sono stata a casa in maternità anticipata e dal 10/11/2015 al 10/04/2016 sono entrata in maternità obbligatoria.
    Dal 11/04/2016 al 7/10/2016 ho preso maternità facoltativa.
    Darò le dimissioni per restare con la bimba a casa. Giada è nata il 10/01/2016.
    Vorrei sapere se la maternità anticipata e obbligatoria viene contata come 30 giornate di lavoro effettivo per il requisito della NASPI.
    Se do le dimissioni l’ 08/10/2016, giorno di rientro (sabato ma nella nostra azienda c’è la settimana corta lun- ven) ed avessi diritto alla NASPI, per fare il conteggio dei 4 anni precedenti devo partire dall’ 1/10/2012 al 30/09/2016? o come?
    Vi indico la mia situazione contributiva a partire dal 2012 ad oggi:
    24/08/2012 30/10/2012 lav. dipendente 11 sett (da contarne solo 4 per NASPI)
    15/07/2013 10/08/2013 lav. dipendente 4 sett
    18/08/2013 09/10/2013 ctr. figur. mini ASpI 8 sett (non conteggiate per NASPI)
    21/10/2013 31/12/2013 lav. dipendente 11 sett
    01/01/2014 05/04/2014 lav. dipendente 14 sett
    06/04/2014 05/05/2014 lav. dipendente part-time 5 sett (da contarne solo 4 per NASPI)
    15/09/2014 31/12/2014 apprendista 16 sett
    01/01/2015 31/12/2015 apprendista 36 sett (di cui 7 sett di mat. obbligatoria)
    01/01/2015 31/12/2015 maternità e congedi 17 sett (mat. anticipata)
    01/01/2016 29/02/2016 maternità e congedi 5 sett (conteggio mat. obbligatoria anno 2016 non ancora aggiornata..)

    Nell’estratto conto contributivo non viene indicata l’ASPI (strano) era stata riconosciuta dal 13/05/2014 al 15/01/2015, pagata solo fino al 15/09/2014 perchè avevo trovato lavoro.
    Sapete dirmi più o meno per quanti mesi ne avrò diritto? Tenendo conto che l’ASPI non me l’hanno pagata tutta.
    Vi ringrazio caldamente.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Valeria, ovviamente non sappiamo dirle quanto durerà la sua NASpI. Il conteggio si fa a ritrovo di 4 anni a partire dalla data di presentazione della domanda, dunque se farà la domanda l’8 ottobre dovrà contare le giornate dall’8/10/2012 all’8/10/2016. Stare a casa in maternità non è considerata come giornata di lavoro effettiva, ma la maternità produce un ampliamento del periodo all’interno del quale cercare le giornate effettivamente lavorate, ampliamento pari alla durata della maternità stessa, dunque comunque rientrerebbe nei requisiti. A presto!

  28. yulia ostapchenko ha detto:

    Buongiorno vorrei togliermi un dubbio: ho ancora il diritto per il sussidio avendo lavorato dal 2002 fino al 31 Gennaio 2015? Dal 1 Febbraio 2015 ho preso il sussidio della disoccupazione fino al mese scorso cioè l’ultimo sussidio ricevuto era a Marzo. Vorrei sapere se ho diritto di ricevere questo sussidio ancora anche perchè non ho tovato lavoro

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Yulia, avrà diritto a percepire il nuovo sussidio di NASpI solo qualora lei dovesse essere di nuovo assunta e lavorare per almeno 30 giorni effettivi, quindi dovrà avere un contratto più lungo di un mese.

  29. Ciao, io volevo sapere se lavoro come cameriera 5 livello dal 18.04 al 30.09, che sono 6 mesi e mezzo, però con contratto di apprendistato 40 ore settimanali, ricevo la disoccupazione? Grazie.

  30. Andrei Barna ha detto:

    salve ,ho fatto la domanda NASPI e volevo sapere se posso fare anche la domanda ASPI ,GRAZIE

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Andrei, non può chiedere due sussidi contemporaneamente, e comunque l’ASPI non esiste più. Può verificare se al termine della NASPI ha i requisiti per l’ASDI, clicca qui per leggere l’articolo. a PRESTO!

  31. Vanessa Monticelli ha detto:

    Buongiorno, avrei un dubbio. Negli ultimi 4 anni ho lavorato per 11 mesi in un call center con contratto a progetto e ho lavorato negli ultimi 4 mesi con contratto a tempo determinato che non mi è stato rinnovato, ho fatto la richiesta di NASPI che mi è stata accettata per 58 giorni. Volevo allora chiedere, visto che la durata della naspi viene calcolata sugli ultimi 4 anni contributivi il contratto a progetto non ciene calcolato nel conteggio in nessun modo?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Vanessa, purtroppo le settimane di lavoro a progetto, e quindi con versamento in gestione separata, non posso essere mai considerate al fine della durata della NASpI.

  32. Antonello Frigiola ha detto:

    Salve… la mia domanda di disoccupazione che feci a novembre 2015 non è stata accettata perché avevo solo 25 giorni di contributi invece dei 30 previsti. Mi chiedo una cosa… ma se faccio tipo in questo mese 5-6 giorni di lavoro contribuiti posso rifare la domanda di disoccupazione ottenendo un risultato positivo? (25 giorni tra settembre-ottobre 2015 + 6 giorni ad aprile 2016) Se è si, valgono negli eventuali 6 giorni contribuiti per accedere alla disoccupazione il periodo di prova o per forza devo avere un contatto determinato/indeterminato? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Antonello, ovviamente fanno cumulo, l’importante è che siano presenti nei 12 mesi precedenti la data della domanda. Va bene anche se è un periodo di prova, l’importante è che sia un contratto da lavoro dipendente e che termini per licenziamento/scadenza contratto. A presto!

  33. Oana Mihaela Pavel ha detto:

    Salve!
    Volevo gentilmente due chiarimenti se fosse possibile .
    Il 24 Aprile mi scade il contratto a tempo determinato.(periodo del contratto dal 24 .01.2015 al 24.04.2016)
    Se io non potessi rinnovare nell’eventualità che mi propongono il rinnovo pe altri 6 mesi (mi trasferisco a 100 km di distanza ) ho il diritto al NASPI?!
    Poi se è sì la risposta ..non ho capito una cos nel calcolo del periodo del NASPI.
    La mia situazione è questa :
    dal 10.04.2014 al 31.12.2014 contratto determinato
    Poi ho fatto la domanda X la disoccupazione che mi è stata pagata solo X 10 gg ,per che dal 24.01.2015 al 24.04.2016 . Sono stata assunta di nuovo con contratto a tempo determinato.
    Ora X il calcolo del periodo di NASPI mi viene presso in considerazione solo il periodo del ultimo contratto o anche il periodo da Aprile 2014 a Dicembre 2014(anche se poi ho preso 10 gg di disoccupazione )?!…grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, nel suo caso è liberissima di non rinnovare il contratto e potrà fare domanda di disoccupazione. Ovviamente, considerato che ha usufruito dell’ASpI solo per 10 giorni, quel periodo contributivo verrà considerato praticamente per interno (toglieranno dal conteggio 2/3 giorni al massimo).

  34. Maria De Crescenzo ha detto:

    Salve,ho lavorato dal 3 luglio 2015 al 15 settembre 2015,il contratto mi scadeva il 4 ottobre,ma ilmio datore di lavoro mi ha licenziato prima perchè poi avrei iniziato la scuola(licenziata il 15 settembre).
    Volevo chiedere se io potevo prendere la NASpI. Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve maria, se sono trascorsi 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro non può più fare la domanda. potrà farne una se avrà un nuovo rapporto di lavoro, anche breve. In questo modo recupererebbe quel periodo contributivo che verrà conteggiato ai fini della durata della NASpI. A presto!

  35. luigim ha detto:

    Salve,
    vorrei sapere se avere altri redditi (esempio fitto di un appartamento) al di fuori di quelli di lavoro può pregiudicare l’avere diritto alla NASpI .
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Credo dipenda dall’importo, se rientra negli 8000 euro annui probabilmente no, ma questo purtroppo non è specificato nella circolare…

  36. luigim ha detto:

    Salve,
    vorrei sapere come comportarmi per dimissioni per giusta causa,
    dato che per le dimissioni online (obbligatorie dal 12 marzo) è possibile selezionare solo dimissioni volontarie o risoluzione consensuale.
    Le dimissioni volontarie non danno diritto a Naspi, ma le mie dimissioni sono per giusta causa.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, le dimissioni per giusta causa vanno certificate presso la Direzione Territoriale del Lavoro quindi deve rivolgersi presso di loro. Non so dirle se c’è una procedura telematica. A presto!

  37. Federica Petruzzi ha detto:

    Salve volevo chiederle io ho lavorato per 3 anni e mezzo contratto tempo indeterminato sono stata licenziata il 29 febbraio e nei dodici mesi precedenti al licenziamento ho lavorato solo 28 giorni il resto ero in maternità più congedo parentale ,secondo lei riesco a prendere la Naspi?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Federica, maternità e congedo parentale generano la regola dell’ampliamento. Se è stata in maternità nell’ultimo anno, le 30 giornate di lavoro andranno a cercarle nell’anno precedente. La misura dell’arco temporale dell’ampliamento è pari alla durata della sua maternità.

