NASpI: come si calcola, e cosa cambia dall’ASpI

NASpI: come si calcola, e cosa cambia dall’ASpI

Avete fatto richiesta di ASpI e non sapete come si calcola? Volete sapere come si calcolerà l’importo della vostra indennità di NASpI? Di seguito vi illustro alcuni semplici passaggi per verificare che il calcolo dell’importo erogato dall’INPS sia effettivamente corretto.

 

Calcolo e durata dell’ASpI

L’ASpI è rapportata all’importo della media lorda mensile degli ultimi due anni utili a partire dalla presentazione della domanda. Esistono due tipi di calcoli:

  •  se l’importo che trovare nella lettera di accoglimento della domanda di aspi è inferiore a 1.192,98 € limporto mensile spettante sarà pari al 75% della stessa media mensile 
  • se l’importo che trovare nella lettera di accoglimento della domanda di aspi è superiore a 1.192,98 € l’importo mensile spettante sarà pari al 75%  di  1.192,98 €  maggiorato del 25% della differenza tra 1.192,98 € e il vostro lordo mensile

Esempio calcolo dell’indennità:

Esempio 1
Lordo busta paga 980€
(980/100)x75= 735€

 


Esempio 2

Lordo busta paga 1800 €
(1192,98/100)×75 = 894,735
1800-1192,98= 607,02 
(607,02 /100)×25 = 151,755 
totale indennità mensile al lordo delle trattenute Irpef = 885+151,755= 1046,49 € 

L’ASpI ha una durata massima di 8 mesi per gli under 50per chi ha più di 50 anni nell’anno 2013 durerà massimo 12 mesi e massimo 14 mesi nel 2014, fino ad arrivare a 16 nel 2015 solo per chi avrà più di 55 anni.

 

Calcolo e durata della NASpI

La NASpI (spettante per chi effettuerà la domanda a partire dal primo maggio 2015) è rapportata all’importo della media lorda mensile degli ultimi quattro anni utili, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il coefficiente fisso di 4,33.

Nei casi in cui la retribuzione mensile sia pari o inferiore nel 2015 all’importo di 1195 euro mensili, l’indennità mensile è pari al 75% della retribuzione. Nei casi in cui la retribuzione mensile sia superiore a 1195 euro mensili l’indennità è pari al 75% del predetto importo a cui si aggiunge un ulteriore importo pari al 25% della differenza tra la retribuzione mensile e 1195. L’indennità mensile non può in ogni caso superare nel 2015 l’importo massimo mensile di euro 1300, rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente.

Sembra un po’ complicato, ma allora, come calcolare esattamente l’importo spettante di indennità NASpI? Di seguito ho cercato di semplificare un po’ il concetto, con delle operazioni semplici divise in due esempi.

Esempi di calcolo

Esempio 1

mesi lavorati 24 (104 settimane) a 1100 lordi
mesi lavorati 3 (12 settimane) a 700 euro lordi
116 settimane di contribuzione totali

1100×24=26400 euro
700×3= 2100 euro
26400+2100= 28500 euro
28500/116= 245,69
245,69×4,33=1063
(1063/100)x75=797,87

 

Esempio 2

mesi 24 (104 settimane) a 1800 lordi
mesi 3 (12 settimane) a 700 euro lordi
116 settimane di contribuzione totali

1800×24=43200 euro
700×3= 2100 euro
43200+2100= 45300 euro
45300/116= 390,51
390,51×4,33=1690,93
(1195/100)x75=896,25
1690,93-1195=495,93
(495,93/100)=123,98
896,25+123,98=1020,23

NB: L’importo risultante è sempre inteso al lordo delle trattenute irpef.

 

L’indennità è ridotta progressivamente nella misura del 3% al mese dal primo giorno del quinto mese di fruizione. Per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1 gennaio 2016 tale riduzione verrà applicata dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

La durata della NASpI è stabilita per un periodo pari alla metà delle settimane contributive (quindi effettivamente lavorate) degli ultimi 4 anni. Dunque se avete lavorato, come da esempio, 116 settimane l’indennità verrà corrisposta per 58 settimane. In queste settimane non saranno però computate quelle che hanno già dato luogo, in passato, al diritto per la stessa prestazione. A partire dal 2017 il periodo massimo stabilito per l’erogazione della prestazione è pari 78 settimane.

 

Leggi anche il nostro articolo più aggiornato, scopri come calcolare esattamente la tua indennità di Naspi
NASPI: TUTTO SU REQUISITI, DURATA E CALCOLO FACILE

 

Prima di prendere decisioni importanti a seguito della lettura di questo articolo, per la vostra sicurezza, vi consiglio di chiedere conferma delle informazioni al numero verde Contact Center INPS  803 164, in quanto le normative potrebbero essere soggette a cambiamenti

Previdenza Facile

Il nostro staff si cimenta nella semplificazione delle informazioni legate alla materia previdenziale, ed è a disposizione di tutti i lettori per un aiuto nella comprensione della sua legislatura, spesso riportata dalle istituzioni con passaggi astrusi o difficilmente comprensibili.

501 Comments on “NASpI: come si calcola, e cosa cambia dall’ASpI”

  1. Mary Sini ha detto:

    salve scusate il disturbo mio figlio ha appena ricevuto i soldi della disoccupazione ma non sappiamo se sono tutti o solo una parte
    cera scritto cosi:
    /BENEF/INDENNITA NASPI N. 54 GIORNI DA 8
    cosa vuole dire?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, per verificare e giornate effettivamente liquidate le consiglio di guardare nell’estratto pagamenti con il PIN oppure di contattare il numero verde 803164.

  2. Kupido Hart ha detto:

    Salve la mia domanda è: ho ricevuto la lettera naspi è stata accolta per 294 giorni sarebbe quasi 10 mesi vero? E calcolata sulla media mensile delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali negli ultimi quattro anni. detta media mensile e pari ad € 951.12.
    E poi quando arrivato primo pgamento naspi recivuto solo 269.31. Non capisco quanto prendo la mia disoccupazione?
    Come faccio calcolare!grazie mille..

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, contatti il numero verde e chieda delucidazioni in merito al periodo pagato, possibile al momento abbiamo erogato solo pochi giorni, questo spiega la somma bassa. Lei dovrebbe avere un lordo di 713 euro circa.

  3. Maria Cossu ha detto:

    Salve, ho lavorato da ottobre al 30 giugno, è possibile che mi spetti l disoccupazione solo per 77 giorni ( sono un insegnante precaria)

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, mi pare un po’ poco, ma dipende per quante ore e giornate ha effettivamente lavorato.

  4. Daniele Pedrazzoli ha detto:

    Qualcuno sa dirmi quanto sono le detrazioni irpef. Il mio lordo dovrebbe aggirarsi sui 1200€.
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Daniele, spiacenti ma non sappiamo aiutarti.

      1. giorgio Nocerino ha detto:

        salve
        mi è arrivata la comunicazione dell inps che mi dice che mi è stata accolta la richiesta di disoccupazione!!!
        sulla carta la retribuzione media mensile è di 2021,80 in riferimento a cio a quanto ammonta la rata mensile che andrò a percepire?grazie mille

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, non possiamo calcolare le vostre retribuzioni ma nei nostri articoli vi abbiamo indicato le modalità per poterla calcolare da voi.

          1. Federica Casati ha detto:

            Gentile previdenza facile, ho fatto domanda di NASPI il 12/07, a cui è seguita comunicazione Iban tramite mail e iscrizione al centro dell’impiego. Dal sito INPS la mia domanda risulta accolta il 12/07 e in “prima istanza” dal 20/07. Quanto tempo ci vuole però per ricevere il primo pagamento? Come faccio a sapere se è tutto in regola? Non so neanche per quanto è stata accolta e a che cifra… So che possono volerci anche 60 giorni, ma non dovrebbe arrivare almeno un anticipo? Così sinceramente, non avendo stipendio, non so neanche come vivere…!

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Federica, purtroppo è il problema di tutti i percettori di NASPI, la prima erogazione tarda sempre ad arrivare, e finché non verrà accolta non saprà né quanto dura né quanto è l’importo mensile. Contatti comunque il numero verde per inoltrare un sollecito. A presto!

    2. Oranneg Ociredef ha detto:

      devi calcolare il 75% di 1200 euro che sarebbero 900 euro circa per i primi 3 mesi e poi a scalare del 3% per i mesi successivi.Inoltre l’importo che ne esce fuori,viene ulteriormente tassato mensilmente di circa l’8% in pratica prenderesti 873 euro circa per i primi 3 mesi

  5. Badoi Jan Robert ha detto:

    Ciao,
    Come ho avuto un infortunio al lavoro e dopo è stato riconosciuto il 16% e percepisco una pensione di invalidita. In stesso tempo ho perso anche il lavoro perché non ho passato esame di visita con medico del lavoro. Mi è stato accettato anche la disoccupazione.
    Ora la mia domanda e: perdo la disoccupazione perché ho la pensione da parte di inail?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la disoccupazione non spetta se c’è inabilità lavorativa, ma di per sé la NASPI non è incompatibile con una rendita INAIL. Bisogna capire se lei è inabile a quel lavoro specifico o a tutti i lavori in genere…

  6. Claudio Di Frenna ha detto:

    Salve,

    il mio quesito è questo. Nel calcolo di quante settimane spetteranno di Naspi bisogna sommare le settimane ‘al diritto” o al calcolo”…? Perchè nel mio caso ottengo due somme diverse. A volte le settimane “al diritto” e “al calcolo” coincidono… a volte no (lavoro partime, o singole giornate a chiamate in una settimana…). Allora come funziona…?

    Se sommo le settimane “al diritto” ottengo 116 settimane (quindi :2 sarebbero 58 spettanti)
    Se sommo le settimane “al calcolo” ottengo 102 settimane (quindi :2 sarebbero 51)

    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Di norma andrebbero considerate quelle al calcolo, ma non essendo specificato in alcuna circolare c’è il rischio che le singole sedi INPS si comportino diversamente l’una dall’altra.

  7. Vale16 ha detto:

    Buon giorno. Mi è arrivata la lettera di disoccupazione e dice la domanda e stata accolta con decorrenza del 30/07/2016 e potrà essere corrisposta x il seguente numero di giorni 0. Volevo sapere x giorni Zero csa vuol dire nn capisco grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, probabilmente c’è un errore di trascrizione, provi a contattare la sua sede INPS di competenza. A presto!

    2. Annamaria Parisi ha detto:

      Poi sei riuscita capire perchè zero giorni?

    3. Vincenzo Rocca ha detto:

      Salve ho ricevuto la naspl e dice che potra essere corrisposta per il.seguente numero di 641 giorni quindi vuol dire che mi pagano per circa 22 mesi?

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Se la matematica non è un’opinione sì 🙂

  8. Tudor Cozma ha detto:

    Salve . Oggi mi è arrivata la lettera dell’inps per la disoccupazione… C’è scritto : E’ STATA ACCOLTA con decorrenza dal
    23/10/2016 e, potrà essere corrisposta per il seguente numero di giorni 74 …. .. Detta media mensile é pari ad € 1794,38.
    Quanti soldi mi spettano in totale?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, siamo spiacenti ma non possiamo fare i conteggi per conto dell’INPS. Nell’articolo abbiamo indicato le linee di massima per calcolare da sé gli importi spettanti. A presto!

  9. Simone Santirocco ha detto:

    Ciao! Percerpisco la Naspi dal 8 luglio 2016 per un totale di 172 giorni. Ora facendo un piccolo calcolo sarebbero 5,7 mesi. Vorrei capire come verra distribuito questo calcolo. Il mese di Dicembre dovrebbe essere il mio “sesto mese”, mi verrà corrisposto quel 0,7? Ho chiamato l’inps ma danno risposte confuse

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, non le consiglio di fare il calcolo con i mesi ma con i giorni considerando per ogni mese vengono pagati 30 giorni del mese precedente, quindi ora a dicembre dovrebbe ricevere i 30 giorni di novembre.

      1. Simone Santirocco ha detto:

        Quindi a gennaio dovrei ricevere comunque la rimanenza di quei 172 giorni che è leggermente inferiore a 30 giorni (per questo 5.7)?

  10. Santo Cecala ha detto:

    Salve a tutti per quanto riguarda la NASPI sul foglio che mi è arrivato dall’inps con un totale di 452 giorni di retribuzione nelle mensilità sono compresi tutti i giorni del mese?grazie anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, certamente. Le vengono pagati 30 giorni per ogni mensilità.

      1. gingersoli . ha detto:

        Mi intrometto per una domanda riguardo le giornate naspi. Ho 257 giorni di lavoro, (262 giornate retribuite, ma poco cambia) e la naspi mi è stata appena accettata per solamente 109 giornate. Come mai…??

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, possibile si trattasse di un contratto part-time?

          1. gingersoli . ha detto:

            Salve, no…tutti i contratti sono full time…..ma credo di aver capito il perché. Una parte di quei giorni facevano parte di un contratto come operaia agricola, e….a quanto pare i periodi sono cumulativi SOLO al fine di aver diritto alla naspi. Ovvero, le giornate di lavoro agricolo ti possono aiutare solo nel caso in cui non si hanno abbastanza giornate. MA: ai fini del conteggio, sia dell’importo che del periodo, i due periodi (agricolo e non) non fanno cumulo. In breve ho “perso” quelle giornate. Nel mio caso è come non averle.
            Altra cosa. Cosa comporta disdire le trattenute sindacali..? io ho fatto domanda tramite patronato e mi stanno detraendo soldi. La revoca parte dal mese successivo alla richiesta oppure funziona come per le pensioni?
            Grazie mille…

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Perfetto:) Per le trattenute sindacali la revoca dovrebbe partire dal mese successivo, a volte anche dal secondo mese…

  11. milena mi ha detto:

    Salve,ho fatto la domanda Naspi il 28 luglio, ma ancora nessuna notifica del INPS. Sono andata a chiedere e risulta che in attesa di versamento contributi da luglio (ultimo mese)ma se il dattore di lavoro non li ha versati, perdo la disoccupazione? Per un mese? Cosa devo fare a questo punto?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Milena, di solito si attende sempre un pochino finché il datore di lavoro non fa il versamento, più che altro per fare i conteggi dell’importo spettante. Non perderà la disoccupazione, non si preoccupi.

      1. milena mi ha detto:

        ciao,sto partecipando la disoccupazione,ma non sto capendo niente(di continuo cambiano le settimane contributive e le somme diverse) per quanto riguarda i calcoli,mi spiego:vorrei sapere se si calcolano i ultimi 4 anni compreso 2016 o fino 2015?(ho fatto la domanda fine luglio)perche nel estratto conto di inps,non vedo i contributi del 2016(ho lavorato un mese e mezzo d estate)mi interessa, perche dal 6/2011 ho dei contributi e retribuzione abbastanza alta,se fossi entra 2011 posso calcolare la somma .cioe,dal 06/2011 a 2015 o dal 2012 al 2016 si calcola?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, il calcolo si fa considerando gli ultimi 4 anni a partire dalla data in cui si fa la domanda, dunque se ha fatto la domanda a fine luglio 2016 i 4 anni da considerare vanno da fine luglio 2012 a fine luglio 2016.

  12. Elisa Carella ha detto:

    Buongiorno, ho una disoccupazione con validità 508 giorni. Vorrei avere un’informazione riguardo al pagamento, il mio importo verrà scalato ogni mese, fino al 508esimo giorno del 3%? o come funziona?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la prestazione calerà del 3% ogni mese a partire dal quarto mese in poi. Il 3% fa sempre riferimento alla rata del mese precedente, e non all’importo iniziale.

  13. Patrizia Gilberti ha detto:

    Avrei bisogno di sapere cosa scrivere nella dichiarazione naspi compilata sul canale inps online alla domanda: attività subordinata,
    qual è il reddito previsto nel corso del presente anno solare?
    Devo mettere il reddito annuo lordo anche se sono stata licenziata a luglio? Come lo calcolo? Moltiplicando una mensilità per 13 oppure uso quello dello scorso anno?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve patrizia, se lei è stata licenziata non deve inserire alcun reddito, a meno che lei non abbia al momento della compilazione della domanda, un rapporto di lavoro dipendente in corso, ma da quello che ci scrive mi sembra di capire di no…A presto!

  14. vincenzo santarpia ha detto:

    Salve, la volta scorsa siete stati così gentili da rispondere subito ad alcuni miei dubbi riguardo alla disoccupazione. Ora ci riprovo, vista la vostra disponibilità. Vorrei sapere dove è possibile vedere sulla mia pagina personale dell’inps effettivamente quanti giorni di disoccupazione mi spettano. La mia domanda è stata avviata e se vado alla voce “consultazione” trovo infatti la dicitura “Pagamento in corso. Ultimo pagamento effettuato il 22/07/2016 con decorrenza 08/07/2016”. Solo che vorrei sapere il dettaglio di quella che è la mia disoccupazione totale in termini di giorni. Non riesco a trovare nessuna sezione o voce sul sito dell’inps per fare questo controllo. Per caso, voi sapete indirizzarmi?
    grazie, un saluto

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Vincenzo, siamo ben contenti di essere a disposizione. l’unico modo per vedere la durata della NASpi è leggere la lettera di accoglimento della domanda. Se non l’ha ancora ricevuta può verificare se è presente nella CASSETTA POSTALE ONLINE. Nei PAGAMENTI invece può trovare il dettaglio dei pagamenti ricevuti e le giornate già pagate. A presto!

      1. vincenzo santarpia ha detto:

        Ok. Grazie come sempre della risposta.
        Comunque, ho appena controllato nella cassetta postale online e anche nella sezione “pagamenti”. Non ho trovato niente. La lettera poi ancora non mi è arrivata a casa. Posso provare a fare un calcolo con il vostro aiuto? Io ho lavorato dal 1 luglio 2015 al 30 giugno 3016 in poste italiane come portalettere a tempo determinato (ho avuto un contratto iniziale di 4 mesi e poi 3 proroghe, fino al 30 giugno di quest’anno). La mia naspi dunque dovrebbe durare la metà dei mesi di lavoro alle poste. Calcolando che al mese sono state 26 giornate lavorative, moltiplicate per 12 mesi di lavoro, sono in totale 312 giornate. Dunque la naspi dovrebbe durare 156 giorni (la metà del totale dei giorni di lavoro alle poste). Ho fatto bene il calcolo?
        Aggiungo che negli anni precedenti non ho lavorato. Il lavoro alle poste è stato il mio primo vero lavoro.
        Un saluto 🙂

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Bravo Vincenzo, calcolo perfetto;) Se la domanda non è ancora stata accolta è normale che non ha trovato ancora nulla nella cassetta postale. A presto!

          1. vincenzo santarpia ha detto:

            Ok.
            Comunque pensavo che, dato che c’è scritto “Pagamento in corso. Ultimo pagamento effettuato il 22/07/2016 con decorrenza 08/07/2016”, la domanda fosse stata accolta.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Sì credo proprio che sia così:)

  15. Andrea B ha detto:

    Salve. Volevo chiedervi una cosa: se io ho perso il lavoro il 9 maggio e la domanda della naspi l’ho presentata il 10 giugno, il pagamento partirà solo dal 10 giugno o riceverò gli arretrati anche per il mese prima?
    O meglio, facciamo finta che io ho fatto la domanda un mese dopo aver perso il lavoro e avrei dovuto prendere 24 mesi di disoccupazione.
    Ne prenderò comunque sempre 24 o ne prenderò solo 23 dato che l’ho presentata un mese dopo?
    Grazie!!!
    Valeria

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, ne prenderà 23,5 🙂 La domanda non è retroattiva e non sono coperti periodi di disoccupazione antecedenti alla domanda. A presto!

  16. Laura Vidotto ha detto:

    Buongiorno,
    grazie per il supporto. Percepisco la naspi da qualche mese, a breve inizierò una nuova esperienza lavorativa per 4 mesi e mezzo. Telefonando all’inps mi hanno detto di presentare Naspi Com per sospendere il sostegno. Domanda:
    1- il reddito presunto che devo indicare è lordo o netto?
    2- perchè non posso semplicemente, al termine dell’esperienza, presentare domanda per una nuova naspi che consideri anche i contributi che verserò a breve?
    Grazie.
    Laura

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve laura, al momento non è ancora chiaro se, al termine di un rapporto di lavoro inferiore a sei mesi, sia possibile presentare nuova domanda o meno. Non so dare altra risposta alla sua domanda fuorché non si può perché così è scritto nella circolare. Se preferisce può comunque provare a presentare nuova domanda al termine del rapporto di lavoro, nella peggiore delle ipotesi viene respinta e continuano ad erogare quella sospesa in precedenza. Il reddito previsto dovrebbe essere netto, ma non è specificato.

    2. Angelo Caduto ha detto:

      Buongiorno, approfitto della Vs. disponibilità per chiedervi delucidazioni a proposito di Naspi: ho lavorato, senza soluzione di continuità, dal 1983 sino a settembre 2014, ho usufruito dell’Aspi per il periodo ottobre 2014-dicembre 2015, poichè sarò assunto il primo di luglio 2016 con contratto a scadenza gennaio 2017 (forse rinnovabile) vorrei, cortesemente , sapere se per la data di gennaio 2017 avrò diritto alla Naspi e se i contributi figurativi dell’ Aspi verranno conteggiati. Nel ringraziarVi per il tempo concessomi, Vi invio distinti saluti.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, sicuramente avrà diritto alla NASPI ma i periodi coperti da ASPI sono solo figurativi, quindi non sono calcolati ai fini di diritto/calcolo/durata della Naspi.

  17. Buongiorno, vorrei gentilmente chiedervi aiuto.. ho provato a chiamare l’inps ma non mi ha dato le informazioni richieste e prima di andare all’inps, avendo un bambino di 7 mesi, vorrei risolvere in altro modo..
    Premesso che ho dovuto sollecitare io i pagamenti all’inps per avere la NASPI e ho ricevuto i pagamenti più di 4 mesi dopo… ho poi ricevuto anche la loro lettera dove mi dicono che ho una media mensile pari a 1928.89..
    ma per DISOCCUPAZIONE NASPI per 83 GIORNI DALL’8 DICEMBRE 2015 AL 29 FEBBRAIO 2016 ho preso solo 2300,12 e per il mese di marzo 812,24.. secondo voi è corretto? che calcolo hanno fatto?
    Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, l’importo che trova nella lettera non è l’importo spettante di NASpI ma è la vostra media mensile retributiva degli ultimi 4 anni di lavoro. Da quell’importo si deve effettuare il calcolo per il mensile NASpI, come riportato nell’articolo. Consideri anche che il risultato è sempre lordo. Per capire meglio dovrebbe accedere al sito con il suo PIN e verificare il dettaglio del pagamento. A presto!

  18. Klaus Petrovic ha detto:

    Buongiorno, volevo capire come viene calcolata l’irpef sulla naspi dato che per un’indennità di 1177€ compreso di assegni famigliari ho 256€ di trattenute irpf. Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Klaus, sinceramente non saprei dirle, dovrebbe chiedere al patronato o all’agenzia delle entrate. All’INPS non sanno nulla in merito.

  19. Ivan Giardina ha detto:

    salve la mia ragazza è stata appena licenziata , gli è stata fatta un altra proposta di lavoro ma vorrebbe sapere a quanto ammonta la disoccupazione e per quanto tempo ho allegato tutti i periodi di lavoro vi ringrazio anticipatamente per la risposta
    Lavoro dipendente 24/09/2009 31/12/2009 settimane 14 14 € 4.772,00 ANGELO SALICE &FIGLI S.R.L.
    Lavoro dipendente 01/01/2010 28/02/2010 settimane 9 9 € 2.658,00 ANGELO SALICE &FIGLI S.R.L.
    Lavoro dipendente 01/03/2010 03/05/2010 settimane 10 10 € 4.921,00 ANGELO SALICE &FIGLI S.R.L.
    Lavoro dipendente 03/04/2012 31/12/2012 settimane 39 39 € 12.037,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente 01/01/2013 28/02/2013 settimane 9 9 € 2.419,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente a part-time 01/03/2013 31/12/2013 settimane 43 26 € 10.956,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente a part-time 01/01/2014 31/12/2014 settimane 52 31 € 13.720,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente a part-time 01/01/2015 31/03/2015 settimane 13 8 € 3.153,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente a part-time 01/04/2015 04/05/2015 settimane 6 3 € 3.100,00 MARSALA FILIPPO BRIDGE
    Lavoro dipendente 12/05/2015 31/12/2015 settimane 33 33 € 13.750,00 NEW MARSALA FILIPPO S.R.L.
    Lavoro dipendente 01/01/2016 30/01/2016 settimane 5 5 € 1.586,00 NEW MARSALA FILIPPO S.R.L.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, purtroppo non siamo in grado di calcolare durata e importo delle NASpI. Dovrete attendere la lettera di accoglimento, lì c’è scritto tutto. A presto!

  20. elita ha detto:

    Buongiorno, a fine mese sarò licenziata dall’azienda in cui lavoro da diversi anni.
    Un’altra società mi ha proposto un tirocinio di 6 mesi con garanzia giovani.
    So che nel periodo del tirocinio la disoccupazione non spetta, ma al termine potrò prenderla?
    Ad esempio se sto prendendo la disoccupazione da due mesi, poi inizio il tirocinio, al termine ritorno a prendere la disoccupazione o no?
    La ringrazio in anticipo. Saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, purtroppo questo aspetto non è ancora chiaro. Le consiglio di contattare la sede competente o il numero verde, se avrà delle novità in merito potrà tenerci aggiornati. A presto!

  21. Salve vorrei rivolgervi una domanda io dal 3 dicembre del 2013 al 5 aprile del 2015 ho usufruito della maternità dal 6 aprile 2015 fino al 6 aprile 2016 sono a casa in aspettativa ora con l’azienda siamo arrivati ad un accordo per l’interruzione del lavoro non essendoci le condizioni affinché io possa rientrare ma mi chiedevo se posso usufruire della Naspi non avendo 30gg di lavoro effettivo negli ultimi anni. Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Alberta, purtroppo da quello che si evince dalla disciplina NASpI si fa riferimento solo ad un ampliamento del periodo in cui cercare le 30 giornate di effettivo lavoro pari al max a 24 mesi dal termine del rapporto di lavoro. Non credo le spetti, sarebbe comunque conveniente che lei lavori per un mesetto e mezzo ancora prima del licenziamento in modo tale da poter poi presentare domanda di NASpI.

      1. Magda Dumitru ha detto:

        Salve.
        Ho fatto la domanda il 1 marzo,ma ancora nessuna risposta. Vorrei sapere se riusciro a prendero la NaSPI .
        07/09/2013 24/12/2013 Lav.dipend. part-time sett. 9 6,000 3.740.874 1.932,00 8303087155
        17/10/2013 31/12/2013 Lav.dipend. part-time sett. 12 4,000 1.978.868 1.022,00 8302675698
        01/01/2014 30/06/2014 Lav.dipend. part-time sett. 27 8,000 4.912.317 2.537,00 8302675698
        25/07/2014 27/12/2014 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 23 23,000 5.557.424 2.870,17 O
        01/05/2015 31/12/2015 Lavoro dipendente sett. 31 31,000 23.643.793 12.211,00 1413435414
        01/01/2016 31/01/2016 Lavoro dipendente sett. 5 5,000 3.301.340 1.705,00 1413435414

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Magda, certo che prenderà la NASpI, deve solo avere pazienza, purtroppo i tempi di attesa sono un po’ lunghi, ma i requisiti ci sono. A presto!

  22. Sanji Doggo ha detto:

    Salve!
    Giorni fà mi arrivò la lettera dall’inps per la conferma della disoccupazione NaspI.
    Qui è scritto che la mia media mensile è di 1182,47 euro, però ho ricevuto il primo bonifico che è pari a 587 euro.
    Facendo il solito calcolino dovrei percepire 887 euro, come è possibile tutto ciò?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      La prima cosa da verificare è il periodo di riferimento di questo pagamento in quanto non necessariamente si tratta di 30 giorni. Seconda verifica: importo delle trattenute applicate. Se ha il PIN può vederlo online, in alternativa contattare il numero verde 803164

  23. Julia Fejfer ha detto:

    salve vorrei capirne di piu!
    praticamente mi hanno accolto la domanda di disoccupazione “naspi”,
    negli ultimi 4 anni ho lavorato solo stagionalmente e solo nell’anno 2014 ho percepito la miniaspi!
    ora quest’anno è cambiata la legge, e in pratica mi hanno assegnato questa “naspi”
    nella lettera c’e scritto che è corrisposta per il seguente di 102 giorni, corrispondente ad un numero di settimane pari alla metà della settimana di contribuzione…………. ecc ecc
    la detta media mensile è pari ad 1823,57 .
    quindi quanto dovrei ricevere e per quanto tempo?? (fino ad ora ho ricevuto solo 3 rate)
    grazie del vostro aiuto! =)

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Julia, a parte le rate quello che deve fare è calcolare le giornate che le hanno già retribuito. La durata è pari, come lei ci dice, a 102 giorni totali. Per gli stagionali c’è da attendere ancora un pochino perché l’INPS dovrà fare poi ulteriori conguagli a seguito di nuove disposizioni uscite successivamente per non penalizzare questa categoria di lavoratori.
      Per informazioni sull’importo e le giornate già retribuite può rivolgersi al numero verde inps 803 164, a presto!

  24. Rozalia isvanca ha detto:

    Salve la mia domanda e stata acolta il 19/02/2016 pero nela sezione pagamenti scrive che non ce nessun pagamento a mio favore.io non capisco piu nnt sono 3mesi che ho fato domanda naspi e ancora nessun centessimo .grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, molto probabilmente il pagamento verrà disposto in marzo. Provi a contattare il numero verde INPS per ulteriori informazioni. A presto!

