Home Sostegno reddito DECRETO RISTORI – Conte annuncia aiuti immediati per 5,4 miliardi

DECRETO RISTORI – Conte annuncia aiuti immediati per 5,4 miliardi

by Redazione
decreto ristori conte dpcm bozza 1000 euro indennità conto corrente quanto spetta categorie attività essenziali imprese esonero imu

#DECRETORISTORI – L’Esecutivo è al lavoro in queste ore per definire gli aiuti per i lavoratori e le categorie a rischio a seguito dell’ultimo DPCM.

decreto ristori 1000 euro indennità conto corrente quanto spetta categorie attività essenziali imprese esonero imu


DECRETO RISTORI – Conte annuncia aiuti immediati per i lavoratori a rischio. Ristoranti, bar, partite iva, teatri, cinema e palestre. Sono solo alcune delle categorie lavorative a rischio a seguito del nuovo DPCM del 24 Ottobre 2020 che sembra proprio considerarle attività non essenziali. Peccato che le stesse attività siano invece essenziali per chi le gestisce e per chi ci lavora. Verrebbe da dire che il nome scelto per questo ennesimo DPCM sia uno sberleffo, proprio perché colpisce principalmente le attività di ristorazione.

Si annunciano quindi aiuti rapidi per tutte quelle attività che sono costrette a chiudere nuovamente, nonostante in questi mesi si siano tutti dati da fare per adeguare gli spazi alle nuove normative anti-COVID. Secondo Gualtieri ci dovremmo aspettare un erogazione direttamente su conto corrente entro il 15 novembre 2020.

Dobbiamo crederci? Sicuramente dobbiamo sperarlo. Perché molti lavoratori stanno ancora aspettando la Cassa Integrazione di Marzo e Aprile 2020 e l’indennità COVID-19 di Maggio. E pensare che in Germania, come in Francia e in altri paesi europei i soldini sono arrivati direttamente sui conti correnti dei lavoratori contestualmente all’annuncio del lockdown. E con uno zero in più.


Cosa prevede il Decreto Ristori

La bozza del Decreto Ristori approvata dal Consiglio dei Ministri prevede una serie di aiuti alle attività più colpite da questo semi-lockdown. In attesa del decreto definitivo vi diamo un anticipo delle misure messe in campo per sostenere le attività colpite.


Contributi a fondo perduto

Il ministro Gualtieri riferisce che “L’importo medio per i ristoranti fino a 400.000 euro di fatturato, ad esempio, è di 5.173 euro. Per quelli fino a un milione di fatturato, 13.920 euro; quelli fino a cinque milioni di fatturato 25.000 euro”. Per sale da concerto e teatri «l’importo per la fascia più bassa sarà circa 5.000 euro, per quella media di circa 13.900 euro» e fino a 30mila euro medi per i fatturati maggiori.

I bonifici dovrebbero essere effettuati da parte dell’Agenzia delle Entrate direttamente sui conti correnti dei lavoratori a partire dal prossimo 15 Novembre, e completati entro la fine del mese.

CODICETIPOLOGIA%
493210Trasporto con taxi   100
493220Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimesse con conducente  100
561011Ristorazione con somministrazione200
561012Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole200
561030Gelaterie e pasticcerie150
561041Gelaterie e pasticcerie ambulanti150
561042Ristorazione ambulante200
562100Catering per eventi, banqueting200
563000Bar e altri esercizi simili senza cucina150
591400Attività di proiezione cinematografica200
823000Organizzazione di convegni e fiere200
900400Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche200
931110Gestione di stadi200
931120Gestione di piscine200
931130Gestione di impianti sportivi polivalenti200
931190Gestione di altri impianti sportivi nca200
931200Attività di club sportivi200
931300Gestione di palestre200
931910Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi200
931999Altre attività sportive nca200
932100Parchi di divertimento e parchi tematici200
932910Discoteche, sale da ballo night-club e simili400
932930Sale giochi e biliardi200
932990Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca200
960410Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali)200
960420Stabilimenti termali200
960905Organizzazione di feste e cerimonie200
551000Alberghi150
552010Villaggi turistici150
552020Ostelli della gioventù150
552030Rifugi di montagna150
552040Colonie marine e montane150
552051Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence150
552052Attività di alloggio connesse alle aziende agricole150
553000Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte150
559020Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero150
493901Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano200
773994Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi200
799011Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento200
799019Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca200
900101Attività nel campo della recitazione200
900109Altre rappresentazioni artistiche200
900201Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli200
900209Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche200
920009Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo)200
949920Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby200
949990Attività di altre organizzazioni associative nca200

Cancellazione seconda rata IMU

Prevista anche la cancellazione della seconda rata IMU con scadenza prevista al 16 Dicembre. Anche questo provvedimento dovrebbe essere adottato per le sole attività colpite dall’ultimo DPCM.


Indennità COVID lavoratori spettacolo, stagionali e turismo

Confermata l’erogazione di una nuova indennità per i lavoratori del settore spettacolo e turismo, oltre che per gli stagionali, pari a 1000 euro.


Altri due mesi di Reddito di Emergenza

Ancora aiuti anche per le famiglie in difficoltà che non possono accedere al reddito di Cittadinanza. Prorogato quindi il Reddito di Emergenza per due mensilità, successive alle prime tre. L’ultima rata, relativa al mese di Ottobre, poteva essere richiesta entro il 15 Ottobre 2020.


Proroga CIG per ulteriori 6 settimane

Prorogata ovviamente anche la possibilità per le aziende di fruire della CIG per i dipendenti. La proroga è di ulteriori 6 settimane e possono fruirne le aziende che hanno già esaurito le settimane precedenti.

previdenza facile telegram