Home Sostegno reddito Aumenta l’importo mensile per l’indennità di frequenza 2023

Aumenta l’importo mensile per l’indennità di frequenza 2023

by Redazione
indennità di frequenza 2023, importo pensione frequenza 2023, importo mensile frequenza minori invalidi 2023, a chi spetta l'indennità di frequenza, requisiti indennità di frequenza minori, limiti di reddito frequenza minori

A quanto ammonta l’importo mensile relativo all’indennità di frequenza per l’anno 2023?

Aumenta l’importo mensile per l’indennità di frequenza 2023. L’indennità di frequenza è una prestazione economica, erogata a domanda, finalizzata all’inserimento scolastico e sociale dei minori con disabilità fino al compimento della maggiore età.


A chi spetta l’indennità di frequenza

L’indennità di frequenza spetta ai cittadini minori di 18 anni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell’età, nonché ai minori ipoacusici che soddisfano i requisiti sanitari e amministrativi previsti dalla legge.

L’indennità è corrisposta per un massimo di 12 mensilità, dunque non è prevista la tredicesima mensilità. Tuttavia nella maggior parte dei casi l’indennità di frequenza viene corrisposta per la durata della frequenza scolastica, da Ottobre a Giugno dell’anno successivo. Se nei 3 mesi estivi il minore dovesse frequentare un altro istituto è possibile richiedere all’INPS il pagamento delle ulteriori 3 mensilità con apposita domanda di ricostituzione. Alla domanda si allega la documentazione attestante la frequenza nei mesi estivi.

L’indennità di frequenza è incompatibile con:

  • qualsiasi forma di ricovero;
  • l’indennità di accompagnamento per invalido civile totale;
  • l’indennità di accompagnamento per i ciechi totali;
  • la speciale indennità prevista per i ciechi parziali;
  • l’indennità di comunicazione prevista per i sordi prelinguali.

L’indennità di frequenza spetta a chi è in possesso dei seguenti requisiti:

  • età minore di 18 anni;
  • riconoscimento di difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della minore età oppure della perdita uditiva superiore a 60 decibel nell’orecchio migliore nelle frequenze 500, 1.000 e 2.000 hertz;
  • frequenza di scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado (anche asili nido) o di centri di formazione o addestramento professionale pubblici o privati convenzionati, finalizzati al reinserimento sociale dei soggetti o di centri ambulatoriali, diurni o di tipo semi-residenziale, pubblici o privati, operanti in regime convenzionale, specializzati nel trattamento terapeutico, nella riabilitazione e nel recupero di persone portatrici di handicap;
  • reddito inferiore alla soglia stabilita annualmente (per il 2021 pari a 4.931,29 euro);
  • cittadinanza italiana;
  • per i cittadini stranieri comunitari: iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
  • per i cittadini stranieri extracomunitari: permesso di soggiorno di almeno un anno (art. 41 TU immigrazione);
  • residenza stabile e abituale sul territorio dello stato.


Importo mensile indennità di frequenza 2023

L’importo mensile di indennità di frequenza per il 2023 è pari a 313,91 euro.
Dal mese di Gennaio 2023 verrà quindi aumentato l’importo dell’indennità di circa 21 euro mensili.
Il limite di reddito personale per avere diritto all’indennità di frequenza è pari a 5.391,88 per l’anno 2023. Nella maggior parte dei casi il minore non è in possesso di redditi personali, per questo l’indennità di frequenza spetta solitamente a tutti i minori che rientrano nei requisiti sanitari.

Con il messaggio 30 novembre 2022, n. 4315 l’INPS comunica l’avvio del ricalcolo automatizzato centralizzato delle indennità di frequenza per l’anno scolastico 2021-2022. A seguire, saranno rielaborate centralmente anche le indennità di frequenza per l’anno scolastico 2022-2023.

previdenza facile telegram