  25. Maurizio Gianelli ha detto:

    Buongiorno…Scusate ma a me e’ stata calcolata una media di 1990 euro….per 148 giorni…….In realta’ sto’ percependo lo stesso identico dell’anno scorso,,,,Cioe’ sugli 800… solo che gli anni scorsi erano 800 per 6 mesi….Vorrei capire se hanno tagliato solo i giorni senza aumentare il sussidio…o che?……Cioe’,si che c’e’ il tetto massimo di 1300 euro..ma non quadra…Dovrei prendere un mese in meno ma un sussidio piu’ alto…o no?…..Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, ma 1990 è la media lorda mensile? In questo caso deve fare il 75% di 1195 + il 25% di 1990-1195. In questo caso la sua NASpI lorda sarebbe pari a 1094 euro circa. Poi deve applicare le trattenute. la cosa migliore è provare a contattare il numero verde con il codice PIN per verificare che l’importo sia corretto, in caso contrario chiedere di fissare un appuntamento in sede per delucidazioni sui calcoli. A presto!

      1. Piero Fancellu ha detto:

        Salve, ho presentato la domanda naspi per via telematica a luglio 2015 ma mi è stata liquidata soltanto a febbraio 2016.
        Mentre la mia domanda risultava ancora “in fase di trasferimento in sede”, a ottobre 2015, sono stato assunto per un nuovo lavoro con contratto a tempo determinato per 6 settimane.
        Finito il periodo di lavoro (15 novembre), ho provato a inviare per via telematica una nuova domanda naspi ma non è stato possibile dal momento che la precedente domanda inoltrata a luglio risultava ancora “in fase di trasferimento in sede”.
        A causa di questo ritardo vedo scadere il termine massimo di presentazione della domanda (68 giorni a partire dal termine dell’ultimo rapporto di lavoro).
        C’è la possibilità di fare ricorso dal momento che non ho potuto presentare la nuova domanda naspi entro i fatidici 68 giorni a causa del ritardo da parte dell’ INPS nella lavorazione della domanda presentata a luglio 2015?
        Spero di essere stato chiaro.
        Grazie antcipatamente.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Piero, io non credo che lei debba fare una nuova domanda di NASpI in quanto la sua prestazione si sospende soltanto se non si rioccupa per più di sei mesi, quindi riparte in automatico al termine del rapporto di lavoro. ha comunicato il suo rapporto di lavoro con il modello NASpI-com? Attualmente la sua domanda è stata accolta o è ancora in lavorazione?

  26. Simone Morachioli ha detto:

    Salve,la mia domanda è stata accolta per un numero di giorni pari a 63 e con una media mensile di 1146,50. Questo significa che prenderò il 75% di 1146,50 per 2 mesi?

      1. cristian turbatu ha detto:

        salve,mi scuso innazituttoper essermi intromesso in questa conversazione.,vorrei porre alla Vostra attenzionela mia attuale situazione lavorativa.sono stato licenziato il 11.09.2014,ho ricevuto per 8 messi l Aspiper 8 messi fino al 18 05 2015.Ancora oggi non ho trovato lavoro,dunque vorei sapere se trovo un lavoro anche per solo due messi entro 1.04.2016 potre accedere alla NASPI?2011 LAVORO DIP.44 sett. 2012 LAVORO DIP.48 SETT,2013 LAVORO DIP.51SETT,2014CTR FIGURATIVA Aspi 11 sett,2015 Ctr,FIG.Aspi 25 sett

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Cristian, sicuramente potrà accedere alla NASpI dopo un rapporto di lavoro di almeno un mese e mezzo, ma non so dirle quanto durerà. Considerato che negli ultimi 4 anni ha sempre lavorato dovrebbe durare almeno altri 6 mesi circa, ma per un calcolo esatto dovrebbe contattare la sede INPS o il patronato. A presto!

          1. cristian turbatu ha detto:

            Grazie per la risposta,pero ho dimenticato dire che il mio nuovo lavoro e part-time come domestico,badante
            va presso in considerazione?

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Direi di sì: a tal proposito le faccio il copia/incolla dalla circolare Circolare n. 142/2015:
            5.1. Perfezionamento del requisito delle 30 giornate di effettivo lavoro per i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari.

            A causa del particolare regime che caratterizza il lavoro domestico, per i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari è possibile individuare le settimane in cui gli stessi hanno prestato attività lavorativa ma non è possibile verificare, all’interno di ciascuna settimana, in quali e in quante giornate sia stata prestata l’attività lavorativa.

            All’atto dell’instaurazione del rapporto di lavoro, infatti, il datore di lavoro è tenuto a comunicare all’INPS in via telematica il numero di ore lavorative settimanali – senza la specifica della distribuzione delle medesime all’interno delle singole giornate – e la relativa retribuzione oraria o mensile. Successivamente, all’atto del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali – effettuato trimestralmente dal datore di lavoro per un numero di ore che può essere anche maggiore o minore rispetto a quelle inizialmente comunicate – è possibile conoscere soltanto il numero di settimane accreditate per ciascun mese.

            In ragione di quanto esposto – considerato che per la copertura contributiva di una settimana sono necessarie 24 ore di lavoro – ai fini della ricerca del requisito delle “trenta giornate di lavoro effettivo” nei dodici mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro per l’accesso alla prestazione di disoccupazione NASpI, il requisito si intende soddisfatto laddove tali assicurati abbiano prestato – nel periodo di osservazione (12 mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro) – attività lavorativa per 5 settimane con un minimo di ore lavorate per ciascuna settimana pari a 24 ore (24 X 5 cioè minimo di ore per la copertura di una settimana = 120 ore). Per la costituzione del requisito delle trenta giornate di lavoro effettivo occorre pertanto la presenza – nei dodici mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione – di un minimo di 120 ore distribuite nella maniera sopra descritta e cioè 24 ore per ciascuna delle cinque settimane.

      2. kekko002 ha detto:

        Buongiorno ho presentato domanda di disoccupazione il 21 Dicembre 2015, oggi giorno ho controllato lo stato della mia domanda è risulta in pagamento con la dicitura: indennità Naspi n°21 giorni dal 26/12/2015 al 15/01/2016 per un importo di 550 – 23 euro di Irpef. L’importo mi sembra un po basso perchè facendo una simulazione ho trovato 200 euro in meno. Controllando il estratto contributivo ho anche notato che risulta scritto : dal 26-12-2015 al 31/12/2015 Contr. Figurativi Naspi sett. 1 pari a 240 euro e dal 01-01-2016 al 15-01-16 Contr. Figurativi Naspi sett. 3 pari a 730 euro. La mia domanda è di sapere cosa sono questi 2 importi di 240 + 730 dal 26/12/15 al 15/01/16 se mi hanno liquidato 550 – 23 euro di irpef? La ringrazio

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, non saprei dirle, in questo caso conviene contattare l’INPS competente, sicursmente ci sarà stato un errore. per calcolare l’IMPORTO della sua NASPI può CLICCARE QUI e seguire i passaggi indicati nell’articolo. A presto!

          1. kekko002 ha detto:

            la ringrazio, un ultima domanda ma si calcola in base alle ultime buste paghe o alla somma degli ultimi 4 anni?

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Si calcola la media mensile degli ultimi 4 anni

          3. Lucia Masella ha detto:

            salve, scusate se mi intrometto, vorrei dare dimissioni volontarie con bimbo di 10 mesi, quindi entro l’anno, so che ho diritto alla naspi, lavoro da9 anni per la stessa azienda, sono a casa tra maternita anticipata, facoltativa e ora ferie da 18 mesi, vorrei sapere x quanto mi spetta la naspi? e l’importo quanto sarebbe con una media di stipendio a 1200 euro? grazie!

          4. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Lucia, purtroppo non possiamo calcolare le vostre NASpI, siamo spiacenti!

      3. marcy78 ha detto:

        Buongiorno vi spiego la mia situazione,ho lavorato dal 2003 fino a marzo 2015 a tempo indeterminato per una ditta,da Aprile 2015 ho percepito l’Aspi per 10 mesi fino a Gennaio 2016, mi hanno offerto un lavoro per 2 mesi da Marzo 2016 fino alla fine di Aprile,dopo posso fare richiesta per la Naspi? Secondo voi quanti mesi mi spetterebbero? Perché questo lavoro è fuori regione e dovrei pagarmi l’affitto, grazie mille aspetto la vostra risposta!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Sicuramente le spetterà di nuovo la NASpI, a occhio e croce direi per circa un altro annetto, ma per il calcolo esatto deve rivolgersi alla sua sede INPS, non possiamo fare i calcoli per loro conto. A presto!

    1. lello ha detto:

      Scusate se mi intrometto in questa discussione ma non sapevo come inserirne una nuova.
      Sono stato licenziato dopo 14 anni di lavori continuativo e ho fatto domanda naspl mi è stato detto che ho diritto a 2 anni di disoccupazione.anche se non ho più di 50 anni.e vero?
      Poi aprirò p.i come artigiano aderendo al regime forfettario. E facendo richiesta di naspl anticipata.la mia domanda è ci sono delle incongruenze con il tipo di regime scelto e la richiesta anticipata di naspl.grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, sicuramente le spetterà per 2 anni, a prescindere dall’età. Che ci risulti non ci sono incongruenze di alcun tipo, o meglio, nella circolare INPS non si fanno distinzioni di sorta ma si parla solo di LAVORO AUTONOMO.

  27. Lorenzo Terranova ha detto:

    salve, se si invia la domanda dopo 30 giorni si perdono soldi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, che domanda? Dopo 30 giorni da cosa?

  28. Alessandro Sias ha detto:

    Salve, vorrei avere un informazione. Pochi giorni fa mi è stata erroneamente respinta la Naspi per mancanza di contributi. Recatomi alla sede inps più vicina, l’impiegato ha giustificato il tutto dicendomi che quando la mia domanda è stata presa in mano i contributi non erano ancora tutti presenti. Essendo adesso del tutto presenti, mi ha consigliato di effettuare una richiesta in carta bianca (che ho già consegnato proprio a lui) di riesame della mia domanda, sconsigliandomi allo stesso tempo di effettuare un ricorso online in quanto potrebbe passare troppo tempo. Quando si effettua un riesame, quanto tempo ci vorrà per far si che la mia domanda venga ripresa in mano?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Alessandro, per il riesame non dovrebbe trascorrere tanto tempo…30 giorni al massimo, ma anche meno!

  29. Marco Fra ha detto:

    Buonasera,
    ho lavorato per molti anni in una azienda. Sette anni fa mi sono licenziato per cambiare azienda che mi ha assunto a dempo indeterminato, ma purtroppo vista la crisi dal 31 gennaio del 2016 la ditta chiude.
    Controllando gli importi lordi degli utlimi 4 anni ho un totale di 130.000 € (compresa la tredicesima).
    Ho calcolato 130.000 € /208 x 4,33=2706,25€ ;
    (1195/100)x75=896,25
    2706,25-1195 = 1511,25
    (1511,25/100)x25= 377,81
    896,25+377,81=1274,0625 (per i primi 3 mesi)
    dal 4° mese 1235,84 5° mese 1198,77…
    Dato che non sono molto pratico della materia, è corretto il calcolo che ho effettuato per determinare il NASPI lordo che percepirò?
    Indicativamente quale potrebbe essere il netto?
    Esiste una tabella che indichi al massimo di quello che si può percepire in NASPI (€ 1300), quando netto si andrebbe a percepire iniziando la NASPI nel 2016?
    Dato che a ottobre del 2019 dovrei andare in pensione, gli 8 giorni pervisti per ricevere il NASPI, come vengono calcolati? dovrei versare una settimana di contributi volontari? E’ possibile?
    Come vengono versati i contributi quando si è in NASPI?
    Dopo quanto tempo viene pagato il NASPI?
    Capisco che sono un pò di domande, ma data la mia situazione volevo cercare di capire meglio cosa mi aspetta.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Marco, per quanto riguarda il calcolo della NASpI dovrebbe essere corretto, ovviamente 1300 euro (lordo) è l’importo massimo che si può percepire. Vista la sua situazione le consiglierei di fissare un appuntamento con la sua sede INPS, non possiamo noi sostituirci all’istituto. Per farlo può contattare il numero verde INPS. A presto!

      1. Ilaria Masiero ha detto:

        SALVE. HO LAVORATO UN ANNO TRAMITE UNA COOPERATIVA, PRECISO CHE NON C’ERA UN FISSO, MI AGGIRAVO INTORNO AGLI 800 EURO DI MEDIA MENSILI. IL 17/08/2017 HO RICEVUTO TRAMITE BONIFICO SOLO 67 EURO, CON RIFERIMENTO INPS INDENNITA’ NASPIN4 GIORNI DA 28/07/2017 AL 31/07/2017. IL MIO DUBBIO E’ IL SEGUENTE
        QUESTI 67 EURO SONO PER I 4 GIORNI O SONO IL MIO ASSEGNO MENSILE, CIOè QUELLO CHE MI DARANNO OGNI MESE?
        PRECISO CHE HO FATTO DOMANDA DI DISOCCUPAZIONE ENTRO GLI 8 GIORNI.

        VI RINGRAZIO

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Ilaria, a meno che non ci siano trattenute di cui non siamo a conoscenza quello dovrebbe essere l’importo spettante per la NASPI. L’importo giornaliero si aggirerebbe intorno ai 16 auro giornalieri, dunque 500 euro mensili. Quello che deve verificare è l’importo della sua media mensile lorda indicato nella lettera di accoglimento della NASPI, verificare se è corretto e se il calcolo è stato fatto correttamente. Rimaniamo a disposizione per futuri chiarimenti. A presto!

  30. nicolamanna73 ha detto:

    Buongiorno,
    Avrei bisogno di una informazione, per giornata effettivamente lavorata si intende che basta essere andati a lavorare?
    Esempio:
    Orario di lavoro 7 ore
    Se oggi lavoro 3 ore e faccio 4 ore di ferie, vale come giornata effettivamente lavorata?

    Assunto dal 1994 al 07/01/15 nella stessa azienda a tempo indeterminato
    Aspi dal 15/01/15 al 15/11/15
    Assunto dal 16/11/15 al 23/12/15
    Orario dal lunedi al sabato, secondo i miei calcoli(contando l’8/12/15 che lavorero’ e il fatto che non faro’ nessun giorno intero di ferie, ma qualche ora qua’ e la’) alla fine del contratto avro’ 33 giorni effettivamente lavorati ,
    Per poter richiedere naspi….
    Mi dite solo se ho fatto i calcoli giusti…. perche’ sulla busta di novembre sotto c’e’ scritto giorni inps 11 e giorni inail 13… non capisco bene…
    Grazie in anticipo!
    ,

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Per i permessi orari non saprei, ma credo che valga comunque la presenza effettiva sul lavoro, a prescindere dalle ore lavorate (come per i part-time, d’altronde). Consideri che può ancora utilizzare i giorni lavorati in gennaio (anche se già usati per l’ASpI ai fini contributivi)perché sono ancora all’interno dei 12 mesi precedenti la domanda, quindi dovrebbe rientrarci senza problemi. A presto!

      1. nicolamanna73 ha detto:

        Grazie per la risposta! Pero’ dall 1 al 7 gennaio 2015, non ho mai lavorato ho usufruito di ferie e festivita’…… speriamo di rientrare nei 30 giorni….. Grazie!

  31. Manuele Guidi ha detto:

    Salve a tutti,
    Mi è arrivata la lettera dall’inps con scritto che mi accolgono la richiesta, e dice “potrà essere corrisposta per il seguente numero di giorni 182”.
    Vuol dire che per 6 mesi mi arriverà l’assegno oppure per la metà di quei giorni quindi 3 mesi?
    Grazie a tutti in anticipo

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, significa che durerà la sua NASpI durerà 6 mesi, non 3 🙂

    2. Fabrizio Bruz ha detto:

      Chiedo scusa se mi intrometto ma avrei bisogno di una informazione. Ho usufruito dell’indennità Aspi da Agosto 2014 a Dicembre 204 e l’ho interrotta per stipulare un contratto di collaborazione. Questo contratto è terminato a Ottobre 2016 e nello stesso mese (16 Ottobre 2015) sono stato assunto a tempo indeterminato. C’è la possibilità che questo contratto venga interrotto (domani scadono i 60 giorni). In questo “infausto” caso io posso richiedere nuovamente l’indennità? Se è si, quale devo richiedere? Aspi o Naspi? Grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Sì, dovrà presentare domanda di NASpI 🙂
        A presto!

    3. mamone ha detto:

      Salve arrivata la lettera inps mi dice Le comunichiamo che la sua domanda di indennità di disoccupazione NASpI
      E’ STATA ACCOLTA con decorrenza 08/11/2015 e, potrà essere corrisposta per il seguente numero di giorni 392.
      Mi vuole dire che sarò pagato per 392 giorni?Se è così, nel momento che io sarò assunto nuovamente per altri sei mesi come finisco mi continua questa oppure sarò pagato solo per 3 mesi? Grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, sarà ujna nuova domanda ma ovviamente non durerà solo 6 mesi ma la durata sarà calcolata in base al rapporto tra NASpI spettante e NASpI effettivamente usufruita quindi in aggiunta ai 3 mesi avrà le giornate non percepite di queste 392 spettanti

  32. Ana Paula León ha detto:

    Salve buon giorno, oggi mi è arrivata la lettera che dice che la domanda è stata accolta e che corrispondono 178 giorni d’indennità, la media mensile che hanno calcolato è di 1857 euro, per cui sarebbe 75+25 (giusto?), quello che vorrei capire è di quanto sarà la retribuzione e sopratutto in che data pagano solitamente (mi hanno già versato quello che corrisponde dal 8/11 al 15/11). Grazie in anticipo

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Ana, non abbiamo la possibilità di fare i calcoli per vostro conto. Consideri comunque che non c’è un giorno specifico in cui vengono effettuati i pagamenti, ma avvengono all’incirca ogni 30 giorni. A presto!

  33. Gasbarroni Andrea ha detto:

    salve accio il bagnino in uno stabilimento balneare negli ultimi quattro anno ho lavorato tre anni
    nel 2013 ho lavorato luglio e agosto avendo 9 setimane retribuite per un totale di 3660 euro ( la somma dei due mesi) con la qualifica di Operaio – Tempo Pieno – Tempo determinato o Contratto a termine Dipendenti da aziende turistiche
    nel 2014 ho lavorato dal 4 luglio al 28 settembre avendo Settimane Retribuite 14 Settimane Utili 8 Imponibile 2.967,00 (somma di totale ) Operaio – Tempo parziale Orizzontale – Tempo determinato o Contratto a termine Dipendenti da aziende turistiche
    nel 2015 ho lavorato dal 7 luglio al 13 ottobre ne un totale Settimane Retribuite 14 Settimane Utili 9 Imponibile 3.083,00 (somma totale) Operaio – Tempo parziale Orizzontale – Tempo determinato o Contratto a termine Dipendenti da aziende turistiche
    nel 2014 ho preso la mini aspi per un totale di 46 giorni
    mi potreste dire quanto dovrei prendere di naspi e per quanto tempo e soprattutto quando inizieranno a pagarla grazie per l’attenzione

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Andrea, purtroppo non abbiamo la possibilità di calcolare le vostre disoccupazioni, dovrà attendere la risposta dell’INPS. Spiacenti. A presto!

  34. royal mhd ha detto:

    buondi innanzitutto complimenti a chi si dedica all informazione per il cittadino.
    volevo porre una domanda,io ho lavorato in stagione per 5 mesi(2015),l anno scorso(2014) ho lavorato 3 mesi part-time
    ora la mia questione è questa: io prendevo in stagione 1200 euro,ho fatto la richiesta della naspi e nel calcolo dell’ inps,io dovrei ricevere solo 470 euro,meno 100 euro di tasse(esatto,già ti tolgono soldi dalla busta per le tasse,pure con la disoccupazione tocca pagarle).come è possibile
    grazie per la cortese attenzione,porgo i miei piu distinti saluti
    marco

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, l’importo di 470 euro sarebbe la media lorda mensile riportata nella lettera di accoglimento della NASpI? Se sì deve tornare in sede INPS con tutte le sue buste paga e chiedere un riesame della domanda per verifiche sull’importo.

      1. pattyenea ha detto:

        Scusate se m’intrometto in questa discussione, ma ho bisogno di chiarimenti urgenti! 🙂 ho lavorato per 12 gg a maggio per un lordo di 612; 26 gg a giugno per un lordo di 1377,75; 26 gg luglio per 1377,74; 26 gg agosto per 1377,75; 17 gg settembre per 900,83. E giusto ricevere una parte della naspi che calcola 33 giorni a 775 euro? scusate ancora 🙂

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Patrizia, fare conteggio delle vostre disoccupazioni è per noi impossibile, ma consideri che la media viene fatta sulle settimane contributive degli ultimi 4 anni, e di questa media bisogna calcolare circa il 75% (trova le modalità di calcolo all’interno di QUESTO ARTICOLO). Verifichi inoltre che entità di trattenute IRPEF è stata applicata al suo sussidio.
          A presto!

    2. LaBea ha detto:

      Buongiorno,
      Chiedo informazioni in merito alla mia richiesta di Naspi.
      Ho lavorato in un’azienda quest’anno dal primo Giugno 2015 al 30 Settembre 2015, precedentemente ho preso l’aspi completa da Settembre 2014 a Maggio 2015 relativa ad un precedente lavoro terminato dopo 1 anno e mezzo di apprendistato.
      Allego estratto contributivo;
      15/05/2012 19/06/2012 Lav.dipend. part-time sett. 6
      04/03/2013 31/12/2013 Apprendista part-time sett. 44
      01/01/2014 03/09/2014 Apprendista part-time sett. 36
      11/09/2014 31/12/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 16
      01/01/2015 12/05/2015 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 0
      01/06/2015 30/09/2015 Lavoro dipendente sett. 18
      Riusciró ad avere la Naspi?
      Chiedo anche un’altra info.
      Ad inizio Novembre 2015 ho avuto un contratto a tempo determinato da 4/11 al 18/11 risolto con dimissione in periodo di prova il giorno 4/11.
      Potrebbero esserci problemi con l’accettazione della domanda?
      La ringrazio anticipatamente.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Beatrice, effettivamente le dimissioni potrebbero essere causa di decadenza della NASpI, anche se avvengono durante il periodo di prova. Dovrebbero comunque accogliere la domanda e pagarla da ottobre fino a novembre, data in cui è stata riassunta.

  35. Mariagrazia Rodano ha detto:

    Salve,
    Chiedo il suo aiuto poichè attualmente mi è stata RESPINTA la richiesta di disoccupazione per motivi di non raggiungimento dei contributi INPS richiesti. Purtroppo credo che ci sia stato un errore e vorrei procedere con il ricorso, però prima di procedere avrei bisogno di un consiglio competente.
    Le descrivo di seguito il mio stato contributivo INPS
    16/02/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 46, Al calcolo 46,000 sett.
    01/01/2012 31/07/2012 Lavoro dipendente sett. 31, Al calcolo 31,000 sett.
    01/08/2012 01/12/2012 Lavoro dipendente sett. 18, Al calcolo 18,000 sett.
    01/01/2013 10/05/2013 Lavoro dipendente sett. 0, Al calcolo 0,000 sett.
    05/08/2015 18/09/2015 Lav.dipend. part-time sett. 7, Al calcolo 6,000 sett. (Reddito 2.331,00)

    Ho fatto richiesta il 21/09/2015 allo scadere del seguente contratto:
    – Lavoro a tempo Determinato dal 5/08/2015 al 18/09/2015,
    – Orario “Tempo Parziale orizzontale”,
    – Livello di inquadramento 3°,
    – Netto in busta paga nel mese di agosto pari a 1.086 (lordo 1.427), netto in busta paga nel mese di settembre pari a 865,86 (lordo 1647,70)

    Che Considerando le 6 settimane al calcolo per 5 giornate lavorative abbiamo un totale di 30 giornate lavorative effettive negli ultimi 12 mesi e più di 13 settimane negli ultimi 4 anni. Corretto?

    Poichè attualmente mi hanno attivato un contratto Co.Co.Pro dal 9/11/2015 al 30/11/2015 (con dichiarazione UNILAV effettuata) con un corrispettivo onnicomprensivo di 5.000 Euro al lordo delle ritenute di legge, il consulente dell’INPS mi ha consigliato di non fare ricorso, ma di richiedere una nuova Naspi al termine di tale contratto.
    Personalmente però non reputo corretto il fatto che non mi vengano riconosciuti i 2 mesi di disoccupazione precedente qualora ne avessi effettivamente diritto, anche se temo che effettivamente questo nuovo contratto avendo un corrispettivo di 5.000 euro potrebbe far decare l’eventuale disoccupazione in quanto alcuni sostengono che il limite reddituale da non superare per questo tipo di contatto potrebbe essere di 4.800 €, altri invece sostengono che in questi giorni dovrebbe essere sospesa poichè il limite è pari a 8.000 euro, per poi riprendere in seguito. Quindi c’è un pò di confusione a riguardo.

    Cosa mi consiglia di fare? come dovrei effettivamente comportarmi?

    La ringrazio anticipatamente e spero di essere stata abbastanza chiara.
    Mariagrazia

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Mariagrazia, a prescindere dalle settimane presenti nell’estratto le consiglierei di verificare che effettivamente lei abbia presenziato sul posto di lavoro per almeno 30 giorni (30 timbrate di cartellino, per intenderci). Consideri che un rapporto di lavoro co.co.pro non da diritto alla NASpI quindi al termine non potrà presentare la domanda. Da quello che ci risulta, per i rapporti di lavoro parasubordinato il limite per mantenere lo status di disoccupato è di 4800 euro (8000 per i dipendenti), quindi probabilmente se ne dichiarasse di più la sua NASpI decadrebbe. Io le consiglio comunque di fare ricorso per questa NASpI che hanno respinto, anche perché dopo il co.co.pro. non avrà alcuna possibilità di richiederla.

      1. Mariagrazia Rodano ha detto:

        Salve,
        Prima di tutto la ringrazio per la vostra tempestività nel rispondere ai miei dubbi.
        Ho effettuato, con l’azienda che ha attivato l’ultimo contratto, la verifica delle giornate effettive di lavoro, ed effettivamente c’era stato un errore di trasmissione di giornate lavorative (che ho notato solo ora nel mio cedolino), adesso è stato risolto e comunicato. Quindi effettivamente ho 30 giornate lavorative.

        A questo punto dovrei fare ricorso sulla base dei nuovi dati a disposizione.

        Mi sembra di capire che non posso rifare una domanda nuova a partire dalla fine del contratto Co.Co.Pro, anche se il mio contratto prevede comunque il versamento di contributi da parte dell’azienda?
        E che inoltre avendo attivato un contratto Co.Co.Pro mi decadono i diritti di poter richiedere la disoccupazione. Corretto?
        Fare una nuova domanda mi consentirebbe di non far decadere la disoccupazione a causa di questo contratto (di 5.000 euro lordi già firmato) e dunque iniziare dalla fine di quest’ultimo.

        Avendo già l’azienda effettuato il modello UNILAV e dunque comunicato agli enti preposti, devo comunque effettuare comunicazione all’INPS del nuovo contratto o possono verificare già da tale modello il reddito percepito?

        Grazie e mi scusi per essere stata prolissa.
        M.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Ok, ora è molto più chiaro. A mio parere dovrebbe fare comunque ricorso perché come ha capito, dopo un co.co.pro. non è possibile richiedere la NASpI, rischierebbe quindi di perdere tutto. le consiglio comunque di allegare al ricorso il naspi-com comunicando l’importo presunto derivante dal co.co.pro, poiché stando a quello che si può leggere dalla circolare INPS dovrebbero continuare ad erogare la NASpI con un importo ridotto. le faccio copia/incolla:
          “In caso di svolgimento di attività lavorativa in forma autonoma, di impresa individuale o parasubordinata, dalla quale derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione, il soggetto beneficiario deve informare l’INPS entro un mese dall’inizio dell’attività, o entro un mese dalla domanda di NASpI se l’attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre da tale attività.

          In tal caso l’indennità NASpI è ridotta di un importo pari all’80 per cento dei del reddito previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di inizio dell’attività e la data di fine dell’indennità o, se antecedente, la fine dell’anno. La riduzione di cui al periodo precedente è ricalcolata d’ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi. Nei casi di esenzione dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, il beneficiario è tenuto a presentare all’INPS un’apposita autodichiarazione concernente il reddito ricavato dall’attività lavorativa entro il 31 marzo dell’anno successivo. Nel caso di mancata presentazione dell’autodichiarazione il lavoratore è tenuto a restituire la NASpI percepita dalla data di inizio dell’attività lavorativa in argomento”

          E’ vero che le pagano comunque i contributi con il co.co.pro, ma questi vanno nella gestione separata, per la quale cassa è disponibile il sussidio di Dis-coll e non quello di NASpI.

    2. Silvia ha detto:

      Buonasera,mi scuso innanzitutto per essermi intromessa in questa conversazione .
      Vorrei porre alla Vostra attenzione la mia attuale situazione lavorativa : sono stata licenziata il 22 dicembre 2014 , ho presentato la richiesta per l’Aspi , che ho ricevuto fino al 29 settembre 2015 , per 8 mesi .
      Ancora oggi , non ho trovato lavoro , dunque ho presentato la domanda di mobilità in deroga all’ INPS , in attesa ancora di risposta .
      Vorrei sapere se , trovando un lavoro entro i primi di dicembre , nel caso in cui fossi licenziata entro fine anno , potrei accedere alla NASPI , avendo maturato contributi dal 2006 , con un contratto part-time a tempo indeterminato .
      1/3/2006-31/12/2006 settimane al diritto 39 al calcolo 21 1/1/2007-31/12/2007 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2008-31/12/2008 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2009-31/12/2009 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2010-31/12/2010 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2011-31/12/2011 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2012-31/12/2012 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2013-31/12/2013 settimane al diritto 52 al calcolo 26 1/1/2014-22/12/2014 settimane al diritto 52 al calcolo 26 Grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, in tal caso potrebbe accedere alla NASpI ma deve fare bene i conti per il requisito delle 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro negli ultimi 12 mesi precedenti la data della domanda. Non basta dunque un mese di contratto perché ai fini di tale requisito non vengono conteggiate le giornate di riposo e le festività, ma solo le giornate di effettiva presenza sul lavoro. A presto!

        1. Silvia ha detto:

          Grazie per la tempestiva risposta riguardo la Naspi.
          Per quanto concerne la conclusione dei versamenti ASPI , invece , è stata la scelta giusta quella di richiedere la mobilità in deroga , considerando il mio trascorso lavorativo ? Oppure esiste qualche altro tipo di sostegno al reddito dopo l’ASPI , non avendo ancora trovato lavoro ?
          Attendo Suo riscontro . Distinti Saluti .

