Home Dipendenti Pubblici Bonus baby sitter aprile: limite fissato a 1200 euro, novità per i centri estivi

Bonus baby sitter aprile: limite fissato a 1200 euro, novità per i centri estivi

by Redazione
bonus baby sitter aprile bonus baby-sitting maggio 600 euro 1200 euro 1000 euro 2000 euro privati pubblici centri estivi sanità

Il voucher baby-sitting per i mesi di Aprile e Maggio potrà essere speso per pagare una baby sitter oppure incassato direttamente per il pagamento di un centro estivo.


Bonus baby sitter aprile: limite fissato a 1200 euro. L’INPS comunica con il messaggio n. 2209 del 27 maggio 2020 che a breve sarà disponibile la procedura telematica per presentare la nuova domanda per il bonus baby-sitting per i mesi di Aprile e Maggio.


Bonus baby-sitting: limiti fissati a 1200 e 2000 euro

L’importo massimo erogabile complessivo per i lavoratori dipendenti, autonomi, professionisti e parasubordinati sarà pari a 1200 euro. Ciò significa che chi ha già percepito un importo pari 600 euro con la prima domanda, relativa al mese di Marzo, potrà richiedere soltanto ulteriori 600 euro. Mentre chi non ha fruito del voucher potrà ancora richiedere l’importo massimo di 1200 euro, cioè un importo pari a due mensilità.

Lo stesso vale per i dipendenti pubblici dei settori sanità, sicurezza e difesa. Questi lavoratori, in virtù della loro attività che non prevede altre forme di sostegno al reddito, ma al contrario si sono ritrovati a dover lavorare in prima linea, hanno diritto al bonus baby sitter di importo pari a 1000 euro per ogni mensilità. Per loro l’importo massimo erogabile complessivo è pari a 2000 euro, quindi due mensilità. Ciò significa che chi ha già percepito il bonus baby sitter di marzo pari a 1000 euro potrà richiedere solo altri 1000 euro con la seconda domanda. Se invece non è stata presentata la domanda per il mese di marzo, con la seconda domanda bonus baby sitting potrà richiedere fino a 2000 euro.


Bonus baby sitter per pagare i centri estivi

In alternativa al pagamento i una baby sitter il Decreto Rilancio prevede che il bonus possa essere erogato direttamente al richiedente per l’iscrizione dei bambini ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia. Tale iscrizione dovrà essere certificata e comunicata all’INPS. Le modalità di comunicazione verranno rese note al rilascio della procedura per la nuova domanda.

previdenza facile telegram