Home Reddito di Cittadinanza Cosa si può pagare con il Reddito di Cittadinanza e quanto si può prelevare

Cosa si può pagare con il Reddito di Cittadinanza e quanto si può prelevare

by Redazione
Cosa si può pagare con il Reddito di Cittadinanza

Cosa si può pagare con il Reddito di Cittadinanza? Quanto si può prelevare dalla Carta RdC?

 

Ne avevamo già parlato in questo articolo, spiegando in linea di massima cosa poteva o non poteva essere pagato con la carta RdC. Ad oggi le informazioni divulgate dall’Inps e dai vari organi istituzionali hanno ben delineato cosa effettivamente si può pagare con il Reddito di Cittadinanza. Le possibilità di utilizzo della Carta RdC e i relativi importi sono suddivisi in due quote: Quota A e Quota B.

 

Reddito di Cittadinanza, Quota A e Quota B

L’importo erogato a titolo di Reddito di Cittadinanza sulla Carta RdC prevede il versamento di una o due quote:

  • QUOTA A, riferita al contributo per il sostegno del reddito del nucleo familiare. L’importo massimo erogabile su base annua è pari a 6.000 euro in caso di Reddito di Cittadinanza (oppure di 7.560 euro in caso di Pensione di Cittadinanza) e viene calcolata sulla base della Scala di Equivalenza. E’ previsto l’aumento di 50 euro mensili per le famiglie con disabili.
  • QUOTA B, riferita al contributo per il pagamento dell’affitto o della rata del mutuo.
    In caso di affitto
    tale importo non può essere superiore 3.360 euro annui pari a 280 euro mensili per il Rdc (oppure fino ad un massimo di 1.800 euro annui, pari a 150 euro mensili, per la Pensione di Cittadinanza).
    Per il pagamento della rata del mutuo la quota B può essere erogata  per un massimo di 150 euro mensili sia per Rdc che per Pdc. In ogni caso, complessivamente, non si potrà percepire un importo inferiore a 480 euro annui. 
    Il valore dell’ISEE (Ordinario oppure ISEE Corrente, qualora presente) dovrà comunque essere inferiore a 9.360 euro.

Nel caso in cui il nucleo familiare abiti in una casa di proprietà o in usufrutto gratuito per cui non è previsto il pagamento di rate di affitto o mutuo in favore dello stesso verrà erogato solo il contributo relativo alla Quota A.

 

Cosa si può acquistare con il Reddito di Cittadinanza?

Con la Carta RdC è possibile pagare beni e servizi di prima necessità presso supermercati farmacie ed altri esercizi commerciali convenzionati con il circuito Mastercard. Nello specifico può essere utilizzato per pagare:

  • alimenti: possono essere acquistati presso qualunque esercizio commerciale con possibilità di pagamento con carta
  • medicinali: possono essere acquistati presso farmacie o supermercati
  • prodotti per la casa e per l’igiene personale: possono essere acquistati presso qualunque esercizio commerciale con possibilità di pagamento con carta

 

Cosa si può pagare con il Reddito di Cittadinanza?

  • bollette luce e gas: possono essere pagate presso lo sportello postale o le tabaccherie abilitate. Non è possibile pagare la bolletta dell’acqua o altri bollettini. Eventualmente se si ha questa necessità bisognerà utilizzare i soldi contanti prelevandoli dal bancomat o dallo sportello postale.
  • affitto: è possibile effettuare un bonifico o un postagiro al mese in favore del proprietario dell’appartamento presso cui si è in affitto. Ovviamente il beneficiario del bonifico deve coincidere con il locatario presente all’interno del contratto di affitto. Questo pagamento può essere effettuato solo se la quota RdC versata il favore del nucleo familiare comprende anche la QUOTA B, ovvero la quota ad integrazione del reddito per i nuclei familiare in affitto.
  • rata del mutuo è possibile effettuare un bonifico o un postagiro al mese in favore dell’intermediario che ha concesso il mutuo.

 

Quanto si può prelevare dalla Carta RdC?

Dall’importo caricato mensilmente sulla Carta a titolo di Reddito di Cittadinanza è possibile prelevare anche dei soldi contanti presso gli sportelli bancomat. Per i nuclei familiari composti da un singolo individuo l’importo massimo che si può prelevare è di 100 euro per ogni mese. Per calcolare l’importo massimo nel caso di nuclei familiari composti da due o più individui tale importo va moltiplicato per la scala di equivalenza.
Esempio:
Nucleo composto da 3 individui di cui un solo minorenne
Scala di equivalenza pari ad 1,6
100 x 1,6= 160 euro

 

telegram previdenza facile

Potrebbe interessarti anche