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Non ci sono altre domande possibili da fare ma sinceramente non saprei dirle se la mobilità in deroga verrà accolta. A presto!

  36. Marco Cas ha detto:

    Salve,
    Avrei qualche domanda da fare.
    Finalmente e dopo più di due mesi ho ricevuto i soldi della naspi, ma ho alcuni dubbi su:
    Siccome ho ricevuto più di 1800 euro che sono la somma di 56 giorni di naspi quindi ho ricevuto anche credo gli arretrati ma dietro i miei calcoli sono circa 950 € mensili ma secondo e manca qualcosa, oppure non ho fatto bene i calcoli.
    Il calcolo del lordo è sulla paga base oppure sulla media lorda sulla busta paga totale dei miei 24 mesi di lavoro,?
    Eventualmente chiamò l’INPS?
    Senza dubbio alcuno questi soldi sono gia un ottimo aiuto, voglio solamente vedere se mi spetta di più.
    Ringrazio e saluto.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve marco, per verificare se l’importo è corretto le consiglio comunque di attendere la lettera di accoglimento dove sarà riportata la media lorda mensile degli ultimi 4 anni calcolata dall’INPS. Con quell’importo potrà di nuovo provare ad effettuare il calcolo. In alternativa può certamente contattare l’INPS. A presto!

  37. Francesco ha detto:

    Salve, ho richiesto la Naspi e la retribuzione media mensile calcolatami dall’INPS è inferiore di circa 200€ a quella che calcolo sommando i redditi presenti nel mio estratto conto contributivo,divisi per il numero di settimane presenti sempre nell’estratto conto (che coincide con le settimane che l’INPS ha tenuto in considerazione) e moltiplicando per 4,33. Dove sbaglio? Come posso calcolare correttamente una media mensile? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Francesco, non so se questo è possibile. In alternativa può avvalersi di un caf/patronato oppure recarsi presso la sua sede inps di competenza chiedendo la modalità di calcolo effettuata.

  38. Vita Gabriele ha detto:

    Buonasera, avrei un questito da proporvi. A marzo del 2015 sono stata licenziata dopo 4 anni di messa in regola. Quindi ho fatto la domanda dell’aspi. Ora sono 7 mesi che percepisco l’aspi. Mi chiedo se interrompessi la disoccupazione e mi mettessero in regola anche un mese. Dopo questo mese posso richiedere la naspi? O continuerebbero a darmi l’aspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Gabriele, se interrompe l’ASpI per un rapporto di lavoro inferiore a 6 mesi continuerà a percepire l’ASpI. Le mancano ancora 3 mesi quindi sarebbe fuori i 68 giorni per presentare la domanda di NASpI.

      1. Davide Zaccheo ha detto:

        Salve. Innanzitutto complimenti per il sito: ben fatto e molto chiaro. Lavoro con un contratto a tempo indeterminato dal 1 gennaio del 2013. Il 9 marzo del 2015 sono stato riassorbito da un altra azienda e nel passaggio a questa nuova azienda non c’è stato alcun licenziamento. Con quest’ultima azienda ho lavorato dal 9 marzo fino al 31 agosto fino a quando per motivi indipendenti dall’azienda, la stessa ha messo in mobilità con aspettativa non retribuita. Non avendo l’azienda avuto la possibilità di riassorbirmi qualche giorno fa ho chiesto di essere licenziato per accedere al NASPI.
        Mi chiedo e vi chiedo se secondo voi ho maturato i requisiti richiesti, ovvero le 13 settimane di contribuzione e i 30 giorni di lavoro effettivo considerando anche che allo stato attuale e dopo l’aspettativa non retribuita ho due buste paga (settembre e ottobre) a zero ore.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Davide, da quello che ci dice rientra in tutti i requisiti: aveva dei dubbi specifici? ha già presentato domanda per la NASpI?

  39. GoogleUser ha detto:

    Salve, io mi trovo in una situazione un po particolare. A breve mi scade il contratto presso l’azienda dove ho lavorato per anni come apprendista. Sono stata in maternità per più di un anno, e sarei dovuta rientrare da qualche giorno, ma l’azienda mi ha chiesto di usufruire delle ferie visto che ne ho accumulate tantissime. Considerando che ho letto che un requisito per avere la naspi è quello di avere almeno 30 giornate lavorative effettive, mi chiedo..essere in ferie equivale come essere a lavorare? Ho il timore che Se non torno a lavoro entro la fine del contratto, per colpa delle ferie usufruire mi rifiutino la domanda per la naspi. Ringrazio in anticipo per la risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, essere in ferie non significa essere presenti al lavoro, quindi no, le giornate di ferie non valgono, ma se ci dice in quale periodo è stata esattamente in maternità e quali sono state le sue ultime presenze effettive sul lavoro magari possiamo aiutarla. per la maternità vale la regola dell’ampliamento – già spiegato in precedenza ad altri utenti. A presto!

  40. Marco Occhioni ha detto:

    Buonasera, avrei una domanda da porre. Io ho sempre lavorato stagionalmete e ho sempre percepito l’indennità di disoccupazione. Prima di riprendere la stagione percepivo la ASPI.
    Attulamente dovrei ancora percepire 4 mesi della vecchia ASPI..
    Il mio quesito è:
    devo attendere il ripristino della ASPI oppure presentare domanda NASPI?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Marco, se ha sospeso l’ASpI con un contratto inferiore a 6 mesi teoricamente dovrebbe riprendere l’ASpI, ma fossi in lei proverei comunque a fare domanda di NASpI, in caso di reiezione le viene comunque corrisposta l’ASpI spettante. A presto!

  41. giorgio1981 ha detto:

    Ciao, chi mi potrebbe aiutare?
    Io negli ultimi quattro anni ho lavorato solo 13 settimane percependo in totale 4000 euro lordi. ho diritto alla naspi? se si per quale importo e per quanto tempo? grazie mille a chi mi aiuterà

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve giorgio, le 13 settimane vanno bene, se rientra anche in tutti gli altri requisiti le spetterà la NASpI per la metà delle settimane, cioè un mese e mezzo circa. A presto!

    2. Simo2785 ha detto:

      Ciao a tutti, non riesco a scrivere un post indipendente, quindi lascio qui un commento sperando in una risposta (scusa giorgio1981)…
      Da 5 anni lavoro nella stessa azienda (3 anni tempo determinato e gli ultimi 2 a tempo indeterminato), vorrei cambiare ma nel nuovo posto di lavoro mi offrono un mese iniziale di contratto (praticamente una prova)… se le cose dovessero andare male e lasciar scadere il contratto, questo mese sarebbe sufficiente a richiedere la Naspi? Grazie mille per la risposta.

      Simone

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Simone, certamente. L’importante è che l’ultimo contratto di lavoro precedente la domanda non termini per dimissioni 😉

        1. Simo2785 ha detto:

          Devo assicurarmi che siano fatti almeno 30 giorni EFFETTIVI di lavoro o ne possono bastare anche meno? Grazie per la risposta. Siccome sto lasciando un contratto a tempo INDETERMINATO per una “prova” vorrei capire se almeno in caso negativo posso essere coperto dalla disoccupazione… Non vorrei mettermi in gioco e cambiare lavoro per poi rischiare di ritrovarmi senza nemmeno un briciolo di disoccupazione. Grazie e scusate se mi sono dilungato…

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Devono esserci ALMENO 30 giornate effettive negli ultimi 12 mesi precedenti – non di meno – poi se nell’ultimo contratto sono di meno non è rilevante. A presto!

          2. Rizzo Giovanni ha detto:

            lavoro 5 mesi l’anno in uno stabilimento balneare……ci lavoro gia’ da 13 anni volevo sapere quanto riesco a prendere con la naspi……il mio stipendio e di 900 euro al mese lavoro part time 5 mesi l’anno ……volevo sapere quanto riesco a prendere al mese con la naspi…..

          3. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Giovanni, se non ha mai percepito sussidi di disoccupazione negli ultimi 4 anni deve sommare le settimane lavorate in questi ultimi 4 anni e dividerle per 2. Per l’importo dovrà calcolare il 75% della media mensile. A presto!

  42. Mirko ha detto:

    buongiorno
    sto finalmente ricevendo la NASPI e vorrei capire quanto dura.
    la mia situazione contributiva è la seguente:

    in un post precedente convenimmo che dovevano essere 33 settimane; alla luce dell’ultima circolare di luglio 2015 se nn erro, confermate che la durata è quella? ossia 33 settimane?
    in ultimo avevo fatto la domanda chiedendo che nn mi venissero applicate le detrazioni ma queste sono state ugualmente applicate…posso fare qualcosa per modificare e ripristinare quanto avevo chiesto?
    grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Mirko, i nostri calcoli sono puramente aleatori e non siamo in grado di fare calcoli precisi. Per sapere quanto dura la sua NASpI deve controllare la corrispondenza facendo l’accesso sul sito dell’INPS dai Servizi per il Cittadino, cliccando poi su CASSETTA POSTALE ONLINE, oppure contattando il numero verde 803164.
      Per le detrazioni può rivolgersi alla sua sede INPS di competenza.
      A presto!

  43. marsh ha detto:

    Salve, avendo lavorato un giorno come comparsa, vorrei sapere di quanto sarà ridotta la naspi… ho letto dell’80% tra l’inizio dell’attività e la fine della naspi… in termini pratici che significa avendo io percepito 86 euro lordi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, credo che per la sua giornata di lavoro l’INPS provvederà solo a detrarre una giornata di pagamento dalla mensilità di NASpI spettante, ma per ulteriori chiarimenti dovrà rivolgersi direttamente all’INPS. A presto!

  44. Manuel Pinna ha detto:

    Salve, ho letto sia le domande che le risposte fornite ma, ahimè, ho ancora dei dubbi…
    Negl’ultimi 4 anni ho lavorato con un contratto a tempo indeterminato. Ad aprile 2014 ho subito un infortunio durato sino a metà giugno. A settembre dello stesso anno ho riaperto l’infortunio per una ricaduta (ed ad Ottobre sono stato operato). L’infortunio è durato sino al 6 Gennaio 2015, nel frattempo l’azienda mi ha licenziato (il 5 gennaio 2015 per l’esattezza).
    Ho fatto richiesta di sussidio che mi è stato riconosciuto per una durata totale di 10 mesi.
    Ne ho usufruito solo sino al 2 luglio in quanto ho trovato lavoro sino al 30 settembre.
    Ora la mia domanda è: “mi spetta la Naspi oppure no?, se si, per quanto tempo mi dovrebbe spettare?
    Grazie in anticipo per la cordiale risposta.
    Manuel

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Manuel, se il suo ultimo rapporto di lavoro, cioè quello che ha sospeso l’ASpI, è durato meno di 6 mesi non può fare domanda di NASpI ma rientra in ASpI e ne usufruisce per i mesi rimanenti. Può dare un’occhiata anche a questo nostro articolo. A presto!

      1. Matteo Gernone ha detto:

        Salve, il 6 Agosto ho presentato domanda Naspi, ma sul sito Internet risulta in attesa di istruttoria. Che significa?. Grazie.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, significa che è ancora in lavorazione. Sono in ritardo di 2/3 mesi sulle NASpI quindi è normale. Per velocizzare un po’ provi a contattare il numero verde 803164 chiedendo di presentare un sollecito per la sua domanda. A presto!

      2. Vinc Enzo Munforte ha detto:

        Salve, come la persona sopra, percepivo un assegno Aspi essendo un lavoratore stagionale.
        Il 30 settembre mi e’ scaduto il contratto dovro’ usufruire ancora di 30giorni di Aspi dopo di che ho esaurito gli 8 mesi a me previsti.
        La Naspi spetta anche a me? Devo fare domanda subito o devo farla alla cessazzione dell’ Aspi?
        Grazie in anticipo

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, se le spettano altri 30 giorni esatti di ASpI, dal 31° al 68° giorni a partire dal termine del rapporto di lavoro potrà inoltrare domanda di NASpI: A presto 🙂

      3. Dobromir Denchev ha detto:

        Salve!ho presentato la domanda di Naspi il 27 luglio 2015 ma ad 15 ott ancora niente!neanche una lettera!ne bonifico!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, siamo spiacenti ma noi non possiamo far nulla. Deve contattare l’INPS attraverso il numero verde 803164. A presto!

      4. Davide Marelli ha detto:

        buonasera ho una domanda,ho lavorato continuativamente da febbraio 1989 al 19 dicembre 2014,poi mi sono licenziato perché ho trovato un altro posto a partire dal 7 gennaio 2015.
        Ho lavorato una settimana ma purtroppo ho avuto un incidente e il 5 marzo 2015 mi hanno licenziato per mancato superamento del periodo di prova.
        Dal 10 marzo 2015 sto prendendo il sussidio aspi,adesso ho avuto un contratto di lavoro di 4 giorni dal 14 ottobre al 17 ottobre ho sospeso l’aspi,posso richiedere la naspi? grazie

        mi scuso per il linguaggio

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, se non ha finito l’Aspi non può chiedere la NASpI, ma ci sono delle eccezioni. Provi a dare un’occhiata a questo articolo, a presto 🙂

          1. Davide Marelli ha detto:

            in caso ho diritto alla naspi?grazie del suo tempo

          2. Previdenza Facile ha detto:

            In quale caso? Lei adesso rientrerà in ASpI, se poi al termine dell’ASpI si rioccupa potrà fare domanda di NASpI…

    2. Luca Canova ha detto:

      Buongiorno,

      Negli ultimi 12 anni ho lavorato con un contratto a tempo indeterminato presso una azienda di Fontevivo ma con sede di lavoro a Modena . A luglio 2015 “ho risolto consensualmente” il rapporto con la società, poiché la medesima ha ritenuto di trasferire un intero reparto di 7 persone ad 80 km di distanza.
      Mi scuso per la non necessaria premessa; ma vi scrivo poiché ho effettuato presso un patronato della mia città domanda per sussidio Naspi il 28 luglio, ma ad oggi non ricevuto ne comunicazione di accettazione tanto meno l’assegno.
      Ora le mie domande sono; è possibile che la Naspi sia stata rifiutata o si tratta di ritardo nell’erogazione, è possibile conoscere “lo stato di avanzamento” della stessa e ricevere una previsione relativa ai tempi di attesa (dell’erogazione).
      In attesa di vostre comunicazioni vi ringrazio in anticipo per l’attenzione che vi vorrete accordare .
      Un saluto Luca

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Luca, se la domanda fosse stata respinta comunque avrebbe ricevuto comunicazione. per informazioni sullo stato di avanzamento può contattare il numero verde 803164. A presto!

    3. valifefi ha detto:

      Salve, scrivo per sottoporre al vostro parere la mia attuale condizione, premettendo che trovo questo spazio utilissimo e curato con estrema professionalità. Il 30 Novembre mi scade un contratto a tempo determinato iniziato in data 03 dicembre 2014 (quindi avrei diritto alla Naspi per un totale di settimane pari alla metà di quelle contributive, dunque all’incirca per sei mesi). Questo contratto è stato per i primi due mesi di 22 h a settimana, passate poi a 36 h a settimana per i successivi 9 mesi, e diventato di 30 h a settimana dal 01 ottobre. Dal 01 ottobre ho al contempo firmato un contratto con un’agenzia interinale a tempo indeterminato per un part time di 15 h a settimana, con un guadagno loro di 639,47 mensili. L’incarico che mi è stato assegnato è pero a tempo determinato, fino al 31 luglio 2015, per un guadagno totale di 6394,70. In ogni caso, questo lavoro mi porterebbe a un reddito annuale lordo di 7673,64. Quello che vorrei sapere è se posso richiedere e dunque ho diritto alla Naspi già a partire dal 01 dicembre (primo giorno senza il contratto a tempo determinato del lavoro per il quale ho maturato i requisiti) pur continuando a svolgere il part time del secondo lavoro subentrato a 15 ore ,e in caso affermativo come verrà calcolata la mia indennità mensile.
      Grazie

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, purtroppo con un contratto attivo non è possibile richiedere la NASpI. Dovrà attendere la fine del rapporto di lavoro per fare la domanda. A presto!

  45. Sandro Senes ha detto:

    Salve, avrei una domanda. Dal 2009 non ho piu lavorato sino a quest’anno dove fatto la stagione dal 1 Maggio al 20 di Ottobre con contratto a tempo determinato. Controllando i requisiti della nuova Naspi naturalmente non vanto nessun contributo nei 12 mesi precedenti. Volevo chiedere, a tal punto, se basta che l’anno prossimo ipoteticamente sia assicurato anche un solo giorno e poi potrei fare richiesta per la disoccupazione o dovrei rilavorare almeno 3 mesi e mezzo?
    Cordial Saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sandro, lei deve presentare la domanda di NASpI dopo il 20 ottobre perché nei 12 mesi precedenti la data della domanda ha lavorato, da maggio a ottobre 🙂

      1. Sandro Senes ha detto:

        Quindi se ho capito bene, posso anche non lavorare fino al 20 ottobre del prossimo anno e poi fare richiesta di disoccupazione, giusto?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          No Sandro, deve presentare domanda entro 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro, prima fa la domanda e meglio è.

  46. annavr84 ha detto:

    Salve, le 30 giornate di lavoro effettivo non vengono calcolate sulla base dell’orario svolto, giusto? Per intenderci: io lavoro 2 volte a settimana con un part time di 3 ore al giorno, essendo un’insegnante in una scuola paritaria. Dopo i 9 mesi di scuola, la disoccupazione mi spetta ugualmente?
    Cordialmente.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Anna, è proprio così. Infatti basta la presenza sul lavoro giornaliera, anche per un’ora. Dunque la NASpI le spetterà di certo, non dubiti. A presto!

  47. Giammarco Torre ha detto:

    Salve, vorrei un’informazione. Lavoro part time (circa 18 ore a settimana, 3 giorni a settimana) da tre anni a tempo indeterminato, e l’anno scorso(tra il 2014 e 2015) ho lavorato per nove mesi full time con contratto a tempo determinato contemporaneamente all’altro lavoro (in poche parole per 9 mesi ho lavorato 68 ore a settimana) . Mi sono licenziato ad Aprile continuando a fare solo il lavoro part time. Adesso mi è stato proposto un altro lavoro part time (20 ore a settimana 3 giorni a settimana) in un’altra azienda ma il contratto dura solo due mesi…in caso mi licenziassi dal mio attuale lavoro per fare questi due mesi se alla fine di questi dovessero lasciarmi a casa mi spetterebbe la disoccupazione? E in quel caso che percentuale (più o meno) rispetto al mio stipendio netto mi spetterebbe? e per quante mensilità?
    Grazie mille e complimenti per il portale è molto utile!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giammarco, intanto le confermo il diritto alla NASpI nel caso da lei supposto. Questo perché non è importante quante volte in passiato si siano presentate le dimissioni, ma è importante solo che l’ultimo rapporto di lavoro (cioè quello al termine del quale si presenta la domanda) sia cessato per licenziamento o scadenza contratto. Purtroppo non possiamo aiutarvi per i calcoli della NASpI ma l’importo mensile spettante dovrà essere pari al 75% (CIRCA) della media lorda mensile delle sue retribuzioni negli ultimi 4 anni. A presto!

  48. ilaria_p ha detto:

    Buongiorno.
    Ho lavorato fra fine 2014 ed inizio 2015 come stagionale (19 settimanei). Poi ho lavorato altre 3 settimane a giugno. Sono iscritta alla gestione separata come libero professionista, reddito previsto nel 2015 4.000€.
    A luglio ho fatto domanda di Naspi, accolta per 100 giorni.
    Media mensile delle retribuzioni indicata sulla lettera di accettazione di INPS: 1.573,73€. Ovviamente hanno anche indicato le percentuali di calcolo, cioè 75% fino a € 1.195 + 25% per la differenza.
    In questi giorni è arrivata la prima parte del pagamento: per 68 giorni lordo 990,76€ / netto 762,89€. Mi sembra davvero poco, considerando gli importi sopra indicati… dove sbaglio? Oppure hanno sbagliato loro?
    Grazie mille! Buona giornata

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Ilaria, sì in effetti è decisamente pochino considerato l’importo indicato nella lettera. Verifichi se non ci sono altre trattenute dall’estratto pagamenti, in caso contrario le consiglio di recarsi il prima possibile in sede e reclamare la reale somma spettante!
      A presto!

      1. ilaria_p ha detto:

        Buongiorno, e grazie della risposta.
        Stamattina sono stata alla sede INPS: in pratica l’impiegata mi ha detto che l’importo indicato sulla lettera che inviano non c’entra nulla con la reale base di calcolo.
        Ha controllato a sistema, e dice che hanno ragionato su un imponibile di circa 11.000€, e che la somma finale risente anche dei 4.000€ di reddito da lavoro autonomo che ho autocertificato (si può subire decurtazione fino all’80%). Ovviamente non c’è modo per effettuare alcun tipo di verifica, quindi game over.
        Inoltre mi ha confermato che la Naspi verrà erogata per 102 gg (e non 100 come indicato sulla lettera).
        Trovo tutto paraddossale…
        Grazie cmq a voi per l’aiuto. Buona giornata.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì, abbastanza assurdo. Quello che trovo scandaloso è la mancata possibilità da parte del cittadino ad accedere ai conteggi effettuati. Speriamo di non dover attendere davvero il 2018 per sperare di vedere qualche cambiamento serio…
          La ringraziamo comunque per il suo commento che potrà essere utile per altri utenti in quanto si tratta di una situazione un po’ particolare.
          A presto!

          1. ilaria_p ha detto:

            Buongiorno. Ci sono novità: sono stata al Patronato, che concorda con i calcoli che avevo fatto io, quindi mi ha suggerito di prendere appuntamento con funzionario INPS. Andrò prossima settimana, e vediamo se e come spiegano. Ovviamente vi aggiornerò.
            Purtroppo però INPS da una parte non da e dall’altra toglie: ho un problema con una disoccupazione riscossa nel 2012: posso chiedervi un aiuto al riguardo, anche se non c’entra con la NASPI?
            Grazie. Saluti.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Certo Ilaria, dicci pure, vediamo se possiamo aiutarti 🙂

          3. ilaria_p ha detto:

            Nel 2012 avevo una disoccupazione attiva. Fra marzo e maggio ho avuto un contratto co.co.pro della durata di circa 45gg per un lordo di 1950€, che non aveva comportato la cancellazione dalle liste di disoccupazione (tutto regolarmente comunicato ad inps, che aveva dato parere positivo al proseguimento della disoccupazione). Ora mi chiedono la restituzione della somma che hanno pagato dall’inizio del co.co.pro: ne hanno diritto?

          4. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Ilaria, tra marzo e maggio parliamo sempre del 2012? Quindi se ho capito bene percepiva la disoccupazione mentre lavorava? In tal caso può essersi trattato di una svista da parte dell’INPS perché andava comunque sospesa, dunque sì, credo proprio ne abbiano diritto.

  49. Sandro Santarelli ha detto:

    Ho presentato il 4 settembre la domanda Naspi, dato i ritardi, quando avrò il primo pagamento ?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sandro, considerati i ritardi è verosimile che si arriverà almeno la metà di novembre…

  50. Nando Greco ha detto:

    Salve volevo delle delucidazioni in quanto ho lavorato da dicembre 2013 ad aprile 2015 e poi ho dato le dimissioni. Poi ho fatto 15 giorni a giugno e ho presentato la domandina naspi. Perchè mi è stata respinta?? Non ho i requisiti??

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Nando, non saprei il motivo, è in possesso del codice pin? Se sì, e se ancora non ha ricevuto la lettera con la motivazione della reiezione, può accedere ai servizi per il cittadino e verificare se nella Cassetta Postale Online è già presente la lettera: da lì potrà vedere la motivazione.

  51. Klà Udia ha detto:

    Salve! Lavoro dall’aprile 2011, 9 mesi con contratto a progetto e poi sempre a tempo indeterminato (anche attualmente sono a tempo indeterminato).
    Nel luglio 2014 ho aperto, in ottica di seconda attività autonoma, il regime fiscale agevolato (IVA con regime dei minimi), senza tuttavia riuscire ad avere introiti, se non con una sola piccola fattura risalente a marzo 2015. Qualora dovessi chiedere la disoccupazione, in vista di un potenziale licenziamento, sarebbe tutto in regola e dovrei dichiarare che svolgo attività autonoma da luglio 2014 sebbene con bassissimo reddito previsto come lavoratore autonomo? Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Claudia, sicuramente al momento della presentazione della domanda di NASpI dovrà dichiarare di avere una partita IVA e il reddito annuo da essa derivante. Se è molto basso non c’è da temere 😉

  52. Alessandro Ferrero ha detto:

    Buongiorno, avrei questa domanda, mi e’ arrivato il primo conteggio di Naspi per 8 giorni con importo di euro 299,68, posso fare una proiezione al mese all’incirca quanto saro’ pagato, come devo calcolare per quanti giorni?
    grazie ancora
    alessandro

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Alessandro. Andando a logico dovrebbe dividere 299,68/8=37,46 37,46×30=1123,8. Grossomodo dovrebbe essere così ma la consideri come una stima approssimativa 😉 A presto!

      1. Alessandro Ferrero ha detto:

        grazie mille, molto gentile, volevo chiederle anche se per i famosi 80 euro che sono previsti anche nella Naspi se devo fare qualche richiesta particolare ad Inps dato che a fine giugno mi sono fermato come reddito a circa 20000 euro e dovrei rientrarci dato che mi sembra di capire che la Naspi non fa cumulo.
        Gli altri anni avevo dichiarato di non rientrare nel reddito degli 80 euro perche’ il mio reddito era superiore.
        Attendo un suo riscontro.
        grazie ancora e saluti
        alessandro

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Alessandro. Per gli 80 euro non deve fare nessuna domanda, ma vengono erogati in automatico al percepimento della NASpI. Spero che la sua comunicazione dello scorso anno non valga in automatico anche per quest’anno, ma tenga conto che questi 80 euro non sono erogati direttamente dall’INPS (per quanto l’istituto funga da ufficio pagatore), ma partono dall’agenzia delle entrate, quindi le consiglio di provare a contattare loro. il numero è 848800444 😉 A presto!

          1. Alessandro Ferrero ha detto:

            Buongiorno, volevo sapere se per questo mese cambia qualcosa sugli 80 euro, di solito in questo periodo vedevo gia’ il pagamento dei famosi 80 euro. Ho notato solo che il pagamento naspi (da questo mese piu’ basso per superamento 4 mesi) riporta questa dicitura:- cong. irpef 87,57 – add. reg, non c’entra niente giusto con gli 80 euro? mi dovrebbero arrivare come per gli altri mesi in un secondo momento? di solito sono arrivati il 25 o il 24 del mese e 10 gg prima vedevo il pagamento..
            grazie delle informazioni
            saluti

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Alessandro, da quello che ci risulta per il 2016 non l’ha ancora percepito nessuno. Non è chiaro il motivo ma credo che verrà comunque liquidato a breve. Non ci risulta che vada fatta alcuna domanda né comunicazione per ottenerlo quindi restiamo in attesa ancora un po’. A presto!

      2. Alessandro Ferrero ha detto:

        grazie, nel frattempo e’ arrivato un nuovo conteggio di 15 giorni per coprire il mese di settembre.
        Il prossimo secondo lei sara’ a fine ottobre per ottobre come dovrebbe essere e coprire tutto il mese?
        Inoltre come faccio a sapere se mi sono stati riconosciuti gli 80 euro, esiste un modo non avendo i conteggi?
        grazie ancora e saluti

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Alessandro, il prossimo pagamento a copertura di ottobre dovrebbe arrivare a novembre ormai. Per gli 80 euro non c’è possibilità di verificare online, ma resta il diritto, quindi, prima o dopo, il pagamento dovrebbe arrivarle in automatico. Eventualmente provi a contattare il numero verde per sollecitare. A presto!

    2. Nicoletta Pituru ha detto:

      Buongiorno, sono Nicoletta. Ho lavorato 2008,2009,2010,2011,2012,2013 fino a febbraio, dal marzo 2013 fino a marzo 2014 in disoccupazione. Da 2014 da giugno con 135 giornate ho lavorato in agriturismo fino a dicembre 2014, ho preso disoccupazione per 2014 agricola, dopo da febbraio 2015 sono assunta di nuovo in agriturismo lavorando con 38 giornate fino a maggio 2015. Di nuovo sono assunta come badante da giugno 2015, quando mi scade il contratto 30 settembre 2015 .per favore con la prossima disoccupazione quanto mi spetta? grazie mille.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Nicoletta, purtroppo non siamo in grado di conteggiare la durata dei vostri sussidi. Dovremo certamente attendere la risposta dell’INPS alla sua domanda di NASpI. A presto!

  53. serena cattaneo ha detto:

    Buongiorno
    sono assunta per una ditta a tempo determinato, il 30/9 mi scadrà il contratto e ho seri dubbi sul rinnovo in quanto l’azienda è in crisi. Ho diritto alla disoccupazione anche se, negli ultimi 4 anni, ho due “buchi” da una settimana ciascuno?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Serena, se ha sempre lavorato non c’è nessun problema per i “buchi” contributivi, in quanto il requisito non prevede che le contribuzioni siano necessariamente consecutive, dunque non abbia timore, la sua domanda verrà certamente accolta 😉 A presto!

  54. Salve io ho lavorato dal 10/2013 al 12/2014 fino al mese di agosto ho percepito l’aspi x 8 mensilita. Ora la mia domanda é la seguente se venissi ingaggiato con un contratto a termine e venissi lincenziato dopo 15 giorni avrei ancora diritto all indennita di disoccupazione

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, se riesce a farsi assumere entro novembre probabilmente sì. Oltre novembre il contratto dovrà essere più lungo per soddisfare il requisito delle 30 giornate. Se prima del 2013 non ha mai lavorato però, non si illuda: la nuova disoccupazione durerà molto poco…un mese o poco più. A presto!

