Home Maternità Ritardo Bonus Bebè 2020, perché e come accelerare i pagamenti

Ritardo Bonus Bebè 2020, perché e come accelerare i pagamenti

by Redazione
ritardo Bonus Bebè 2020 pagamenti pagamento dsu arrivato dicembre febbraio isee

In molti ci state scrivendo per chiederci informazioni sul ritardo dei pagamenti relativi al Bonus Bebè. In questo articolo vi spieghiamo i motivi e come ripristinare il pagamento della prestazione per riaverla il prima possibile.


Ritardo Bonus Bebè 2020. Di certo non sarà sfuggito a tutte le mamme che ogni mese contano bonifico del Bonus Natalità. La prestazione, infatti, è pagata puntualmente (o quasi) ogni mese da parte dell’INPS e arriva direttamente sul conto corrente dei richiedenti. Ma perché non sono ancora arrivati i soldi? Come mai i pagamenti sono fermi al mese di Dicembre 2019?


Ritardo Bonus Bebè 2020 per aggiornamento normativo

Già in questo articolo vi avevamo aggiornato sulle novità relative al Bonus Bebè per i nati del 2020. Da quest’anno, infatti, il bonus spetterà a tutte le famiglie a prescindere dal reddito. Inoltre sono state modificate le fasce reddituali e gli importi spettanti per ogni singolo figlio.

L’aggiornamento dei sistemi informatici relativi a questa importante variazione non è proprio cosa semplice, e l’INPS ci sta impiegando più tempo di quanto previsto. Per questo motivo, al momento, i pagamenti del Bonus Bebè sono sospesi per tutti i beneficiari nati nel 2017, 2019 e 2020. Per i beneficiari nati nel 2018 la prestazione è già terminata in quanto questa ha ormai solo durata di un anno, mentre per i nati del 2017 la durata era pari a 3 anni.

Non manca molto. Si vocifera infatti che i pagamenti verranno ripristinati tra la fine di Marzo e i primi giorni di Aprile 2020. L’aggiornamento sulle date di pagamento del bonus potete trovarlo in questo articolo.


Aggiornamento ISEE

Da non sottovalutare l’aggiornamento dell’ISEE. Essendo una prestazione collegata al reddito, presentare l’ISEE per l’anno corrente è strettamente necessario per il ripristino dei pagamenti. Dunque, nel momento in cui l’INPS avrà terminato l’aggiornamento dei sistemi informatici, è necessario che l’ISEE 2020 presentato dei titolari del Bonus Bebè sia già attestato, onde evitare ulteriori ritardi.


Cosa succede se non ho ancora presentato l’ISEE?

Nel caso in cui non siate riusciti a ripresentare l’ISEE per l’anno in corso sicuramente i pagamenti del Bonus Bebè saranno sospesi, per poi essere ripristinati non appena l’ISEE sarà pronto. Il pagamento sarà comprensivo di tutti gli arretrati, e c’è comunque tempo fino al 31/12/2020 per presentarlo. Il nostro consiglio è ovviamente quello di presentare una nuova DSU appena possibile, proprio per evitare ulteriori ritardi sui pagamenti. A disposizione degli utenti, da quest’anno, anche la possibilità di presentare l’ISEE Precompilato attraverso il sito dell’INPS.

previdenza facile telegram