Home Disoccupazione Modello ASDI-com, quando e come compilarlo

Modello ASDI-com, quando e come compilarlo

by Redazione
asdi-com

Il modello ASDI-com deve essere compilato per comunicare all’INPS un evento che può avere effetti sul pagamento dell’ASDI, esattamente come il NASpI-com o il DIS-COLL-com

 

Nonostante in molti casi la prestazione di ASDI debba ancora essere pagata, è comunque importante effettuare a tempo debito la dichiarazione di avvenuti eventi che possano avere effetti (sospensione, riduzione dell’importo o decadenza) sulla prestazione richiesta.
Per evitare ulteriori lungaggini e ritardi sui pagamenti, o semplicemente richieste di rimborso da parte dell’INPS per importi pagati e non spettanti, seguite i nostri consigli riportati di seguito.

 

COME PRESENTARE IL MODELLO ASDI-COM

Come per le altre comunicazioni per le prestazioni a sostegno del reddito, il modello ASDI-com deve essere compilato in via telematica in una delle seguenti modalità:

 

QUANDO PRESENTARE IL MODELLO ASDI-COM

Il modello ASDI-com va compilato ed inoltrato all’INPS ogni volta che si presenti un evento che possa avere influenza sui pagamenti, entro 30 giorni dall’avvenimento dello stesso.
Come per le altre prestazioni, infatti, l’ASDI non deve essere pagata qualora, durante il periodo indennizzabile, si verifichi uno dei seguenti eventi:

  • l’inizio di una attività lavorativa da parte del percettore o di uno dei componenti del nucleo familiare

  •  superamento del limite del valore ISEE del nucleo familiare (5000 euro)

  • espatrio

 

Per ricordarvi le dichiarazioni che si sottoscrivono al momento della domanda ASDI, le riportiamo di seguito:

Mi impegno a comunicare all’INPS, tramite il modello telematizzato ASDI-com:

– entro un mese dall’inizio, l’avvio di attività lavorativa subordinata o in forma autonoma o parasubordinata, e il relativo reddito presunto per l’anno in corso;
– entro un mese dall’inizio, l’avvio di attività lavorativa subordinata o in forma autonoma o parasubordinata o di lavoro accessorio, e il relativo reddito presunto per l’anno in corso, da parte di altri componenti del nucleo familiare;
– l’eventuale espatrio verso uno Stato membro U.E. o un Paese non comunitario;
– entro un mese, la variazione dei dati relativi ai componenti e ai redditi del nucleo familiare.

 

telegram previdenza facile

 

Potrebbe interessarti anche