  38. Barbara Sarnari ha detto:

    Buongiorno, sono in procinto di firmare un contratto a tempo determinato da aprile 2016 ad attobre 2016 (ho già alle spalle 10 anni di lavoro con contratto a tempo determina e indeterminato). chiudendosi questo ultimo contratto ad Ottobre, da Novembre dovrò chiedere la disoccupazione e la maternità, essendo anche in dolce in attesa. Visto che un’altra società mi sta proponendo anche una collaborazione occasionale per un altro piccola consulenza da Aprile a Luglio, volevo sapere se però questo può creare problemi alla futura richiesta di disoccupazione/maternità che dovrei fare a Novembre 2016 (anche perchè nessuno potrà assumermi fino a febbraio) e quali sono i massimali per avere anche eventualmente un contratto occasionale nello stesso anno di richiesta della disoccupazione! grazie della cortese risposta.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Barbara, il rapporto occasionale durante il rapporto di lavoro dipendente non è un problema ai fini della disoccupazione;)

  39. Magda Dumitru ha detto:

    07/09/2013 24/12/2013 Lav.dipend. part-time sett. 9
    17/10/2013 31/12/2013 Lav.dipend. part-time sett. 12
    01/01/2014 30/06/2014 Lav.dipend. part-time sett. 27
    25/07/2014 27/12/2014 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 23
    01/05/2015 31/12/2015 Lavoro dipendente sett. 31
    01/01/2016 31/01/2016 Lavoro dipendente sett 5

    Buongiorno,questi sono i miei contributi . Ho fatto la domanda Naspi il primo di marzo ,ma ancora nessuna risposta. Vorrei sapere se e possibile prendere la disocupazione . Premetto che il mio ultimo contratto di lavoro e scaduto e non me l ho hanno rinnovato . Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Magda, da quello che ci dice ha tutti i requisiti per l’accoglimento:) a presto!

      1. Federica Petruzzi ha detto:

        Salve volevo chiederle io ho lavorato per 3 anni e mezzo contratto tempo indeterminato sono stata licenziata il 29 febbraio e nei dodici mesi precedenti al licenziamento ho lavorato solo 28 giorni il resto ero in maternità più congedo parentale ,secondo lei riesco a prendere la Naspi?
        Grazie

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, credo proprio di sì perché con la maternità e congedo parentale si applica la regola dell’ampliamento. Ne abbiamo parlato QUI. A presto!

      2. Magda Dumitru ha detto:

        Pagamento in corso. Ultimo pagamento effettuato il 01/04/2016 con decorrenza 08/03/2016
        cosa significa ? Che fra quale giorno ricevero il primo bonifico ? Non ho avuto nessuna risposta, non mi hanno mandato nemmeno la lettera .
        Io non capisco nulla. Grazie

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Magda, Provi a controllare nella CASSETTA POSTALE ONLINE attraverso i servizi per il cittadino se la lettera è già stata spedita. per sapere la data di disponibilità deve chiamare il numero verde 803164. A presto!

          1. Magda Dumitru ha detto:

            Ho gia controllato per non mi hanno mandato niente. Nellla cassetta Pagamenti non vedo l importo.
            Solo nella consultazione domane mi risulta quello che gli ho scritto su, Grazie

  40. mario lodelli ha detto:

    Salve ho lavorato per 15 anni come commessa nella solita azienda un contratto a tempo determinato, per motivi familiari ho dovuto dare le dimissioni. So che non mi spetta la disoccupazione. Lunedì inizio a lavorare per un paio di settimane in un pub come cameriera con un regolare contratto a termine, se non dovessero rinnovarmelo mi spetterebbe la disoccupazione? Grazie Denise (ho usato mio marito come utente essendo lui già registrato).

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Denise, certamente le spetterà la NASpI 🙂

  41. Stefano Baragli ha detto:

    Salve io ho lavorato per 20 anni in un’azienda a tempo indeterminato ma purtroppo pochi giorni fa mi hanno licenziato per taglio del personale e calo di lavoro, quanti mesi mi spetta di disoccupazione naspi?

    Grazie se rispondera’

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, circa un paio di anni se ha sempre lavorato a tempo pieno. A presto!

      1. Gianni Cali ha detto:

        Salve io ho lavorato come apprendista in un impresa edile da gennaio 2010 fino a giugno 2014,poi dopo i 4 anni e mezzo di apprendistato sono passato come qualificato fino al 31 dicembre 2014 data in cui sono stato licenziato.
        Avevo all attivo 5 anni di lavoro a tempo pieno,ho preso la disocc aspi per 8 mesi.
        La mia domanda e’ la seguente: se invece di essere stato licenziato a dicembre 2014 mi avessero licenziato a maggio 2015,la naspi gia in uso,avrebbe preso in considerazione gli ultimi 4 anni di lavoro e quindi pagandome 2 anni,oppure avrebbe fatto il calcolo senza contare gli anni da apprendista??chiedo perche sapevo che gli apprendisti prima del 1 gennaio 2013 non avevano diritto alla disoccupazione.grazie

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Infatti è così, i mesi di apprendistato precedenti al 1/1/2013 non sarebbero comunque state prese in considerazione, anche con la NASpI.

          1. Gianni Cali ha detto:

            grazie mille!! il mio dubbio e’ stato sciolto!!

  42. Sabino Bhoyroo ha detto:

    Salve, con questa situazione contributiva potrei chiedere la naspI? orientativamente quanti mesi mi spetterebbero?
    in questa tabella per il calcolo della naspI si prendono in esame i contribuiti sotto la voce al diritto o al calcolo?
    I due contratti di sostituzione di maternità hanno generato una situazione lavorativa durata dal 25/09/2014 al 03/03/2016, nella stessa azienda.
    contributi utili pensione
    al diritto al calcolo
    01/01/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 14 14,000
    26/10/2011 30/11/2011 Lav.dipend. part-time sett. 6 4,000
    01/01/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 41 41,000
    01/02/2012 30/04/2012 Lav.dipend. part-time sett. 13 9,000
    01/01/2013 25/10/2013 Lavoro dipendente sett. 43 43,000
    06/11/2013 08/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 5 5,000
    09/12/2013 31/12/2013 Lavoro dipendente sett. 4 4,000
    01/01/2014 12/01/2014 Lavoro dipendente sett. 3 3,000
    13/01/2014 11/08/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 31 31,000
    25/09/2014 31/12/2014 Lav.dipend. part-time sett. 15 9,000
    01/01/2015 31/12/2015 Lav.dipend. part-time sett. 52 35,000

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, certo che le spetta, faccia la domanda al più presto. Esattamente non le so dire quanto le spetterà, ma di solito le settimane considerate sono quelle al calcolo, poi dipende anche dall’importo della contribuzione. Può provare a fare un calcolo approssimativo seguendo le informazioni riportate nel nostro articolo, clicchi qui. A presto!

    2. giuseppe67 ha detto:

      Buongiorno,ho lavorato per otto anni presso un’azienda con qualifica di operaio,e sono stato licenziato per riduzione di personale il 31 maggio 2014.Ho percepito la disoccupazione Aspi fino a marzo 2015 e da allora ho solo cercato lavoro senza nessuna risposta.Ora sto per firmare un contratto a tempo determinato e volevo sapere se presentando dimissioni posso poi avvalermi di fare richiesta di disoccupazione Naspi,o devo attenermi ad un determinato periodo di lavoro per riceverla?Volevo anche sapere se ho la possibilita’ di fare richiesta Asdi se ilnuovo contratto di lavoro non andasse a buon fine.Grazie infinite.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, se si dimette non le spetterà nessun sostegno al reddito, a meno che non parliamo di dimissioni per giusta causa. All’ASDI possono accedere solo coloro che hanno usufruito della NASPI e non dell’ASpI. Per avere diritto alla NASpI deve avere almeno 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro negli ultimi 12 mesi precedenti la data della domanda.

  43. elita ha detto:

    Salve, le scrivo per chiederle un chiarimento. Sono stata assunta per 8 anni con contratto indeterminato part-time presso un’azienda. Qualche settimana fa ho dovuto dare le dimissioni per motivi personali. Ora, sempre la stessa azienda mi chiede di rientrare con contratto determinato che avrà la durata di circa una settimana.
    La mia domanda è questa: poiché la prima volta sono stata io a dare le dimissioni, l’indennità di disoccupazione mi spetta comunque? Se sì in che percentuale e per quanto tempo?
    La ringrazio in anticipo per la risposta. Cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la disoccupazione le spetterà al termine del rapporto determinato, anche se prima ha dato le dimissioni. I requisiti e i calcoli per durata e importo sono gli stessi per tutti. Può trovare ulteriori info in QUESTO ARTICOLO. A presto!

  44. Luisa Scotti ha detto:

    Buongiorno,

    Io attualmente sto lavorando come insegnante supplente con un contratto fino al 30 di giugno. Precedentemente lavoravo per una cooperativa sociale alla quale ho chiesto periodo di aspettativa che mi è stata concessa. Se ora decidessi di licenziarmi dalla cooperativa, restando legata solo al contratto con la scuola, dopo il 30 di giugno potrei fare domanda di disoccupazione insegnanti?
    Ringeazio anticipatamente per gli eventuali chiarimenti.
    Luisa

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certamente Luisa, la disoccupazione per gli insegnanti è la stessa di tutti. A presto!

  45. Buonasera, ho maturato le settimane che servono nei tempi che servono ma i 30 giorni dell’anno 2016 che bisogna bere negli ultimi 12 mesi sono stati con contratto di collaborazione occasionale…hanno validità?
    Si può ricevere comunque anche se nell’ultimo anno ho avuto un attività individuale che non ha generato reddito?e per riceverla devo già avere chiuso l’attivita (p.iva)oppure posso tenerla aperta per il momento?il negozio è chiuso già da un mese ma sto aspettando a chiuderla perché devo ricevere assicurazione…
    Ringrazio anticipatamente
    Cordiali saluti valentina

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Valentina, le giornate di lavoro valide ai fini del requisito delle 30 giornate sono solo quelle da lavoro dipendente/subordinato, niente collaborazioni occasionali o attività autonoma. La ha ancora la partita iva aperta non è necessario chiuderla, basta dichiarare, entro un mese dalla presentazione della domanda, il reddito presunto dell’attività per l’anno in corso (in questo caso sarà pari a 0).

