Home Sostegno reddito Data Pagamento Carta Acquisti Novembre 2022

Data Pagamento Carta Acquisti Novembre 2022

by Redazione
ricarica data Pagamento Carta Acquisti novembre 2022 isee ricarica importo arretrati sospese ricarica carta acquisti novembre 2022

Quando ricaricano la Carta Acquisti Novembre 2022? La ricarica della Carta Acquisti viene effettuata ogni due mesi, e il giorno del pagamento potrebbe variare da un mese all’altro.


Data Pagamento Carta Acquisti Novembre 2022. I pagamenti per la Carta Acquisti vengono disposti bimestralmente, e non sempre vengono effettuati nello stesso giorno, anche se di solito la ricarica avviene ogni circa 60 giorni.

Purtroppo non è ancora disponibile un servizio online che permetta di verificare la data della ricarica, ma è comunque possibile contattare il numero verde 803164 (06164164 da cellulare) per sapere quando viene ricaricata; se il pagamento è già stato disposto un operatore potrà comunicarvi la data esatta in cui potrete trovare la ricarica. Se non è ancora stato disposto dovrete provare a richiamare nei giorni successivi.


Pagamento Carta Acquisti Novembre 2022

Le ricariche relative al pagamento Carta Acquisti Novembre 2022, per il bimestre Novembre-Dicembre 2022 non sono ancora state disposte.
Troverete le date in questo articolo non appena saranno disponibili.

LEGGI LE NOVITA’ SULLA CARTA ACQUISTI DEL 2022


Quando viene ricaricata la Carta Acquisti?

Di solito l’INPS dispone i pagamenti del bimestre nei primi giorni del mese dispari.
Se entro la fine del mese non riuscite ancora a visualizzare la ricarica della vostra Carta Acquisti, potete contattare il numero verde INPS 803 164. Un operatore potrà verificare che i pagamenti della vostra domanda non siano bloccati o sospesi.

E’ importante ricordare che la Carta Acquisti è soggetta a limiti di reddito e di ISEE come indicato in questo nostro articolo, e i beneficiari possono essere bambini fino a 3 anni o adulti con più di 65 anni. Se l’ISEE non viene rinnovato alla sua scadenza (il 31 Dicembre di ogni anno) le ricariche verranno sospese fino a che l’INPS non riceverà la nuova dichiarazione, salvo poi erogare gli importi dei mesi arretrati qualora l’utente dovesse ancora soddisfare tutti i requisiti richiesti per il diritto al beneficio.

L’importo spettante per ogni ricarica è pari ad 80 euro, ovvero 40 euro al mese.

previdenza facile telegram