Home Sostegno reddito Ritardo pagamenti INPS 2018: Bonus 80 euro, Naspi, Bonus bebè, Carta REI

Ritardo pagamenti INPS 2018: Bonus 80 euro, Naspi, Bonus bebè, Carta REI

by Redazione
RITARDO PAGAMENTI

Ritardo pagamenti INPS 2018. Il Bonus di 80 euro sulla Naspi e la mobilità non viene pagato dal mese di dicembre, il Bonus Bebè ritarda per via dell’ISEE e per chi aveva la carta SIA, la Carta REI è ancora un miraggio.

 

Questo 2018 è iniziato all’insegna dei ritardi per i pagamenti INPS. Per un motivo o per un altro, mezza Italia resta in attesa di un reddito per andare avanti.

 

Ritardo pagamenti Bonus Bebè 2018

La maggior parte delle neomamme ancora aspetta il Bonus bebè di Gennaio e Febbraio 2018. Pur avendo rinnovato l’ISEE in tempo utile, e cioè a Gennaio 2018, molti ancora devono percepire i pagamenti. Se vi trovate in questa situazione non esitate a chiamare il numero verde INPS per sollecitare l’invio dei pagamenti.

 

Ritardo pagamenti Bonus Irpef 80 euro su Naspi

Stesso destino per chi percepisce l’indennità di Naspi o Mobilità, e sta aspettando da Gennaio il pagamento del bonus irpef di 80 euro, che in teoria dovrebbe essere liquidato mensilmente e sul quale molte persone contano alla fine di ogni mese. Questo è dovuto ad un ritardo da parte dell’Agenzia delle Entrate che deve effettuare i conguagli fiscali di fine anno. Sollecitare l’INPS è pressoché inutile. Sarà banale, ma non si può evitare di pensare a quanto invece siano puntuali nell’emettere cartelle esattoriali.

 

Ritardo pagamenti carta REI

Alcune Carte REI sono già state caricate nel mese di Gennaio 2018, ma per chi ha fatto il passaggio da carta SIA a carta REI non ci sono ancora novità e tutte le carte risultano ancora In Lavorazione. Già i ritardi per i pagamenti della SIA avevano creato nel 2017 non pochi problemi, dopo un anno siamo ancora allo stesso punto.

 

Ritardo pagamenti Naspi Febbraio 2018

Come tutti gli anni, ne avevamo parlato anche in questo articolo, chi ha una Partita Iva, anche inattiva, e percepisce la naspi a cavallo di due anni, ha l’obbligo di inviare all’INPS, entro il 31/01 di ogni anno, l’importo  lordo che presume di percepire da quell’attività autonoma. Se la dichiarazione non viene inviata l’INPS blocca l’invio dei pagamenti fino a dichiarazione effettuata.

 

Ad ogni modo, qualunque sia il motivo del vostro ritardo, è sempre bene sollecitare l’invio del vostro pagamento attraverso il numero verde 803 164.

 

previdenza facile telegram

Potrebbe interessarti anche