  46. chetto ha detto:

    Buongiorno, avrei una domanda simile alle altre ma vorrei essere piu sicuro, io ho un contratto a tempo indeterminato da ormai 5 anni ma vorrei andare via, per ricevere la naspi potrei farmi assumere da un altra impresa con un contratto a termine tipo da un mese e alla scadenza fare richiesta della disoccupazione? Grazie per l’attenzione

  47. Rosario la Martina ha detto:

    buonasera, spero qualcuno mi possa rispondere,
    volevo sapere se a mia moglie spettasse , lavora a tempo indeterminato da 6 anni, ora ha preso tutta la maternità, e tutto il congedo parentale, siccome abbiamo un bimbo piccolo e non sappiamo come fare, se lei si licenziasse, usufruirebbe dell’aspl, grazie anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Rosario, la mamma può licenziarsi entro il primo anno di vita del bambino e fare domanda di NASpI (l’ASpI non esiste più) se il suo contratto è da lavoro dipendente.

  48. Marco Pizzonia ha detto:

    Salve io ho lavorato dal 4 febbraio e il contratto mi finisce il 29 ..ma siccome non riesco piu a continuare a lavorare in quella ditta xke nn mi trovo bene domani vorrei licenziarmi…se io dovessi trovare un altro lavoro in seguito e poi essere licenziato i giorni di lavoro che ho fatto dal 4 ad oggi mi vengono sommati a quest ultimo lavoro per la disoccupazione?

  49. Dorota Skowrońska ha detto:

    Salve
    Vorrei farvi una domanda allora io mi sono licenziata perche avevo un altra proposta di lavoro purtroppo dopo 10 giorni mi hanno licenziata.
    mia domanda e mi spetta la disocupazione visto che ho dato dimisioni io.
    grazie per la risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certo che le spetta, l’importante è che l’ultimo rapporto di lavoro prima della domanda di disoccupazione sia terminato per licenziamento e non per dimissioni.

      1. Dorota Skowrońska ha detto:

        Salve
        Sono un po procupata Perche quel licenziamento avenuto di periodo di prova e prima avevo contratto come aprendista da 2013 e tutti dicono che SE mi sono licenziata IO 10 giorni sono pochi per premiere la disocupazione.
        Mi pottete aiutare a capire
        Grazie

        1. Dorota Skowrońska ha detto:

          Forse mi sono spiegata male dopo 10 giorni di nuovo lavoro in periodo di prova mi ha licenziata non cambia nulla ho sempre diritto di disocupazione
          Grazie

          1. Previdenza Facile ha detto:

            No, non cambia nulla, resta comunque il diritto alla NASpI 🙂

  50. Evelina Ottobre ha detto:

    Salve..io ho fatto domanda di naspi il 18 dicembre…ad oggi nn ho avuto nessuna risposta e chiamando il call center mi dicono che la mia domanda è’ ferma..come mai?sento dire che di solito la pagano entro due mesi..cosa devo fare?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, purtroppo i tempi sono lunghi. Deve chiedere al numero verde di inoltrare un sollecito per la sua domanda e farsi dare il numero del sollecito.

  51. Daniela112233 ha detto:

    Buongiorno io ho un contratto di apprendistato e mi hanno già detto che non me l’ho rinnoveranno.
    Mi hanno chiesto di mettere come motivazione che è per volontà mia che non verrà rinnovato incitandomi a iacrivermi a garanzia giovani. La mia domanda è questa? Come mai mi chiedono questo? Cosa ci guadagnano loro? E soprattutto io perdo la naspi dichiarando che è mia volontà non rinnovare il contratto? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Daniela, il rischio c’è ma non le saprei dare la certezza. Comunque lei non è costretta a firmare nulla. Può essere perché ha superato il numero dei rinnovi e l’età per l’apprendistato e quindi per legge dovrebbero assumerla? La garanzia giovani è un po’ una fregatura, pagamenti molto rallentati (spesso dopo mesi e mesi) e scarsi. parliamo di 500 euro al mese per 6 mesi. Se aveva un buono stipendio e ha lavorato per un bel po’ di tempo full time le consiglierei di non firmare nulla e fare domanda di NASpI. Se vuole ci esponga pure la situazione contributiva, vediamo cosa è più conveniente. A presto!

  52. Anna Pino Daniele ha detto:

    Salve, avrei bisogno di un chiarimento : ho avuto un contratto in somministrazione dal 14/09/2015 al 27/12/2015. Dal 29/12/2015 sono stata assunta direttamente dall’azienda per cui lavoravo con contratto a tempo indeterminato. Dopo un mese ho rassegnato le dimissioni e volevo sapere se posso comunque fare domanda per la naspi per le settimane di somministrazione. Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      No Anna, purtroppo in questo caso non può accedere alla disoccupazione. I contributi maturati potranno comunque essere utilizzati in futuro per il calcolo della durata della NASpI qualora dovesse avere le carte in regola per potervi accedere. In tal caso, l’ultimo rapporto precedente la domanda dovrà terminare per licenziamento, scadenza contratto o dimissioni per giusta causa.

  53. Susanna Camporese ha detto:

    Buonasera,
    avrei bisogno di un’informazione. Ho fatto richiesta di disoccupazione lo scorso 28 dicembre, attualmente non ho ricevuto nulla in quanto la pratica è in lavorazione. Se io il prossimo mese vengo assunta con un contratto di apprendistato o comunque a termine e per un qualsiasi motivo vengo licenziata o mi licenzio nel periodo di prova posso riprendere ad avere la naspi o la richiesta decade?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Se il contratto dura un mese al termine può riprendere la NASpI, ma non può licenziarsi, che io sappia neanche nel periodo di prova altrimenti decade il diritto…

  54. Claudia Regina Ribeiro Rosario ha detto:

    Mi chiamo Claudia, sono in disoccupazione dal 15/04/2015, avendo lavorato per cc 4 anni consecutivi. Ero un lavoratore dipendenti. Per il momento e percepisco la NASPl per una durata di 12 mesi. Il mio licenziamento è venuto prima dal 1 maggio 2015. Ho diritto di rinnovare la domanda NASPl?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Claudia, se il suo contratto è terminato prima di maggio 2015 sicuramente lei starà percependo L’ASPI. Affinché lei possa accedere anche alla NASpI c’è bisogno di un nuovo contratto di lavoro e di almeno 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro nei 12 mesi precedenti la domanda della stessa NASpI.

  55. Milena Denova ha detto:

    Salve,purtroppo sono stata ingannata da un dipendente del inps, e quindi ho superato il tempo di 68 giorni per presentare la domanda naspi. La mia domanda e:dopo aver superato i 68 giorni ,se faccio un contratto di lavoro di 7 giorni lavorativi posso fare la domanda di nuovo?visto che nel ultimi 4 anni ho dei contributi versati e nel ultimo un anno ho tre mesi di lavoro.grazie

    1. castaldo07 ha detto:

      Salve, anche a me come Milena è capitata questa spiacevole cosa, dove posso leggere chiarimenti in merito o magari a chi posso rivolgermi?

    2. Alcatraz Nuovo ha detto:

      Salve vorrei una delucidazione.A dicembre 2015 ho percepito ultimo mese di aspi.a febbraio 2016 sono stata assunta ma dopo 1 mese licenziata per carenza di lavoroa questo punto posso accedere alla disoccupazione naspi?premetto che dal 2013 a febbraio 2015 ho lavorato con contratto a tempo i determinato.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, temo che lei non abbia le 30 giornate di lavoro effettivo negli ultimi 12 mesi. provi comunque ad inoltrare la domanda. A presto!

  56. Aleina Aroce ha detto:

    Salve! La mia domanda NAspi è stata accettata con decorrenza 08/08/2015 per 203 gg. L’01/09/2015 ho ricominciato a lavorare con contratto fino a 01/04/2016. Alla scadenza del contratto, quando farò una nuova domanda NAspi perchè la precedente sarà decaduta, “non saranno computate le settimane che hanno già dato luogo, in passato, al diritto per la NAspi” anche se in realtà mi sono stati pagati solo 23giorni su 203gg che mi spettavano?!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, ovviamente non è così:) Altrimenti non converrebbe rioccuparsi. le settimane che non saranno considerate saranno rapportate alle giornate di sussidio usufruite 😉

  57. Marco Fornari ha detto:

    Ho lavorato con contratto a tempo det. Dal 5 settembre 2015 e il contratto mi scade 18 dicembre. 2015
    Ho diritto alla disoccupazione?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Marco, credo proprio di sì. Presenti la domanda il prima possibile.

  58. Nicoletta Calzi ha detto:

    Buongiorno sono nicoletta oh 43 anni dal 8 maggio 2015 percepisco disoccupazio per 19 mesi solitamente il giorno 12 sono depositati sul conto ma questo mese non ho ancora percepito nulla. Ho una figlia di 16 anni e sono separata se non trovo lavoro alla fine della disoccupazione ho altri diritti ? Grazie cordiali saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Nicoletta, dovrebbero continuare ad erogare la disoccupazione. non cerchi altri diritti, contatti il numero verde per verificare lo stato dei pagamenti ed eventualmente sollecitare. A presto!

  59. Rosalia Mauri ha detto:

    Buongiorno,

    lavoravo come baby sitter, sono stata licenziata il 18 novembre u.s. dopo essere stata in maternità anticipata dai primi di gennaio 2015 e poi in maternità obbligatoria dal 14 giugno al 18 novembre. Ho fatto domanda NASPI il 10 dicembre u.s. Vorrei sapere se ne ho diritto e quindi la mia domanda è: i 30 gg. sono a partire dal 10/12/2014 al 10/12/2015 o sono antecedenti il 10/12/2014 .
    Per i 4 anni, non ci sono problemi.