      1. Massimo Stirpe ha detto:

        Buonasera
        Volevo un chiarimento al riguardo dei 30 giorni effettivamente lavorati negli ultimi 12 mesi
        Un contratto di due mesi part-time di solo un ora al giorno di lavoro può dare diritto all’aspi?
        Come impiegato tecnico nell’edilizia a contratto determinato e avendo il requisito delle 13 settimane nei quattro anni precedenti
        Ringrazio anticipatamente della risposta

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Massimo, non parliamo di ASpI, che non c’è più, ma facciamo riferimento alla NASpI. L’INPS non mette limiti di orario giornaliero quindi se lei si è fisicamente recato a lavoro per almeno 30 volte nell’ultimo anno, anche se ha lavorato solo un’ora, può soddisfare il requisito delle 30 giornate.

  55. johnnei johnnei ha detto:

    Salve. Ho una domanda…
    Ho lavorato per più di 3 anni in un’azienda a contratto indeterminato….però mi hanno fatto arrivare alla punto di chiedere le dimissioni volontarie. Non potevo dimostrare maltrattamenti niente…
    Un amico che ha una piccola ditta mi ha detto che mi può assumere per una settimana. .neanche lui non ha tanto lavoro.
    Posso dopo aver lavorato questa settimana chiedere la disoccupazione?
    Perfavore datemi una risposta!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Assolutamente sì, al termine potrà richiedere la NASpI, l’importante è che non dia di nuovo le dimissioni 😉 A presto!

      1. Andrea Ciafardini ha detto:

        SALVE, SONO UN LAVORATORE CHE A BREVE ,ESATTAMENTE IL 31/10/2015 RIMARRÀ DISOCCUPATO. DATO CHE LA NORMATIVA DELLA NUOVA NASPI NON MI E’ CHIARA VOLEVO ESPORVI LA MIA SITUAZIONE PER AVERE INFORMAZIONI A RIGUARDO.
        DISOCCUPATO DAL 31/10/2015, DI SEGUITO RIPORTO IL DETTAGLIO DEI 4 ANNI PRECEDENTI ALLO STATO DI DISOCCUPAZIONE
        31/10/2011 – 31/10/2012 LAVORATE 26 SETTIMANE USUFRUITO DISOCCUPAZIONE 26 SETTIMANE,
        31/10/2012 – 31/10/2013 LAVORATE 27 SETTIMANE USUFRUITO DISOCCUPAZIONE 26 SETTIMANE,
        31/10/2013 – 31/10/2014 LAVORATE 26 SETTIMANE USUFRUITO DISOCCUPAZIONE 26 SETTIMANE,
        31/10/2014 – 31/10/2015 LAVORATE 26 SETTIMANE USUFRUITO DISOCCUPAZIONE 26 SETTIMANE.
        Rientro nella nuova NASPI?
        Per quanto tempo posso percepire la prestazione?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Andrea, sicuramente avrà diritto alla NASpI ma non siamo in grado di conteggiare la durata della sua prestazione. Sappiamo che per i lavoratori stagionali dovrebbero esserci delle agevolazioni dal punto di vista della durata ma per avere un calcolo esatto dovremo attendere la risposta dell’INPS. A presto!

  56. Frontaliere76 ha detto:

    Salve,
    prima di tutto complimenti per questo sito molto disponibile e chiaro !
    Volevo chiedere , sono frontaliere ( lavoro a Lugano ) dal 15 aprile 2013
    Questa la mia situazione :
    da 15 aprile 2013 a 25.12.2014 : Lavoro a tempo indeterminato
    periodo di pausa da 26.12.2015 a 18.01.2015
    Da 19.01.2015 a 30.06.2015 : lavoro a tempo indeterminato ( qui si dice illimitato )
    Da 01.07.2015 ad oggi : assunto dipendente per 6 mesi per una banca fino a 31.12.2015
    DOMANDE :

    1 ) Come frontaliere fiscale ( essendo di Milano presento dichiarazione dei redditi tutti gli anni pagando le tasse in Italia oltreche’ in svizzera ) ho diritto alla Naspi ?

    2 ) Se si quanto mi spetterebbe ( prendo ben oltre 1300 lordi..)
    3) fino al 15 aprile 2013 lavoravo in italia ( 2 anni di contratto a tempo indeterminato ) , esso si aggiunge quindi avrei un totale di praticamente 4 anni di lavoro considerando dal 31.12.2015 ?

    Grazie mille per la risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, sicuramente avrà diritto alla NASPI, ed avrebbe 4 anni di lavoro alle spalle di conseguenza il sussidio durerà circa un paio d’anni. Per l’importo purtroppo non possiamo aiutarla, siamo spiacenti. Può leggere nell’articolo le modalità per calcolarle approssimativamente da sé.
      A presto!

  57. Francesco Raugei ha detto:

    Salve vi espongo il mio caso perchè non credo di aver capito bene quale sarà la mia copertura. In pratica lavoro con contratti a termine che mi lasciano scoperto 3 settimane in agosto e 3 settimane in dicembre questo dal 2011. ho sempre coperto questi previ periodi con l’aspi (non consumando mai ovviamente il periodo indennizzabile, essendo solo per massimo 3 settimane) Adesso quindi se continuerà cosi, sarò ancora ‘coperto’ ma se dovessero tenermi a casa piu tempo invece resterei scoperto in quanto le settimane lavorate hanno già concorso nel calcolo di quelle piccole disoccupazioni? perchè a questo punto se si sa di essere assunti di nuovo non conviene chiederla per non rischiare poi di nn averla se le cose dovessero mettersi male??

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Francesco, non deve preoccuparsi perché le settimane utili alla NASpI sono calcolate in base alla percentuale di ASpI di cui lei ha usufruito rispetto alla totalità di 8 mesi. Per essere più chiari se lei non ha usufruito di tutta l’ASpI in passato, e se non usufruirà di tutta la NASpI in futuro, i contributi relativi (in percentuale) al periodo di sussidio di cui non ha usufruito si “liberano” automaticamente e possono essere utilizzati per accedere a futuri sussidi in caso di bisogno.

      1. am04 ha detto:

        C’è qualche cosa che non mi torna nella sua spiegazione….. Mi spiego meglio, la mia compagna è stata licenziata a giugno 2015,quindi andando a ritroso di 4 anni sono buoni tutti i mesi versati di contributi, per il conteggio della Naspi….ma da giugno 2011 fino a marzo 2013 le settimane di contributi sono state calcolate per la disoccupazione. Quindi diciamo che quelle buone sono le ultime settimane lavorate pari a 38 settimane. Da queste 38 settimane dovrebbero venir fuori la metà di Naspi, quindi 19 settimane che sono 133 giorni….. Invece no,la richiesta è passata per 211 giorni, quindi vuol dire che 78 giorni in più, sono stati calcolati prendendo in considerazione anche i mesi già utilizzati per le altri sostegno del reddito? Grazio per la risposta….

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì ho omesso un passaggio un po’ complicato che può verificare nella circolare NASpI. In alcuni casi l’INPS considera validi anche alcuni contributi che hanno già dato luogo ad precedente sussidio, purché tali contributi siano PRECEDENTI AI 12 MESI PRECEDENTI la domanda per quel sussidio (ASpI o Disoccupazione Ordinaria). Non so se è chiaro…

  58. alesssia dominici ha detto:

    Salve ho fatto domanda Naspi. Mi è arrivata lettera con scritto accoglimento domanda per giorni 0. La mia media mensile è di circa 950 euro. Ma l’inps mi ha accreditato circa 450 euro con dicitura mini aspi per settembre ottobre 2014. Ma io l’anno scorso avevo percepito mini aspi. Cosa significa tutto questo?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Alessia, questo accade quando non spedite il modulo per richiedere l’ultimo mese di pagamento. Dunque, ora che le hanno liquidato tutta la vecchia mini-aspi, che risultava ancora aperta in quanto non era stata pagata del tutto, potranno pagarle la NASpI. Per quanto riguarda la lettera deduco ci sia stato qualche errore di battitura, le consiglio di informarsi presso la sua sede INPS o contattare il numero verde 803164.

  59. Complimenti per il sostegno che date.vorrei sapere delle risposte ho lavorato da marzo 2014 a dicembre 2014 e sto prendendo aspi fino a settembre. Premetto che i requisiti di 13 settimane nei quattro anni c’è lo se trovo un contratto di lavoro di 10 giorni posso richiedere la naspi grazie in anticipo per la risposta

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Considerato che ha lavorato fino a dicembre 2014 direi proprio di sì:) l’importante è che il contratto non superi il mese di novembre.

  60. Claudio Vallesi ha detto:

    Buongiorno,

    La mia domanda NASPI è stata accettata ma mi viene comunicato che ho diritto soltanto a 49 giorni.

    Sono andato questa mattina allo sportello INPS e mi è stato comunicato che mi spettano solo 49 giorni perché dal 2010 al 2014 ho lavorato come CO.CO.CO. (12 mesi l’anno) e quindi quei contributi sono sulla gestione separata e non vengono conteggiati per la durata della NASPI. Ho lavorato come dipendente solo negli ultimi 3 mesi e quindi vengono conteggiati solo quelli.

    Vi risulta ci sia questa scarto nel calcolo? Non riesco a ritrovare il riscontro da nessuna parte.

    Dallo stesso sito dell’INPS, nella sezione informazioni:
    ==========================================
    DURATA DELLA PRESTAZIONE
    L’indennità è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni. Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione. Per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° gennaio 2017 la durata di fruizione della prestazione è in ogni caso limitata ad un massimo di 78 settimane.

    Non ho idea di chi potrei interpellare per avere un riscontro dato che lo stesso sportello INPS mi ha detto che è corretto così com’è.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Claudio, purtroppo è proprio così, sono due gestioni previdenziali separate ahinoi! le faccio il copia incolla dalla circolare sulla NASPI: “Si precisa infine che la categoria dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione sono invece destinatari di una specifica e distinta tutela denominata DIS-COLL introdotta in via sperimentale per il 2015 dall’art. 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22 in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2015 e sino al 31 dicembre 2015 ( Circ. INPS n.83 del 27 aprile 2015 ).”

      Ma ormai credo sia troppo tardi per la domanda di DIS-COLL

      1. Danilo Sollazzo ha detto:

        Salve
        Io sono stato assunto con contratto part rime dal 16/06/2015 e lo stesso mi scadrà il 14/09/2015. Ho diritto alla NASPI?Il mio datore di lavoro mi ha assicurato che rientro con i requisiti ma leggo che le settimane part rime vengono conteggiate per metà!mi potete aiutare con certezza!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Danilo, ai fini del requisito delle 30 giornate va bene anche un part-time in quanto vengono considerate le presenze sul lavoro e non le ore , per il calcolo invece le settimane part-time vengono conteggiate per la metà, a meno che la retribuzione non sia molto alta da poter coprire un full-time, quindi andrà ad incidere necessariamente sulla durata della prestazione, ma non sul diritto. In parole povere: avrà diritto alla NASpI ma la durata sarà inferiore.

  61. Mas Tho ha detto:

    Salve!! Io ho lavorato come dipendente a tempo determinato per 11 settimane nel 2013 e 9 settimane adesso nel 2015.
    Posso richiedere la disoccupazione? In caso non avessi i requisiti,quali sarebbero questi ultimi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, i requisiti ci sono da quello che ci dice, ma quando è terminato il suo rapporto di lavoro?

      1. Mas Tho ha detto:

        il 13 Agosto. Ma c’è possibilità che venga ri-assunto per un altro mese. In ogni caso mi interessava sapere se avevo gia raggiunto i requisisti necessari.

  62. Emanuele Petrachi ha detto:

    In quanto possessore di partita IVA posso effettuare solo domanda NASPI? O mi conviene richiedere MINI-Aspi se possibile?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      La mini-ASpI e l’ASpI non esistono più:)

  63. Chiara Vannini ha detto:

    Salve, scrivo in merito alla vecchia Aspi, che sto percependo da maggio 2014. E’ possibile che inizi un periodo di stage retribuito (anche se poco) all’estero, in Spagna, e mi chiedevo se per questo perderò il diritto all’indennità di disoccupazione. In caso lo facessi in Italia cambierebbe qualcosa?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Chiara, c’è il serio rischio che l’indennità si sospenda. Se lo stage durerà meno di 6 mesi l’ASpI verrà riattivata al termine dello Stage per il tempo rimanente…

  64. Giuseppe Pasta ha detto:

    salve, volevo sapere una cosa che ai tanti può sembrare banale ma io voglio esserne certo…ho fatto domanda naspi in questi giorni, nel momento in cui sarà accettata per esempio tra due mesi, mi arriveranno come prima volta due mensilità giusto? vale a dire gli arretrati? vi ringrazio anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giuseppe, certamente. Quando verrà accolta riceverà gli arretrati da quando ha fatto la domanda 🙂 A presto!

  65. frncesca83 . ha detto:

    Salve Quest’anno ho lavorato su delle supplenze, una a dicembre di otto giorni e una da gennaio a giugno per un totale di 142 giorni. Ho fatto domanda per ricevere il sussidio di disoccupazione e mi sarà corrisposto solo per 59 giorni. ma non dovrebbe essere corrisposto per 75? grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Francesca, questo è uno dei motivi per i quali non siamo in grado di aiutarvi nei calcoli. Approssimativamente dovrebbero essere 75, ma ci sono delle variabili in gioco (retribuzione, ore settimanali…) che conosce solo l’INPS quindi spesso la durata della prestazione è molto difficile da calcolare esattamente. Può chiedere ulteriori informazioni utilizzando il servizio INPS Risponde (se risponde) sul sito http://www.inps.it nella sezione in alto a destra, CONTATTI. A presto!

  66. Luca Pianca ha detto:

    ho fatto la stagione con contratto dal 1 giugno al 31 agosto 2015. mi spetta la naspi? perché non mi è molto chiaro se per risoluzione consensuale si intenda anche la scadenza naturale del contratto!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certo che le spetta. La scadenza del contratto non è una risoluzione consensuale 😉

  67. Mariangela Iovino ha detto:

    Buongiorno, il mio contratto a tempo determinato (part-time) dal 01.05.2015 al 31.08.2015 è scaduto.Ho iniziato a compilare la domanda Aspi on-line sul sito dell’Inps.Durante il periodo di lavoro (tra maggio e luglio), ho anche effettuato delle prestazioni occasionali con altri datori di lavoro per 5000 euro lordi. Non ho capito se l’indennità di disoccupazione mi spetta o meno.Durante la compilazione della domanda viene chiesto di indicare se si svolge attività autonoma, da quale data e con quale reddito presunto nell’ anno. Non ho capito se questa cosa è relativa ad attività successive alla richiesta di disoccupazione per cui se si supera un certo reddito viene ridotta o sospesa, o anche ad attività precedenti la richiesta di disoccupazione.Le mie sono prestazioni occasionali con ritenuta d’acconto no Voucher né Partita IVA. Grazie a chi vorrà chiarirmi la cosa!

  68. Eleonora Di Blasi ha detto:

    Salve, ho una domanda, ma l’INPS a telefono non mi ha saputo ben spiegare (o almeno io così credo).

    La mia situazione:
    – a settembre del 2011 ero occupata
    – a settembre del 2012 ero occupata
    – a giugno del 2013 vado in ASPI
    – consumo tutta l’ASPI (8 mesi)
    – sono occupata nuovamente da dicembre 2014
    – sono tuttora occupata ma a fine contratto a settembre;

    L’INPS dice (o almeno io così ho capito) che ai fini della Naspi nel mio caso si calcola esclusivamente la mia ultima prestazione (dicembre 2014-oggi).

    Il vostro sito, invece, dice quanto segue:
    – Esempio 1: avete presentato domanda di ASpI il 01/03/2014, e per il conteggio delle settimane avete utilizzato le 52 dal 01/03/2012 al 28/02/2013, quelle stesse 52 settimane possono essere tutte utilizzate ai fini NASpI in quanto sono antecedenti ai 12 mesi precedenti la data della domanda di ASpI.

    Il che mi fa pensare che nella mia NASPI sarebbe compreso l’intero 2011 e parte del 2012, oltre al rapporto che è iniziato a dicembre del 2015.

    Mi aiutate a capirci qualcosa? 😉

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Eleonora, che significa “L’INPS dice”? Gliel’hanno riferito in sede o al call center? Dovremmo intanto capire quante settimane di contribuzione sono presenti nel 2011 e 2012. Nel suo caso comunque deve considerare le settimane da settembre 2011 a settembre 2014, escluse le settimane che hanno dato diritto all’ASpI. Se queste 52 settimane sono tutte comprese nei 12 mesi precedenti ni 12 mesi precedenti la domanda di ASpI andranno escluse tutte, in caso contrario provvederà l’INPS a fare ulteriori calcoli col suo software. E’ complicatissimo calcolare la durata senza il supporto dell’INPS, mi spiace!

      1. Eleonora Di Blasi ha detto:

        Salve, e grazie per la cortesissima risposta. La sede dell’INPS è stata trasferita in un luogo per me non facilmente raggiungibile, dunque ho chiamato il call center (che spesso mi è stato utilissimo). E credo di aver capito quello che ho detto: che l’ASPI fruita per intero annulli TUTTO ciò che c’era prima.

        Il dubbio mi è sorto dopo, quando ho letto il vostro articolo (ed è per questo che ho deciso di chiedere).

        Questa la situazione:
        15-6-2011 -> 31-12-2011: 29 settimane (ovviamente un po’ meno se si parte da settembre)
        01-01-2012 -> 31-12-2012 : 53 settimane
        01-01-2012 -> 31-07-2013: 31 settimane (da qui in poi ASPI fruita per intero, poi riassunzione a dicembre 2014)

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Non annulla tutto ciò che c’era prima, ma elimina dalle settimane utili le 52 che hanno dato diritto all’ASpI se queste sono presenti nei 12 mesi precedenti la domanda di ASpI.

          1. Eleonora Di Blasi ha detto:

            Innanzitutto grazie (sarebbe anche un’ottima notizia nel mio caso). Cercherò meglio tra normative e circolari dove si afferma questo punto perché in effetti mi sembra strano che l’INPS mi abbia detto così (cioè, è chiaro che possa aver capito male io, ma ricordo perfettamente la discussione con l’operatore)…

          2. Eleonora Di Blasi ha detto:

            Alla fine, ho provato sulla mia pelle: l’annullamento avviene, mi hanno fatto valere solo le ultime settimane dell’ultimo anno, tutto ciò che c’è prima di una precedente disoccupazione è ANNULLATO. Lo si vede chiaramente dal pannello di controllo dell’INPS, quando si fa la domanda online: vengono segnate quali sono le settimane che saranno utilizzate per il calcolo e tutte quelle PRE-ASPI, sebbene ricadenti negli ultimi quattro anni, non vengono considerate (valgono 0).

          3. Previdenza Facile ha detto:

            Molto strano come conteggio, è sicura che i contributi del 2011 e 2012 non fossero da apprendistato?

          4. Eleonora Di Blasi ha detto:

            Sono troppo vecchia per l’apprendistato. 🙂 Scherzi a parte, nessun apprendistato, si trattava di un normale contratto a tempo determinato, ccnl commercio (nel mio ruolo sono una senior, non era ipotizzabile alcuna forma di apprendistato)

          5. Previdenza Facile ha detto:

            Non so, mi pare strano che le abbiamo annullate tutte, a volte possono esserci anche degli errori di visualizzazione. Attenderei comunque la risposta dell’INPS. Ci faccia sapere come va 🙂 A presto!

          6. Eleonora Di Blasi ha detto:

            Ok, vi terrò aggiornati volentieri. Anche io suppongo un possibile errore di visualizzazione. Ho, pertanto, inoltrato una richiesta via posta certificata, sia all’INPS territoriale (che ha brevemente risposto una cosa non molto congruente…), sia all’INPS nazionale. Per adesso di fatto non ho ottenuto alcuna risposta e sono passate più di 2 settimane. Comunque, ripeto, vi tengo aggiornati, e grazie per l’interessamento. 🙂

  69. Carmine Somma ha detto:

    Salve! Ho appena letto sulla mia pagina INPS che la mia domanda NASPI è stata respinta. La motivazione ancora non è stata scritta. Mi sembra davvero strano dato che i requisiti li ho tutti. Ho fatto una supplenza da ottobre 2014 a giugno 2015 sempre con la stessa scuola, quindi il requisito delle 13 settimane negli ultimi 4 anni c’è come pure le 30 giornate lavorative continue, secondo voi come mai quest’esito? In questo caso come faccio a presentare ricorso? Domani andrò allo sportello per capire meglio la motivazione. Saluti!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Carmine, verifichi nella sua CASSETTA POSTALE ONLINE che trova nell’elenco dei SERVIZI PER IL CITTADINO all’interno della sua posizione INPS se per caso fosse presente una lettera con la motivazione della reiezione, ma comunque recarsi in sede è la scelta migliore. Potete verificare insieme e, in evidente presenza dei requisiti, l’impiegato è tenuto a riesaminare la domanda. A presto!

      1. Carmine Somma ha detto:

        Al momento non vi è ancora nulla nella cassetta purtroppo. Domattina andrò allo sportello e vedrò cosa mi diranno. E pensare che prima di far domanda mi ero recato all’INPS per accertarmi se avevo i requisiti per poter usufruire della prestazione e l’impiegato mi confermò che nella mia posizione riuscivo a soddisfare tutti i criteri. Bah…che dire vi farò sapere. Grazie mille!

        1. Carmine Somma ha detto:

          Sono stato all’INPS stamane e riesaminando la mia pratica il dipendente ha notato che era stato commesso un errore da parte loro. Il motivo del rigetto iniziale era che avevano tenuto conto dei contributi che avevo versato nella prima parte del 2014, quando ho lavorato in regime di gestione separata, e non di quelli per cui avevo lavorato da Ottobre e Giugno come supplente presso una scuola pubblica. Mi ha corretto l’errore e ora la pratica è in pagamento. Saluti.

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Bene Carmine! Grazie per averci aggiornato, gli errori aiutano anche gli altri utenti di passaggio a non perdere le speranze 😉

    2. Stefano Ardito ha detto:

      salve,io ho iniziato un rapporto di lavoro il 13/01/2015 che si e concluso per scadenza contratto il 31/06 2015,,dopo sono stato riassunto da un’altra ditta il 5/07/2015,e sempre per scadenza contratto si e concluso il 31/08/2015.mi spetta la naspi,se si per quale durata

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Sì, le spetta, per la durata però non possiamo aiutarla. In questo articolo ci sono le indicazioni per fare da sé i calcoli. A presto!

  70. Shade Voiceless ha detto:

    Salve, nei 4 anni precedenti la domanda si intende anche 2015?
    Nel 2014 ho lavorato dal 5 luglio al 15 settembre
    Nel 2015 ho lavorato dal 10 giugno al 23 agosto.

    Riuscirò a prendere la NASpi?

    Grazie mille per la risposta 🙂

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, certo, si intende anche il 2015 😉 Certo che ci riuscirà, non dubiti! A presto!

  71. Sofia Moraci ha detto:

    Salve a tutti,avevo alcune domande ma purtroppo all ‘inps non sono riusciti a rispondere a tutte..
    1) 30 gg di effettiva presenza sul lavoro nel 12 mesi precedenti la data di fine rapporto di lavoro.
    Nel 2014 ho lavorato dal 01/06 al 31/10/2014.Quest’anno lavorerò dal 10/08/2015 al 18/08/2015 contratto part time,determinato.Ho 30 gg di effettiva presenza sul posto di lavoro? (Secondo me si,ma nessuno riesce a rispondermi…)
    2) Calcolo della durata della Naspi..Le settimane si calcolano nei 4 anni precedenti il GIORNO di fine rapporto di lavoro oppure L’anno?? Cioè si calcola ad esempio nel mio caso da 18 agosto 2011 ad 18 agosto 2015 oppure dal 2011 al 2015 interi?
    3)Nel 2011 non ho preso disoccupazione..nel 2012 nemmeno(non avevo i 2 anni di anzianità per la ordinaria..)..nel 2013
    ho fatto richiesta della disoccupazione con requisiti ridotti ..Ovvero :
    Nel 2012 ho lavorato stagionalmente.i mesi di fermo(quindi disoccupata tra una stagione e l’altra) sono stati Maggio-Giugno-Ottobre-Novembre..Ho richiesto il pagamento di questi mesi(mi hanno dato 15 settimane),che mi sono stati liquidati ad aprile 2013.
    Il 2012 non sarà contato per il calcolo della durata della Naspi?
    In ogni caso vi lascio la mia Drastica situazione contributiva:
    08/01/2011 11/04/2011 Lavoro dipendente sett. 15
    08/01/2011 11/04/2011 Malattia/infort.(ad int) sett. 0 0,00
    01/07/2011 20/09/2011 Lavoro dipendente sett. 13
    14/12/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 3
    01/01/2012 19/03/2012 Lavoro dipendente sett. 12
    01/01/2012 31/12/2012 Disoccupazione sett. 15 (REQUISITI RIDOTTI LIQUIDATA NEL 2013)
    01/07/2012 19/09/2012 Lavoro dipendente sett. 12
    01/12/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 5
    01/01/2013 31/03/2013 Lavoro dipendente sett. 14
    17/04/2013 21/09/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 23
    22/09/2013 18/10/2013 Lav.dipend. part-time sett. 4
    19/10/2013 31/10/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 2
    27/10/2013 31/12/2013 Lavoro dipendente sett. 9
    02/11/2013 02/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    04/11/2013 09/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    11/11/2013 16/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    18/11/2013 23/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    25/11/2013 30/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    02/12/2013 07/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    09/12/2013 14/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    17/12/2013 21/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    23/12/2013 24/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    27/12/2013 28/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    30/12/2013 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 975.550 503,83 O
    01/01/2014 31/01/2014 Lavoro dipendente sett. 2
    01/02/2014 31/05/2014 Lav.dipend. part-time sett. 17
    01/06/2014 31/10/2014 Apprendista sett. 22 22,000
    08/11/2014 31/12/2014 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 8 8,000 3.640.497 1.880,16 O
    01/01/2015 19/02/2015 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 8 8,000 3.640.497 1.880,16 O
    GRAZIE mille per la pazienza…

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sofia, ci guardiamo bene dal metterci a calcolare le vostre NASpI, non per cattiveria ma è talmente complicato che sbaglieremmo sicuramente.
      1- le 30 giornate ce le ha sicuramente
      2- il calcolo si fa nei 4 anni precedenti a partire dal GIORNO, quindi nel suo caso dal 19 agosto 2011 al 19 agosto 2015(cioè dalla data di presentazione della domanda)
      3- il 2013 non verrà calcolato in quanto – incollo dalla circolare – 2) Non si computa, ai fini del calcolo della durata della NASpI, l’intera contribuzione che ha dato luogo a indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti e di mini ASpI 2012.

      A presto!

  72. Roberto Liguori ha detto:

    Buonasera, a Gennaio 2015 ho percepito la mini aspi, adesso ho un contratto a tempo determinato che scade a fine Ottobre. Vorrei sapere, se presentando richiesta per la Naspi saranno calcolati anche i mesi degli anni precedenti pur avendo usufruito della mini aspi a Gennaio 2015?

    Grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Roberto, certo che verranno calcolati. I mesi che invece non verranno considerati sono solo quelli che hanno dato diritto alla Mini-ASpI. A presto!

  73. Marina Carratù ha detto:

    Ciao
    io nel 2015 ho lavorato 15 giorni con contratto e altri giorni con voucher. Riesco a raggiungere i 30 giorni di lavoro effettivo per chiedere la Naspi? Cioe, i vgiorni lavorati con voucher vengono considerati utili per il raggiungimento delle 30 giornate effettive di lavoro?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve marina, purtroppo le giornate di lavoro occasionale non vengono considerate come lavoro dipendente, quindi no, non potrà utilizzarle per raggiungere il requisito delle 30 giornate, mi spiace. A presto!

  74. Massimiliano Freda ha detto:

    Buongiorno
    vorrei chiedere se posso richiedere la Naspi anche solo per 15/20 giorni perchè poi verrei riassunto sempre dalla stessa ditta?
    In breve dal 21/4 fino al 06/8 ho lavorato con contratti di somministrazione settimanali ininterrottamente(quindi le 13 settimane ce le ho e anche le 30 giornate lavorative).In teoria verrei riassunto fine agosto,inizio settembre sempre nello stessa ditta ma non avendo firmato niente per tutelarmi posso richiedere la Naspi dal 6/8 anche se mi riassumessero a fine mese?Oppure lo stato di disoccupazione deve essere di almeno un tot di giorni?
    Grazie anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Massimiliano, può richiedere subito la NASpI per poi essere riassunto a fine mese, in tal modo avrebbe la copertura per queste giornate scoperte. Prima fa la domanda e meno giorni di disoccupazione perde 😉

    2. Davide Bariselli ha detto:

      Salve,
      Ho una domanda importante da porre.
      Ho perso il lavoro dopo 3 anni di apprendistato gli ultimi di luglio e il giorno dopo ho subito fatto domanda per NASPI al CAF di rho. Ho trovato un lavoro di 3 giorni e ho firmato, oggi al primo giorno di formazione mi sono trovato davvero davvero male e penso di non voler continuare dopo questo contratto ma nello stesso tempo non posso fare dimissioni perché la naspi da quello che ho capito decade; parlando con l agenzia mi ha proposto di restare a casa questi due giorni rimanenti come assenza ingiustificata in modo tale da finire questo contratto che e esattamente di soli tre giorni. Cosi non perdo la NASPI giusto? grazie ma sono in ansia per questo

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Davide, non credo proprio che perderà la NASpI per questo;)

  75. marsh ha detto:

    Salve, avevo due domande da farvi:
    1- avendo lavorato un mese nel 2012 (contratto a tempi determinato) questo rientra nel calcolo della naspi?
    2- nel 2014 ho lavorato 2 mesi con un contratto a progetto… richiedendo la naspi mi saranno calcolati anche questi due mesi oppure solo i contratti a tempo determinato (2012 e 2015)? Se la risposta è no devo fare un’altra domanda per la DIS COLL? Posso farla avendo già richiesto la naspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, gli unici contributi che potrà utilizzare sono quelli da lavoro dipendente, anche quelli del 2012. Non può fare richiesta di dis-coll, ormai sono passati 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro co.co.pro., e comunque non si possono richiedere due sussidi insieme 🙂

  76. salve,
    vorrei capire la disoccupazione che io percepirei se andassi in disoccupazione.
    Ho letto che il calcolo viene fatto sul lordo. Io ho lavorato in una impresa edile per 13 mesi a tempo indeterminato e il lordo della mia busta paga era intorno ai 2000 euro, mentre il netto (cio che percepivo era circa 1200).Il cacolo viene fatto sui 2000 o sui 1300? e se fosse fatto sui 2000 vuol dire che percepirei 1300 di disoccupazione?Mi sembra strano perche prenderei piu del netto… dove sbaglio?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Antonello, il calcolo viene fatto sul lordo. Non solo per legge non potrà percepire più di 1300 euro, ma anche l’importo risultante lordo, quindi al lordo delle trattenute irpef.

