Home Informazioni utili Si può inviare il certificato medico cartaceo tramite PEC all’INPS?

Si può inviare il certificato medico cartaceo tramite PEC all’INPS?

by Redazione
inviare tramite pec il certificato medico cartaceo medici certificazione malattia lavoratore servizio non funzionante raccomandata entro 48 invio inviare sede posta elettronica certificata delega delegato raccomandata inps

Se il medico non può inviare il certificato telematico ma rilascia un certificato di malattia cartaceo, è possibile inviarlo tramite PEC se non posso recarmi in posta per la raccomandata?


Si può inviare il certificato medico cartaceo tramite PEC all’INPS? Ce lo state chiedendo in molti, poiché capita spesso che i sistemi INPS siano bloccati o in aggiornamento. Quando non è possibile per il medico provvedere alla compilazione del certificato medico telematico questo sarà infatti costretto a redigere un certificato cartaceo. Il certificato cartaceo va spedito all’INPS entro 48 ore dal rilascio.


Il servizio per i certificati medici telematici non funziona, che fare?

Nel caso in cui il sistema di invio telematico dei certificati medici fosse fuori uso per motivi tecnici, il medico curante ha due alternative:

  1. contattare il numero verde INPS 803 164 munito di PIN e provare ad inviare i certificati medici tramite l’operatore telefonico che provvederà a redarlo per conto del medico, questo ovviamente in caso di servizio funzionante da Contact Center
  2. redigere un certificato medico cartaceo che andrà consegnato al paziente in doppia copia.

In caso di certificato medico cartaceo il lavoratore dovrà consegnare all’INPS e al datore di lavoro i certificati medici entro 48 ore dall’emissione.
Per ciò che concerne l’INPS è prevista la consegna del certificato cartaceo in originale, ciò significa che il malato può:

  • consegnarlo all’INPS tramite lo sportello o in busta chiusa inserirlo nella buca delle lettere
  • inviarlo tramite raccomandata con ricevuto di ritorno (l’invio deve essere fatto entro le 48 ore dal rilascio del certificato)

Ovviamente queste due modalità sono sempre preferibili, ma nel caso in cui il malato sia impossibilitato alla consegna del certificato in una delle due modalità sopra descritte sarà possibile l’invio telematico del certificato cartaceo, purché venga utilizzata una Posta Elettronica Certificata.


Si può inviare il certificato medico cartaceo tramite PEC all’INPS?

La risposta è sì. La PEC infatti ha valore di raccomandata così come stabilito dalla Corte di Appello di Brescia, con la sentenza n. 4 del 3 gennaio 2019. Nella sentenza si precisa infatti che “la Posta Elettronica Certificata è l’unico strumento telematico, a differenza della e-mail ordinaria, a offrire le stesse garanzie di ricezione della raccomandata con ricevuta di ritorno.”


Come inviare una PEC all’INPS con il certificato medico cartaceo

La PEC dovrà comunque essere inviata entro 48 ore dal rilascio del certificato medico.

Nell’oggetto nel messaggio PEC è possibile indicare “Trasmissione certificato medico cartaceo + CODICE FISCALE del lavoratore”

In allegato andrà inserita una scansione leggibile del certificato medico cartaceo. Facoltativo, ma consigliato, è l’inserimento di una autodichiarazione sottoscritta dal lavoratore in cui si rappresenta l’evidente impossibilità a recarsi presso la stessa sede INPS o presso l’ufficio postale.

La comunicazione può essere inviata anche tramite la PEC di un’altra persona, ovvero non deve per forza essere intestata alla persona titolare del certificato medico, ma in questo caso, oltre alla documentazione di cui sopra, è importante allegare anche:

  • una delega in carta semplice firmata dal malato in cui si dichiara di voler delegare il sig. Tizio Caio (titolare della casella PEC) ad inviare la documentazione
  • la scansione di un documento d’identità del lavoratore titolare del certificato


Dove cercare la PEC della sede INPS competente per territorio

In questa pagina troverete gli indirizzi mail e PEC di tutte le sedi INPS. In alternativa basterà cliccare qui ed inserire il proprio CAP per cercare la propria sede INPS di appartenenza. Il CAP da inserire è quello dell’attuale domicilio, cioè quello che coincide con l’indirizzo della reperibilità indicato nel certificato medico (non quello indicato successivamente a seguito di eventuale variazione dell’indirizzo di reperibilità). Attenzione però! Non tutte le sedi INPS hanno l’ufficio di medicina legale.
Prendiamo ad esempio l’agenzia della sede INPS di Gallarate.

Come potete vedere la gestione della medicina legale di Gallarate è in carico alla sede INPS di Varese, ciò significa che la PEC andrà inviata alla sede INPS di Varese.

Se andiamo sulla pagina della sede INPS di Varese troveremo la PEC della sede di Varese.
Consigliamo quindi l’invio a due indirizzi:

previdenza facile telegram