    Ringrazio anticipatamente.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Rosalia, i 30 giorni vanno cercati nel periodo dal 10/12/2014 al 10/12/2015, ma avendo usufruito di maternità obbligatoria vale la regola dell’ampliamento (cioè il periodo in cui ricercare le 30 giornate si amplia di un periodo pari alla durata della maternità) quindi in realtà, avendo avuto 11 mesi di maternità, i 30 giorni possono essere rintracciati nel periodo da febbraio 2014 a dicembre 2015, non credo avrà problemi 🙂

  60. Veronica Campagna ha detto:

    Buongiorno,
    sto percependo da Aprile 2015 l’AspI per 10mesi, volevo sapere se al termine dell’AspI (Gennaio 2016 ultimo pagamento), non avendo trovato ancora occupazione se posso richiedere qualche altro sostegno simile e se è sì quale domanda richiedere, in questi 9 mesi non ho effettuato nessun giorno lavorativo, non sono sposata nè ho figli a carico.
    Grazie anticipatamente per la risposta.

  61. Dario-Yatri Zanchi ha detto:

    Buongiorno
    di rientro dopo 2 anni di aspettativa con la 104, sono stato licenziato
    Ho diritto alla Naspi? (penso al requisito dei 30gg lavorati nei 12 mesi precedenti…che io non ho)
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Dario…ho paura che non abbia diritto. Fosse stato un anno di congedo avrebbe potuto usufruire dell’ampliamento:

      c) Trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

      Le giornate di lavoro effettivo sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria. In particolare esse sono indicate nel flusso mensile UNIEMENS – con i quali i datori di lavoro trasmettono i dati retributivi e contributivi – col codice “S”. A questo fine gli eventi di seguito elencati, che si verificano o siano in corso nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione, determinano un ampliamento – pari alla durata degli eventi medesimi – del periodo di dodici mesi all’interno del quale ricercare il requisito delle trenta giornate:

      malattia e infortunio sul lavoro nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte del datore di lavoro (ovviamente nel rispetto del minimale retributivo);
      cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell’attività a zero ore;
      assenze per permessi e congedi fruiti dal lavoratore che sia coniuge convivente, genitore, figlio convivente, fratello o sorella convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità.

      Faccia comunque domanda di NASpi e ci tenga aggiornati. A presto!

      1. Dario-Yatri Zanchi ha detto:

        ho letto questo..

        “Non sono invece considerati utili, pur se coperti da contribuzione figurativa, i periodi di:
        malattia e infortunio sul lavoro solo nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte del datore di lavoro, nel rispetto del minimale retributivo;
        cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell’attività a zero ore;
        assenze per permessi e congedi fruiti dal coniuge convivente, dal genitore, dal figlio convivente, dai fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravità.

        Ai fini della determinazione del biennio per la verifica del requisito contributivo, i suddetti periodi – non considerati utili – devono essere neutralizzati con conseguente ampliamento del biennio di riferimento.

        Le ultime due righe mi lasciano qualce speranza…che ne dice?
        Grazie anticipatamente…

      2. Dario-Yatri Zanchi ha detto:

        “…determinano un ampliamento – pari alla durata degli eventi medesimi…”
        letta così la durata dell’evento non è predeterminato…che ne dite? 🙂

        cmq..domanda presentata, ma ho visto che ci vogliono due mesi x la risposta..:-(

      3. Dario-Yatri Zanchi ha detto:

        Buongiorno
        Naspi accolta…(x future situazioni simili..)
        Il periodo di aspettativa è stato “congelato” x intero..
        Buonagg

  62. Andrea Maggioni ha detto:

    Salve. Io non ho capito una cosa. Nel calcolo della Naspi, le settimane già fatte con l’Aspi nei 4 anni precedenti non vengono contate o vengono sottratte?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Le settimane che hanno dato diritto all’ASpI non vengono considerate ai fini del calcolo, così come le settimane di ASpI, ovviamente.

      1. Andrea Maggioni ha detto:

        Questo sì, però non ho capito se non vengono contate o se vengono sottratte dal numero di settimane utili

  63. Max Sechi ha detto:

    Buongiorno,
    io ho lavorato per 4 anni a progetto, e da Ottobre 2015 son passato a indeterminato,
    ma sto prenderndo in considerazione di licenziarmi per giusta causa, volevo sapere quante settimane mi occorrono, utili al calcolo, per poter far richiesta della Naspi.
    Il fatto che abbia lavorato a progetto per 4 anni influisce sul tipo di calcolo?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Max, purtroppo, se presenta domanda di NASpI, tutte le mensilità in cui ha lavorato a progetto non verranno considerate ai fini del calcolo, dunque, anche se facesse richiesta di NASpI, diciamo a gennaio, le spetterà al massimo un mese e mezzo di disoccupazione. Consideri poi che per rientrare nella NASpI le servono almeno 13 settimane lavorative (da dipendente) negli ultimi 4 anni.

  64. sentinel ha detto:

    BUONGIORNO, UN INFORMAZIONE, VORREI SAPERE SE PER IL CALCOLO DELLA DURATA DELLA NASPI SI CONSIDERA IL PERIODO CONTRIBUTIVO AL DIRITTO O AL CALCOLO? QUESTO PERCHè HO LAVORATO 2 ANNI PARTIME A 32 ORE E LE SETTIMANE CONTRIBUTIVE AL DIRITTO SONO SUPERIORI DI QUELLE AL CALCOLO

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, le settimane considerate sono quelle al calcolo, ma il conteggio varia anche in base alla retribuzione. Comunque sicuramente non quelle al diritto. A presto!

  65. Vito Resta ha detto:

    Salve, volevo porvi una domanda, io sono stato licenziato il 30 luglio 2013, all’epoca avevo 48 anni ed ho usufruito dell’ Aspi per un periodo di 8 mesi, (Dall’8 agosto 2013 all’8 maggio 2014. Volevo sapere è possibile che non mi spetta più nulla? Come mai chi è stato licenziato appena sei mesi dopo ha percepito circa due anni di Aspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Vito. 2 anni di ASpI è impossibile, al massimo possiamo parlare di DOPPIA ASPI. L’attuale NASpI invece può avere una durata massima di 2 anni, ma questa varia in base alle settimane contributive di ogni singolo lavoratore. Dia un’occhiata ai requisiti per la NASpI, ma le dico già che per accedere bisogna avere comunque almeno un rapporto di lavoro. A presto!

  66. Valeria Volo ha detto:

    Buongiorno,
    volevo chiedervi una informazione, il 04/02/2013 sono stata assunta con contratto di apprendistato, alla scadenza ovvero il 04/02/2016 mi è già stato detto che non sarò rinnovata.
    Posso chiedervi ad oggi com’è la normativa per la disoccupazione per noi apprendisti?
    Su internet trovo pareri contrastanti.

    Vi ringrazio.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Valeria, nel suo caso, il fatto che il contratto sia da apprendistato non comporta nessuna variazione, né ai fini del calcolo né della retribuzione. Gli apprendisti rientrano nella disoccupazione a partire dal 1° gennaio 2013 dunque potrà calcolare la sua NASpI come un normale lavoratore dipendente;) a presto!

      1. Valeria Volo ha detto:

        La ringrazio per la risposta!
        Quindi come gli altri mi spettano i 16 mesi?
        Perchè sul sito dell’Inps trovo questa frase sulla durata:

        “La durata della prestazione è stabilita in 90 giorni massimi, frazionabili, durante l’intero periodo del contratto di apprendista.”

        Il che mi confonde un po’… faccio affidamento su di voi!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Può incollarci il link relativo alla pagina in cui è presente questa dicitura?

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Ok, consideri che si tratta di un vecchio sussidio, quindi da non prendere più in considerazione 😉

  67. Swami Ravi ha detto:

    Salve, ho un quesito che vorrei sottoporre alla vostra attenzione. Ho un contratto di lavoro indeterminato. E’ certamente una fortuna, ma sto vagliando soluzioni lavorative alternative, visto il clima di lavoro al limite del mobbing (purtroppo difficilmente dimostrabile). Ho ricevuto una proposta di lavoro interessante con contratto a tempo determinato di 1 mese eventualmente rinnovabile. Siccome è per me un rischio uscire da un tempo indeterminato per un tempo determinato, vorrei sapere alcune cose. Rassegnando preventivamente le dimissioni dal mio lavoro attuale e accettando questa proposta, se dovesse andare male e il nuovo contratto non dovesse venire rinnovato, potrei comunque richiedere la disoccupazione e vedere comunque contabilizzati i mesi lavorati con contratto indeterminato?
    Nel senso, non vorrei, se andasse male, rischiare di prendere la disoccupazione solo per un mese o anche meno. Se è così infatti, non posso rischiare di cambiare lavoro, cosa che comunque si sta rivelando impellente.
    Grazie in anticipo.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, sicuramente alla scadenza del contratto di un mese può fare richiesta di NASpI, deve però verificare quante settimane lavorative può far valere negli ultimi 4 anni, la metà di queste settimane le verrà pagata come NASpI. Se il contratto precedente termina per dimissioni non è rilevante e quelle settimane lavorative verranno comunque considerate ai fini del calcolo.

      1. Swami Ravi ha detto:

        In altro articolo, sempre di questo sito, ho letto che uno dei requisiti è essere in possesso di almeno 13 settimane lavorative nei 4 anni precedenti la richiesta. In questo caso rientrerei abbondantemente nei criteri.
        La ringrazio per la risposta e ne approfitto anche per fare i complimenti per questo sito, che porta chiarezza in temi alle volte un po’ ostici.

