Home Informazioni utili Modello SC53 per acquistare i voucher con la partita iva

Modello SC53 per acquistare i voucher con la partita iva

by Redazione
modello sc53

Il modello SC53 va consegnato obbligatoriamente alla sede INPS di competenza qualora si avesse la necessità di acquistare i voucher con PARTITA IVA

 

Dovevano sostituire il lavoro nero, e invece sono andati a sostituire i contratti a tempo determinato e indeterminato. I contributi (davvero minimi) dovrebbero essere versati in Gestione Separata (gestione, peraltro, per la quale, chi vorrà accedere ai propri contributi per la pensione, dovrà pagare una salata ricongiunzione), ma chi li ha mai visti?

Dunque, a tutti gli effetti, lavoro nero legalizzato con l’aggravante del furto contributivo.
Eppure fanno comodo. Ai disoccupati a cui nessuno avrebbe fatto un contratto, che pur di svoltare il mese, lavorano ad ogni condizione.
Ai datori di lavoro, soprattutto, che non devono pagare commercialisti, contratti e contributi. Addirittura grandi multinazionali come Burger King e Mc Donald’s si sono ridotte ad assumere i dipendenti pagandoli con i voucher, queste ovviamente non tanto per la crisi quanto per ottimizzare i profitti, a discapito ovviamente dei lavoratori.

Tralasciando le polemiche, arriviamo al dunque e vediamo insieme come procedere qualora si volesse iniziare ad utilizzare i voucher, o semplicemente ci si volesse tenere pronti qualora uno o più dipendenti necessitino di sostituti occasionali per tempi più o meno brevi.

 

PRESENTAZIONE MODELLO SC53

ATTIVAZIONE VOUCHER

RISCOSSIONE VOUCHER

DA SAPERE SUI VOUCHER IN PILLOLE

 

Per scaricare i voucher dalle imposte e per essere in regola con i lavoratori qualora dovesse sorprendervi un controllo da parte degli ispettori del lavoro è necessario aver acquistato i voucher con la partita IVA dell’azienda/associazione/ditta presso cui il lavoratore è impiegato.

Non pensate di poter risolvere tutto all’ultimo momento; è importante informarsi preventivamente sui tempi e i modi corretti per l’attivazione della posizione da Committente di Lavoro Occasionale Accessorio, e soprattutto avere sempre qualche voucher a portata di mano qualora dovesse insorgere qualche imprevisto.

Al fine di poter effettuare l’acquisto dei voucher con la partita IVA, infatti, bisogna scaricare il modello SC53 (che potete scaricare qui) compilando la pagina 1 di 2 in tutte le sue parti, delegando una persona fisica all’acquisto, che può essere lo stesso legale rappresentante/amministratore (quindi indicare la stessa persona in delegante/delegato) oppure un suo dipendente o altro delegato.

 

PRESENTAZIONE MODELLO SC53

Procedura cartacea

Se non siete in possesso di un PIN INPS legato alla PARTITA IVA della vostra attività non è possibile eseguire la procedura online, di conseguenza il modello va consegnato cartaceo A MANO presso la propria sede INPS di competenza, che in base alle proprie disponibilità vi dirà entro quanto potrete effettuare l’acquisto dei primi voucher.

Procedura telematica

Qualora il codice fiscale di un delegato fosse già associato al CODICE PIN intestato alla vostra partita iva, l’associazione tra PARTITA IVA e CODICE FISCALE DEL DELEGATO può essere fatta direttamente online, quindi in questo caso non è più necessario presentare il modello SC53.

 

ATTIVAZIONE VOUCHER

Per attivare un rapporto di lavoro con i voucher potete:

  • contattare il numero verde 803164 e fare la dichiarazione telefonicamente
  • seguire la procedura telematica cliccando qui

 

RISCOSSIONE VOUCHER

Se i voucher sono stati acquistati in tabaccheria possono essere riscossi solo presso le tabaccherie autorizzate non prima di 48 ore dal termine del rapporto di lavoro.

Se i voucher sono stati acquistati telematicamente possono essere riscossi in 2 modalità:

  • con accredito su INPS CARD (accredito entro 24 ore)
  • con bonifico domiciliato in Posta (mandato di pagamento entro 2 settimane)

 

DA SAPERE SUI VOUCHER IN PILLOLE

Ricordate che:

  •  i voucher vanno attivati inderogabilmente prima dell’inizio del rapporto di lavoro
  • ogni ora di lavoro dev’essere coperta da almeno un voucher dal valore netto di 7,50
  • vanno inserite nella procedura di attivazione solo le giornate di effettiva presenza sul lavoro
  • non è possibile attivare due prestazioni di lavoro per lo stesso giorno e per la stessa persona, tantomeno con due codici di controllo diversi, quindi assicuratevi di avere sempre abbastanza voucher per qualunque imprevisto
  • se il servizio telematico per l’attivazione dei voucher è fuori servizio, è possibile inoltrare una mail all’indirizzo [email protected]
  • se non riuscite ad incassare i voucher dopo almeno 48 dal termine del rapporto di lavoro dovete mandare una mail all’indirizzo [email protected]
  • ogni singolo rapporto di lavoro non può durare più di 30 giorni
  • possono essere inseriti più contratti di lavoro consecutivi, ognuno con durata massima 30 giorni
  • i voucher scaduti o non riscossi possono essere rimborsati dall’INPS tramite apposita domanda
  • i voucher sono compatibili con le prestazioni a sostegno del reddito (NASpI, Mobilità, Disoccupazione Agricola, Cassa Integrazione , Dis-Coll), clicca qui per saperne di più.

 

telegram previdenza facile

 

Potrebbe interessarti anche