Home Informazioni utili Abusi telefonici, STOP alle telefonate commerciali indesiderate

Abusi telefonici, STOP alle telefonate commerciali indesiderate

by Redazione
Abusi telefonici

Abusi telefonici: i tre punti fermi stabiliti dalla recente sentenza della Corte di Cassazione.

 

La Corte di Cassazione con una recentissima sentenza del 4 febbraio 2016 ( n. 2196 / 2016 ) ha posto fine alla deprecabile quanto molesta pratica degli abusi telefonici, ovvero delle telefonate commerciali indesiderate, con le quali le grandi società di energia e di telefonia, per il tramite di non ben identificati call center, tentano quotidianamente di vendere contratti di abbonamento, prospettando nuove e mirabolanti offerte.

La vicenda trae origine da una controversia che ha visto opposti, da una parte il Garante per la Protezione dei dati personali e dall’altra Enel Energia s.p.a. e Reitek s.p.a., società che fornisce ad Enel Energia il software necessario all’effettuazione di chiamate commerciali multiple da parte dei call center verso i potenziali nuovi clienti.

In particolare la sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che:

  1. Le chiamate verso i cellulari possono essere effettuate soltanto da operatori di call center e senza l’ausilio di sistemi automatici . L’operatore di call center che vi chiama deve per prima cosa accertarsi se c’è il vostro consenso a ricevere la telefonata commerciale e, in caso di diniego, deve interrompere la comunicazione.
  2. Le chiamate verso rete fissa, a condizione che il vostro nome sia inserito nell’elenco abbonati alla rete di telefonia fissa, possono essere invece effettuate con l’ausilio di sistemi automatici di chiamata ma anche in questo caso occorre il vostro consenso a ricevere la telefonata commerciale .
  3. Se a chiamarvi sulla rete fissa è invece un operatore che non si avvale di un sistema automatico di chiamata ( potete verificarlo dal fatto che vi risponde subito senza attese mute ) allora il vostro consenso si presume, a meno che non vi siate già iscritti nel registro delle opposizioni www.registrodelleopposizioni.it . In ogni caso, l’operatore che vi chiama deve per prima cosa informarvi del fatto che, se non volete più ricevere questo tipo di telefonate, potete appunto iscrivervi gratuitamente e molto facilmente al registro.

Le eventuali violazioni di tali principi possono essere segnalate al Garante per la Protezione dei dati personali all’indirizzo e-mail [email protected]

Non aspettare ulteriormente, difendi i tuoi diritti!

 

telegram previdenza facile