Home Disoccupazione REI 2018 anche ai single, da Luglio cambia la normativa

REI 2018 anche ai single, da Luglio cambia la normativa

by Redazione
rei 2018

REI 2018 anche per i single, da Luglio eliminati i requisiti familiari

 

Al REI 2018, a partire dal 1° Luglio 2018, potranno accedere anche i single grazie all’abolizione dei requisiti familiari. Con la Circolare n. 57 del 28/03/2018 infatti l’INPS recepisce quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2018.

I single che vorranno accedere al REI dovranno soddisfare comunque tutti i requisiti richiesti, salvo quelli relativi alla composizione del nucleo familiare che saranno presto aboliti. Vediamo cosa cambia e quando presentare la domanda.

 

REI 2018 per i single: quando presentare la domanda

I single in difficoltà economica che vorranno presentare domanda di accesso al REI 2018 potranno farlo a partire dal 1° Giugno 2018 in quanto la decorrenza della prestazione parte dal mese successivo a quello di presentazione della domanda.

L’Istituto precisa che tutte le domande presentate nei primi mesi del 2018, e respinte per mancanza dei requisiti familiari, verranno riesaminate d’ufficio verificando nuovamente i requisiti presenti alla data di da Giugno 2018. 

 

REI 2018, quanto spetta ai single

La soglia massima annuale per i single che potranno accedere al Reddito di Inclusione è di 2250 € in sede di prima applicazione, ovvero per la prima domanda presentata. L’importo massimo mensile spettante è pari a 187,50 €. Tale importo può variare in base all’ISR, per calcolare l’importo reale spettante potete far riferimento al nostro articolo sul Calcolo della Carta REI.

 

Aggiornamento per gli importi mensili inferiori a 20 euro

In base al Calcolo REI è possibile anche che ad un singolo o ad un intero nucleo familiare spetti un importo pari o inferiore a 20 euro mensili. Decisamente una magra consolazione. In tal caso, però, l’INPS provvederà alla liquidazione dell’importo spettante annuo in un”unica soluzione non appena la domanda verrà accolta. Nel caso in cui, nell’arco dell’anno, dovesse variare l’importo spettante in base al reddito, l’Istituto provvederà a liquidare le somme aggiuntive spettanti. Quando, però, non ci è dato sapere.

Nel caso in cui l’importo spettante dovesse invece risultare pari a zero, nonostante la permanenza di tutti i requisiti, la domanda verrà  respinta.

 

telegram previdenza facile

 

Potrebbe interessarti anche