      2. luigim ha detto:

        Salve, quindi se do le dimissioni non per giusta causa da un’azienda dove lavoro da più di 4 anni, mi assume un’altra azienda a tempo determinato per un mese, dopo quel mese poso far richiesta NASPI grazie agli anni lavorati nell’azienda dove mi sono licenziato senza giusta causa?

    2. Valeria Volo ha detto:

      Ne avevo il sospetto, vi ringrazio per chiarimenti, gentilissimi! 🙂

  68. Salve volevo sapere . Io 20 di ottobre ho fatto domanda per Naspi ma fino oggi non ho avuto nessuno risposta. Ho lavorato a ipercoop dal 17 di febbraio fino 30 di settembre sono 32 settimane in totale . Secondo lei posso prendere disoccupazione? Se si quanto tempo occorre ad aspettare? Grazie per la risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, purtroppo i tempi di attesa variano da 1 a 3, a volte anche 4 mesi, dipende dalla sede. Dalle informazioni che ci fornisce dovrebbe comunque avere diritto al sussidio. A presto!

  69. Roberto Casiraghi ha detto:

    Io ho iniziato la NASPI il 19 settembre 2015, poi ho trovato lavoro per due settimane dal 25 ottobre fino al 6 novembre, quindi l’ho interrotta e adesso è ripresa e durerà fino a tutto giugno 2016. Volevo sapere:
    devo lo stesso richiedere lo stato di disoccupazione al centro per l’impiego e prenotare già ora la NASPI successiva una volta finita questa, cioè da luglio in poi, avendo ancora i requisiti necessari? O a differenza della vecchia ASPI non se ne possono fare due consecutive?
    Grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Roberto, ora non deve fare nulla. Non è possibile fare due domande consecutive come con l’ASpI.

      1. Roberto Casiraghi ha detto:

        Ho capito, quindi per richiederne un’altra devo aspettare la fine di questa NASPI, trovare un lavoro e poi eventualmente, in caso di nuova disoccupazione, la potrei avere in base ai requisiti accumulati? Chiedevo perché l’anno scorso sono rimasto, diciamo fregato, con l’ASPI proprio perché non la prenotai in tempo, dopo la fine di un breve periodo di lavoro, tenendola congelata fino all’anno successivo, e quando la chiesi era ormai troppo tardi.
        Già che ci siamo: le settimane di ferie pagate fanno parte del conteggio sulle settimane utili?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Esattamente. le ferie fanno parte del conteggio per le settimane utili (minimo 13) negli ultimi 4 anni, mentre non possono essere conteggiate per il requisito delle 30 giornate nell’ultimo anno. Commento moderato 😉 A presto!

  70. Eleonora Snow ha detto:

    Buonasera,
    lavoro da un anno e mezzo con contratti a tempo determinato (di mese in mese), ho diritto a ricevere la Naspl anche nel caso in cui rifiutassi la prossima proroga?

    Grazie in anticipo

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Eleonora, certo che sì, l’importante è che non si licenzia 😉 A presto!

  71. Giuse00 ha detto:

    Buonasera, avrei un dubbio sul fatto della decorrenza che non ho capito bene.

    Io ho fatto domanda per la naspi circa 20 giorni dopo aver finito di lavorare. L’articolo dice che si fa domanda subito si avrà diretto alla naspi decorrendo dall’ottavo giorno dopo aver finito di lavorare, la mia domanda è:

    Averla fatta qualche giorno dopo cosa implica? Solmente di ricevere la naspi a partire da qulche giorno più tardi ma stesso importo o che avendo perso quei giorni non mi spettare una parte della naspi e quindi meno soldi?

    Grazie per l’aiuto

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, se la domanda viene fatta dopo l’ottavo giorno successivo al termine del rapporto di lavoro la decorrenza parte dalla data della domanda. Per il calcolo dell’importo e della durata non cambierà praticamente nulla 🙂 A presto!

  72. sentinel ha detto:

    Salve a tutti, ho inviato domanda naspi, ho 104 settimane lavorative negli ultimi 4 anni da togliere le 52 riguardanti l’aspi ottenuta nel 2013, ma ho timore che nn venga accolta. ho avuto un contratto lavorativo nell’ultimo anno 38 giorni dal 8 maggio al 20 giugno ma ho solo 26 presenze lavorative, quindi a settembre mi hanno assunto con un contratto di 10 giorni dal 09 settembre al 18 settembre 2015 con 7 giorni di presenze…. secondo voi ho i requisiti per la naspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certo, perché non dovrebbe? Le 30 giornate ci sono, le 13 settimane anche dunque dovrebbe essere accolta 🙂

    2. Valerio Torino ha detto:

      salve mi hanno accolto la naspi su 39 gg e poi finisce?

  73. Raissa Di Girolamo ha detto:

    Salve!! Sono stata licenziata il 03/01/2014, ho usufruito dell’Aspi per 14 mesi fino a febbraio 2015. Il 5 ottobre 2015 sono stata assunta a tempo determinato per 3 mesi (fino al 16/01/2016). Vorrei sapere se potrò usufruire della Naspi, e per quanti mesi. Vorrei sapere se nel conteggio ( per la Naspi), vengono calcolati anche gli anni in cui ho lavorato prima del licenziamento (dal 2002 al 2014). Vi ringrazio anticipatamente, cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Raissa, avrà sicuramente diritto alla NASpI ma non sappiamo dirle quanto durerà. Se ha sempre lavorato full time negli ultimi 4 anni (nel suo caso verranno calcolati i contributi utili dal 01/2012 al 01/2016) la sua NASpI dovrebbe durate all’incirca un altro annetto ma non abbiamo possibilità di darle risposte certe. A presto!

  74. Katiuscia Sanna ha detto:

    Salve a tutti,
    Mi hanno appena convalidato la naspi ed è in pagamento. Vorrei sapere, in questo mese ho lavorato 2 giorni come inventarista… 1 giorno 4 ore pagate con voucher, e 1 giorno 4 ore con contratto a tempo determinato. Devo dichiararli all INPS affinché nn mi venga sospesa oppure posso evitare??
    In precedenza consideravano minimo 3 giorni di contratto.. per poter sospendere la disoccupazione…
    Attendo una cortese risposta.
    Grazie.
    Katiuscia

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Katiuscia, purtroppo non è chiaro se nel caso di rapporti di lavoro così breve va compilato, noi consigliamo sempre di inoltrarlo per evitare disguidi, ma nel caso in cui non dovesse essere necessario vedrà che l’INPS lo ignorerà e basta. A presto!

  75. Roxanne Mori ha detto:

    sono stata licenziata il 30/09/2014 dopo 11 anni di lavoro- ho usufruito della Aspl dal 8/10/2014 al 30/06/2015 , dopodichè sono stata assunta a tempo determinato dal 1/7/2015 sino al 30/09/2015-Tutt’ora ususfruisco della Aspl per il restante periodo fino al febbraio 2016-Volevo sapere se nel frattempo mi viene proposto un lavoro retribuito con i voucher , ( penso non superiore ai 2000 euro) continuerò a percepire la Aspl per intero per il tempo di lavoro retribuito con i voucher? o subisco una decurtazione?
    Grazie anticipatamente per la risposta –

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, da quel che ricordo l’ASpI era compatibile con i voucher quindi il sussidio non dovrebbe subire alcuna variazione. E’ bene però verificare sempre che non ci siano state variazioni in materia, le consiglio, per sicurezza di contattare il numero verde 803164. A presto!

    2. Fabio Catte ha detto:

      Salve volevo sapere se ho diritto alla naspi, e se si quanti mesi? (Finisco di lavorare il 31 ottobre) 01/05/2012 30/09/2012 Lavoro dipendente sett. 22 22,000
      01/05/2013 31/10/2013 Lavoro dipendente sett. 27 27,000
      08/11/2013 31/12/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 8 8,000
      01/01/2014 12/02/2014 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 7 7,000
      16/04/2014 16/10/2014 Lavoro dipendente sett. 27 27,000
      16/06/2015 31/08/2015 Lavoro dipendente sett. Bbb

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Fabio, sicuramente ha diritto alla NASpI ma per il calcolo delle settimane non possiamo aiutarla, dovrà attendere la risposta dell’INPS. A presto!

  76. Peppe Boss ha detto:

    Salve, ho letto tutto, o mi è sfuggito o non è stato chiesto… Provvedo, perché purtroppo aimè ancora non ho trovato risposta ne sul sito dell’Inps ne su siti affini.
    Da una settimana sono disoccupato, presento domanda Naspi, in data 01/12/15 dovrò interromperla per nuova assunzione a tempo determinato che terminerà ad Aprile, posso ripresentare la Domanda Naspi? O devono passare nuovamente 4 anni per averne diritto?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Al termine del suo rapporto di lavoro potrà ripresentare domanda di NASpI, non deve aspettare 4 anni 🙂 A presto!

  77. abel ha detto:

    buongiorno vorrei sapere se dopo 3 contratti consecutivi, di lavoro a tempo determinato, un anno, poi un mese. poi un altro anno, (25 mesi tniterrotti) il terzo contratto scadrà a fine ottobre (operaio gonna plastica) ho diritto al naspi e per quanti mesi. Grazie, un saluto

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, al termine del suo rapporto di lavoro avrà certamente diritto alla NASpI. Di base la durata del sussidio è pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, ma ovviamente è impossibile per noi calcolarne la durata esatta considerato che i fattori in gioco sono un po’ complessi e la durata varia al variare di questi fattori. Le consiglio di dare un’occhiata al nostro articolo sulla NASpI in modo da verificare al meglio la sua situazione contributiva. A presto!