  77. Besnik Brahimaj ha detto:

    Salve io volevo un informazione se possibile, in il 17 aprile 2014 ho perso il lavoro ed ho usufrito di aspi per 3 messi ora il 30 setembre mi scade il contrato di 1 ano , di contributi nei ultimi 4 ani ho 195 setimane però ho usufruito del aspi per 13 setimane , quante setimane avrei buoni per la naspi , grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, spiamo spiacenti ma non siamo in grado di calcolare la durata della vostra NASpI, dovrà attendere la risposta dell’INPS. A presto!

    2. luigi76 ha detto:

      Buonasera, sono stato licenziato venerdì scorso ed ora vorrei fare richiesta NASPI ma ho tre domande importanti.
      1.sul sito INPS dopo aver inserito il pinguino vedo che viene menzionata la NASPI solo all’inizio è poi si parla solo di ASPI e miniASPI…..come mai? Sono la stessa cosa ASPI E NASPI?.
      2.Ho letto sempre sul sito INPS che si può fare richiesta anticipata dell’indennita’ in caso di apertura p.iva….
      ma entro 30 o 60 giorni dall’apertura della partita IVA? E se io volessi aprire partita IVA a ottobre andrei fuori dai tempi.
      3.Bisogna essere iscritti alle liste di collocamento per poter fare richiesta di ASPI o NASPI? e quali sono i termini per fare richiesta dalla data della lettera di licenziamento?
      Grazie mille!

      1. Previdenza Facile ha detto:

        AspI e NAspi non sono la stessa cosa, la NASPI ha sostituito ASPI e mini-ASPI, quindi queste ultime non sono più valide.
        Se vuole aprire la partita IVA ad ottobre farà richiesta di anticipazione dopo l’apertura della partita iva, intanto però deve presentare domanda di NASPI, poi quella di anticipazione, quando vorrà.
        Deve fare l’iscrizione al centro per l’impiego, può farlo anche durante la compilazione della domanda online.
        A presto!

        1. luigi76 ha detto:

          Innanzitutto grazie infinite per la sua risposta esaudiente!
          Se posso permettermi le farei altra domanda.
          Sono stato assunto a Settembre 2010 e a novembre 2014 per motivi di salute gravi sono stato in malattia per tutto il periodo concesso per legge 180gg ai quali ho agganciato altri 120gg di Aspettativa Non Retribuita dove alla fine mi hanno licenziato. Quindi ho fatto 58 mesi in azienda di cui 9 mesi tra malattia e Aspettativa sempre per malattia.
          Nel calcolo NASPI viene esclusa la malattia e quindi avrei diritto a 2 due anni di versamenti NASPI oppure si conterebbe a ritroso dall’ultimo periodo è quindi toglierebbero i 9 mesi dal conteggio e potrei percepire non 24 mesi ma bensì 24-9 e quindi 15 mesi?
          Grazie ancora per la cortesia è il suo supporto prezioso.
          Cordiali saluti.

          1. Previdenza Facile ha detto:

            Salve Luigi, scusi ma così non è molto chiaro. E’ necessario sapere le date esatte in cui è stato in malattia. Le ricordo che la malattia non è conteggiata solo ai fini del diritto (e cioè per le 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro), mentre per il calcolo viene considerata. A presto!

          2. luigi76 ha detto:

            Nella stessa ditta ho lavorato sicuri 4 anni prima di entrare in malattia che agganciata ad aspettativa sono 10 Mesi totali.
            Dopo l’aspettativa mi hanno licenziamento.
            Ho fatto domanda online.
            Ho diritto alla NASPI dato che non mi sono licenziato io e il contratto non si é sciolto di comune accordo ma perché avevo superato periodo di comporto sommata ad aspettativa?
            Quanti mesi di NASPI mi spetterebbero?
            Grazie siete preziosi come risorsa.
            Grazie veramente….in questo mare di leggi sono perso.
            Cordiali saluti.

          3. Previdenza Facile ha detto:

            Ci siamo persi anche noi caro Luigi, purtroppo non siamo in grado di fare il calcolo esatto della sua NASpI, ha già presentato la domanda?

  78. Mary Bo ha detto:

    buonasera, avrei bisogno di un chiarimento. Sono una supplente con un contratto a tempo determinato dal 4 febbraio all’ 11 giugno 215, ho usufruito del congedo parentale per quasi tuttala durata della supplenza, ho lo stesso diritto alla naspi, grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Mary, ha diritto comunque, l’importante è che possa far valere almeno 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro negli ultimi 12 mesi.

  79. Anonimo ha detto:

    Buonasera,

    Vorrei fare una semplice domanda sulla durata della naspi.
    Leggo su vari siti che sono considerati i 4 anni precedenti. Se in questi 4 anni ci sono:
    1) due anni di determinato seguiti da dimissioni
    2) un anno determinato seguito da licenziamento su cui ho fatto richiesta naspi

    Per il calcolo della durata naspi (metà del periodo contributivo degli ultimi 4 anni) valgono i due anni?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certo, valgono quei due anni di lavoro, anche se all’epoca ha dato le dimissioni. Se ha lavorato 3 anni full time negli ultimi 4 le spetta la NASpI per un anno e mezzo.

  80. Santo Lo Presti ha detto:

    Salve…io lavoro circa 6 mesi all’anno. Con contratto a tempo determinato..da alcuni anni…però spezzati…per esempio nel 2014 ho lavorato fino a ottobre poi aspi e a gennaio ho ripreso a lavorare fino al 31 marzo…poi aspi ed ora ho ripreso il 1 luglio e farò fino al 30 settembre…

    Ho dei dubbi…ad ottobre presenterò la nuova naspi ma mi pagheranno metà periodo?cioe avendo fatto 3 mesi luglio settembre poi se resto fermo fino a gennaio me li pagano ottobre nov è dicembre?
    E dopo i 3 mesi del 2016 gennaio marzo ad aprile poi la prenderò fino a giugno compreso?
    Insomma i dubbi sono la durata dopo il primo fermo?cioe lavorando 6 mesi all’anno ogni volta la blocco x 3 mesi che lavoro e la sblocco x altri 3 ma facendo così mi pagheranno 6 mesi all’anno anche nel 2016 e 2017 se non cambia legge?grazie

    P.s. Il dubbio mi viene leggendo che pagano metà dei mesi
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Santo, purtroppo non siamo in grado di fare calcoli per quanto la durata della NASpI, ogni caso è a sé, soprattutto se avete dei rapporti di lavoro intermittenti. Per il 2015 dovrebbe essere garantito il sussidio per gli stagionali non tenendo conto delle ASpI percepite in precedenza, ma il futuro è ancora un punto interrogativo.

  81. Emanuele Dato ha detto:

    Salve, vorrei sapere se i periodi contributivi di apprendistato part time negli anni 2013/2014 sono validi ai fini del calcolo naspi.

    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Emanuele, sì, sono validi a partire dal 1° gennaio 2013.

      1. Arianna Pica ha detto:

        Quindi se io ho concluso l’apprendistato professionalizzante ad Aprile 2012, non è valido ai fini del conteggio Naspi?

  82. Mimmo Iacopino ha detto:

    Scusate l’ora
    Avrei bisogno di un chiarimento.
    Ho lavorato in una azienda privata fino al 01/06/2015. Quando ho rihiesto il C2 storico ho scoperto che il mio licenziamento era datato al 30/04/2015, ovviamente ho denunciato il tutto all’Ispettorato del Lavoro e richiesto all’azienda di modificare la data di licenziamento. Con la suddetta denuncia ho fatto l’iscrizione all’Ufficio dell’Impiego con data di licenziamento 01/06/2015. Di seguito, tramite CAF ho fatto richiesta di disoccupazione richiedendo la NASPI. Secondo il vostro parere potrò usufruire della Naspi o devo attendere l’esito della contestazione? Ringrazio anticipatamente

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Mimmo, effettivamente la situazione è un po’ controversa, anche perché se effettivamente il licenziamento dovesse essere confermato al 30/04 dovrebbe spettarle l’aspi e non la NASpI. Ma quindi fino a giugno ha lavorato senza essere segnato? Non saprei cosa dirle, dobbiamo aspettare l’esito della domanda di NASpI, ma se ha fatto denuncia all’ispettorato non dovrebbero esserci problemi. Ci faccia sapere, se non altro avremo un dato in più per utenti che hanno subito la stessa situazione. A presto!

  83. Mirko ha detto:

    buonasera,
    sono stato licenziato il 30 giugno e faro domanda di naspi.
    la domanda la devo ancora fare…volevo chiedere se io il 14 luglio faccio una prestazione occasionale ed il 15 luglio presento domanda di naspi (licenziato il 30 giugno) la prestazione occasionale viene considerata lavoro svolto sotto naspi oppure no?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      No, se fa la domanda dopo la prestazione occasionale non c’è nessun problema 😉

      1. Mirko ha detto:

        grazie….mentre durante naspi mi è parso di capire che posso svolgere prestazioni di lavoro autonomo occasionale (non accessorio) per un importo massimo di 3000 senza che la naspi mi venga sospesa, decada o mi venga ridotta. ho il dubbio se dovro compilare la naspi com per comunicare che ho svolto tale prestazione di lavoro autonomo occasionale.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          autonomo occasionale? quindi con partita iva? E’ bene comunque mandare sempre il NASpI-com per comunicare il reddito presunto da quella prestazione e le giornate di lavoro di modo che l’INPS possa procedere alla decurtazione dei giorni di lavoro, o eventualmente alla riduzione. Se infatti il modulo non viene mandato e l’inps si dovesse accorgere della doppia contribuzione potrebbe sospendere la prestazione…

  84. Marco Cinus ha detto:

    buongiorno,l’ultimo rapporto di lavoro è finito a luglio 2013,ho preso la disoccupazione aspi fino a marzo 2014.posso prendere la naspi se lavoro almeno 1 mese nell’anno 2015?grazie dell’aiuto

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, difficile daRE RISPOSTE CERTE SENZA VEDERE L’ESTRATTO CONTRIBUTIVO, COMUNQUE IL LINEA DI MASSIMA posso dirle di sì, potrà fare domanda di NASpI, ma attenzione, non basta un contratto di 30 giorni, ci devono essere 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro, quindi escluse ferie/congedi/riposo/festività.

  85. Mirko Gentile ha detto:

    Salve le riscrivo per una piccola delucidazione…

    Avendo lavorato da maggio 2010 ad ottobre 2014 e usufruito dell aspi completa di 8 mesi fino ad oggi luglio 2015 e supponendo di avere il nuovo contratto con almeno 30 giorni effettivi il periodo di riferimento per il calcolo della naspi sara da settembre 2011 a settembre 2015 ???

    Quindi da questo periodo perdo 8 mesi che non ho versato i contributi percependo laspi + le settimane stesse che sono servite alla prestazione dellaspi che sono di 2 anni…

    Quindi in totale rimangono solo 1 anno e 4 mesi da cui calcolare la naspi giusto ???

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Mirko, non esattamente: TEORICAMENTE le settimane servite alla prestazione ASPI non devono essere considerate solo se presenti nei 12 mesi precedenti l’inizio dell’ASPI stessa, o almeno così sembra essere. In realtà ad oggi è davvero complicato fare un calcolo di massima sulla durata perché NEANCHE L’INPS sa ancora come si calcola la NASpI. In perfetto Italian Style…

      1. Mirko Gentile ha detto:

        La ringrazio ma cè qualcuno che e riuscito ad ottenerla questa naspi ???
        Alcuni miei amici pur avendone i requisiti gli hanno fatto la solita aspi il mese scorso !!

        Mi vien da pensare che fino ad ora rimane solo teoria

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Per ora pare di no. Ne abbiamo parlato qui

  86. Vincenzo Federica ha detto:

    buonasera avrei delle info da chiedere riguardo la Naspi. Le riporto di seguito la mia contribuzione dall’estratto del Inps.
    01/01/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 52 tempo pieno € 19.964,00
    01/01/2012 26/03/2012 Lavoro dipendente sett. 13 tempo pieno € 5.555,00
    01/04/2012 30/04/2012 Lavoro dipendente sett. 2 tempo pieno € 451,00
    23/04/2012 22/12/2012 Disoccupazione sett. 35
    01/01/2013 31/12/2013 Agricolo giornaliero giorni 11 € 862,18
    04/05/2013 31/07/2013 Lav.dipend. part-time sett. 14 1,000 € 418,00
    01/01/2014 31/12/2014 Agricolo giornaliero giorni 8 8,000 € 337,28
    11/09/2014 31/12/2014 Lav.dipend. part-time sett. 17 10,000 € 3.574,00
    01/01/2015 30/04/2015 Lav.dipend. part-time sett. 18 10,000 € 3.531,00
    il contratto comunque scade il 30/09/2015 Vorrei sapere se ho i requisiti per richiedere Naspi , per quanti mesi la percepisco e a quanto ammonta.Grazie per l’attenzione,cordiali saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, non possiamo darle informazioni riguardo l’importo e la durata della prestazione, i calcoli sono assai complicati, tanto più che ad oggi neanche l’INPS ha ancora il software per calcolarla (figuriamoci!!).
      Le posso però dire che dai contributi che ha sicuramente avrà diritto alla NASpI.
      A presto!

  87. fede ha detto:

    Sono una precaria della scuola,
    Ho lavorato con contratti giornalieri per tutto l’anno 2014/2015 ed ho percepito l’aspi solo per le giornate in cui non ho lavorato( aspi chiesta a luglio 2013 sospesa per un incarico annuale preso nel 2013/2014 e riattivatami a luglio 2014 nonostante avessi inoltrato una nuova domanda). A maggio 2015 ho chiesto di chiudere l aspi perché ho preso una supplenza lunga x cui risultavo sotto contratto ma non è stata chiusa.Da quanto mi sembra di capire non ho diritto alla naspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, la sua situazione non è molto chiara, però le posso dire che se il suo ultimo rapporto di lavoro è durato più di sei mesi l’ASpI decade, d’ufficio, senza richieste, resta comunque l’onere da parte del lavoratore comunicare il rapporto di lavoro all’INPS.
      Dunque:
      -se il rapporto è durato più di sei mesi deve presentare domanda di NASpI
      -se è durato meno di sei mesi rientra in ASpI per percepire le mensilità rimanenti

  88. Buon Giorno,
    Naspi per stagionali abbiamo Novita per 2015? Solo 2015 se ho lavorato 6 mese prendo 6 mese disoccupazione?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, per ora purtroppo no. Stiamo aspettando delucidazioni da parte di INPS. mi spiace. Per rimanere aggiornato può anche seguire Twitter: http://www.twitter.com/naspistagionali Facebook: http://www.facebook.com/naspistagionali Hashtag ufficiale: #naspistagionali

      A presto!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Speriamo! Grazie per la comunicazione, restiamo comunque in attesa della circolare INPS. Questa NASpI è stata pensata proprio male, ora stanno cercando di mettere qualche toppa…ma immagino che scoppierà presto qualche bolla! Prima erano penalizzati gli stagionali, ora sono penalizzati tutti gli altri lavoratori, che continueranno ad alternare rapporti di lavoro a tempo determinato a periodi di disoccupazione, esattamente come gli stagionali, ma senza gli stessi diritti.

  89. Mirko Gentile ha detto:

    Salve ho lavorato da maggio 2010 a ottobre 2014 full time a tempo indeterminato…a questo punto vengo licenziato e percepisco l aspi da novembre per 7 mesi ..ed oggi sono stato a far domanda dell’8° mese al caf e mi e stato detto che i sistemi da giorni non vanno per questo tipo di operazione che non si sa addirittura se si potra ricevere l8° mese per via dei cambiamenti a questi sistemi che non prevedono piu questa richiesta!!!
    Premesso questo da luglio avrei la possibilita di lavorare 2 mesi dal mio vecchio datore di lavoro a tempo determinato per via della momentanea assenza di un mio collega..

    La mia domanda è posso aver diritto alla naspi dopo i due mesi se non trovo subito lavoro ?
    Oggi al caf anche a questo mi e stato risposto di no…
    Cmq se sì , il periodo di riferimento sarebbe settembre 2011 – settempre 2015 (meno i 7 mesi di aspi ) giusto ?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      mammamia…ma che caf è? 🙂
      Comunque la domanda di NASPI la potrà presentare al termine del rapporto di lavoro
      Per l’ottavo mese le dico innanzitutto che le DEVE essere pagato, è un suo diritto, ci mancherebbe pure…inoltre se ha il PIN può presentare l’ASPI-COM online, in caso contrario CAMBI PATRONATO!
      a presto!

      1. Mirko Gentile ha detto:

        Grazie mille della risposta , si avevo pensato di farmi mandare il pin al piu presto in modo di poter visualizzare anche il corretto estratto conto delle settimane..!!! Provvedero !

      2. Angy88 ha detto:

        Buonasera,avrei delle info da chiedere riguardo la Naspi.Io dal 1/1/2011 al 31/12/2011 ho 13 settimane di contributi,anche se sulla tabella inps risulta disoccupazione perchè avevo usufruito della requisiti ridotti,poi sempre seguendo la tabella inps dal 22/02/2011 al 3/3/2011=2 settimane,dal 4/07/2011 al 17/12/2011=15 settimane,dal 18/06/2012 al 18/09/2012=7 settimane,dal 24/07/2013 al 14/12/2013=3 settimane e dal 29/04/2014 al 23/05/2014=4 settimane.L’ultimo contratto di lavoro è stato dal 18/06/2015 al 24/06/2015.Vorrei sapere ho i requisiti per richiedere Naspi cioè le 13 settimane negli ultimi 4 anni e le 30 giornate lavorative negli ultimi 12 mesi?Grazie per l’attenzione,cordiali saluti

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve, da quello che vedo dovrebbe averli, anche se dev’essere lei a sapere se ha fatto almeno 30 presenze sul lavoro in queste settimane…insomma, se non era un part-time verticale dovrebbero esserci. Le 13 settimane ci sono. A scanso di equivoci le consiglio comunque di inoltrare la domanda il prima possibile.

          1. Angy88 ha detto:

            Grazie mille per avermi risposto,io ho 4 settimane di aprile/maggio del 2014 e una settimana a giugno di quest’anno.Spero quindi di rientrare nel calcolo delle 30 giornate,provvederò il prima possibile a fare la domanda,grazie mille!

  90. Francesca ha detto:

    Buonasera, avrei bisogno di un chiarimento perchè non riesco più a barcamenarmi sul sito dell’INPS. Mi scuso ma forse ho posizionato male prima la mia richiesta. Sono stata licenziata il 6 giugno e ho fatto domanda per la NASPI, avendo i requisiti per ottenerla. Mi si è presentata l’opportunità in questi giorni di poter effettuare una prestazione occasionale presso un ente della durata di 60 giorni per un importo di 900-1000 euro complessivo. Se accetto rischio di perdere la NASPI o questa viene decurtata? Nel caso venga decurtata, di quanto viene diminuita e per quanto tempo? Inoltre se accetto devo fare qualche comunicazione all’INPS? (Tra l’altro, essendo un ente, è probabile che questo lavoretto mi venga liquidato nel 2016).
    Vi ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve francesca, copio/incollo dal nostro articolo:

      “La NASpI continua ad essere erogata ma in forma ridotta nel caso in cui la durata del rapporto di lavoro sia inferiore a sei mesi e dal quale ne deriva un reddito annuo inferiore a 8000 euro. La riduzione applicata è di un importo pari all’80% del reddito previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di inizio del contratto di lavoro subordinato e la data in cui termina il periodo di godimento dell’indennità o, se antecedente, la fine dell’anno. La riduzione di cui al periodo precedente è ricalcolata d’ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.[/bs_notification]

      In ogni caso, il lavoratore è tenuto a comunicare alla propria sede INPS di competenza qualunque evento che possa intercedere con la prestazione, attraverso il modulo NASpI-COM.”

  91. Luca Brioccia Olla ha detto:

    Salve a tutti!
    Ho letto già che visto che per i calcoli giusti per la naspi ci vorrà l’aiuto Del PD perché troppo complicati..ma vorrei tanto avere almeno una risposta approssimativa su questo argomento se potete..perché sono molto preoccupato..quindi vi ringrazio già!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luca, ho cancellato tutti i suoi dati perché troppo confusi, impossibile fare un calcolo, neanche Einstein 🙂 Se riesce faccia copia/incolla del suo estratto contributivo, ma per il calcolo esatto della durata le dico già che non possiamo aiutarla, mi spiace! restiamo in attesa

      1. Luca Brioccia Olla ha detto:

        Ora non ho l estratto.. non so se può servire Ma praticamente in 36 mesi ho lavorato 20 mesi e il resto in disoccupazione!

  92. Giuseppe Pasta ha detto:

    salve avrei bisogno di un chiarimento da voi che ne capite purtroppo sono negato in materia, sono un po confuso, spiego brevemente. io ho lavorato dal febbraio 2011 al luglio 2014 con contratto a tempo INDETERMINATO presso un’azienda come cassiere, da dove purtroppo mi sono licenziato per motivi personali…so che fino ad ora non mi spetta nulla per via del mio licenziamento e fino a qua ci siamo. Ora ho la possibilità di essere assunto con contratto a tempo determinato per un mese da un amico che ha un’ attività e avrebbe bisogno di un impiegato per almeno un mese appunto. la domanda è: mettiamo che ci lavoro un mese da questo mio amico, alla fine io la domanda per la naspi posso presentarla? e così facendo non dovrebbero tenere conto dei contributi che mi sono stati versati negli ultimi 4 anni quindi anche e soprattutto quelli dell’azienda? vi ringrazio della cortese attenzione e vi prego di darmi una risposta poichè al patronato non è che ci ho capito un granchè di quello che mi hanno detto…

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Giuseppe, il fatto che si è licenziato dall’azienda preclude solo il diritto alla domanda, di conseguenza, se il nuovo contratto di lavoro sarà a tempo indeterminato potrà presentare domanda di NASpI e i contributi dell’azienda verranno considerati ai fini del calcolo anche se ha dato le dimissioni. Spero di esser stata chiara. A presto 😉

      1. Giuseppe Pasta ha detto:

        Il contratto che mi farà questo amico però sarà a tempo DETERMINATO per 30 gg lavorativi. posso accedervi ugualmente alla naspi o no?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Se il contratto sarà di soli 30 giorni non le spetta la NASpI perché in questi 30 giorni avrà immagino delle giornate di riposo, che non sono valide ai fini del conteggio di 30 giorni, quindi cerchi di farsi allungare il contratto in modo da guadagnare almeno 30 PRESENZE EFFETTIVE SUL LAVORO.

          1. Giuseppe Pasta ha detto:

            ah ok lo faccio fare allora per 34-35 gg o giù di li. quindi così facendo anche se per quel lavoro che ho fatto dal 2011 al 2014 mi sono autonomamente licenziato da contratto a tempo indeterminato, e a breve ne avrò uno a tempo determinato per 34-35 gg appunto potrò sfruttare anche le settimane di quel lavoro precendentemente fatto ho capito bene? non mi valgono per il conteggio solo i 30 gg effettivi di lavoro che farò? in questo caso prenderò una miseria 🙁 manco per la fatica… scusate se vi ri-rispondo ma ho esigenza di essere certo.

            25/02/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 45
            01/01/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 52
            01/01/2013 31/12/2013 Lavoro dipendente sett. 52
            01/01/2014 28/02/2014 Lavoro dipendente sett. 9
            01/03/2014 31/07/2014 Lavoro dipendente sett. 23
            questa è la mia situazione cmq…
            di nuovo grazie mille per la pazinza

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Per il calcolo verranno utilizzati tutti i contributi degli ultimi 4 anni salvo quelli che hanno dato diritto all’ASPI presenti nei 12 mesi precedenti l’ASPI. C’è scritto qui 🙂

    2. cristian ha detto:

      Buongiorno,

      Ho lavorato dal giugno 2012 con contratto a tempo indeterminato e sono stato licenziato a febraio 2015.Da marzo 2015 prendo l’aspi penso per 8 o 10 mesi.Da marzo 2016 o una proposta per un lavoro con contratto atepo determinato di 3 mesi.Vorrei sapere se dopo posso fare la domanda di naspi…o e sufficiente avere almeno 30 giorni di lavoro in mio caso .. ?
      grazie in anticipo per la risposta

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, vanno bene anche solo 30 giorni, ma non di contratto, 30 giorni di effettiva presenza sul lavoro, quindi il contratto, che comprende i giorni di riposo, dovrà essere un po’ più lungo. Poi potrà presentare domanda di NASpI.

  93. luigi ha detto:

    Salve, volevo avere un’informazione. Ho avuto contributi x 15 anni continui e sono stato licenziato 30/06/2014. Ho percepito l’aspi fino al 28/02/2015 e adesso ho avuto un contratto di lavoro a tempo determinato dal 09/06/2015 fino al 22/07/2015, dopo mi spetta la naspi visto che posso ancora calcolare 2 anni negli ultimi 4 anni? Le trenta giornate come si calcolano? Dal momento che finisce l’ultimo contratto di lavoro attuale si torna indietro di 12 mesi? Valgono le giornate dell’ultimo contratto? Grazie.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luigi, al termine di questo lavoro potrà presentare domanda di NASpI. Le 30 giornate si calcolano tornando indietro di 12 mesi dal momento in cui presenterà la domanda, e ovviamente, valgono anche quelle dell’ultimo contratto 🙂

  94. Tudorel Stoica ha detto:

    Salve, ho avuto un contratto a tempo determinato che è iniziato il 1 aprile ed è finito il 19 giugno. Negli anni precedenti non ho avuto nessun rapporto di lavoro. Non raggiungo le 13 settimane contributive e di conseguenza non mi spetta la naspi, giusto? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Giusto 🙁 Purtroppo quello delle 13 settimane è un requisito fondamentale, mi spiace! A presto

  95. Lu Fa ha detto:

    Buonasera, mi è scaduto il contratto a tempo determinato il 28 maggio 2015 e non è più stato rinnovato. Qualche giorno prima della scadenza, tuttavia, ho subito un operazione al polso (tunnel carpale) la quale mi ha procurato 20 giorni di convalescenza, cioè fino al 16/06/2015. All’ufficio dell’impiego, ovviamente, mi hanno detto che fino al 17/06/2015 non avrei potuto iscrivermi perché ero inabile al lavoro e, allo steso tempo, essendo scaduto il contratto di lavoro il 31/05/2015, dopo tale data non avrei ricevuto neppure l’indennità di malattia dell’INPS. Ieri ho inviato la domanda per la NASPI all’INPS in relazione alla quale le chiedo se decorrerà da ieri (primo giorno dopo la malattia) oppure dal giorno successivo alla scadenza del contratto (anche se ero in malattia)? Lo chiedo perché ho letto che la NASPI non sostituisce l’indennità di malattia ma, se insorge una malattia entro 60 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, si ha comunque diritto all’indennità INPS sospendendo la NASPI per il tempo della malattia e riprendendola successivamente.
    Grazie e complimenti per il suo lavoro

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Infatti ricordo anch’io che la malattia spettava anche nel caso di insorgenza a cavallo del termine del rapporto di lavoro. Provo a vedere se trovo qualche altra informazione in merito. La sua NASpI, comunque, decorrerà dal giorno successivo al termine della malattia 🙂

      1. Lu Fa ha detto:

        La ringrazio infinitamente. E rinnovo i complimenti per il lavoro svolto e l’aiuto fornito.
        Attendo una risposta per tornare all’Inps e chiedere, eventualmente, quanto mi spetta.

  96. lucia73 ha detto:

    Salve,
    una cortesia questa è la mia situazione contributiva degli ultimi 4 anni:
    01/01/11 – 31/10/11 lav. dipendente – settimane 44
    01/01/11 – 31/12/11 disoccupazione – settimane 5
    01/12/11 – 31/12/11 lav. dipendente – settimane 5
    01/01/12 – 08/06/12 lav. dipendente – settimane 23
    14/06/12 – 31/12/12 lav. dipendente – settimane 25
    03/01/13 – 21/11/13 lav. dipendente – settimane 47
    03/01/13 – 21/11/13 mater/pater/congedi (int) – settimane 0
    03/01/13 – 21/11/13 mater/pater/congedi (int.) – settimane 0
    22/11/13 – 14/12/13 ind. sost. preavviso – settimane 4
    22/12/13 – 31/12/13 contr. figurativa x aspi – settimane 2
    01/01/14 – 22/08/14 contr. figurativa x aspi – settimane 34
    08/09/14 – 15/10/14 lavoro dipendente – settimane 6

    dal 23/10/14 sono in aspi e lo sarò fino al 22/06/15
    ho avuto la proposta di un contratto a tempo determinato dal 01/07 al 31/07/15 al termine di questo contratto se non rinnovato avrò diritto alla Naspi e per quanto tempo visto che ho già usufruito due volte dell’Aspi??
    Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Lucia, se può contare 30 giornate di presenza effettiva sul lavoro negli ultimi 12 mesi precedenti la data della domanda di NASpI potrà sicuramente rientrarci. Non le so dire per quanto tempo in quanto i calcoli sono molto complicati e spettano all’INPS. A presto!

  97. Alessia Lilly ha detto:

    Salve. Io svolgo supplenze nella scuola dell’infanzia. Lavoro giornalmente.
    Per calcolare le settimane lavorate negli ultimi 4 anni basta raggruppare 7 giorni di lavoro anche non continuativi? e comunque devo calcolare le settimane partendo da giugno 2011 ??
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Esatto Alessia, e se il lavoro è part time serviranno 14 giornate per fare una settimana intera. Da giugno 2011, bravissima…

  98. Ibrahim Shazad ha detto:

    ciao io ho lavorato 12 anni e da gennaio sono disoccupato e sto precependo l’aspi fino 30 ottobre, dopo posso fare naspi.
    2011 ho 48 settimane
    2012 ho 50 settimane
    2013 52 settimane

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, al termine dell’ASpI dovrà avere un nuovo rapporto di lavoro, solo al termine di questo lavoro potrà inoltrare domanda di NASpI.

