Home Disoccupazione Calcolo Carta REI 2018, ISR e scala di equivalenza

Calcolo Carta REI 2018, ISR e scala di equivalenza

by Redazione
calcolo carta rei

Calcolo Carta REI 2018. Come si calcola il REI? Ve lo spieghiamo in questo breve articolo con calcoli semplificati ed esempi di supporto.

 

State ricevendo la ricarica della Carta REI ma volete sapere se l’INPS vi sta pagando l’importo corretto? Di seguito vi proponiamo, come sempre, la spiegazione semplificata per il calcolo Carta REI corretto dell’importo spettante, e degli esempi di supporto.

Per calcolare l’importo della Carta REI abbiamo bisogno di sapere qual è la nostra scala di equivalenza e l’importo del nostro ISR. Per questo, come prima cosa, dobbiamo andare ad individuare questi due valori.


SCALA DI EQUIVALENZA

ISR

CALCOLO CARTA REI

 


SCALA DI EQUIVALENZA

La scala di equivalenza per il REI è determinata dal numero di componenti del proprio nucleo familiare. Di seguito potete verificare la tabella di riferimento così come riportata nella Circolare n. 172 del  22/11/2017.

NUMERO COMPONENTI PARAMETRO
1 1,00
2 1,57
3 2,04
4 2,46
5 2,85

Per i nuclei familiari con più di 5 componenti il parametro della scala di equivalenza è incrementato di 0,35 per ogni ulteriore componente il nucleo familiare. Rimane comunque invariato il tetto massimo di importo annuale REI nella misura di 6.477,90 euro. Di conseguenza, se già vi spetta l’importo massimo erogabile, a prescindere dal numero dei componenti del nucleo, l’importo non sarà aumentato.

 


ISR

L’importo dell’ISR (Indicatore Situazione reddituale) lo trovate sull’attestazione della vostra dichiarazione ISEE

ISR CALCOLO CARTA REI

 


CALCOLO CARTA REI

Ora che sappiamo i valori  della nostra scala di equivalenza e del nostro ISR possiamo procedere con il calcolo Carta REI 2018.

Per calcolare l’importo del REI dobbiamo verificare la tabella sottostante, in cui è indicata la soglia di riferimento (importo massimo erogabile) relativa al numero dei componenti di ogni nucleo familiare.

La soglia di riferimento per un componente è pari a 3000 euro, ma in sede di prima applicazione, ovvero in caso di prima domanda REI, tale importo è pari 75% di detta soglia.

(3000 / 100) x 75 = 2250

Numero componenti Soglia di riferimento in sede di prima applicazione Beneficio massimo mensile
1 2.250,00 € 187,50 €
2 3.532,50 € 294,38 €
3 4.590,00 € 382,50 €
4 5.535,00 € 461,25 €
5 6.412,50 € 534,37 €
6 o più 6.477,90 € 539,82 €

 

L’importo totale annuo erogato come REI non può essere superiore all’importo dell’assegno sociale aumentato del 10%.
Importo Assegno Sociale Annuo 2018 = 5889
Importo Assegno Sociale + 10% = 6477,90

6477,90 = importo massimo annuo per carta REI

L’importo massimo spettante è calcolato moltiplicando il valore della soglia di un componente (2250 euro) per il parametro della scala di equivalenza relativa ai componenti del proprio nucleo familiare.

Nella prima colonna individuate il rigo relativo al numero dei componenti del nucleo familiare. A ciascun valore relativo al numero dei componenti corrispondono la soglia di riferimento e l’importo massimo mensile spettante.

Se l’ISR è pari a zero al nucleo familiare spetterà l’importo massimo erogabile (soglia) , chiamato appunto soglia.

Se l’ISR non è pari a zero l’importo dell’ISR andrà sottratto dalla soglia. In tal caso però, per capire qual è l’importo reale da sottrarre alla soglia, dobbiamo prima calcolare la differenza tra ISR e Trattamenti assistenziali presenti in DSU.
Il calcolo esatto da fare è:

SOGLIA – (ISR – Trattamenti assistenziali presenti in DSU) = IMPORTO ANNUO SPETTANTE

 

 


Esempi Calcolo REI

Per aiutarvi a calcolare l’importo del vostro REI mensile vi riportiamo di seguito alcuni esempi:

Esempio 1:

Nucleo familiare 5 COMPONENTI
Scala di equivalenza 2.85
ISR = 8200 €
TRATTAMENTI ASSISTENZIALI NETTI PRESENTI IN DSU = 2000 €
SOGLIA = 6412.50 €

 

ISR – TRATTAMENTI ASSISTENZIALI = ISR NETTA
8200 – 2000 = 6200 €

SOGLIA – ISR NETTA = IMPORTO ANNUO SPETTANTE (Valore annuo calcolato su base parametri)
6.412,50 – 6200 = 212,50 €

IMPORTO ANNUO SPETTANTE  / 12 = IMPORTO MENSILE SPETTANTE
212,50/12 = 17,70  €

In tal caso l’INPS farà un pagamento una tantum in quanto l’importo mensile è inferiore a 20 euro

 


Esempio 2:

Nucleo familiare 3 COMPONENTI
Scala di equivalenza 2.04
ISR = 850 €
TRATTAMENTI ASSISTENZIALI NETTI PRESENTI IN DSU = 500 €
SOGLIA = 4.590,00 €
Altre prestazioni percepite: Bonus Bebè = 80 €/mese

 

ISR – TRATTAMENTI ASSISTENZIALI = ISR NETTA
850 – 500 = 350 €

SOGLIA – ISR NETTA = IMPORTO ANNUO SPETTANTE (Valore annuo calcolato su base parametri)
4.590,00 – 350 = 4240 €

IMPORTO ANNUO SPETTANTE  / 12 = IMPORTO MENSILE SPETTANTE LORDO
4282/12 = 353,33 €

In questo caso bisogna sottrarre dall’importo mensile lordo l’importo di 80 euro percepito mensilmente per il Bonus Bebè

353,33 – 80 = 273,33 € 

 


Esempio 3:

Nucleo familiare 5 COMPONENTI
Scala di equivalenza 2.85
ISR = 8200 €
TRATTAMENTI ASSISTENZIALI NETTI PRESENTI IN DSU = 2000 €
SOGLIA = 6412.50 €
Altre prestazioni percepite: Carta Acquisti  = 40 €/mese

 

ISR – TRATTAMENTI ASSISTENZIALI = ISR NETTA
8226.97 – 1920 = 6306.97

8200 – 2000 = 6200 €

SOGLIA – ISR NETTA = IMPORTO ANNUO SPETTANTE (Valore annuo calcolato su base parametri)
6.412,50 – 6200 = 212,50 €

IMPORTO ANNUO SPETTANTE  / 12 = IMPORTO MENSILE SPETTANTE
212,50/12 = 17,70  €

In questo caso bisogna sottrarre dall’importo mensile lordo l’importo di 40 euro percepito mensilmente per la Carta Acquisti

17,70 – 40 = – 22,3

L’importo risultante è inferiore a 0 di conseguenza nell’esito della domanda di REI troverete la voce RESPINTA e non vi verrà corrisposta alcuna somma.

 

previdenza facile telegram

Potrebbe interessarti anche