Home Disoccupazione Modello RDC-com AU, chi lo deve compilare per avere l’assegno unico

Modello RDC-com AU, chi lo deve compilare per avere l’assegno unico

by Redazione
modello rdc-com au pagamento assegno unico su rdc reddito di cittadinanza chi lo deve compilare compilato assegno unico e universale nuclei familiari figli minori figli maggiorenni aucom au-com

I percettori di RDC non devono fare domanda di Assegno Unico, ma in alcuni casi, per ottenerlo, è necessario inviare il Modello RDC-com AU


Modello RDC-com AU, chi lo deve compilare per avere l’Assegno Unico. Con i primi pagamenti dell’Assegno Unico sul Reddito di Cittadinanza l’INPS pubblica anche una Circolare importante in merito. Si tratta della Circolare n° 53 del 28-04-2022. Tante novità sull’ Assegno Unico in pagamento sulla Carta RDC, di cui la più rilevante è l’introduzione del modello RDC-com AU. Come facciamo sempre, cerchiamo di approfondirla e semplificarla per voi (nei limiti del possibile!).


Modello RDC-com AU dove si trova e come si invia?

Primo piccolo ostacolo: il modello RDC-com AU non si trova ancora da nessuna parte. L’INPS fa sapere se a breve verrà rilasciato sul sito ufficiale dell’Istituto, insieme alle modalità di compilazione ed invio. Speriamo che ci sia la possibilità di inviarlo anche online altrimenti la situazione potrebbe risultare davvero caotica.
Troverete comunque il link in questo articolo che andremo a modificare non appena il modello sarà disponibile.


Modello RDC-com AU chi lo deve compilare?

Nella Circolare n° 53 del 28-04-2022 l’INPS indica che il modello Rdc-Com AU deve essere compilato ed inviato “nel caso in cui le informazioni riguardanti il nucleo familiare percettore di Rdc non risultino in possesso dell’Istituto“. Questa informazione lascia un po’ il tempo che trova, poiché se abbiamo presentato l’ISEE e percepiamo il Reddito di Cittadinanza presumiamo che l’INPS sia già in possesso di tutti i dati di cui ha bisogno per procedere con il pagamento automatico dell’Assegno Unico sulla Carta RDC. Come possiamo scoprire allora di quali dati l’INPS non è ancora in possesso? Per il momento non ci è ancora dato sapere, ma sicuramente se il pagamento dell’Assegno Unico tarda ad arrivare probabilmente sarà il caso di verificare se ci sono delle informazioni mancanti.


L’autocertificazione in alcuni casi particolari

Con il modello RDC-com AU, per ottenere il pagamento dell’Assegno Unico e Universale, il richiedente o un altro componente del nucleo familiare percettore del Reddito di Cittadinanza dovrà autocertificare la sussistenza di una o più delle seguenti condizioni:

  1. presenza nel nucleo di figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni, che frequenti un corso di formazione scolastica/professionale o un corso di laurea;
  2. presenza nel nucleo di figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21, che svolga un tirocinio ovvero un’attività lavorativa e possieda un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui ;
  3. presenza nel nucleo di figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21, che sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego ;
  4. presenza nel nucleo di figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21, che svolga il servizio civile universale ;
  5. presenza nel nucleo di figlio minorenne a carico non valorizzato correttamente nella DSU utile ai fini del riconoscimento del Rdc (minorenni indicati con la lettera “P” e non con la lettera “F” nel quadro A della DSU);
  6. presenza nel nucleo familiare di madre di età inferiore a 21 anni non valorizzata nella DSU utile ai fini del riconoscimento del Rdc in qualità di dichiarante o coniuge del dichiarante;
  7. indicazione degli esercenti la responsabilità genitoriale riferita a ciascun figlio in seno al nucleo familiare, ai fini del pagamento dell’assegno unico e universale in parti uguali tra i genitori . Dovranno presentare il predetto modello “Rdc-Com/AU”, ad esempio, i nuclei familiari ove non siano presenti entrambi i genitori di uno o più figli a carico, a seguito di separazione, divorzio o in caso di genitori naturali non conviventi;
  8. esistenza di un valido provvedimento di affidamento di uno o più figli minori presenti nel nucleo in capo al dichiarante diverso dal genitore (ad esempio, nonno, zio, fratello, ecc.).


Presentazione del modello per il diritto alle maggiorazioni

Le maggiorazioni previste dagli articoli 4 e 5 del decreto legislativo n. 230/2021 si applicano anche all’Assegno Unico su carta RDC.

Al solo fine della maggiorazione dell’Assegno Unico dovranno presentare il modello RDC-com AU:

  • i nuclei familiari con entrambi i genitori titolari di reddito da lavoro
  • i nuclei familiari con ISEE inferiore a 25.000 euro, ma solo se uno dei due genitori ha percepito, nel corso del 2021, gli Assegni al Nucleo Familiare (ANF DIP/ANF su Naspi/ANF su pensione/ANF parasubordinati/ANF su DS AGRICOLA)

Per gli opportuni approfondimenti sul diritto alle menzionate maggiorazioni, si possono consultare i paragrafi 4.1 e 5 della Circolare n. 23 del 9 febbraio 2022.


Chi non deve presentare il modello RDC-com AU

Non dovranno compilare il modello Rdc-Com AU i nuclei familiari percettori di RDC nei quali siano presenti, all’interno dello stesso nucleo, entrambi i genitori, di cui uno sia il dichiarante della DSU, ai fini ISEE, con uno o più figli a carico che siano:

  1. minorenni;
  2. maggiorenni con disabilità.


Pagamenti automatici e non

Il diritto all’Assegno Unico decorre a partire dal mese di Marzo 2022, con erogazione del pagamento dal mese di Aprile 2022. Ogni mensilità viene pagata nel mese successivo e può essere prelevata per intero. Tale decorrenza dei pagamenti, con le relative maggiorazioni, sarà assicurata ai nuclei familiari le cui informazioni sono già in possesso dell’Istituto.

L’INPS sottolinea che per tutti gli altri il pagamento avverrà in seguito alla trasmissione delle informazioni necessarie tramite il predetto modello Rdc-Com AU.

Conoscendo i tempi di aggiornamento del Sistema Centrale si prevedono un po’ di ritardi nei pagamenti, ma niente paura, certamente nulla andrà perduto!

previdenza facile telegram