  78. Sara Rady ha detto:

    Salve,
    Vorrei sapere se posso ottenere il sussidio di disoccupazione avendo lavorato negli ultimi anni all’estero.
    Dal 2010 infatti fino alla fine del 2014 ho lavorato a Londra e lo scorso dicembre sono ritornata in Italia. Da Marzo 2015 sono stata assunta con un contratto che terminerà a fine ottobre 2015.
    Posso comunque richiedere l’indennità di disoccupazione al termine del rapporto lavorativo? Quali documenti occorre presentare?
    Grazie infinite per la Vostra risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sara, la Gran Bretagna credo proprio che rientri nei paesi convenzionati con l’Italia ai fini previdenziali quindi sì, calcoleranno la sua indennità anche sulle giornate lavorate all’estero. E’ importante che lei alleghi alla domanda il suo contratto di lavoro estero e, se possibile, le ultime 3 buste paga. Insomma tutto ciò che può attestare il suo rapporto di lavoro all’estero. A presto!

      1. Sofia Plà ha detto:

        Salve,
        vorrei sapere se una volta terminato il mio attuale contratto stagionale posso fare domanda per la Naspi.
        Dal 1 maggio 2015 ho iniziato a lavorare part-time, per 4 ore al giorno per 5 giorni a settimana per 6 mesi. Come suddetto, il mio è un contratto stagionale, che scadrà il 31 ottobre, quindi per l’anno 2015 avrò accumulato un totale di 26 settimane lavorative in 6 mesi. Rientrerei tra i beneficiari della Naspi?
        Grazie.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Sofia, la NASpI le spetterà di certo 😉 A presto!

  79. Frontaliere76 ha detto:

    Salve
    volevo sapere richiedere la NASPI dopo 15 giorni dalla scadenza del 68* giorno comporta non prenderla o riesco comunque a riceverla?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      No, la domanda va fatta ENTRO E NON OLTRE 68 GIORNI altrimenti non viene accolta.

  80. Lisa Vallese ha detto:

    Buongiorno, nell’ esempio del calcolo che ha fatto, quello è l’importo mensile che verrà percepito per la metà delle settimane che si è lavorato?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Lisa, se fa riferimento a questo articolo sì, ovviamente al netto delle trattenute. In realtà questo articolo è vecchio, calcoli più precisi può farli seguendo gli esempi riportati nel nostro articolo più recente . A presto!

  81. Sugar Henry ha detto:

    Salve, se possibile vorrei sottoporvi la mia situazione : sono stato assunto nel 2008 con contratto a progetto, 40 ore settimanali, lavorato fino a meta’ 2011 per poi essere assunto a tempo indeterminato sempre per la stessa ditta sempre 40 ore a settimana. Sono stato licenziato a fine 2014 ed a breve scadra’ la aspi che percepisco da quasi 8 mesi. Se alla scadenza della suddetta nella peggiore delle ipotesi mi trovassi ancora disoccupato quali sono i requisiti che mi permetterebbero di usufruire, se possibile, della nuova naspi?
    Vi ringrazio in anticipo, a presto.
    Sugar

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, per avere diritto alla NASpI dovrà avere necessariamente un nuovo rapporto di lavoro al termine dell’ASpI e soddisfare i seguenti requisiti. A presto!

  82. Polina Borissova ha detto:

    Buona sera, vorrei avere un chiarimento. Ho finito di percepire la disoccupazione aspi il 15/06/2015 e dal 01/07/2015 ho lavorato col contratto a tempo determinato che è finito il 16/08/2015 quindi risoluzione consensuale. La mia domanda è, possa fare la domanda per la NASPI? E ne avrei diritto?
    Grazie mille e cordiali saluti!!!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, dovrebbe avere i requisiti legati alle 13 settimane e alle 30 giornate di presenza, ma verifichi che la risoluzione consensuale sia avvenuta secondo la procedura di cui all’art. 7, L. 604/1966, questa la circolare inps in cui si fa riferimento a tale risoluzione. A presto!

      1. Polina Borissova ha detto:

        Buona sera, grazie intanto per la risposta. Forse, sono io che mi sono spiegata nella maniera errata.. Intendevo che ho lavorato circa per un mese e mezzo con contratto a termine. Dove il mio datore di lavoro non mi aveva detto che me lo avrebbe rinnovato, ovviamente io ci speravo, ma semplicemente è terminato. In questo caso mi può bastare il mese e mezzo per fare domanda per la NASPI? E se nel 2013 ho percepito la disoccupazione ordinaria e nel 2015 la aspi. Come si devono calcolare le settimane del conto contributivo? Grazie
        Cordiali saluti

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Un mese e mezzo dovrebbe bastare, semplicemente deve verificare che in questo mese e mezzo le sue giornate di EFFETTIVA PRESENZA SUL LAVORO siano state più di 30. Le settimane che hanno dato luogo a precedenti disoccupazioni non verranno considerate, ma in realtà ci sono dei cavilli e il calcolo può farlo solo l’INPS. Deve dunque presentare domanda di NASpI e attendere la risposta dell’INPS che le dirà per quante giornate le spetta. A presto!

  83. Alice Martin ha detto:

    HELP ME. Ho finito il contratto il 10 giugno, iniziando un cococo il 30 maggio , solo i week end, dove è stato dichiarato che prendo 1.000 euro dal 30 maggio al 15 settembre. Ho diritto alla Naspi?
    Secondo la Snals, no. Dovrei farmi chiudere il cococo (farmi licenziare) e farmi riassumere con contratto a chiamata.
    Ho 32 anni, non so se posso rientrare nei canoni del c.a chiamata: Per altro, la mia azienda non vuole pagare in voucher. Aiutatemi per favore.
    Cordialmente,
    A. Martin

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Alla NASpI no, sicuramente. Se ha almeno 3 mesi di lavoro come co.co.co può fare domanda di DIS-COLL.
      Con i voucher non ci fa niente, sono una fregatura, e non si sa nemmeno se verranno mai versati i contributi (ad oggi non si vede ancora nulla).
      Il lavoro con i voucher è lavoro occasionale, mentre il contratto a chiamata è un’altra cosa. Se incolla una copia del suo estratto contributivo possiamo dare un’occhiata.

  84. Baudin ha detto:

    Buongiorno, volevo chiedere: io ho percepito la disoccupazione fino a dicembre 2014, da allora nn ho trovato lavoro, posso accedere a qualche incentivo?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      No Baudin, se non c’è un nuovo rapporto di lavoro non si può accedere ad alcun sussidio…

  85. GIUSEPPE SCHIRANO ha detto:

    Purtroppo, come previsto sono stato licenziato il 18/05/2015. Ho già presentato domanda NASPI, ma ancora non mi è ben chiaro per quante settimane dovrò percepirla, qualora nel frattempo non riuscissi a trovare un nuovo impiego.
    Allego l’estratto conto contributivo nel quale non sono ancora inserite le settimane di Aprile e Maggio 2015.
    Nell’attesa di una vostra risposta, porgo cordiali saluti.

    01/05/2011 31/05/2011 Lavoro dipendente sett. 5
    01/06/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 31
    01/01/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2013 31/07/2013 Lavoro dipendente sett. 31
    08/08/2013 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 21
    01/01/2014 08/08/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 32
    01/10/2014 31/12/2014 Lavoro dipendente sett. 14
    01/10/2014 31/12/2014 Malattia/infort.(ad int) sett. 0
    01/01/2015 31/03/2015 Lavoro dipendente sett. 14

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giuseppe, purtroppo, come abbiamo già comunicato ad altri utenti, non ci è più possibile fare i calcoli per la NASpI in quanto sono molto complicati quindi rischieremmo senz’altro di sbagliare, e non vorremmo darvi informazioni errate. Se vuole può provare a contattare il numero verde 803164. Ci spiace davvero, a presto!

  86. Previdenza Facile ha detto:

    Come promesso abbiamo steso un articolo approfondito in merito al calcolo della misura e della durata della NASpI, e lo trovate cliccando su questo link .
    Poiché, a differenza dell’ASpI, i calcoli per la NASpI sono particolarmente intricati, vi preghiamo di provare ad effettuare da voi il calcolo della vostra disoccupazione.

    Restiamo comunque a disposizione per qualunque tipo di chiarimento o conferma, ma difficilmente riusciremo a tenere il ritmo di risposta che abbiamo sempre garantito con le informazioni richieste per la NASpI in quanto, ricordiamo, effettuiamo questo lavoro in modo del tutto volontaristico.
    Potete continuare a porre i vostri quesiti tramite il form dei commenti in modo che le esperienze possano essere pubbliche e magari essere d’aiuto per altre persone.
    Grazie a tutti per il sostegno

  87. Vittoria ha detto:

    Salve, o lavorato ininterrottamente fino a metà Dicembre 2014
    01/01/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2013 31/12/2013 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2014 15/12/2014 Lavoro dipendente sett. 50
    Avrei 3 domande.
    1; Avendo presentato la domanda il 2 Gennaio 2014 ho diritto di 8 o 10 mesi di disoccupazione? Non è chiaro se conta la data del licenziamento o la data della domanda per l’ASpI.
    2; Se trovassi lavoro all’estero (nell’Unione Europea) alla scadenza del contratto avrei comunque diritto alla NASpI avendo sempre lavorato in Italia fin’ora?
    3; Se ho capito bene devo avere 30 giorni lavorativi negli ultimi 12 mesi. Questo significa che (in teoria) basterebbe anche un contratto di un paio di giorni per poter fare domanda per la NASpI? (Intendo tipo quei contratti di breve durata che fanno per esempio sotto Natale i centri commerciali)
    Grazie
    Cordiali saluti
    Vittoria

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Vittoria, se ha presentato domanda a Gennaio le spettano 10 mesi di ASpI. Se troverà lavoro in un paese estero che ha stabilito una convenzione con l’Italia, al suo ritorno, potrà presentare domanda di disoccupazione per rimpatriati o NASpI. Per il contratto va bene anche un contratto breve considerato che lei è già in possesso del requisito dei 30 giorni.