  99. Là Francy ha detto:

    Buongiorno complimenti per il lavoro che svolgete per tutti noi…ho bisogno di una informazione…mi sono licenziata dopo 10 anni per trasferimento e inizio un contratto a termine di 30 gg…non ho mai percepito nessuna disoccupazione perché dal 2005 fino al 30/06/2015 sono stata a tempo indeterminato. Ho diritto alla Naspi? Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, certo, avrà diritto alla NASpI, mi raccomando, inoltri la domanda appena possibile dopo il termine del rapporto di lavoro. A presto!

  100. Fabio Sperandini ha detto:

    Salvo volevo sapere se ho diritto alla naspi e quante settimane mi aspettano. Io ho sempre lavorato dal 01/01/2011 al 29/07/2014 poi usufruito del aspi dal 03/08/14 al 31/03/2015 poi ho iniziato a lavorare dal 09/04/2015 fino al 05/06/2015 con contratto determinato full time.
    Saprebbe dirmi qualcosa grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Fabio, certamente lei avrà diritto alla NASpI ma purtroppo, come abbiamo già comunicato ad altri utenti, non ci è più possibile fare i calcoli per la NASpI in quanto sono molto complicati quindi rischieremmo senz’altro di sbagliare, e non vorremmo darvi informazioni errate. Se vuole può provare a contattare il numero verde INPS 803164. Ci spiace davvero, a presto!

      1. Miro ha detto:

        Salve,
        Io ho la seguente situazione: ho lavorato come accompagnatore turistico dal 22/04/2014 al 14/12/2014 con contratto di lavoro dipendente part-time, dopo di che non ho fatto domanda per nessun ammortizzatore sociale (mi ero licenziato), dopo di che sono stato assunto come colf dal 15/05/2015 al 20/06/2015 ma licenziato il 21/05/2015. Dall’estratto conto:
        22/04/2014 – 14/12/2014 accompagnatore turistico contratto lav. Dipend. Part time 34 sett. Retribuzione 12 mila 652 euro.
        15/05/2015 – 21/05/2015 colf contralto part-time retribuzione 150 euro.
        Ho gia’ presentato la domanda per Naspi, ma nessuno mi ha saputo dire come funziona. La domanda che mi pongo e’: nel calcolo dell’importo della Naspi rientreranno anche le settimane quando non ho lavorato, cioe’ i quattro mesi tra un lavoro e l’altro? E rigurdo il 2014, la media settimanale verra’ fatta sulla base degli 8 mesi che ho lavorato, o sull’intero anno? Insomma per quanti mesi devo dividere I 12 652 euro? Per 8, per 12 o per 16? E quante settimane di Naspi mi spetteranno? Non sono italiano, quandi chiedo scusa se ho fatto errori. Spero nel vostro chiarimento! Vi ringrazio in anticipo!

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Miro, per calcolare l’importo della NASpI deve dividere la retribuzione annuale (LORDA) per i mesi in cui ha lavorato, nel suo caso circa 8, le settimane in cui non ha lavorato non fanno la media, assolutamente! Purtroppo, come abbiamo già comunicato ad altri utenti, non ci è più possibile fare i calcoli per la durata della NASpI in quanto sono molto complicati quindi rischieremmo senz’altro di sbagliare, e non vorremmo darvi informazioni errate. Se vuole può provare a contattare il numero verde INPS 803164. A presto!

  101. forus sing ha detto:

    Buonasera,
    intanto complimenti per il blog aggiornatissimo. Avrei un quesito da proporre:
    ho anche io il mio pregresso lavorativo e a volte sospeso è subentrata la mini aspi e l’aspi.
    dal 18 al 31 maggio 2015 ho contratto ( di cui ho gia ricevuto conferma di non rinnovo) per cui ricadrò in disoccupazione.
    ho percepito 8 mesi di aspi, come di seguito riporto l’estratto conto contributivo

    02/07/2012 31/12/2012 Lav.dipend. part-time sett. 27
    01/01/2013 08/09/2013 Lav.dipend. part-time sett. 27
    27/04/2013 09/06/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 7
    19/08/2013 19/08/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 1
    16/09/2013 02/10/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 3
    03/10/2013 30/12/2013 Lav.dipend. part-time sett. 14
    02/01/2014 04/08/2014 Lav.dipend. part-time sett. 32
    12/08/2014 31/12/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 21
    01/01/2015 12/04/2015 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 15

    Tenendo conto delle settimane di lavoro effettivo sono a 100 ( piu le due appena effettuate ancora non presenti nell’estratto conto) inserendo anche quelle di contribuzione figurativa per aspi e mini aspi arrivo a 147 settimane.
    vanno al calcolo anche quelle di disoccupazione?

    con questi dati forniti, riuscite a capire se ho diritto a richiedere la naspi? avendo comunque le settimane relative alla contribuzione negli ultimi 4 anni. se non fosse possibile, ho qualche altra possibilità?

    grazie in anticipo,
    aspetto fiducioso.
    Andrea

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Andrea, avrò certamente diritto alla NASpI in quanto ha tutti i requisiti per percepirla ma le settimane di cui potrà usufruire non sono tantissime in quanto quelle figurative di ASpI e mini-ASpI non vanno proprio calcolate, e non vanno calcolate neanche quelle che hanno dato diritto alle suddette prestazioni, ma solo se presenti nei 12 mesi precedenti le domande di ASpI e mini-ASpI, quelle esterne ai 12 mesi potranno essere considerati ai fini della durata della NASpI 🙂

      1. forus sing ha detto:

        Grazie mille, procedo con la richiesta allora, speriamo vada a buon fine!
        grazie ancora!!

  102. Mariola ha detto:

    Buongiorno,

    in data il 26/04/15 sono stata licenziata (lavoravo come colf), il 27/05/15 ho fatto la domanda per aspi-mini aspi.

    Entrambi mi sono state respinte. Dal mio calcolo risulta che avrei oltre 52 sett di contributi.

    Ma non capisco il preche della reiezione?

    Potete aiutarmi a capire e se c’e qualcosa che posso fare per avere un sostegno del reddito?

    Sotto vi incollo il mio estratto conto contributivo.

    In anticpo vi ringrazio per la risposta.

    Saluti

    01/01/2013 31/12/2013 Agricolo giorn. p-time giorni 164 0,000 16.191.786 8.362,36 p
    01/01/2013 31/12/2013 Trattamento speciale agr giorni 20 20,000
    01/01/2013 24/03/2013 Disoccupazione sett. 12 12,000 3
    03/06/2013 09/06/2013 Malattia e/o infortunio giorni 7 7,000 3
    01/01/2014 31/07/2014 Collaboratore familiare sett. 29 29,000 9.454.610 4.882,90 I513349352
    23/07/2014 31/12/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 24 24,000 12.223.130 6.312,72 O
    01/01/2015 23/03/2015 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 12 12,000 6.111.565 3.156,36 O
    01/04/2015 31/05/2015 Collaboratore familiare sett. 5 5,000 1.963.370 1.014,00 I513349352
    ( qui preciso 30/03/15-26/04/15)

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, se settimane che può prendere in considerazione ai fini ASpI sono solo quelle contributive, così come le inserisco io qui sotto

      03/06/2013 09/06/2013 Malattia e/o infortunio giorni 7 7,000 3
      01/01/2014 31/07/2014 Collaboratore familiare sett. 29 29,000 9.454.610 4.882,90 I513349352
      01/04/2015 31/05/2015 Collaboratore familiare sett. 5 5,000 1.963.370 1.014,00 I513349352

      In tutto sarebbero 35 negli ultimi due anni, dunque l’ASpI non poteva essere accolta. Neanche la mini-ASpI poteva essere accolta, perché le 13 settimane negli ultimi 12 mesi ci sono ma non possono essere ricalcolate considerato che le ha già utilizzate per usufruire dell’ASpI. Deve comunque attendere la lettera dell’INPS con il motivo della reiezione, ed eventualmente provare a presentare ricorso col patronato. Mi spiace, non ci sono alternative 🙁
      A presto!

      1. Mariola ha detto:

        Buongiorno,

        grazie per la risposta.

        Mi scuso ma ho notato che la lista dei contributi da me incollata non e precisa.

        Andando nei dettagli il mio lavoro nell° agricoltura raggiunge 164 giorni di contributi pagati dal 10/04/13 al 30/10/13.

        La domanda per Aspi ho fatta il 27/04/15 e per questa ci sono circa 150 giorni anziche164, piu 29 settimane colf + 5 sett di colf. Ho saputo che lavoro nel agricoltura conta se ci sono piu di 27 sett di contributi pagati da altro lavoro .
        Per questo ci sono piu di 52 settimane di contributi nel biennio.
        Mi venuta idea di scrivere all°inps attraverso servizio on-line e chiedere di riesaminare la mia domanda per aspi.
        In effetti nello stesso giorno inps ha rivalutato la mia richiesta ed la ACCOLTA. Mi e piaciuto.

        Grazie inps. Grazie previdenza facile

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Meno male! 🙂 per ora si goda un po’ la disoccupazione, le auguro comunque di rioccuparsi quanto prima. A presto 🙂

      2. Luisa32 ha detto:

        Buon Pomeriggio a tutti
        ho bisogno di un chiarimento in merito alla domanda Naspi che ho appena fatto partire con il patronato, ma di cui però gii stessi credo (e spero vivamente)mi abbiano dato delle informazioni errate.
        Premesso che sto richiedendo la disoccupazione poichè mi dimetto per giusta causa al termine di un congedo parentale facoltativo (ASPETTATIVA PER MATERNITà) in cui percepivo il 30% dello stipendio NEGLI ultimi sei mesi utili ( da dic 2014 a giugno 2015), nei 4 anni precedenti alla materintà facoltativa ho comunque lavorato a stipendio pieno full time e pieno regime full time, pertanto dispongo di 3 ANNI E 6 MESI di percezione stipendendio full time e degli ultimi 6 MESI di percezione stipendio di aspettative pari al 30 % del netto del mio vecchio stipendio full time,. La domanda é : come verrà calcolata la mia indennità?

        Secondo il patronato a cui mi sono rivolta, verranno considerati soltanto gli ultimi 6 mesi. in sostanza prenderò il 75% di quel 30% che prendevo durante il congedo parentale.

        Parlando in soldoni … percepivo LORDI € per 1.464 circa 3 anni e 6 mesi
        e negli ultimi 6 mesi percepivo LORDI € 457,82
        attendo vostre gentili risposte

        grazie mille
        luisa

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Luisa, il conteggio dell’indennità di NASpI, a prescindere da quando si viene licenziati (o ci si dimette per giusta causa) e dalle motivazioni, viene comunque calcolato sulla MEDIA MENSILE DEGLI ULTIMI 4 ANNI. Quindi 3 anni e 4 mesi a 1464 + 6 mesi a 457. se il patronato le ha detto così ha fatto un errore, ma poco conta, l’importante è che non sbaglia l’INPS! 🙂 Ci faccia sapere, a presto!

          1. Luisa32 ha detto:

            grazie della gentile Risposta
            ho però un dubbio che mi attanaglia. ho cercato di informarmi on line ma mi sono soltanto confusa 🙁
            ho letto qua e la.. che tra i requisiti al fine di ottenere l’indennizzo ci deve essere una presenza reale di almeno 30 giorni sul posto di lavoro negli ultimi 12 mesi antecedenti la rq di disoccupazione.
            Io però prima dei 6 mesi di astensione facoltativa, prima di partorire sono stata a casa per via di una gravidanza a rischio, quindi ero in maternità anticipata e successivamente al parto 3 mesi di maternità obbligatoria, al fine di quest’utlima ho preso le aspettiva per congedo facoltativo parentale.
            Pertanto non dispongo di una reale ed effettiva presenza di 30 gg lavorativi negli ultimi 12 mesi,
            Però ai fini contributivi, ho controllato ed ho tutto in regola fino ad oggi .
            Alla luce di questa nuova informazione, sa già dirmi se potrò godere dell’indennizzo oppure la mia rq verrà respinta dall’INPS ?
            GRAZIE ANCORA INFINITE PER LE PREZIOSISSIME INFORMAZIONI
            LUISA

          2. Previdenza Facile ha detto:

            A tal proposito le copio una parte della circolare INPS “c) Trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.
            -I periodi di assenza dal lavoro per maternità obbligatoria, se all’inizio dell’astensione risulta già versata o dovuta contribuzione ed i periodi di congedo parentale purché regolarmente indennizzati e intervenuti in costanza di rapporto di lavoro, ove si verifichino o siano in corso nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione, determinano un ampliamento – pari alla durata degli eventi medesimi – del periodo di dodici mesi all’interno del quale ricercare il requisito delle trenta giornate.

            Per AMPLIAMENTO s’intende che se la sua maternità obbligatoria è durata 5 mesi, le 30 giornate possono essere cercate nei 5 mesi antecedenti i dodici mesi iniziali, lo stesso vale per il congedo parentale, ed immagino anche per la maternità anticipata, che sarà considerata o come maternità o come malattia, in entrambi i casi si verifica “l’ampliamento” 🙂

    2. Skynet Ita ha detto:

      Salve io vengo da cassa integrazione poi fallimento e riassunzione a settembre ho fatto un giorno di lavoro e poi malattia 180 giorni e ora aspettativa .
      Le settimane contributive negli ultimi 4 anni le ho le allego
      Ma nessuno sa dirmi se ci vogliono o meno come obbligo i 30 giorni lavorati nel ultimi 12 mesi e quindi non so se mi licenziano se ne ho diritto .

      Malattia ad integrazione 1/1/11 31/12/11 Settimane 0 0
      Lavoro dipendente 1/1/11 31/12/11 Settimane 52 52
      Lavoro dipendente 1/1/12 27/10/12 Settimane 43 43
      Cassa Integrazione Guadagni 1/1/12 30/11/12 Settimane 0 0
      Malattia ad integrazione 1/1/12 30/11/12 Settimane 0 0
      Cassa integrazione guadagni 28/10/12 30/11/12 Settimane 1 1
      Cassa Integrazione Guadagni 22/10/12 31/12/12 Settimane 8 8
      Lavoro dipendente 1/1/13 28/2/13 Settimane 9 9
      Cassa Integrazione Guadagni 18/2/13 31/12/13 Settimane 43 43
      Cassa Integrazione Guadagni 1/1/14 24/7/14 Settimane 27 27
      Malattia ad integrazione 1/11/14 31/12/14 Settimane 0 0
      Lavoro dipendente 1/11/14 31/12/14 Settimane 9 9
      Lavoro dipendente 1/1/15 31/1/15 Settimane 5 5
      Malattia 1/2/15 28/2/15 Settimane 0 4
      Malattia ad integrazione 1/1/15 31/3/15 Settimane 0 0
      Lavoro dipendente 1/3/15 31/3/15 Settimane 4 4
      Lavoro dipendente 1/3/15 31/3/15 Settimane 4 4

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve, i requisiti per la NASpI sono abbastanza chiari:
        -almeno 30 giornate di effettiva presenza sul lavoro negli ultimi 12 mesi precedenti la domanda (full-time o part-time non importa)
        -almeno 13 settimane lavorative (parliamo di contratto full time, in caso di part-time infatti le settimane vengono conteggiate per la metà, a tal fine dovete controllare le settimane al calcolo sul vostro estratto contributivo)
        -perdita involontaria del posto di lavoro
        -immediata disponibilità al lavoro

        Se non ha 30 effettive presenze sul lavoro probabilmente la sua domanda di NASpI verrà respinta, ma io le consiglio di provare a farla lo stesso. Spero comunque che non perda il suo posto di lavoro.
        Incrociamo le dita, a presto!

  103. Previdenza Facile ha detto:

    Come promesso abbiamo steso un articolo approfondito in merito al calcolo della misura e della durata della NASpI, e lo trovate cliccando su questo link .
    Poiché, a differenza dell’ASpI, i calcoli per la NASpI sono particolarmente intricati, vi preghiamo di provare ad effettuare da voi il calcolo della vostra disoccupazione.

    Restiamo comunque a disposizione per qualunque tipo di chiarimento o conferma, ma difficilmente riusciremo a tenere il ritmo di risposta che abbiamo sempre garantito con le informazioni richieste per la NASpI in quanto, ricordiamo, effettuiamo questo lavoro in modo del tutto volontaristico.
    Potete continuare a porre i vostri quesiti tramite il form dei commenti in modo che le esperienze possano essere pubbliche e magari essere d’aiuto per altre persone.
    Grazie a tutti per il sostegno

  104. Mirko ha detto:

    Buonasera,
    voi vi chiamate facile ma la Naspi non lo è per nulla…
    ho provato da me seguendo quanto letto ma rimangono molti dubbi legati anche al fatto di aver in passato usufruito di aspi, se puo aiutarmi nel calcolo dei mesi e dell’importio vi sarei grato (la seconda colonna delle settimane è quella al calcolo la prima al diritto)

    01/03/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 41 41,000 9.906,00
    01/01/2012 31/07/2012 Lavoro dipendente sett. 31 31,000 6.464,00
    04/08/2012 31/12/2012 Lav.dipend. part-time sett. 19 8,000 2.710,00
    01/09/2012 30/09/2012 Lav.dipend. part-time sett. 5 2,000 521,00
    01/01/2013 19/04/2013 Lav.dipend. part-time sett. 16 7,000 2.110,00
    07/05/2013 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 35 35,000 6.979,35
    01/01/2014 05/01/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 1 1,000 1 99,41
    23/09/2014 31/12/2014 Lav.dipend. part-time sett. 15 6,000 2.450,00
    01/01/2015 31/03/2015 Lav.dipend. part-time sett. 14 7,000 2.098,00

    con questa situazione che mi tocca per un rapporto che cessera il 31 maggio 2015?

    grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve MirKo, siamo, a fatica, riusciti ad interpretare le informazioni descritte della circolare NASpI dell’INPS. Fortunatamente le settimane da considerare per la NASpI saranno calcolate anche in base a quelle effettivamente usufruite di ASpI o DS Ordinaria. Cercheremo di produrre a stretto giro un articolo chiaro che renda un po’ più semplice l’interpretazione di questa norma. Manderemo poi comunicazione a tutti i sottoscrittori del blog. A presto!

      1. Mirko ha detto:

        buongiorno
        attendo le vs successive spiegazioni….
        per ora nel mio caso ho tirato fuori questi conteggi:

        SETTIMANE:
        33(2011)+31+19+5+16-35-1+15+22(maggio 2014)=105 settimane
        105/2=52 settimane di NASPI è corretto?

        sul calcolo delle retribuzioni invece ho dei dubbi e pensavo di fare il 75% di quanto ho guadagnato post aspi.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Mirko, questa è la modalità con la quale abbiamo calcolato approssimativamente la sua NASpI.
          Settimane da considerare
          dal 01/06/2011(si contano da giugno in quanto lei farà domanda a giugno 2015) al 31/12/2011 26 settimane
          dal 01/01/2012 al 06/05/2012 23 settimane circa
          dal 07/05/2012 al 19/04/2013 non conteggiamo nessuna settimane in quanto sono quelle che hanno dato diritto all’ASpI presenti nei 12 mesi precedenti la domanda
          23/09/2014 al 31/12/2014 6 settimane
          01/01/2015 al 31/03/2015 7 settimane
          dal 01/04/2015 al 31/05/2015 4 settimane (se il rapporto di lavoro è ancora part-time)

          quindi: 26+23+6+7+4=66
          66/2= 33 settimane di NASpI

          Dia comunque un’occhiata al nuovo articolo per ulteriori delucidazioni 🙂
          A presto!

        2. Previdenza Facile ha detto:

          In merito al calcolo invece si deve fare la media delle retribuzioni degli ultimi 4 anni, anche se si è percepita l’ASpI

  105. Gianluca Magai ha detto:

    Buongiorno sono Gianluca precedentemente Vi avevo già posto un quesito inerente la durata della NASPI avendo io il seguente prospetto contributivo
    – settimane contributive giugno 2011-giugno 2012: 52
    – settimane contributive giugno 2012-giugno 2013: 52
    – settimane contributive giugno 2013-giugno 2014: 52
    – Aspi da Luglio 2014 a Marzo 2015
    – settimane contributive per contratto a tempo determinato giugno 2014-giugno 2015: 5
    Secondo Voi , alla luce della circolare INPS del 12.05.2015, di quante settimane potrei usufruire della NASPI tenendo conto che dovranno essere detratte le settimane contributive che hanno dato vita all’ASPI?. Il dubbio più grosso riguarda il fatto che l’interpretazione che danno alcuni della circolare INPS nr. 94 è che “bisogna escludere tutti i periodi di contribuzione che hanno preceduto l’evento della disoccupazione che ha portato ad usufruire dell’Aspi o della Dso, ma possono essere tenuti in considerazione tutti i contributi versati successivamente” . ma allora io in questo caso non poteri tener conto neanche di parte delle 156 settimane contributive che hanno preceduto l’ASPI oppure posso usfruire di 156 – 52 settimane??
    Vi ringrazio per l’interessamento

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Gianluca, siamo, a fatica, riusciti ad interpretare le informazioni descritte della circolare NASpI dell’INPS. Fortunatamente, le settimane da considerare per la NASpI saranno calcolate anche in base a quelle effettivamente usufruite di ASpI o DS Ordinaria. Cercheremo di produrre a stretto giro un articolo chiaro che renda un po’ più semplice l’interpretazione di questa norma. Manderemo poi comunicazione a tutti i sottoscrittori del blog. A presto!

      1. Gianluca Magai ha detto:

        Perfetto. Anche se nel mio caso mi sembra di aver intuito che devo far riferimento al punto b della tabella 1 inserita nell’art. 2.5 della circolare INPS 94 e quindi dovrei togliere dal conteggio 52 settimane
        Saluti

  106. sergio ha detto:

    gentile previdenza facile,
    a complicare la vita di noi stagionali ci si e messa anche la nuova naspi,
    ho presentato domanda 12 maggio 2015 ma nessuno mi sa spiegare quale sara il
    mio futuro, dal patronato ai sindacati al inps sono tutti all’ oscuro.
    ho trovato questo sito e porgo a voi la questione.
    questo di seguito e il mio riassunto contributivo a ritroso da maggio 2015 a mqggio2011
    maggio 2011 dicembre2011 21 sett contributive
    gennaio2012 dicembre2012 38 sett contributive
    gennaiio 2013 maggio 2013 21 sett contributive
    quindi da maggio2011 a maggio2013 nessuna richiesta aspi o naspi
    maggio 2013 novembre2013 aspi di 33 sett usufruite
    dicembre 2013 maggio2014 21 sett contributive
    maggio 2014 novembre 2014 29 sett aspi usufruite
    dicembre2014 maggio2015 21 sett contributive
    fino appunto al 3 maggio giorno del mio licenziamento
    vi prego aiutatemi a capire qualcosa !!!!!!!
    grazie e buin lavoro che in questo periodo non vi manca

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Sergio! La comprendo benissimo, e la cosa non mi stupisce affatto. Sono al lavoro da 4 giorni per cercare di generare un’equazione matematica che possa aiutare a comprendere quello che l’INPS ha prodotto nella circolare sulla NASpI. Da far drizzare i capelli! Avrei bisogno, più che di una calcolatrice, di un fisico nucleare, e forse neanche lui riuscirebbe ad interpretare gli esempi riportati nella circolare. Dal decreto legge non si evinceva una così grande difficoltà nel calcolo della durata della NASpI, ma da quello che ho capito finora le settimane che non vanno considerate ai fini del calcolo per la NASpI sono 52 se si è fruito di tutta l’ASpI, mentre se si è fruito di un periodo di ASpI inferiore a quello effettivamente spettante (causa rioccupazione) le settimane da calcolare vanno rapportate a quelle effettivamente fruite. Nel suo caso il calcolo sarà ancora più complicato in quanto ha fruito due volte dell’ASpI usufruendo in parte delle stesse settimane contributive. Per ora devo lasciarla in standby, non appena avrò finito di terminare il nuovo articolo (ammesso che ci riesca) lo pubblicherò inoltrandolo anche tramite email a tutti gli iscritti, lei compreso. Grazie per il sostegno! A presto

  107. Marco Palla ha detto:

    Buongiorno, io non ho capito una cosa: le 52 settimane di contribuzione che sono servite ad ottenere l’Aspi sono escluse solo per il calcolo della durata della Naspi o anche per il calcolo dell’importo che verrà corrisposto? Grazie Marco

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Ottima domanda, ce lo stiamo chiedendo anche noi. Nella circolare INPS si specifica “Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione”. A logica non dovrebbero essere considerati neanche ai fini del calcolo della retribuzione.

      1. Marco Palla ha detto:

        La ringrazio per la risposta, volevo chiederle anche questo: le 30 giornate di lavoro necessarie negli ultimi 12 mesi precedenti la domanda di Naspi, devono essere 30 giorni di lavoro effettivi oppure si intende un periodo di 30 giorni comprensivo anche dei riposi? Per esempio: un contratto di 30 giorni va bene oppure vanno a vedere quanti giorni si è lavorato effettivamente? Grazie infinite. Saluti Marco

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Marco,le copio quello che si legge nella circolare “Le giornate di lavoro effettivo sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria”. Non è specificato altro quindi per non rischiare, fossi in lei cercherei di raggiungere le 30 presenze lavorative

          1. Marco Palla ha detto:

            Buonasera, mi scusi se la disturbo ancora. Lo scorso luglio ho lavorato 16 giorni (effettivi) in Svizzera e con quel contratto ho potuto chiedere Aspi. Adesso dunque, se non trovassi un lavoro a lungo termine, dovrei lavorare almeno 14 giorni effettivi per richiedere la nuova Naspi? E’ corretto? La ringrazio e le faccio i miei complimenti per il sito e per l’ottimo lavoro che fate.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Sì, almeno 14, ma fossi in lei non spaccherei proprio i 30 giorni, se riesce faccia qualche giorno di lavoro in più, non si sa mai 🙂 a presto!

          3. Marco Palla ha detto:

            Mi scusi, ho formulato male la domanda. Intendevo chiedere se le 16 giornate di lavoro effettuate lo scorso luglio che sono servite ad ottenere l’Aspi si possono contare nel computo delle necessarie 30 giornate che ora servono per chiedere la Naspi. E’ naturale che la speranza è quella di trovare un lavoro e non di ricorrere alla indennità di disoccupazione e mi auguro che sia così x tutti. Saluti.

          4. Previdenza Facile ha detto:

            Sì, possono essere computate nei 30 giorni anche se hanno dato diritto all’ASpI 🙂

  108. Cetta De Luca ha detto:

    Salve.
    Ho un quesito complicato. Ho lavorato fino al 31 gennaio 2012 con contratti a termine continuativi (stagionali alberghieri da 11 mesi ognuno per 5 anni). Non sono stata riassunta, per cui ho percepito la disoccupazione ordinaria per 12 mesi (avendo superato i 50 anni). Dal maggio 2013 al 26 gennaio 2015 ho lavorato con contratto co.co.pro continuativamente. Poi fine del rapporto. Sono partita per la Germania in cerca di fortuna (poca, niente in regola). Ho dirito a una qualche forma di disoccupazione dis-coll o altro?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Cetta, con i contratti che ha avuto potrebbe accedere solo alla DIS-COLL ma serve un mese pieno di lavoro come co.co.co. o co.co.pro. nell’anno 2015 mentre da quello che mi dice ha solo 26 giornate di Gennaio. Riesce ad avere un altro contrattino per raggiungere UN MESE e presentare domanda?

      1. Cetta De Luca ha detto:

        Magari… il problema è che non riesco a trovare proprio nulla. Fino a quando avrei tempo?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Deve avere un contratto co.co.co. o co.co.pro. di almeno 30 giorni entro l’anno 2015

  109. alemarea ha detto:

    Buonasera, qui di seguito ho inserito i dati copiati dal mio estratto conto contributivo inps.
    Sono in malattia a partire dal 9 marzo, il giorno stesso mi è arrivata la lettera di licenziamento per riduzione costi dell’attività;
    il 22 di questo mese sarà l’ultimo giorno di malattia, data dalla quale decorreranno i 20 gg di preavviso.
    quello che vorrei sapere è:
    -devo chiedere la mini aspi o la Naspi?
    -se fosse la Naspi per quante settimane ne ho diritto?
    -da dove posso prendere le cifre per il calcolo della Naspi? Dal rendiconto annuale inps?
    Grazie

    01/01/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 52 52,000
    01/01/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 37 37,000
    01/02/2012 31/05/2012 Lav.dipend. part-time sett. 18 14,000
    01/01/2013 28/02/2013 Lavoro dipendente sett. 9 9,000
    08/03/2013 06/11/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 35 35,000
    01/07/2014 31/12/2014 Lavoro dipendente sett. 27 27,000
    01/01/2015 31/03/2015 Lavoro dipendente sett. 14 14,000
    01/01/2015 31/03/2015 Malattia/infort.(ad int) sett. 0 0,000

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Ale, non è chiaro quando sarà il termine esatto del suo rapporto di lavoro. Se il termine è successivo al 1° meggio 2015 le spetta la NASPI.Il calcolo dovrebbe essere all’incirca così: 26 (il 2011 si conta a metà visto che siamo a maggio)+37+14+9+27+14-52=75/2=35,5 settimane di NASpI.
      A presto!

      1. alemarea ha detto:

        Intanto grazie per la risposta.
        L’ultimo giorno di lavoro sarà l’11 giugno.
        Per fare i calcoli su quanto sarà la naspi gli importi devo prenderli dal rendiconto annuale dell’INPS (non mi ritrovo tutte le buste paga dei 4 anni)?

