Home Dipendenti Pubblici Bonus Baby sitting, nonni e zii come baby sitter ma a determinate condizioni

Bonus Baby sitting, nonni e zii come baby sitter ma a determinate condizioni

by Redazione
bonus baby sitting nonni zii parenti assunti pagati prestatori prestatore lavoro occasionale libretto famiglia gratuito nucleo familiare

Nel periodo di sospensione dell’attività scolastica nonni, zii e altri parenti possono essere pagati con il Bonus Baby sitting previa iscrizione al sito INPS come Prestatori di Libretto Famiglia. Anche i prestatori devono richiedere il PIN Dispositivo


Bonus Baby sitting, nonni e zii come baby sitter del Libretto Famiglia ma a determinate condizioni. In tempo di emergenza COVID-19 non è semplice trovare una baby sitter che sia disposta a stare a stretto contatto con i nostri bambini. A volte gli stessi genitori hanno timore ad ospitare estranei in casa, per questo sempre più italiani preferiscono affidare le cure dei propri figli a nonni, zii o altri parenti.


Posso assumere nonni e zii come babysitter?

Molti si sono chiesti se è possibile richiedere il Bonus Baby sitting da utilizzare poi per retribuire il nonno, la nonna, gli zii o altri parenti a cui, in queste settimane, è stata affidata la cura dei bambini. La risposta ovviamente è sì, anche i nostri parenti possono essere retribuiti con il Bonus Baby sitting ma ad una condizione, e cioè che il parente prescelto non faccia parte del nucleo familiare.
Ciò significa che se il nonno o lo zio convive già con il minore allora la sua “prestazione di lavoro” si deve intendere a titolo gratuito, di conseguenza non può essere pagato con il Bonus Baby sitting.

Se invece il prestatore non appartiene al nucleo familiare del minore ha tutto il diritto di ottenere un compenso per il tempo speso a nostra disposizione. Ovviamente il prestatore non può essere l’altro genitore, anche se appartenente ad un altro nucleo familiare.


Come assumere un parente con il Libretto Famiglia

Il parente scelto per essere pagato con il voucher baby sitting dovrà iscriversi sul sito dell’INPS, con il proprio codice PIN dispositivo, come Prestatore di lavoro occasionale.

Una volta che il prestatore si sarà iscritto, l’utilizzatore (cioè il datore di lavoro/genitore del minore da assistere) potrà inserire la prestazione di lavoro all’interno del Libretto Famiglia cliccando su Nuova Comunicazione.

previdenza facile telegram