  88. giusy83 ha detto:

    Salve vorrei ringraziarvi xke leggendo i vari quesiti e le vostre risposte sono riuscita a capire un po di cose che prima erano in dubbio …riguardo la disoccupazione volevo esporre il mio quesito:io sono stata licenziata con un contatto full time a tempo determinato (inizio 1 giugno 2014/fine 30 novembre 2014),sono rimasta incinta in quel periodo e ho preso malattia da fine ottobre e poi dal 1 /12/2014 Al 20/4/2015,ora dal 21/4/15 ho la disoccupazione ..fino a quanti mesi ne ho diritto ??visto che prima era maternita ??se nn ho capito male 8 ?o è aumentato a 10?grazie in anticipo .

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giusy, credo che siano solo 8 in quanto il suo diritto all’ASpI dovrebbe partire dal termine del rapporto di lavoro (nel 2014 il massimo era di 8 mesi), quando ha presentato la domanda di ASpI?

  89. abdelhamid mellit ha detto:

    Prima di tutto vi ringrazio anticipatamente per il vostro sostegno. Vorrei esporre la mia situazione e chiedervi chiarezza ,
    Nelle ultimi quattro anni ho lavorato in continuazione solo agosto 2012 ho preso un mese di disoccupazione ASPI.
    IL 01/10/2014 sono entrato in disoccupazione ASPI fino 23/11/2014 poi e stata sospesa per motivo nuovo rapporto di lavoro fino al 31/01/2015 ,adesso sono ancora in disoccupazione fino a l’ ottavo mese previsto per L’ASPI ,vorrei chiedere
    Con la nuova NASPI devo presentare un altra domanda o conservo l’ASPI fino la fine?
    In caso di un nuovo rapporto di lavoro di un mese dopo il primo maggio posso fare domanda per la NASPI O dopo la scadenza del rapporto di lavoro L’INPS continua a pagarmi con l’ASPI?
    Quanto devo lavorare per poter chiedere la nuova NASPI? Cordiali saluti.

    01/01/2011  15/09/2011 Lavoro dipendente sett.  34  34,000  
    01/01/2011  15/09/2011 Cassa integrazione sett.  1  1,000  
    01/01/2011  15/09/2011 Contratto solidarieta’ sett.  3  3,000  
    16/09/2011  25/09/2011 Ind. sost. preavviso sett.  2  2,000  9
    27/09/2011  30/09/2011 Lavoro dipendente sett.  1  1,000  
    23/10/2011  23/10/2011 Disoccupazione sett.  1  1,000 
    24/10/2011  31/12/2011 Lavoro dipendente sett.  10  10,000  
    01/01/2012  03/08/2012 Lavoro dipendente sett.  31  31,000  
    11/08/2012  02/09/2012 Disoccupazione sett.  4  4,000 
    03/09/2012  31/12/2012 Lavoro dipendente sett.  18  18,000  
    01/01/2013  31/12/2013 Lavoro dipendente sett.  49  49,000  
    01/01/2013  31/12/2013 Malattia e/o infortunio sett.  4  4,000  
    01/01/2014  30/09/2014 Lavoro dipendente sett.  40  40,000  
    17/11/2014  31/12/2014 Lavoro dipendente sett.  6  6,000  
    01/01/2015  31/01/2015 Lavoro dipendente sett.  5  5,000  
    Cordiali saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Abdelhamid, da quello che vedo dal suo estratto ha ancora molte settimane a disposizione per percepire la NASpI. Per ora continuerà a percepire la sua ASpI fino alla fine, non deve inoltrare una nuova domanda. Se avrà un nuovo contratto di lavoro dovrebbe avere la possibilità di richiedere la NASpI, ma non è ancora uscita la circolare ufficiale INPS quindi non siamo in grado di darle una risposta certa. Se avrà ancora questo dubbio la invitiamo a riscriverci tra un paio di settimane in attesa di ulteriori delucidazioni in merito. A presto!

  90. diego ha detto:

    buongiorno, vorrei un chiarimento riguardo alla nuova NASPI, se ne ho diritto o no, elenco i miei periodi lavorativi così come da estratto conto dell’ INPS 21/04/2011 31/07/2011 Lavoro dipendente sett. 6
    01/10/2011 31/10/2011 Lav.dipend. part-time sett. 1
    18/06/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 29
    01/01/2013 28/09/2013 Lavoro dipendente sett. 39
    19/10/2013 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 11
    01/01/2014 19/06/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 25 vorrei sapere se ho diritto di percepire delle indennità di disocc. , e se eventualmente iniziando un nuovo lavoro vi possono essere eventuali cambiamenti per percepire un reddito di disoccupazione o altro, grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Diego, avrà diritto alla NASpI solo se avrà un nuovo contratto di lavoro di almeno 18 giorni. la durata del sussidio, così come sono i suoi contributi oggi, non sarà più lunga di circa 12 settimane. Ci teniamo sempre a precisare che si tratta di calcoli puramente approssimativi in quanto deve ancora uscire una circolare ufficiale INPS in merito.

      1. diego ha detto:

        buonasera, il giorno 27/04/2015 ho firmato un nuovo contratto di lavoro con scadenza 15/05/2015 con possibilità di eventuali proroghe, quello che voglio sapere è se ci vogliono 18 giorni lavorativi per chiedere la nuova naspi o se il periodo va da inizio a fine contratto perché in questo caso sarebbero 19 giorni di contratto con le festività comprese, inoltre vorrei anche sapere in caso di non rinnovo di contratto se posso richiedere la doppia aspi. grazie e complimenti per tutto ciò che fate e per la disponibilità.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Diego, bastano 18 giorni lavorativi negli ultimi 12 mesi per richiedere la Naspi. La doppia aspi non la potrà richiedere in quanto il suo contratto scadrà a Maggio, di conseguenza potrà solo fare domanda di Naspi. A presto!

          1. diego ha detto:

            un ulteriore dubbio ma se il mio contratto viene rinnovato ad es. per 2 mesi o più , non posso richiedere ugualmente la doppia aspi? e per questa doppia aspi in quali casi si può fare domanda? vorrei che mi spiegasse nel dettaglio grazie.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Ormai non potrà più inoltrare domanda di doppia ASpI, per gli assunti, e quindi licenziati, dopo il 1° maggio 2015 c’è in vigore solo la NASpI.
            Per accedere alla NASpI bastano 30 giornate lavorative negli ultimi 12 mesi e almeno 13 settimane lavorate negli ultimi 4 anni

  91. peppe ha detto:

    Salve volevo capire i requisiti della nuova naspi.. io sono stato licenziato a marzo 2014 dopo 14 anni di lavoro, da aprile ho usuffruito della aspi, che e’ terminata a gennaio, da un mese sto lavorando ma il contrratto mi scade a meta’ maggio, volevo capire se ho i requisiti della nuova naspi, ma sopratutto se vengono considerati i miei anni ultimi quattro anni di lavoro perche’ ho usuffruito gia della aspi…

    Non ho capito questo passo,alla fine del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi,che hanno gia dato luogo,ad erogazione delle prestazione di disocupazione… quindi i miei ultimi 4 anni dove ho lavorato 3 anni, non vengono calcolati? grazie in anticipo

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Peppe, gli unici contributi che non verranno considerati fanno riferimento alle 52 settimane utilizzate per percepire l’ASpI, quelli precedenti (entro i 4 anni) e successivi verranno considerati per il diritto e per il calcolo:)

      1. peppe ha detto:

        l aspi da me fatta sono stata dieci mesi, quindi perche’ 52 settimane ? poi negli ultimi quattro anni ho avuto 3 anni di assunzione totali, intervellati da dieci mesi di disoccupazione, quanto mesi mi toccherebbero della nuova naspi? grazie come sempre per la gentilezza…

        1. Previdenza Facile ha detto:

          deve considerare i contributi che hanno dato il diritto all’aspi (52 settimane) e non le settimane di aspi percepite.

          1. peppe ha detto:

            Ma sapete dirmi quanto mesi mi toccano di naspi…

          2. Previdenza Facile ha detto:

            per una risposta (quasi) certa deve fare copia incolla del suo estratto contributivo degli ultimi 4 anni.

          3. peppe ha detto:

            Ripeto 2 anni e dieci mesi di lavoro consecutivi poi aspi ora due mesi di lavoro,non prendevo piu di 1100 euro…posso sapere quanto mesi di nspi mi tocca…grazie ancora una volta…

          4. Previdenza Facile ha detto:

            Non siamo in grado di dare risposte precise se le informazioni non sono precise, quindi ci basiamo sulle informazioni che ci fornisce. sarebbero 36 mesi di lavoro totale. Il calcolo da fare è questo: (24+12-12)/2= 12 mesi di NASpI

  92. Previdenza Facile ha detto:

    Errata Corrige Interpretazione NASpI
    In riferimento a quanto da noi indicato nel rispondere ai Vostri quesiti sul nuovo sussidio di disoccupazione NASPI, scusandoci per l’errata interpretazione dell’articolo 1 comma 2 legge 183/2014 , vi comunichiamo che nell’ Art. 1 è specificato che l’accesso al suddetto sussidio sarà possibile soltanto per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1 maggio 2015.