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì, può fare un calcolo approssimativo dai suoi CUD oppure dai redditi riportati nel suo estratto contributivo INPS 🙂

          1. alemarea ha detto:

            rigrazie 🙂

          2. dibiesse ha detto:

            salve
            io ho un dubbio sul calcolo dell’importo.. ovvero: per l’importo mensile vengono conteggiate tutte le settimane lavorate nei 4 anni precedenti (con importi pieni) anche se hanno contribuito a una precedente disoccupazione ? spero sia chiara la domanda..
            esempio:
            2011 sett. 26 – reddito 10.000
            2012 sett. 52 reddito 20.000
            2013 disocc.
            2014 sett. 30 reddito 5.000
            2015 sett. 30 reddito 5.000
            domanda: quanto sarebbe l’importo mensile (e la durata) di naspi ?

          3. Previdenza Facile ha detto:

            Salve, in questo articolo abbiamo descritto come verrà calcolato l’importo della NASpI, per il resto penserà l’INPS ad effettuare i calcoli esatti. Di certo nella media reddituale degli ultimi 4 anni dovrà eliminare le 52 settimane lavorative che hanno dato diritto all’ASpI.

  110. Buon giorno la mia domanda come si calcola La durata Naspi:

    09/2011-12/2011 Lavoro dipendente sett. 15
    2012 Lavoro dipendente sett. 20, Disoccupazione sett. 32
    2013 Lavoro dipendente sett. 24, Disoccupazione sett. 28
    2014 Lavoro dipendente sett. 26, Disoccupazione sett. 26
    L’ultima domanda aspi l’ho richiesta il 15 setembre 2014 fino 03/2015 Disoccupazione sett.14
    Lavoro dipendente 03/2015-09/2015 sett. 24

    Come si calcola: 15+20+24+26+24- 32-28-26-14=9 sett/2=4.5sett (1mese)
    o
    Lavoro dipendente 03/2015-09/2015 sett. 24/2=12sett (circa 3mese)

    Vi ringrazio anticipatamente,
    Andrea

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Andrea, dal calcolo della NASpI non deve sottrarre le settimane di disoccupazione ma quelle di lavoro che hanno dato diritto alla disoccupazione, quindi potrà utilizzare solo le settimane del 2015: Lavoro dipendente 03/2015-09/2015 sett. 24/2=12sett (circa 3mese).
      A presto!

      1. marco ha detto:

        Scusate ma la risposta non mi è chiara. Facciamo un esempio per rendere piu semplice l’interpretazione.

        Supponiamo che un utente abbia accumulato 48 mesi di lavoro continuativo fino a Aprile 2015, poi abbia perso il lavoro. Supponiamo che abbia fatto il 20 aprile 2015 domanda di ASPI e che sia stata accettata. Supponiamo inoltre che il 23 aprile 2015 (dopo appena tre giorni dalla presentazione della domanda) abbia trovato lavoro a tempo determinato per 7 mesi
        Stando alla Vs. risposta, per aver usufruito SOLO di 3 giorni di aspi, per aver accettato un’offerta di lavoro, a novembre 2015 (a termine contratto quindi) avra diritto a soli 3 mesi e mezzo di NASPI ?
        A me sembra un po strana sta cosa pero

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Marco, non è proprio come ha scritto lei. Da quei 48 mesi, cioè 208 settimane, andrebbero sottratte solo le 52 che hanno dato diritto all’aspi, quindi sarebbero (156+30)/2= 93 settimane. Spero di essermi spiegata bene 🙂

          Il calcolo che ho fatto per Andrea qui sopra è stato fatto in quel modo perché lui fa riferimento solo all’ULTIMA domanda di ASpI, mi lascia intendere che lui tra un lavoro ed un altro ha sempre usufruito dell’ASpI quindi ha praticamente usato tutti i suoi contributi.

          1. marco ha detto:

            Ti prego di darmi una mano a capire perchè non riesco a venirne a capo,

            Supponiamo il seguente caso:

            2011: settimane 25 di lavoro, al termine del lavoro nessun ammortizzatore sociale richiesto;
            2012: settimane 50 di lavoro, al termine del lavoro nessun ammortizzatore sociale richiesto;
            2013: .20 settimane di lavoro, al termine del lavoro nessun ammortizzatore sociale richiesto;
            2014: 25 settimane di lavoro, al termine del lavoro RICHIESTO AMMORTRIZZATORE SOCIALE (ASPI) E FRUITO PER 2 MESI (FINO AL 31/12);
            2015: 17 settimane di lavoro concluse il 10/5. Il lavoratore richiederà NASPI.

            Considerando questo caso, quanto durerà la NASPI complessivamente ?

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Premetto che per il 2011 possiamo calcolare solo le settimane da maggio in poi (maggio 2011/maggio 2015=4 anni), ma ammettiamo che le 25 settimane di lavoro siano da giugno a dicembre 2011, il calcolo sarebbe così: 25+50+20+25+17-52=85 85/2=42,5 settimane di NASpI

        2. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Marco, siamo, a fatica, riusciti ad interpretare le informazioni descritte della circolare NASpI dell’INPS. Fortunatamente, come lei stesso supponeva, le settimane da considerare per la NASpI saranno calcolate anche in base a quelle effettivamente usufruite di ASpI o DS Ordinaria. A questo link trova la circolare INPS, al punto 2.5 ci sono tutti gli esempi del caso. Cercheremo di produrre a stretto giro un articolo chiaro che renda un po’ più semplice l’interpretazione di questa norma.

      2. gianni85 ha detto:

        SALVE CONSIDERATO CHE NON è ANCORA USCITA UNA CIRCOLARE APPLICATIVA PER LA NASPI,VORREI CHIEDERE QUALCHE INFO NELLA MIA SITUAZIONE:
        LAVORO DIPENDENTE DA 01/03/2011 AL 31/12/2011 SETTIMANE AL DIRITTO 44 AL CALCOLO 21
        DAL 01/01/2012 AL 29/02/2012 SETT 5
        DAL 01/03/2012 AL 31/12/2012 SETTIMANE 41 AL DIRITTO E AL CALCOLO SETT 20,
        2013 CTR FIGURATIVI PER MINI ASPI SETT 23,
        POI DAL 01/10/2013 AL 12/03/2014 SETT 25,
        POI DAL 22/03/2014 AL 20/11/2014 SETT 35 CTR FIGURATIVI ASPI,
        DAL 10/03/2015 AL 15/05/2015 CONTRATTO A TERMINE.LA MIA DOMANDA è POSSO CHIEDERE LA NASPI E COME SI CALCOLEREBBE?CORDIALI SALUTI

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Salve Gianni, ha diritto all NASpI ma considerato che ha già utilizzato tutti i contributi dei 4 anni precedenti per altri sussidi (ASPI e MINI-ASpI) il calcolo verrà fatto solo sull’ultimo rapporto di lavoro, le spetterebbero quindi solo 30 giorni circa di NASpI.
          A presto!

          1. gianni85 ha detto:

            MI SCUSI PER L’ULTERIORE DOMANDA,MA FACENDO IL CALCOLO DALL’ESTRATTO CONTRIBUTIVO NEI QUATTRO ANNI PRECEDENTI LA MINI ASPI CONSIDERAVA GLI ULTIMI 12 MESI QUINDI DAL 2013 FINO A RETROSI A MARZO 2012,L’ASPI CONSIDERAVA GLI ULTIMI DUE ANNI QUINDI 2014 E 2013/2012,DAI MIEI CALCOLI HO DA MAGGIO 2011 FINO A MARZO 2012 CHE NON SONO STATI CALCOLATI PER NESSUNA DISOCCUPAZIONE PERCHè NON STAVA NEI TERMINI,CIOè PER LA MINI ASPI I 12 MESI E PER L’ASPI I 24 MESI.GRAZIE PER LA VOSTRA GENTILEZZA E LA VOSTRA DISPONIBILITà,DISTINTI SALUTI.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Mi piace quando mi correggete:) le settimane del 2011 mi erano sfuggite, quindi potrà utilizzare anche quelle per il calcolo della NASpI 😉

  111. Gianluca Magai ha detto:

    Buongiorno sono Gianluca
    vorrei porVi un quesito.
    Io ho lavorato con contratto a tempo indeterminato da aprile 2000 a giungno 2014. Poi da 1 luglio 2014 al 28 febbraio 2015 ho usufruito dell’ASPI. Ora lavorerò con contratto a tempo determinato dal 5 maggio 2015 al 20 giugno 2015. Non mi è ben chiaro per quanti mesi potrei usufruire della NASPI contando che:
    – settimane contributive giugno 2011-giugno 2012: 52
    – settimane contributive giugno 2012-giugno 2013: 52
    – settimane contributive giugno 2013-giugno 2014: 52
    – settimane contributive giugno 2014-giugno 2015: 5
    Secondo Voi pre quante settimane potrei usufruire della NASPI tenendo conto che dovranno essere setratte le settimane contributive che hanno dato vita all’ASPI?
    Vi ringrazio per l’interessamento

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Gianluca, il calcolo da fare per le settimane di NASpI è questo: (52+52+5)/2 = 54,5 settimane di NASpI.
      a presto!

  112. Luca ha detto:

    Salve, volevo porvi un quesito relativo alla mia situazione lavorativa.
    Premetto che già da diversi anni ho un lavoro stagionale che mi ha permesso tra i 6 mesi di assunzione e gli altri 6 di disoccupazione ordinaria e poi ASPI di percepire mensilmente uno stipendio.
    L’ultima domanda aspi l’ho richiesta il 21 novembre 2014 e ho usufruito fino al 04 maggio 2015 (ieri) quindi solo per circa 5 mesi, lo stesso lo scorso anno in quanto i miei periodi di assunzione sono solo per la stagione estiva (circa 6 mesi).
    Il contratto firmato ieri con decorrenza 5 maggio è a tempo indeterminato ed avrà presumibilmente durata fino alla prima decina di novembre 2015 una volta finita la stagione verrò licenziato.
    Quindi vorrei capire se nonostante non abbia usufruito degli 8 mesi di ASPI il periodo di settimane che non verrà calcolato nella NASPI che presenterò a novembre 2015 è sempre di 52 settimane o verranno considerate solo le settimane effettivamente percepite, perchè non calcolando le precedenti allora significa che mi spetteranno sugli ultimi 6 mesi di lavoro solo 3 mesi di NASPI.
    Forse non mi sono spiegato molto bene, comunque per semplificare vi allego il mio estratto contributivo inps in modo che si possa evincere esattamente la mia situazione.

    3/03/2006 31/03/2006 Lavoro dipendente sett. 3 3,000 1.159.826 599,00
    01/04/2006 30/11/2006 Lav.dipend. part-time sett. 36 18,000 12.217.864 6.310,00
    01/01/2008 31/12/2008 Disoccupazione sett. 10 10,000 3
    03/03/2008 31/12/2008 Lavoro dipendente sett. 44 44,000 34.697.958 17.920,00
    01/01/2009 31/12/2009 Lavoro dipendente sett. 52 52,000 44.991.170 23.236,00 4
    01/01/2010 31/05/2010 Lavoro dipendente sett. 23 23,000 20.805.221 10.745,00
    01/06/2010 31/12/2010 Lavoro dipendente sett. 31 31,000 25.570.382 13.206,00
    01/01/2011 30/04/2011 Lavoro dipendente sett. 18 18,000 17.658.782 9.120,00
    01/05/2011 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 35 35,000 27.789.347 14.352,00
    01/01/2012 31/01/2012 Lavoro dipendente sett. 5 5,000 5.440.919 2.810,00
    08/02/2012 02/10/2012 Disoccupazione sett. 34 34,000 3
    06/11/2012 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 9 9,000 6.525.230 3.370,00
    01/01/2013 17/05/2013 Lavoro dipendente sett. 20 20,000 17.986.012 9.289,00
    18/05/2013 11/11/2013 Lavoro dipendente sett. 27 27,000 23.366.906 12.068,00
    19/11/2013 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 7 7,000 6.218.660 3.211,67 O
    01/01/2014 20/05/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 20 20,000 17.767.600 9.176,20 O
    21/05/2014 30/09/2014 Lavoro dipendente sett. 20 20,000 17.232.803 8.900,00
    01/10/2014 21/11/2014 Lavoro dipendente sett. 8 8,000 7.512.728 3.880,00

    Vi ringrazio anticipatamente
    Luca

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luca, sei stato chiarissimo. Purtroppo la situazione di lavoratori precari e stagionali, per quanto riguarda l’accesso al sostegno del reddito, è peggiorata. Non è importante per quanto tempo tu abbia usufruito dell’ASpI in quanto, anche per usufruire di un solo mese, c’era bisogno comunque di avere minimo 52 settimane contributive. Dal suo estratto contributivo vedo che, negli ultimi 4 anni, escludendo le 104 settimane che le hanno dato diritto all’ASpI, ne avanzerebbero circa 8, che andrebbero a sommarsi ai sei mesi di lavoro da qui a novembre. Dunque il risultato sarà di circa 4 mesi di NASpI. Hanno peggiorato la disoccupazione, hanno cancellato l’articolo 18, e continuano a chiamarle “tutele crescenti”…in cambio ci danno (e neanche a tutti) 80 euro in più al mese. E il fatto che tutte queste riforme siano stato proposte e votate da un governo eletto da Nessuno è ancora più irritante…

  113. Luca Sellitto ha detto:

    Scusami ma la questione che i periodi per i quali si è già usufruito di un sussidio non siano computati nel calcolo è poco chiara. Io ho lavorato per sette anni di seguito fino a Marzo 2014. Poi sono stato licenziato e ho usufruito di Aspi per 8 mesi. Ora sto lavorando da Febbraio 2015 con contratto in scadenza il 30 Giugno. A fine contratto ai fini del calcolod della NASPI mi saranno calcolati solo i 5 mesi che ho lavorato quest’anno o nel calcolo varranno anche i 4 anni precedenti nei quali comunque per 3 anni 2 mesi ho lavorato continuativamente? Non so se la domanda è chiara. Io penso che la questione dei periodi non calcolati dovrebbe valere solo dalla seconda NASPi in poi e non agganciarsi all’ASpi che comunque era un sussidio con requisiti di accesso totalmente diversi.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve luca, a nostro parere l’art.5 lascia poco spazio alle interpretazioni: “Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione.”. Si parla di prestazioni di disoccupazione e non di NASpI, quindi dovrebbero essere esclusi anche i periodi che hanno dato luogo all’ASpI ed alla precedente disoccupazione ordinaria. Nel suo caso, dal totale delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni verranno escluse solo le 52 che hanno dato luogo all’ASpI.

  114. pepi fabio ha detto:

    Buongiorno, in merito alla vostra risposta del 19 Aprile, volevo segnalare alcune informazioni da voi date. Sommando le settimane lavorative degli ultimi 4 anni, nel mio caso sono 182 vanno tolti subito le settimane che ho usufruito dell’ASPI o bisogna dimezzare le settimane in questo caso in questo caso 91 e dopo dividerlo per 2 ? Ultima considerazione, voi avete parlato che per poter riallacciarmi alla nuova NASPI devo dopo Giugno (mese che mi scade l’ASPI) lavorare 18 giornate, ma a me risultano essere 30 e’ cosi’? GRAZIE

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Fabio, dalle settimane totali lavorate negli ultimi 4 anni deve togliere quelle che hanno dato diritto ad altri sussidi di disoccupazione (per l’aspi sono 52) e non le settimane di Aspi di cui ha usufruito (infatti se è in aspi non lavora quindi quelle settimane non possono proprio essere prese in considerazione). Copio e incollo i requisiti necessari per la NASPI dal sito del Governo:
      Art. 3
      Requisiti
      1. La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che abbiano perduto
      involontariamente la propria occupazione e che presentino
      congiuntamente i seguenti requisiti:
      a. siano in stato di disoccupazione ai sensi dell’articolo
      1, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 21 aprile
      2000, n. 181, e successive modificazioni;
      b. possano far valere, nei quattro anni precedenti l’inizio
      del periodo di disoccupazione, almeno tredici settimane
      di contribuzione; e
      c. possano far valere diciotto giornate di lavoro effettivo
      o equivalenti, a prescindere dal minimale contributivo,
      nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di
      disoccupazione.

  115. Giuseppina Jerino' ha detto:

    Salve,
    un’informazione…a Maggio dovrei presentare domanda naspi, nel frattempo dovrei presentareuna domanda per percettori
    mobilita in deroga per una graduatoria di 6 mesi retribuiti a 400 euro mensili ( sul bando dice che non costituisce rapporto
    di lavoro subordinato). Visto che ancora non e’ uscita circolare Inps, vorrei sapere se per quei mesi e e tenendo conto dell’importo di 2400 euro mi sara’ sospesa la Naspi o , visto che e’ un ‘indennita’ , non va in conflitto con Naspi. Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Ciao Giuseppina, non possiamo darti informazioni che devono ancora uscire dell’INPS 🙂 Dobbiamo attendere!

  116. Paola ha detto:

    Salve,
    Io ho un contratto a progetto iniziato il primo ottobre 2014 cheterminerà il 30 giugno 2015. Potrò fare domanda?
    Grazie
    Paola

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve paola, con contratto a progetto dovrà verificare di avere i requisiti per la domanda di dis-coll

  117. marco201023 ha detto:

    Salve,
    desidero un’informazione riguardo i requisiti della Naspi.
    Con la frase : Se nei 4 anni precedenti al licenziamento possono far valere almeno 13 settimane di contributi versati. Significa che si prende in considerazione il periodo dal momento che si e’ disoccupati a ritroso per 4 anni oppure si prendono esclusivamente i periodi degli anni 2014-2013-2012-2011?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Marco, per il calcolo dei contributi degli anni precedenti si va a ritrovo di 4 anni, ma non da quando si rimane disoccupati, bensì da quando si inoltra la nuova domanda. Faccio un esempio per essere più chiara:

      rapporto di lavoro terminato il 10/05/2015
      domanda presentata il 01/06/2015
      periodo contributivo considerato dal 01/06/2011 al 30/05/2015

  118. assunta chiara russo ha detto:

    Salve!
    Ho bisogno di una risposta sicura perché ho paura che mi abbiano preso in giro…il 31 marzo 2015 sono stata licenziata perché l’azienda ha problemi interni dopo 9 mesi, 3 full time e 6 part time…purtroppo sono stata ad un patronato che mi ha detto che potevo scegliere se procedere alla mini aspi (che in passato avevo già preso) o alla naspi…mi ha consigliato di aspettare a fare la domanda a maggio X la naspi in quanto a conti fatti avrei preso di più rispetto alla mini aspi…ero un po’ titubante perché so che solo chi è disoccupato dal 1 maggio ha diritto alla naspi ma mi hanno assicurato al patrinato che sarei rientrata lo stesso in quanto rientravo nei 68 giorni X presentare la domanda…il mio dubbio è se è vero che ho diritto alla naspi essendo disoccupata dal 1 aprile 2015 o se mi hanno detto una bugia e quindi ho perso dei giorni per avere la mini aspi?
    Spero di essermi spiegata bene..
    Resto in attesa di una risposta
    Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Non possiamo darle una risposta sicura cara Assunta, non siamo dell’INPS, ma la frase “per gli eventi di disoccupazione verificatisi dopo il 1° maggio 2015” non lascia spazio ad altre interpretazioni. La mini aspi può comunque richiederla.

  119. pepi fabio ha detto:

    Allora se ho ben capito per usufruire della nuova NASPI dovrei dopo il 1 Maggio lavorare 18 giornate e a quel punto avrei ha disposizione circa 65 settimane di naspi. Leggendo su internet ho visto che lavorando fino alla fine di Aprile con contratto a tempo determinato avrei diritto nuovamente all’ASPI con durata maggiore della NASPI è possibile? Cordiali saluti

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Non è possibile in quanto la sua ASpI terminerà a giugno 2015 quindi sospendendola per un breve periodo di lavoro si riallaccerà necessariamente a quella che deve ancora terminare, per il tempo restate che le rimane da usufruire.

  120. pepi fabio ha detto:

    Buongiorno gli ultimi anni lavorativi sono i seguenti: 2011= 52 settimane 2012= 52 settimane 2013=52 settimane 2014 ho lavorato fino a Giugno e dopo e’ partita l’ASPI che terminera’ a Giugno 2015. Grazie cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      quindi sono 52+52+52+25=181 -52 (le settimane che hanno dato diritto all’aspi)=129/2 = 65. Dovrebbero essere circa 65 settimane 🙂 le ricordo che questi sono solo calcoli approssimativi in quanto non sono ancora ben definite le disposizioni INPS.

  121. Previdenza Facile ha detto:

    Errata Corrige Interpretazione NASpI
    In riferimento a quanto da noi indicato nel rispondere ai Vostri quesiti sul nuovo sussidio di disoccupazione NASPI, scusandoci per l’errata interpretazione dell’articolo 1 comma 2 legge 183/2014 , vi comunichiamo che nell’ Art. 1 è specificato che l’accesso al suddetto sussidio sarà possibile soltanto per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1 maggio 2015.

    Ciò significa che solo chi verrà licenziato dopo il 1° maggio 2015 potrà effettuare la domanda di NASpI.
    Per tutti gli altri resterà la possibilità di accedere all’ASpI entro 68 giorni dal termine del rapporto di lavoro.
    Restiamo a disposizione per ogni chiarimento.

    La Redazione di PrevidenzaFacile

  122. pietro ha detto:

    Buon giorno e grazie anticipatamente. attualmente sto usufruendo dell’aspi e nei 4 anni precedenti ho lavorato 6 mesi all’anno e per i restanti 6 mesi usufruivo dell’indennita di disoccuoazione. Visto che saro assunto a maggio con contratto di 6 mesi ,alla fine del contratto faro la domanda naspi.vi chiedo per quanti mesi potro usufruire di tale indennita?
    Grazie per l’attenzione.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Fabio, per calcolare approssimativamente la sua NASpI avremmo bisogno di sapere le sue settimane lavorative degli ultimi 4 anni e i relativi periodi di disoccupazione

  123. pepi fabio ha detto:

    Buonasera grazie per la risposta, pero’ volevo sapere in base al fatto che per potere usufruire della nuova NASPI devo avere 18 giornate di lavoro una volta terminato l’ASPI.quanto mi durera’questa nuova disoccupazione e invece se trovo lavoro con contratto a tempo determinato della durata con scadenza fine aprile e’ possibile riagganciarsi all’aspi e se si quanto durera. Grazie ,cordiali saluti PEPI FABIO

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Fabio, per calcolare approssimativamente la sua NASpI avremmo bisogno di sapere le sue settimane lavorative degli ultimi 4 anni e i relativi periodi di disoccupazione

  124. cleyx ha detto:

    Buongiorno e grazie davvero per il vostro servizio.
    Ho fatto domanda di aspi e mini aspi 1 settimana fa ed ho una retribuzione mista (agricola e non agricola)

    maggio-dicembre 2013 – 17 settimane
    2014 – 16 settimane

    2014 – (mini aspi per 17 settimane)
    2014 – 55 settimane agricole

    2015 – 26 settimane agricole
    2015 – 3 settimane

    Ho diritto a percepire aspi o mini aspi secondo voi? Nel caso accettassi un contratto di due settimane con scadenza il 29 aprile riuscirei a richiedere l’aspi in tempo prima di Naspi?
    Grazie ancora!
    buona serata e buon lavoro

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Ivan, da quello che leggo sul sito dell’INPS avrebbe dovuto far domanda di disoccupazione agricola (copio e incollo: Qualora il lavoratore abbia periodi di lavoro nel settore agricolo e periodi di lavoro in settori non agricoli, i periodi sono cumulabili ai fini del conseguimento dell’indennità di disoccupazione agricola o dell’indennità di disoccupazione ASpI, sulla base del criterio della prevalenza. Per verificare l’entità delle diverse contribuzioni restano fermi i parametri di equivalenza che prevedono 6 contributi giornalieri agricoli per il riconoscimento di una settimana contributiva). Il criterio della prevalenza prevedere se che sono di più le settimane agricole spetta la disoccupazione agricola. Ma la scadenza per presentare la domanda era al 31 marzo… 🙁 mi auguro l’abbia già presentata.
      Intanto le consiglio di accettare questo rapporto di lavoro (è sempre meglio lavorare ed accumulare contributi) e presentare domanda di NASpI dopo il primo maggio…sempre incrociando le dita poiché non è ancora uscita una circolare dell’INPS sulla NASPI .A logica direi che dovrebbe essere accolta, conteggiando però solo le settimane da lavoro dipendente ( articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Art. 2 Destinatari Sono destinatari della NASpI i lavoratori dipendenti con esclusione dei dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto
      legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni. Le disposizioni relative alla NASpI non si applicano inoltre nei confronti degli operai agricoli
      ), sempre escludendo le settimane che hanno dato luogo ad un precedente sussidio.

      1. cleyx ha detto:

        Grazie per la risposta!
        La domanda di disoccupazione agricola l ho fatta entro il 31 marzo.. il mio dubbio però è che non rientri perché:
        -non ho 105 giornate agricole
        -il periodo non agricolo era maggiore di quello agricolo:
        55 giornate agricole
        16 settimane non agricole
        (La disoccupazione agricola si calcola in base alla anno precedente)
        Grazie ancora

  125. Tristano Milana ha detto:

    Buongiorno,
    espongo la mia situazione.
    Dipendente a tempo indeterminato fino a settembre 2014, ho dato le dimissioni volontarie (l’azienda non pagava gli stipendi e stava per chiudere) con la promessa di essere assunto presso un’altra azienda (col senno del poi sarebbe stato meglio dare le dimissioni per giusta causa ma avrei precluso ogni possibilità di lavorare ancora per loro), da allora ho lavorato con contratti a progetto fino al 31 marzo 2015.
    Ho diritto alla NASPI?

    Grazie per l’attenzione.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Tristano, purtroppo le collaborazioni a progetto seguono tutt’altro iter e non danno accesso né all’ASpI né alla NASpI. La prestazione per i lavoratori cocopro si chiama DIS-COLL e leggendo i suoi requisiti dovrebbe rientrarci. Dovrà presentare la domanda dopo il 1° maggio 2015, mi raccomando non faccia scadere i 68 giorni dal licenziamento!

  126. Pierlu ha detto:

    Buongiorno,
    attualmente sono dipendente ed il 15 di aprile mi scade il contratto a tempo determinato…A tal proposito chiederò la disoccupazione con la Naspi dal 1° Maggio che mi conviene per la durata maggiore.

    La mia domanda è: se costituisco una società srl di consulenza (a socio unico e non lavoratore) dove sarei solo il “proprietario” ma il lavoro lo svolgono a tutti gli effetti dei commercianti/collaboratori esterni che a loro volta fattureranno alla società…… PERDO IL DIRITTO ALLA DISOCCUPAZIONE? se si…. ci sono forme x non perdere questo diritto?

    Anticipatamente grazie!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve,
      dovremo attendere ulteriori disposizioni dell’INPS per rispondere a questa domanda in quanto non è ancora uscita la circolare ufficiale, ma se funzionerà come l’ASpI basterà comunicare all’INPS di non percepire alcun reddito da questa nuova attività lavorativa.

  127. Martin Ramos ha detto:

    Salve, vorrei sapere una cosa, io sono stato licenziato il 03 di Aprile si faccio adesso la domanda per l’ASPI se non trovasi lavoro una volta finita ( 8 mesi)….potrei chiedere la Naspi , visto che ho lavorato gli ultimi 5 anni?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Ciao Martin, per poter fare domanda di NASpI, a seguito dell’ASpI, c’è bisogno che tu abbia terminato un rapporto di lavoro prima dei 68 giorni precedenti la domanda, quindi ti dico di no, le due prestazioni non possono essere consecutive ma intervallate da un rapporto di lavoro. I requisiti della NASpI li trovi cliccando qui

  128. Pierlu ha detto:

    Buongiorno,
    in considerazione dell’imminente scadenza del mio contratto a tempo determinato il 15.04.2015, volevo sapere se meglio usufruire dell’AspI o della nuova NASPI (sempre se posso accederci visto l’introduzione soltanto dal 1 maggio).
    A tal proposito riporto per brevità gli ultimi 4 anni di contribuzione INPS…facendo presente che nel 2013 ho già usufruito dell’AspI per 8 mesi;

    01/01/2011 AL 31/08/2011 Lavoro dipendente sett. 36
    01/09/2011 AL 31/12/2011 Lavoro dipendente sett. 18
    01/01/2012 AL 31/12/2012 Lavoro dipendente sett. 52
    01/01/2013 AL 02/05/2013 Lavoro dipendente sett. 17
    03/05/2013 AL 16/06/2013 Ind. sost. preavviso sett. 7
    24/06/2013 AL 31/12/2013 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 28
    01/01/2014 AL 23/02/2014 Ctr. Figurativa per ASpI sett. 8
    17/03/2014 AL 31/12/2014 Lavoro dipendente sett. 42
    01/01/2015 AL 28/02/2015 Lavoro dipendente sett. 9

    PS. visto che poi dal mese prossimo ho intenzione di partire con un’attività autonoma (società srl) posso chiedere l’anticipazione di tutte le mensilità previste dall’indennità di disocuppazione, AspI o NASPI?

    grazie e ancora buona pasqua !!!

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, sommando tutte le settimane che ha a disposizione e dividendole per 2 escono fuori 56,5 settimane circa di indennità NASpI, a fronte dei dici mesi di ASpI che percepirebbe se facesse la domanda prima di maggio, quindi a mio avviso le converrebbe attendere i primi giorni di maggio e richiedere la NASpI.

      Per quanto riguarda l’anticipazione dell’indennità è opportuno valutare le proprie disponibilità economiche, per due motivi:
      1)per lavorare la domanda di anticipazione l’INPS impiega diverso tempo, a volte 2/3/4 mesi, bloccando l’erogazione dell’indennità. Ci si potrebbe ritrovare dunque con nessun sostegno economico per un bel po’ di tempo
      2)l’erogazione dell’anticipazione è legata a dei fondi speciali, che possono anche terminare, quindi il rischio è che una persona si imbarca in una attività autonoma certa di un sostegno economico, e invece la domanda di anticipazione viene respinta per mancanza di fondi, ma considerato che per avere l’anticipazione si devono prima aprire partita iva e l’iscrizione alla camera di commercio, si rischia di rimanere senza un soldo e con un’attività autonoma nuova da portare avanti!
      Tutto ciò sembra davvero assurdo considerato che i contributi che danno luogo alla disoccupazione dovrebbero spettarci di diritto visto che sono stati versati dal datore di lavoro proprio PER NOI, e non dovrebbero dunque essere legati a dei fondi speciali! 🙁

      ps: è FONDAMENTALE inoltrare all’INPS, insieme alla domanda di anticipazione, anche la comunicazione del reddito presunto che si ritiene di ricavare da tale attività; se l’importo del reddito presunto è superiore alla somma di 4800 euro annui la domanda di anticipazione viene respinta. Non è dato sapere se l’INPS richiede indietro i soldi dell’anticipazione qualora si dichiari un reddito presunto inferiore a quello poi effettivamente percepito a fine anno…

      1. Pierlu ha detto:

        grazie per la risposta….

