Home Informazioni utili Come annullare un certificato medico di gravidanza errato

Come annullare un certificato medico di gravidanza errato

by Redazione
annullare un certificato medico di gravidanza

Annullare un certificato medico di gravidanza in caso di compilazione errata è possibile, ma solo in alcuni casi.

 

In caso di compilazione errata è possibile annullare un certificato medico di gravidanza. L’annullamento deve essere eseguito esclusivamente dallo stesso medico certificatore attraverso il portale dell’INPS facendo l’accesso con il proprio codice PIN.

Il medico ha la possibilità di annullare un certificato medico di gravidanza entro e non oltre la mezzanotte del giorno successivo all’invio del certificato stesso. Entro detto termine l’annullamento non potrà dare origine ad effetti di carattere amministrativo.

 

Come annullare un certificato medico di gravidanza

All’interno della maschera per l’invio dei certificati, nel menù di sinistra, è presente la voce “Annullamento“. Dopo aver inserito il numero del certificato da annullare il medico potrà selezionarlo e annullarlo.

L’annullamento può essere effettuato in via telematica entro e non oltre la mezzanotte del giorno successivo all’invio del certificato.

Se invece ci si accorge dell’errore solo dopo detto termine non sarà più possibile annullare il certificato telematicamente. Il medico, o un suo delegato, dovrà presentare richiesta scritta di annullamento presso lo sportello della sede INPS di riferimento. Tale richiesta deve essere debitamente motivata e sottoscritta dal medico.

 

Quando non è possibile annullare un certificato medico di gravidanza

In caso di indicazione errata della data presunta del parto tale data non potrà più essere modificata, neanche in seguito alla richiesta di annullamento in forma scritta (art. 21 co.1 del D. Lgs. 26 marzo 2001, n. 151):

Art. 21.
Documentazione
(legge 30 dicembre 1971, n. 1204, articoli 4, comma 5, e 28)

1. Prima dell’inizio del periodo di divieto di lavoro di cui all’articolo 16, lettera a), le lavoratrici devono consegnare al datore di lavoro e all’istituto erogatore dell’indennita’ di maternita’ il certificato medico indicante la data presunta del parto. La data indicata nel certificato fa stato, nonostante qualsiasi errore di previsione.

 

Non è possibile, dunque, annullare un certificato medico di gravidanza per emetterne uno nuovo variando la data presunta del parto. Eventuali richieste di annullamento, in tal caso, non possono essere accolte dall’Istituto.

 

telegram previdenza facile

Potrebbe interessarti anche