    Ciò significa che solo chi verrà licenziato dopo il 1° maggio 2015 potrà effettuare la domanda di NASpI.
    Per tutti gli altri resterà la possibilità di accedere all’ASpI entro 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro.
    Restiamo a disposizione per ogni chiarimento.

    La Redazione di PrevidenzaFacile

    1. Elena Nistri ha detto:

      veramente mi sembrava gia specificato che fosse dal 1 maggio, i restanti requisiti riguardo le settimane lavorative nei 4 anni precedenti, rimangono invariati? io ho preso aspi nel 2014, lavorero 2 mesi da maggio in poi,posso far valere i contributi precedenti il 2013 x fare domanda di naspi?grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Anche questo non è specificato ma credo proprio di sì, altrimenti nessuno potrebbe percepirla 🙂

  93. jonathan86 ha detto:

    Salve. Volevo porvi il mio quesito , ho un contratto di apprendistato professionalizzante o (contratto di mestiere) iniziato il 29/10/2012 e con scadenza il 28/04/2015 (30 mesi consecutivi a 40 ore settimanali) mi hanno già comunicato verbalmente che sarò licenziato. volevo sapere se devo avere la lettera di licenziamento, e visto che la data del licenziamento è il 28/4/2015 rientro nell’ASPI? e per quanto ne potrò usufruire? Grazie e cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Jonathan, non deve avere la lettera di licenziamento ma basta il contratto con la scadenza in quanto a tempo determinato. A mio avviso dovrebbe convenirle attendere maggio e presentare domanda di NASpI poiché se fa domanda di ASpI entro il 30 aprile riceverà solo 10 mesi di disoccupazione mentre la NASpI viene erogata per la metà dei mesi lavorati negli ultimi 4 anni. Attenzione però perché il contratto da apprendistato è valido per la disoccupazione solo dal 1° gennaio 2013, quindi i periodi precedenti, se lavorati come apprendistato, non verranno calcolati. Avrebbe comunque diritto a circa 14 mesi di NASpI a fronte dei 10 di ASpI. Spero di esser stata chiara 🙂

      1. jonathan86 ha detto:

        Grazie . Chiarissima e ringrazio per la velocità di risposta,( ne approfitto per farle un altra domanda) quindi se presento la domanda dopo il 1 maggio rientro nella nuova procedura , nella presentazione della domanda di NASpl non fa fede la scadenza del contratto? in questo caso il 28/4/2015. Grazie.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Fa fede, ma lei ha 68 giorni di tempo dal licenziamento per presentare la domanda, quindi può scegliere 🙂

          1. jonathan86 ha detto:

            Grazie mille..

  94. GIUSEPPE SCHIRANO ha detto:

    Buonasera, vorrei proporvi il mio quesito. Purtroppo a breve verrò licenziato in quanto la società per cui lavoro è stata messa in liquidazione, pertanto vorrei sapere per quanti mesi avrei diritto alla NASPI, qualora il licenziamento avvenisse dopo il 1° maggio, in quanto in precedenza ho percepito per un anno (in considerazione dell’età) la ASPI. Per essere più chiaro elenco i miei periodi lavorativi così come da estratto conto dell’ INPS:
     03/11/2009 31/12/2009 Laviri dipendente sett. 9
     01/01/2010   31/12/2010  Lavoro dipendente  sett.   52 
     01/01/2011   30/04/2011  Lavoro dipendente  sett.   18 
     01/05/2011   31/05/2011  Lavoro dipendente  sett.   5 
     01/06/2011   31/12/2011  Lavoro dipendente  sett.   31 
     01/01/2012   31/12/2012  Lavoro dipendente  sett.   52 
     01/01/2013   31/07/2013  Lavoro dipendente  sett.   31 
     08/08/2013   31/12/2013  Ctr. Figurativa per ASpI  sett.   21 
     01/01/2014   08/08/2014  Ctr. Figurativa per ASpI  sett.   32 
     01/10/2014   31/12/2014  Lavoro dipendente  sett.   14 
     01/10/2014   31/12/2014  Malattia/infort.(ad int)  sett.   0 
     01/01/2015   28/02/2015  Lavoro dipendente  sett.   9 
    Grazie mille e cordiali saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giuseppe, sommando i suoi periodi contributivi da maggio 2011 a maggio 2015, e sottraendo le 52 settimane che hanno dato luogo all’ASpI escono fuori circa 98 settimane (considerate le 8 di marzo e aprile 2015 che non sono ancora presenti nell’estratto). Le dovrebbero pagare la NASpI per la metà, quindi circa 49/50 settimane.

      1. GIUSEPPE SCHIRANO ha detto:

        Grazie per la celerità della risposta, chiaramente se ho inteso bene qualunque sia la data del licenziamento dal 1° maggio in poi, le settimane di pagamento della NASPI restano invariate, invece se il licenziamento dovesse avvenire nel mese di Aprile sarei penalizzato in quanto non ho i requisiti per richiedere l’ASPI.
        Grazie.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          No, in effetti se verrà licenziato in aprile potrà comunque fare la domanda a Maggio e percepire la NASpI:)

          1. GIUSEPPE SCHIRANO ha detto:

            Grazie ancora, non avevo considerato la possibilità di poter fare la domanda a Maggio!

        2. Nella Buccoliero ha detto:

          Sono stato licenziato il 18/05/2015 ed il 20/05/2015 ho fatto domanda di NASPI.
          MI è stato proposto un lavoro a tempo determinato per circa 3 mesi, so che va data comunicazione all’INPS comunicando tra l’altro quello che si prevede possa essere il reddito da percepire, che essendo inferiore al minimo tassabile mi dovrebbe consentire di percepire la NASPI (ART. 10 CIRCOLARE) per un importo ridotto dell’80% del reddito presunto e qui non ci ho capito più niente. Posto che prenderò la NASPI per circe 50 settimane, dichiarando un reddito di 2000,00 euro, in che modo viene ridotto l’importo del sussidio e per quanto tempo?
          Nell’attesa, cordiali saluti.

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Salve, l’importo viene ridotto dell’80% (mettiamo caso che a lei spettino 1000 euro mensili di NASpI, continueranno a pagargliene solo 200) solo per il periodo della durata del rapporto di lavoro. Poi dovrebbe ripristinarsi normalmente. Diciamo che per ora i primi che prenderanno la NASpI faranno un po’ da cavia perché con l’INPS mai tutto è chiaro fino in fondo…

  95. Giorgia Gio ha detto:

    salve,

    non sono molto ferrata in queste cose e non riesco a capire se con le nuove leggi ho diritto o no alla naspi.

    da settembre 2011 ad aprile 2012 ho avuto un contratto come tirocinante retribuita, e poi da maggio 2012 a novembre 2013 ho lavorato come impiegata con regolare contratto.
    nel frattempo sono rimasta incinta e perciò ho percepito la maternità fino a maggio 2014 e poi mi è partita la disoccupazione che si è conclusa a gennaio 2015.

    sono sposata e ho un figlio a carico, vorrei sapere se ho diritto oppure no alla naspi

    grazie
    Giorgia

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giorgia, ha diritto alla NASpI solo se ha un contratto di lavoro con scadenza dopo il 1° maggio 2015. Sta lavorando ora?

      1. Giorgia Gio ha detto:

        non ancora ma mi hanno proposto una collaborazione in un negozio per qualche settimana e in teoria dovrei iniziare ad aprile per concludere a inizio maggio.

        quindi in questo caso dopo la conclusione del rapporto di lavoro potrei richiedere la naspi se ho capito bene?

        sono vincolata a un tipo particolare di contratto per poterla richiedere?

        la ringrazio moltissimo e le faccio i complimenti per questo utilissimo sito!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì, il contratto dev’essere da lavoro dipendente (no contratti a progetto, cococo o voucher).
          Potrà richiedere la NASpI a fine contratto ma credo che verrà accordata per poco tempo, questo perché ha già utilizzato 12 dei mesi che vanno da maggio 2012 a novembre 2013 per percepire l’ASpI. per ora mi posso limitare a risponderle per quelle che sono le informazioni della gazzetta ufficiale, perché non è ancora uscita la circolare ufficiale INPS, di conseguenza molti punti sono ancora oscuri, le chiedo quindi di non prendere questa risposta come oro colato…bisogna attendere.
          A presto!

  96. GLAUCO981 ha detto:

    Salve volevo porvi il mio quesito, io ho usufruito fino a maggio 2014 dell’Aspi ( 8 mesi ) poi questa estate ho lavorato per 9 settimane e ho avuto diritto per altri 8 mesi all’Aspi che terminerà a fine aprile 2015.
    Se io dovessi trovare una nuova occupazione anche di qualche mese, teoricamente potrei percepire la Naspi, dato che avrei comunque antrambi i requisiti ( 13 settimane nei 4 anni precedenti e 30 giorni effettivi nei dodici mesi antecedenti) ….tuttavia ho letto all’art 5 del decreto che ha introdotto la Naspi che a fini della durata della Naspi non vengono computati i periodi di contribuzione che hanno dato origine alle indennità ergo le 63 settimane che posso vantare nei 4 anni precedenti vengono bruciate per via del fatto che mi hanno permesso di percepire la Aspi?
    E se cosi fosse avrei diritto alla Asdi benchè io non abbia ne figli e nemmeno sia prossimo alla pensione?
    Grazie mille e cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Glauco, all’ASDI, senza figli, credo proprio di no, ma questa è una cosa che potremo verificare meglio quando saranno ben delineate le informazioni relative a questi nuovi sussidi.
      Per quanto riguarda la NASpI, ahimé, hai capito bene, le settimane utilizzate per l’ASpI non potranno più essere prese in considerazione per questo nuovo sussidio…

Lascia un commento