        PS. veramente assurdo per quanto riguarda ì 4800 annui del reddito presunto…. se una svolge un’attività autonoma lo fa con l’intento di ricavare somme molto maggiori dei “4800” euro altrimenti non vale neanche la pena cimentarsi in un’attività autonoma per guadagnare meno di 4800 all’anno…SE HO PERCEPITO BENE LA SUA INFO LA QUESTIONE A DELL’INCREDIBILE!!!

        saluti

  129. joshua ha detto:

    buongiorno! dopo aver lavorato per 3 anni consecutivi con un contratto a tempo indeterminato…probabilmente sarò licenziato durante il corrente mese di aprile…posso richiedere la naspi se mi dichiaro disoccupato al centro per l impiego durante il mese di maggio? oppure dovrò comunque accontentarmi dell’ aspi? grazie buona pasqua

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Joshua, considerato che per inoltrare la domanda di disoccupazione (ASpI o NASpI) ha 68 giorni di tempo dal termine del rapporto di lavoro è “fortunato” ad avere la possibilità di scegliere se usufruire dell’ASpI o della NASpI. Ovviamente avendo lavorato 3 anni e non avendo mai percepito l’ASpI le converrà attendere qualche giorno in più e presentare domanda di NASpI

      1. joshua ha detto:

        grazie mille!

  130. Luana Marrone ha detto:

    Salve, ho 29anni e lavoro come impiegata dal 17maggio 2012, ora per taglio del personale mi hanno già comunicato il mio licenziamento entro maggio. Mi è sorto un dubbio, la nuova naspi quando entrerà in vigore? Vista la mia sorte mi conviene essere licenziata prima di maggio o dopo maggio?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Luana, direi dopo. Se negli ultimi anni non ha percepito alcun sussidio di disoccupazione più lavora e meglio è, percepirà la NASpI per la metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, salvo nuove disposizioni dell’INPS:)

      1. Luana Marrone ha detto:

        Grazie mille, molto gentili

      2. Gianni ha detto:

        La Naspi penalizza i lavoratori a contratto determinato, visto che alla scadenza del contratto richidevano il sussidio.

  131. Gianni ha detto:

    Salve,anche io mi trovo in una situazione in cui non so se spettare la nuona Naspi o fare la mini-aspi.
    Io ho sempre lavorato con contratto a tempo determinato,quindi,ogni volta che finiva il contratto, facevo o l’aspi o la mini-aspi a seconda se avevo i requisiti.
    Io ho 80 settimane di contributi versati negli ulltimi 4 anni,quidni con la Naspi sarebbero 40 settimane,circa 10 mesi,come l’aspi.
    Io però ho 48 settimane di contributi negli ultimi 2 anni,quindi devo fare la mini aspi.
    Ho questo dubio se aspettare la Naspi o fare la miniaspi,dipende dalla interpretazione della legge.
    Ecco la mia situazione contributiva:
    17/02/2011 29/07/2011 Lavoro dipendente sett. 24
    06/08/2011 31/12/2011 Disoccupazione sett. 22
    01/01/2012 05/04/2012 Disoccupazione sett. 14
    01/01/2012 31/12/2012 Disoccupazione sett. 7
    27/08/2012 07/09/2012 Lavoro dipendente sett. 2
    10/09/2012 30/11/2012 Lavoro dipendente ett. 12
    12/04/2013 04/10/2013 Lavoro dipendente sett. 7
    27/04/2013 11/05/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 3
    12/10/2013 24/11/2013 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 7
    10/04/2014 19/12/2014 Lavoro dipendente sett. 29
    16/08/2014 07/09/2014 Ctr.Figur. per mini-ASpI sett. 4
    09/01/2015 27/03/2015 Lavoro dipendente sett. 12

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Deve verificare i suoi contributi in base all’art. 5 della NASpI: “Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione.”
      Se aspetta ancora rischia di perdere sia la mini-ASpI che la NASpI, infatti da quello che vedo dall’estratto contributivo ha utilizzato tutti i periodi contributivi per percepire un’indennità di disoccupazione.
      Fossi in lei farei la domanda di mini-ASpI per non rischiare…

      1. Gianni ha detto:

        Grazie per le informazioni. Purtroppo è come pensavo.
        Visto che ho 48 settimane negli ultimi 2 anni, ci posso provare a fare l’aspi?
        E? vero che se l’aspi non mi viene accolta mi viene trasformata in automatico in mini-aspi?
        Grazie ancora per la disponibilità

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì è vero, ma bisogna fare attenzione durante la compilazione della domanda di ASpI, fleggando il campo in cui si richiede la verifica dei requisiti per la mini-ASpI qualora l’ASpI venisse respinta.

          1. Gianni ha detto:

            Ok,grazie ancora

  132. kingerik ha detto:

    Salve, io ho finito la mia Aspi a Marzo 2015 e ho capito leggendo dai commenti che la mia eventuale Naspi dipende da come verrà interpretato l. art. 5 nelle circolare dell’Inps, ovvero se mi conteggiano le settimane lavorative con le quali ho avuto la possibilità di raggiungere le 52 settimane contributive utili al fine della richiseta Aspi.

    Nell. art 5 siamo sicuri che intendano le settimane effettivamente lavorate oppure loro quando parlano di “settimane contributive che hanno dato luogo a prestazione di disoccupazione”, non intendano le settiamne nelle quali noi abbiamo percepito l’indennità e che cmq abbiamo maturato dei contributi anche se figurativi?

    Vorrei tanto che fosse cosi per allo stato attuale delle cose nei precedenti 4 anni rischio di non percepire nulla dato che nell’arco di questo periodoi 4 anni ho lavorato anche io massimo 6 mesi come vigile del fuoco discontinuo e da marzo 2013 ho percepito la mia prima disoccupazione Aspi ( percepiti 4 mesi totali perchè l’ho interrotta lavorando) , che poi ho “rinnovato” dato che lavorando sono riuscito a riaccumulare le settimane per fare una nuova richiesta ad Aprile 2014 che mi ha permesso di percepirla fino a qualche giorno fa.

    Io le chiedo cortesemente, se la mia prima Aspi è iniziata a Marzo 2013, con i contributi versati nel biennio marzo 2011/2013, corro il rischio appunto che nemmeno quei contributi siano presi in considerazione?

    Allo stato attuale delle cose visto che io lavorerò dal 30 Marzo al 26 Aprile 2015 mi conviene chiedere la mini-Aspi prima dell’entrata in vigore della Naspi e finita la mini aspi se ho ben capito, qualora fosse confermato che l’inps scarta le settimane che hanno già contribuito a percepeire una indennità, io potrei far valere per la Naspi i mesi lavorati da adesso in poi è corretto?

    Mi scuso per la lunghezza del post.

    Cordiali saluti.

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve, non credo proprio che con l’art. 5 si intendano i contributi figurativi, in quanto quelli non vengono mai considerati, proprio perché figurativi. E’ certo che non ha abbastanza contributi per percepire di nuovo l’ASpi? Se vuole, nei messaggi di facebook può inoltrarci una copia del suo estratto contributivo, pregandola di oscurare i dati personali sensibili, e vediamo quante settimane ci sono e se conviene richiedere la mini aspi o la naspi. Oppure se preferisce può farci un sunto dei periodi di lavoro e di aspi dal 2011 ad oggi.
      A presto.

      1. kingerik ha detto:

        Salve e grazie ancora per la cortes risposta. Vi faccio un sunto qui, magari le vostre risposte che riguardano il mio caso potrebbero essere utili ad altrii utenti.

        1.
        La mia prima ASPI è partita in data 14-4-2013 ed è scaduta il 30-3-2014.

        Le 52 settimane utili ai fini dell accoglimento sono derivate dal lavoro che ho fatto nei 2 anni precedenti ovvero, andando a ritroso con le date, dal 23-3-2013 al 23-5-2011.
        Le settimane che ho accumulato dal 22-5-2011 al 1-1-2011, andando sempre a ritroso e che non sono state conteggiate per la prima Aspi, sono 7, che eventualmente sono utili ai fini della nuova Naspi.

        2.
        La mia seconda ASPI è partita in data 20-4-2014, derivante dalle 52 settimane che ho accumulate lavorante dal 14-4-2014 al 14-4-2012.

        3.
        Il 20-4-2015 mi scadrà l’Aspi che sto percependo, e ho fatto il calcolo delle settimane, purtroppo avendo lavorato meno l’anno scorso a causa dei tagli del governo, arrivo a 45 settimane quindi non alle 52 utili ai fini dell’Aspi.
        Di questo ne sono certo perchè mi sono sempre fatto i conteggi precisi e una volta ho evidenziato un errore di calcolo che mi aveva fatto l’Inps che mi aveva causato il rifuto della seconda domanda di Aspi,successivamene confermata con i conteggi corretti ed i documenti che gli ho prodotto.

        4.
        Adesso sto lavorando e finirò il 26-4-2015, accumulando 4 settimane di lavoro totali.

        Ora detto tutto ciò escludendo la possibilità di percepire una nuova Aspi, potrei chiedere il 27-4-2015, quando finirò il lavoro e prima dell’entrata in vigore della NASPI, la MINI-ASPI avendo accumulato nell’ultimo anno 17 settimane di lavoro, quindi mi dovrebbero pagare 2 mesi e qualche giorno. E’ corretto?

        La seconda possibilità è quella di richiedere la Naspi, dato per scontato ( a meno di disposizioni diverse dalla circolare che uscirà) che i contributi validi per le vecchie Aspi, non mi verranno presi in considerazione, le settimane contributive che la Naspi dovrebbe considerarmi, partono dall’ inizio della mia seconda Aspi, ovvero dal 20-4-2014, al momento in cui la andrò a richiedere, ipotizzando di chiederla il primo giorno in cui entra in vigore il 1 Maggio 2015, avrei sempre 17 settimane come la mini-aspi, ma qui vi pongo una domanda, i 4 anni arretrati che vengono presi in considerazione partono dal momento della presentazione della domanda Naspi, ovvero il 1 Maggio 2015, oppure iniziano da Gennaio del 2011?

        Se cossi fosse allora alle 17 settimane dovrei aggiungere anche quelle 7 settimane ( come vi ho detto all’inizio) che ho accumulato tra il 1-1-2011 e il 22-5-2011. Il contaggio finale sarebbe 17+7 = 24 settimane, quindi una Naspi di 3 mesi.

        Concludendo se i miei ragionamenti sono corretti, la Naspi mi converrebbe perchè mi dura 1 mese in più e probabilmente percepirei anche qualcosa in più.

        Condividete quanto ho scritto o ci sono delle imprecisioni?

        Grazie.

        Cordiali saluti.

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Potrei dire di condividere, anche se sarebbe più semplice capire, facendo un copia/incolla del suo estratto contributivo dal 2011 ad oggi, come ha fatto il nostro amico Gianni qui sotto:)
          I conteggi per la NASpI partiranno da Maggio 2011 e non da Gennaio.

          1. kingerik ha detto:

            Salve, vi scrivo le mie settiamne contributive come consigliato:

            1-1-11 al 30-10-11 lav dip. 28 settimane

            23-1-12 al 31-11-12 lav dip. 28 settimane
            1-12-12 al 1-12-12 lav dip. 1 settimana

            1-3-13 al 30-11-13 lav dip 25 settimane

            1-1-14 al 31-7-14 lav dip 13 settimane
            1-8-14 al 31-12-14 lav dip 5 settimane

            1-1-15 fino al prossimo 26-4-15 lav dip. 6 settimane

            Credo mi convenga la Naspi per guadagnar qualcosa in piu. Siete daccordo?
            cordiali saluti.

          2. Previdenza Facile ha detto:

            Sì sono d’accordo, anche perché non ha le 52 settimane per l’ASpI (6+5+13+17=41) quindi non avrebbe altra possibilità:) Grazie per averci scritto, a presto!

  133. Giuseppina Jerino' ha detto:

    Salve,
    un chiarimento x naspi visto art.5.
    assunzione 08-2011
    licenziamento 09-2013
    SettImage contributIva 110
    aspi percepita fino 04-204-2014
    Assunzione. 3-2015 probabile licenzI aumento maggio 2015
    per quanti mesi percepiro’ naspi? Grazie mille

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Per l’ASpI avrà sicuramente utilizzato 12 dei 25 mesi lavorati, quindi per la NASpI potrà utilizzare 13 mesi dal 08/2011 al 08/2012 + 3 mesi da marzo a maggio 2015. Totale 16 mesi che diviso 2 dovrebbero essere 8 mesi di NASpI

    2. Gianni ha detto:

      Salve, il miocontratto è scaduto il 27 marzo 2015.Domani farò la domanda per l’aspi.Volevo sapere, visto che dal 1 Maggio ,entra in vigore la Naspi, se la durata della prestazione sarà di 8 mesi come normale, o se, dal 1 maggio, mi verrà tutto ricalcolato in base ai criteri della Naspi.

      1. Previdenza Facile ha detto:

        Salve Gianni,
        se farà domanda di ASpI continuerà a percepirla per 10 mesi, la NASpI spetta solo a coloro che faranno domanda dal 1° maggio in poi. Ma a questo punto, fossi in lei, farei una verifica dei contributi per vedere se conviene prendere l’ASpI per 10 mesi oppure attendere un pochino e fare domanda di NASpI, in quanto quest’ultima prende in considerazione i contributi dei 4 anni precedenti, e non due come l’ASpI.

  134. roberto d'altoe' ha detto:

    Buongiorno,

    con un contratto a tempo indeterminato se si riceve il preavviso di licenziamento (di 30gg), il 31 marzo 2015 e quindi l’ultimo giorno lavorativo risulta il 30 aprile, si ha diritto alla NASpI?
    Personalmente presumo di si visto che lo stato di disoccupazione decorre dal giorno in cui si rende la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro.
    Come devo interpetrare il tutto?

    grazie

    roberto

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Certo che avrà diritto alla NASpI, dalla data del licenziamento avrà tempo 68 giorni per presentare la domanda. Aveva altri dubbi in merito?

      1. roberto d'altoe' ha detto:

        Ora non più, vi ringrazio.

        Roberto

  135. Emil Pintilie ha detto:

    Fatemi capire una cosa..io ho lavorato dal 11/2010 fino a 25/7/2014 adesso sto prendendo l`Aspi che mi scade il 25 aprile dal primo maggio dovrei iniziare in una ditta piccola per circa 2 mesi,dopo ho il diritto alla Naspi o no??visto che la legge dice cosi: In queste settimane non saranno però computate quelle che hanno già dato luogo, in passato, al diritto per la stessa prestazione.grazie e aspetto il vostro parere

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Si presume che per l’ASpI che sta percependo abbia utilizzato i contributi dal 25/07/2013 al 25/07/2014, e considerato che la NASpI utilizzerà i contributi dei 4 anni precedenti, probabilmente potrà far valere quelli versati da Luglio 2011 a luglio 2014, ad esclusione di quelli dal 25/07/2013 al 25/07/2014. Per la certezza dovremmo attendere la circolare ufficiale inps.

  136. Daniel Gigante ha detto:

    Salve,ho un quesito da porle. Sono un lavoratore stagionale e ormai sono diversi anni che nel periodo invernale prendo il sussidio di disoccupazione.
    al sindacato mi hanno detto che con la naspi verranno detratte tutte le settimane che in precedenza ho già usufruito con la aspi..è vero??
    quindi ipotizzando che io negli ultimi 4 anni ho maturato 24 mesi di contributi, avrei diritto a 12 mesi di naspi, ma in tutti questi 4 anni ho usufruito anche della aspi per 24 mesi.
    Questi 24 mesi della aspi andranno a scalare i 24 mesi della naspi?
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Daniel, purtroppo da quel che si evince dal testo di legge è proprio così, sarà una grande fregatura per chi ha da anni un contratto stagionale o a TD 🙁 L’unica speranza è quella di non aver già utilizzato tutti i contributi passati per percepire l’ASpI, ma questi sono calcoli che si potranno fare solo quando uscirà la circolare INPS dettagliata…

      1. Daniel Gigante ha detto:

        Grazie mille della risposta, eh sì bella fregatura. Comunque ipotizzando di lavorare quest’anno 6 mesi avrei diritto a 3 mesi di naspi?? In caso di ricollocazione lavorativa e quindi di blocco naspi si può risbloccare in un secondo momento?? Grazie

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Sì, 3 mesi. Per il resto non so risponderti, dobbiamo attendere l’entrata in vigore della NASpI per i dettagli 😉

  137. Nina Nina ha detto:

    Buonasera,
    Ho un quesito da porvi.
    Da febbraio 2009 lavoro presso un’azienda a tempo indeterminato.
    A marzo 2014 sono andata in maternita obbligatoria per poi usufruire anche della facoltativa, che scadrà a marzo 2015.
    Essendo cambiate le esigenze lavorative, in accordo con l’azienda abbiamo deciso di terminare il rapporto lavorativo.
    All’inizio mi avevano proposto il licenziamento per poter usufruire della disoccupazione fino al momento in cui avrei trovato un nuovo lavoro, ma ultimamente mi hanno consigliato di fare dimissioni con convalida, che mi hanno detto essere uguale al licenziamento con gli stessi vantaggi. Vi risulta?
    Secondo quesito: una volta risolto il rapporto cosa devo chiedere, l’aspi o la naspi? E cosa comportano?
    Spero possiate rispondermi perchè sono veramente smarrita.
    Grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Nina, le dimissioni nel primo anno di vita bel bambino hanno lo stesso valore del licenziamento, di conseguenza potrai richiedere la disoccupazione. Dovrai chiedere l’ASpI solo se darai le dimissioni prima del 29/04/2015, dal 1° maggio infatti entrerà in vigore la NASpI, per la quale l’INPS ancora deve emettere una circolare, quindi abbiamo solo alcune nozioni base presenti nel jobs act.

  138. Giovanni Villano ha detto:

    ciao antonio ho usufruito dell aspi fino al 16 febbraio 2015 dato che ora mi anno assunto per un lavoro di circa 20 giorni dal 17-marzo al 30 aprile se riesco a fare un altra aspi dato che la mia contribuzione andando indietro 2 anni e cosi dal 09/04/2013 al 26/04/2013 -3 settimane…dal 02-05-2013-al 16-12-2013…23 settimane…e dal 08-01-2014,,,al-09-06-2014….22 settimane cela faccio a richiedere un altra aspi…se puoi dammi un consiglio grazie

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Ciao Giovanni, mi spiace ma non riuscirai a richiedere una nuova ASpI se dal 1° maggio 2015 entrerà in vigore la NASpI
      Non c’è ancora niente di ben definito, dovremmo aggiornarci al termine del tuo rapporto di lavoro. A presto!

      1. Giovanni Villano ha detto:

        scusa se mi licenziano il 30 aprile no il 1 maggio lo stesso non riesco

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Non riesci comunque perché la domanda di disoccupazione va fatta almeno il giorno dopo il termine del rapporto di lavoro.

        2. Giovanni Villano ha detto:

          a me il padronato mi a detto che chi perde il lavoro dal 1 maggio in poi vale la naspi scusa se ti faccio tanta domande a vorrei capire

          1. Previdenza Facile ha detto:

            E’ giusto quello che ti dice il patronato. Dal 1° maggio in poi dovrai fare richiesta di NASpI

  139. Lorenzo di cicilia ha detto:

    ciao sono Mario da Cattolica, sono da maggio 2015- disoccuppato e percepisco l’assegno ASPI questo periodo scade il 31 Luglio 2015
    chiedevo: è possibile sapere come sarà la mia situazione dopo luglio 2015? Con la nuova NASPI che entrerà in vigore a Maggio 2015
    cambierà qualcosa riguardo a l’assegno e la durata? GRAZIE

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Lorenzo, dovresti essere più specifico. Che cosa intendi per “la mia situazione”? Cliccando su questo link potrai trovare informazioni relativamente alle nuove disposizioni della NASPI. Se hai difficoltà a capire qualche passaggio puoi chiedere senza problemi. A presto!

  140. anna ha detto:

    Buon giorno la mia domanda e` questa io ora sono in maternita facoltativa fino a giugno poi volevo dare le dimissioni entro l anno del bimbo dando un occhio alla nuova disoccupazione naspi uno dei requisiti richiesti e` aver lavorato 30 giorni effettivi negli ultimi 12 mesi ma per effettivi cosa si intende? io sono a casa in maternita anticipata da gennaio 2014 (più di 12 mesi) Quindi la maternita e` considerata lavoro effetivo o secondo voi non ne avro diritto? Grazie in anticipo

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Anna,
      non sono in grado di risponderti con certezza perché deve ancora uscire la Circolare dell’INPS. Converrà attendere il mese di maggio per iniziare a fare dei calcoli, dubito però si rischi di negare l’indennità di disoccupazione alle neomamme…

  141. Domenico Salcuni ha detto:

    Salve,
    io ho lavorato per 7 anni e mezzo a tempo pieno e indeterminato, sono disoccupato dal 01/01/15 ed ho chiesto l’ Aspi. Stavo ragionando sul fatto che probabilmente non riuscirò a trovare lavoro in questi mesi quindi pensavo ad un lavoro stagionale di 3 mesi (giugno-luglio-agosto).
    Trovandomi a cavallo tra le due leggi se io sospendo l’ Aspi al 01/06/15 a Settembre 2015 devo richiedere la Naspi oppure mi rimangono solamente gli altri 3 mesi non usufruiti dell’ Aspi sospesa?
    Secondo le regole della Naspi basta avere 18 giornate lavorative nell’ anno in cui la richiedi e almeno 13 settimane negli ultimi 4 anni; se ipotizziamo non lavoro quest’ estate (quindi prendo 8 mesi di Aspi) ma a Settembre trovo un lavoro di 20/30 giorni in teoria prenderei la Naspi completa dedotta degli 8 mesi già avuti dall’ ASPI?
    Ciao e grazie anticipatamente.
    Domenico

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Domenico,
      purtroppo non so ancora darti una risposta certa in quanto deve ancora uscire una circolare INPS sulla Naspi. Posso solo ipotizzare che a settembre 2015 dovrai fare domanda di Naspi, il ché sarebbe non solo più logico, ma anche più conveniente per te, in quanto avresti comunque maturato molti contributi nei 4 anni precedenti. Purtroppo per una risposta certa dovremo attendere ancora un po’.

  142. Antonio Penta ha detto:

    Buonasera
    cerco di chiarire al meglio delle mie possibilità :
    Supponiamo un lavoratore da anni inserito nel settore con questa stagionalità :
    Inizio stagione invernale 1 Dicembre , fine stagione invernale 31 Aprile =5 mesi di lavoro
    Di solito si chiedeva e otteneva Ordinaria , poi divenuta Aspi e ora Naspi da 1 Maggio a 15 Luglio (periodo di riapertura del’albergo )
    poi subentrava il lavoro estivo dal 15 Luglio al 15 Settembre .
    Dal 15 Settembre al 1 Dicembre si chiedeva e otteneva nuovamente Ordinaria, Aspi ma ,se le settimane che hanno già generato il diritto alla Naspi non si contano, mi par di capire che ora si perde il diritto a questa indennità

    Inoltre supponendo , come spesso capita , un cambio di gestione e del personale mi par di capire che avendo già richiesto la Naspi per i 5 mesi precedenti non si genera il diritto alla disoccupazione di 8-10 Mesi come invece era in precedenza pur avendo maturato l’ anno di contributi negli ultimi 2 anni e anzi la stessa disoccupazione post stagione invernale assume durata massima di 2,5 mesi contro gli eventuali 8 precedenti …confermate ?
    Chiedo perché se ho interpretato correttamente la dicitura
    sarebbe un serio peggioramento delle condizioni salariali di tutto il comparto Turistico -stagionale con prevedibile fuga di mano d’opera.
    Spero di essere stato abbastanza chiaro

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Per la Naspi non posso ancora risponderti con certezza perché non è ancora uscita alcuna circolare INPS che chiarisca questi casi specifici. Per quanto riguarda l’ASpI posso confermarti che, anche se l’hai già percepita, è possibile considerare gli stessi contributi che hanno dato luogo al sussidio precedente. Nel tuo caso, se posso, hai provato a fare domanda di ASpI ed è stata rifiutata? Hai percepito quindi la Mini-ASpI? Purtroppo, non potendo verificare personalmente la tua posizione contributiva il consiglio che posso darti è quello di contattare il numero verde dell’INPS (803164) per dare un’occhiata alla tua posizione, e soprattutto, verificare che, nel caso in cui ti abbiano respinto l’ASpI, fosse effettivamente lecito oppure ci sia stato un errore da parte dell’Istituto.

  143. Nicolò Cargnelli ha detto:

    Se io lavoro ogni anno per una stagione di 7 mesi ed ogni anno faccio domanda di disoccupazione ho diritto solamente a 3,5 mesi di sussidio per i 5 mesi che sto a casa?? Spero di aver capito male ma se non posso fare valere i contributi che già hanno generato un sussidio dovrebbe essere così (non come prima che bisognava avere 1 anno nei 2).

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Questo di cui parli vale solo per la Mini-Aspi, che infatti non può essere richiesta se si devono considerare anche le mensilità che hanno già dato luogo ad un sussidio. Mentre l’ASpI si può prendere anche due volte utilizzando le stesso periodo contributivo.
      Tu hai già percepito la mini-aspi?

      1. Nicolò Cargnelli ha detto:

        Le regole dell’Aspi e Mini Aspi le conosco bene ed attualmente sto percependo l’ Aspi (fino ad aprile, poi inizierò la stagione di quasi 7 mesi sul lago di Garda). La mia domanda riguardava la nuova NASPI ed ora cercherò di spiegarmi meglio:

        Se Io ogni anno lavoro per quasi 7 mesi ed ogni anno richiedo il sussidio quanti mesi mi pagano? Se “ai fini della durata, non sono considerati i periodi contributivi che hanno già garantito l’erogazione delle prestazioni di disoccupazione” sembra quasi che noi del turistico ogni anno percepiremo solo la metà dei mesi lavorati perchè non potremo far valere i mesi che ci hanno già garantito un sussidio (non come con la vecchia ASPI che bastava un anno nei 2).

        1. Previdenza Facile ha detto:

          Ah ok, ora ho capito. In realtà su questo ho ancora dei dubbi anche io, anche se L’art 5 della 183/2014 relativamente alla NASPI sembra abbastanza chiaro:
          “La NASpI è corrisposta mensilmente, per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni. Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione.”

          Certo, se così fosse, effettivamente, sarà una bella fregatura per molti…

  144. roby ha detto:

    salve da quando parte la contribuzione per la naspi?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Come ho spiegato in questo articolo http://www.previdenzafacile.com/sostegno-reddito/la-naspi-sostituira-laspi-come-cambiera-la-disoccupazione-nel-2015/ i contributi considerati per la Naspi dovrebbero partire dal quarto anno precedente la domanda, ma è ancora tutto da decidere in quanto, anche sul sito dell’INPS, la normativa effettiva non è ancora presente, quindi per risposte certe dovremmo attendere ancora un po’

  145. Antonio Penta ha detto:

    oltre a rischiare di non trovarsi più con l’anno “sabatico” ovvero quell’anno in cui in caso di mancata riconferma da parte della struttura ci si dedicava alla ricerca di un nuovo posto di lavoro supportati da disoccupazione?

  146. Antonio Penta ha detto:

    Buongiorno
    avrei bisogno di capire una cosa ,anche s epurtroppo mi sembra fin troppo chiara :
    1 stagionale nel turismo che fa 5 mesi invernali e 2 estivi intervallati da disoccupazione …perde quindi il diritto alla disoccupazione “autunnale”?

    1. Previdenza Facile ha detto:

      Salve Antonio, in realtà detto così non è molto chiaro anche se da quello che scrivi mi pare di capire che puoi avere 7 mesi contributivi all’anno, che nel biennio diventano 14, quindi siamo abbondantemente sopra le 52 settimane minime richieste. Dovresti provare a fare l’esempio con le date esatte di inizio e fine rapporti di lavoro dal 2013 ad oggi, in questo modo sarebbe più semplice capire se ti spetta o meno…grazie!

    2. Giovanni Cafagna ha detto:

      Ciao Antonio Pente, sono uno stagionale anch’io però solo estivo; Sto seguendo l’iter della riforma della naspi e ti posso confermare che il tuo ragionamento è corretto(purtroppo). Siamo stati fregati e il problema è che non se ne accorto nessuno , a parte la deputata Sara Moretti, che ha fatto un appello alla commissione lavoro, il 21 gennaio,per rivedere la norma verso gli stagionali (http://www.partitodemocraticovenezia.it/2015/01/lettera-dellon-le-moretto-pd-commissione-lavoro/); e la CGIL che però non gliene frega niente. Io ho fatto appello (tramite e-mail) ai senatori della commissione lavoro e la senatrice Sara Paglini ha risposto che inserirà la nota nelle discussioni che stanno facendo in commissione. Il termine ultimo è il 12 febbraio dopo di che la riforma diverrà legge.

      1. Antonio Penta ha detto:

        Ciao Giovanni Cafagna ,
        come prevedevo , già siamo ipersfruttati e ancora infieriscono su di noi per aiutare quelli che fanno le 8 ore X5gg…
        ho provato a pubblicare qualche articolo su dei giornali appoggiandomi ad amicizie ben inserite ..eppure gli articoli vengono rimandati e non pubblicati ..mi sa che dobbiamo farcene una ragioen e comportarci di conseguenza ..ora non ci resta che attendere il 13 Febbraio e leggere la stesura finale ..in bocca la lupo a noi !

        1. Quindi ad oggi è rimasto tutto invariato???

          1. Antonio Penta ha detto:

            Si Piergiorgio , il governo ha dato il via attuativo senza accogliere alcun appunto dalle commissioni

Lascia un commento